Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Discarica di Medolla, l’Osservatorio civico di Finale: “Ennesimo scandalo della Bassa”

“L’ennesimo scandalo della Bassa: la discarica di Medolla!”. Così da Finale Emilia si giudica quel che sta accadendo a Medolla, dove si è scoperto che entrerà presto  in funzione la discarica di via Speranza, chiusa sei anni fa, ed è previsto che qui verranno messe 245 mila tonnellate di rifiuti speciali. Arriveranno dalla centrale Aimag di Massa Finalese e dall’impianto di compostaggio di Fossoli.

Commentano dall’Osservatorio civico Ora Tocca anoi:

La riapertura di questa discarica rappresenta il fallimento del sistema del compostaggio inteso come processo industriale per la produzione di compost per l’agricoltura.
Il processo aerobico/anaerobico avrebbe dovuto “mangiarsi” la cosiddetta Forsu, invece questo processo mostra clamorose falle ed allora ecco che si fanno nuove discariche…un vero disastro strutturale ed ambientale
Spieghiamo il trattamento anaerobico/aerobico della frazione organica dei rifiuti solidi urbani, la cosiddetta Forsu, per capire meglio quanto sopra detto.
Gli impianti come quello di Massa Finalese gestito sempre da Aimag, prevedono un primo processo di fermentazione anaerobica della forsu da cui si origina il biogas, che una volta depurato della anidride carbonica diventa biometano che Aimag dovrebbe mettere in rete. Il digestato esausto proveniente dalla fermentazione anaerobica, nel progetto si prevede che vada poi dirottato verso il processo di maturazione aerobica, il cosiddetto compostaggio che come risultato porta ad ottenere il compost, una sorta di ammendante per uso agricolo. Detta così sembrerebbe un ciclo chiuso di smaltimento rifiuti, ma non è evidentemente così.
Se Aimag vuole costruire una nuova discarica in cui i rifiuti conferiti sono prevalentemente rifiuti speciali provenienti proprio dagli impianti di compostaggio, vuol dire che il sistema non funziona, vuol dire che un un’impianto che dovrebbe essere a ciclo chiuso, genera un altro rifiuto.
Questi impianti non dovevano essere a ciclo chiuso?
Evidentemente ci sono molti aspetti problematici che sono taciuti e che mettono in luce le falle del sistema.
Forse il cosiddetto compost non ha quelle caratteristiche così “pregiate” che venivano decantate e probabilmente è un prodotto che non ha quel mercato che le Multiutility come Aimag facevano credere.
E che dire dei fanghi prodotti dal trattamento delle acque reflue che costituiscono l’altra parte corposa dei conferimenti in discarica a Medolla.
Fanghi che vengono utilizzati anche negli impianti di compostaggio come elemento aggiuntivo.
Non dimentichiamo che i fanghi rappresentano un rifiuto speciale che apporta molte sostanze tossiche, in primis i metalli pesanti.
Altro elemento: è evidente a tutti che i siti di discarica di Medolla sono da considerarsi discariche chiuse, esaurite, nel senso che già da tempo sono stati ampiamente completati i conferimenti autorizzati a suo tempo. E allora come si configura questa cosiddetta “riapertura”?
Non può essere un ampliamento in quanto la precedente discarica è già esaurita, quindi se si configura come una nuova discarica, occorreva prevedere nel progetto la cosiddetta “opzione zero” cioè l’individuazione di un sito alternativo che mi pare non sia stato previsto.
Quindi siamo alle solite si vuole fare l’allargamento di una vecchia discarica, facendola passare come ampliamento, utilizzando l’ alibi del miglioramento ambientale del sito.
È ora di dire basta a questa colossale falsità.
E che dire ancora dell’impatto dei mezzi pesanti relativo al conferimento dei rifiuti ed allo smaltimento del percolato.
Restando ai numeri riportati relativi al solo conferimento dei rifiuti, se fossero confermati i due mezzi pesanti/ora, significherebbe circa 20 mezzi pesanti al giorno (2×10 ore lavorative) che equivalgono a 40 transiti giornalieri (mezzi pesanti in andata e ritorno).
Questo significa che se consideriamo 330 giorni lavorativi in un anno, moltiplicato per i 40 transiti giornalieri, generano un impatto di 13.200 transiti di mezzi pesanti all’anno per quattro anni..
Questi sono solo alcuni numeri dell’impatto ambientale che comporta questa discarica.
Appena avremo tutta la documentazione relativa alla discarica di Medolla, la analizzeremo e siamo disponibili ad incontrare i cittadini di Medolla per cercare di informare su quanto sta accadendo.

Il portavoce Maurizio Poletti

LEGGI ANCHE

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    I platani di Novi, uno sguardo più da vicino ai condannati all'eliminazione
    I platani di Novi, uno sguardo più da vicino ai condannati all'eliminazione
    Sono i platani di via XXII Aprile nelle immagini di Laura Biolcati Rinaldi[...]
    Bomporto, le statue del Begarelli tornano a casa
    Bomporto, le statue del Begarelli tornano a casa
    Rientra dopo il restauro il gruppo “Cristo in croce con la Vergine e San Giovanni”. Domenica 6 dicembre alle 11 la Messa presieduta dall’arcivescovo Castellucci[...]
    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    La maestosità e il pregio delle piante richiede di intervenire in arrampicata, così si può intervenire esclusivamente sui rami con problematiche mantenendo la naturale conformazione della chioma.[...]
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Da qualche giorno gli abitanti di Medolla, genitori e bambini soprattutto, si trovano riuniti con il naso all’insù a scrutare tra le chiome di alcuni alberi del centro. La biologa finalese Eleonora Tomasini ci spiega che cosa sta accadendo[...]
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    Sono oltre 60 gli eventi e le attività proposti da Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi presentati in 31 Paesi di tutti i continenti[...]
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]