Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Coronavirus: ammortizzatori e risorse per lavoratori somministrati e precari sospesi

“Alcune Agenzie per il Lavoro si stanno comportando in maniera differente rispetto a quanto previsto dalle normative per il contenimento del coronavirus e la protezione dei lavoratori. In particolare, ci sono numerosi casi nel modenese di lavoratori e lavoratrici somministrati che vengono sospesi dalle attività per mancanza o riduzione di lavoro e vengono rimessi in forza all’Agenzia di cui sono dipendenti, senza che questa apra la procedura per gli ammortizzatori sociali cui hanno diritto” lo sostiene la CGIL Modena.

“Ad esempio – prosegue la nota – i lavoratori del comparto assistenziale e socio-sanitario (Asp, centri diurni, case protette ecc…) e in generale i somministrati che operano negli appalti della pubblica amministrazione (Enti locali, Comuni, Scuole pubbliche) vengono sospesi per riduzione delle attività. Le agenzie interinali stanno utilizzando unilateralmente permessi non retribuiti per coprire i giorni di sospensione dal lavoro, anziché attivare gli ammortizzatori sociali previsti dai decreti del 14 e 11 marzo 2020.

Peraltro lo stesso decreto “Cura Italia”, all’art. 48, dispone che le pubbliche amministrazioni sono tenute al pagamento completo della retribuzione di tutti i lavoratori della filiera dei comparti socio-assistenziale e scolastico, compresi quindi i dipendenti di soggetti privati che operano in convenzione, concessione o appalto e pertanto a maggior ragione non è corretto che i lavoratori somministrati abbiano delle decurtazioni dei loro stipendi, a fronte di un’emergenza che non dipende da loro e che ha causato in certi casi l’impossibilità oggettiva di prestare l’attività lavorativa.
Il sindacato Nidil Cgil chiede perciò maggiori tutele per i somministrati.

Da un lato, si rivolge alle amministrazioni pubbliche. Le Unioni dell’Area Nord, del Sorbara e delle Terre d’Argine impegnate nella ricostruzione post sisma, si sono attivate, ma in modo molto parziale per far continuare a lavorare gli interinali da remoto con lo smart working.
Dall’altro, le agenzie, anziché utilizzare gli ammortizzatori previsti per legge, sospendono i lavoratori recedendo anticipatamente la missione lavorativa o utilizzando permessi non retribuiti.
“Oltre che essere precari, questi lavoratori sono costretti a subire le inefficienze delle agenzie non sempre capaci di applicare le normative previste e fanno la scelta più comoda, scaricando il rischio d’impresa sul lavoratore” afferma Alessandro Cambi segretario di Nidil Cgil Modena.
”E’ dunque quanto mai urgente – continua Cambi – che le agenzie si attivino per applicare quanto previsto per legge”.

Per quanto riguarda altre figure precarie, come collaboratori con Co.Co.Co. e Partite Iva, è prevista un’indennità una tantum per il solo mese di marzo pari a 600 euro a parziale copertura delle attività lavorative non prestate”.

“Riteniamo che, per quanto sia una misura importante e positiva, perché per la prima volta in questo paese si crea un ammortizzatore anche per collaboratori e lavoro autonomo – continua il sindacalista di Nidil – si rischia che limitandola al solo mese corrente sia riduttiva. Inoltre trattandosi di cifre ad esaurimento vi è il fondato rischio che vengano esclusi molti lavoratori autonomi e co.co.co.”.

Il decreto uscito stanotte prevede altresì per queste figure autonome e parasubordinate, la possibilità del congedo parentale di 15 giorni complessivi, per i figli di età non superiore ai 12 anni, fruibili dai genitori durante il periodo di sospensione dalle attività lavorative. In alternativa al congedo, è previsto un bonus per l’acquisto di servizi di baby-sitting nel limite massimo di euro 600. Per i tirocini invece non è previsto nulla.

Nidil Cgil confida che l’una tantum possa essere prorogata anche nei prossimi mesi, visto che l’emergenza sanitaria non sarà presumibilmente rientrata il 31.3.2020, mentre per i tirocini extra curriculari e garanzia giovani di emanazione regionale, ma anche quelli di reinserimento lavorativo – nel 2019 l’Emilia Romagna ne ha stipulati 30.000 nei vari settori produttivi – sia necessario trovare una copertura per la sospensione avvenuta già dal 23 febbraio in via cautelativa. Si tratta in maggior parte di giovani alla prima occupazione e per di più senza tutele, perché non lavorano, non hanno accesso allo smart working e non hanno ammortizzatori.
Nidil Cgil chiede un forte intervento della Regione Emilia Romagna per dare risposte anche a questi giovani lavoratori.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    La scienziata Laura Bassi Veratti protagonista del doodle di Google
    La scienziata Laura Bassi Veratti protagonista del doodle di Google
    Laura Bassi è stata la seconda donna a laurearsi in Italia e la prima a ottenere una cattedra universitaria. [...]
    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    L'animale è stato preso e curato dai volontari de Il Pettirosso[...]
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    Pare ce ne siano in circolazione soltanto due esemplari.[...]
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    Coinvolge 4 palazzine , 30 famiglie,4 scaffali e 156 libri divisi in 4 gruppi (39 libri per palazzina).[...]
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    E' l’opera in vetro di Murano installata nell’anello centrale verde della rotatoria tra via Nuova Estense e via Vignolese.[...]
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Il sito che verrà aggiornato periodicamente, è ricco di immagini suggestive e si sviluppa in cinque aree tematiche - conosci, esplora, gusto, shopping e agenda - che rendono intuitiva la ricerca dei contenuti.[...]
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    A sostegno di tutti i bambini cardiopatici congeniti e del personale medico ospedaliero che sta lottando contro il Covid.[...]
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Si guarda alla bella stagione nella città dei Pico con la tracciatura ed installazione delle indicazioni, avvenuta nei giorni scorsi di tre percorsi ciclabili di varia lunghezza, per appassionati, ma pure per semplici cicloamatori e per le famiglie.[...]
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    L’audiolibro ha scalato le classifiche nazionali di podcast di racconti per bambini contando 30mila riproduzioni su Youtube e altre sette piattaforme streaming[...]