SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Anguille sì, trivelle no: la scuola e quella consapevolezza mancata

Chi è stato bambino o preadolescente nella Bassa degli anni ’80 e ’90 (ma verosimilmente il discorso vale anche per le generazioni successive), di quelle numerose trivelle al massimo ha sentito parlare. Poco, a meno di non avere parenti impiegati al Centro Oli di Novi o di non vivere nei pressi delle stesse. Tanti non le hanno mai viste, parecchi ne hanno scoperto l’esistenza solo grazie all’informazione portata dai comitati No Gas quando iniziò a spargersi la voce, una decina di anni fa ormai, del progetto di stoccaggio a Rivara della allora “Indipendent Gas Management srl”. Una reale sensibilità verso il tema dello stupro al nostro territorio, forse, è nata solo allora e, nonostante alcuni pozzi (Cavone, ad esempio) fossero in attività da quasi vent’anni, che questa fosse terra petrolifera il senso comune non lo immaginava. Non così.

Anche perché l’informazione in materia è spesso mancata. Le trivelle, per quanto visibili, sono in aperta campagna – difficilmente ci si passa davanti per caso – e in questo senso a livello scolastico la consapevolezza del territorio e del suo sfruttamento a fini energetici, semplicemente, non esisteva. Tornando agli anni di cui sopra, per dire,  chi scrive ricorda, alle scuole elementari, visite al Museo della Civiltà Contadina di Bastiglia, gite ai barchessoni delle valli del Mirandolese con annessa visita guidata di allevamenti ittici (anguille) nei paraggi, un salto al Cavo Napoleonico di Bondeno, tutti peraltro conditi da spiegazioni ottime e abbondanti. O, alle medie, una pedante – non generalizziamo: quella lo fu, però – visita alla centrale termoelettrica di Ostiglia, studiata nel suo funzionamento per due settimane intere. Sono alcuni esempi fra i tanti. Tutto legittimo e meritevole, anche necessario, per conoscere alcune peculiarità della zona in cui si cresce. Appunto: sui pozzi di Cavone, silenzio.

Forse perché ai pozzi non c’è niente da vedere (nelle foto a corredo dell’articolo si vede come, in 25 anni, le aree delle trivelle siano sempre le stesse, brulle e tristi, le uniche a non cambiare minimamente con anni, stagioni, eventi), perché sostanzialmente non vi passa anima viva, perché l’unica cosa che si sente, lì, è il rumore di questo macchinario mastodontico con il suo costante movimento meccanico. Su e giù, su e giù. All’infinito. Non senza ripercussioni sull’equilibrio del territorio, ora lo sappiamo; arricchendo però i concessionari ma senza contropartite economiche adatte per le amministrazioni e le popolazioni della nostra area, ora sappiamo anche questo. Forse non c’era nulla da vedere. Ma ci sarebbe stato tanto da imparare, e magari qualche ora di lezione di educazione tecnica o scienze avrebbe meritato l’approfondimento di un tema territorialmente molto delicato. Chissà, forse ci si sarebbe mossi prima – almeno per ottenere qualcosa in cambio, come insegna la Lucania – e oggi la situazione sarebbe un po’ differente. Forse avremmo qualche esperto in più in materia, qualche esperto autoctono. Di sicuro, avremmo tutti più consapevolezza di ciò che nel nostro sottosuolo accade da trent’anni. Trent’anni di solitudine e, nel merito, ignoranza. Ora non si perda la lezione.

(foto elaborate dalle mappe Istella)

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rubriche

Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Gli italiani spendono all'anno per il caffé 260 euro
    Gli italiani spendono all'anno per il caffé 260 euro
    Il 93% sceglie l'espresso, il resto si divide tra americano, orzo o altro[...]
    A tutta birra per il paese con lampeggiante blu, 49enne nei guai
    A tutta birra per il paese con lampeggiante blu, 49enne nei guai
    L'uomo simulava inseguimenti incurante dei limiti di velocità[...]
    Un nuovo polo logistico per Ducati e Lamborghini
    Un nuovo polo logistico per Ducati e Lamborghini
    Ci sono anche 40.000 pezzi in deposito tra vetture storiche, modelli attuali e ricambi del reparto Motorsport, Squadra Corse[...]
    Lavarsi le mani è importante, ricordiamocelo!
    Lavarsi le mani è importante, ricordiamocelo!
    Soprattutto in ospedale, dove è una delle misure più efficaci per proteggere dal rischio di contrarre un’infezione correlata all’assistenza[...]
    Stanze in vendita nell'albergo-condominio, ecco i Condhotel
    Stanze in vendita nell'albergo-condominio, ecco i Condhotel
    Abbina camere di albergo, minimo sette, con unità abitative dotate di cucina autonoma che possono essere frazionate e vendute ai privati o affittate [...]
    Ad aprile un caldo da record: mai così negli ultimi due secoli
    Ad aprile un caldo da record: mai così negli ultimi due secoli
    E' la sintesi tracciata dagli esperti dell’Osservatorio Geofisico del DIEF - Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di Unimore. [...]
    Terrorismo, Emilia-Romagna tra le regioni più a rischio
    Terrorismo, Emilia-Romagna tra le regioni più a rischio
    È quanto emerge dal report “Italian Terrorism Infiltration Index 2018” dell’Istituto Demoskopika[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: