Anguille sì, trivelle no: la scuola e quella consapevolezza mancata

Chi è stato bambino o preadolescente nella Bassa degli anni ’80 e ’90 (ma verosimilmente il discorso vale anche per le generazioni successive), di quelle numerose trivelle al massimo ha sentito parlare. Poco, a meno di non avere parenti impiegati al Centro Oli di Novi o di non vivere nei pressi delle stesse. Tanti non le hanno mai viste, parecchi ne hanno scoperto l’esistenza solo grazie all’informazione portata dai comitati No Gas quando iniziò a spargersi la voce, una decina di anni fa ormai, del progetto di stoccaggio a Rivara della allora “Indipendent Gas Management srl”. Una reale sensibilità verso il tema dello stupro al nostro territorio, forse, è nata solo allora e, nonostante alcuni pozzi (Cavone, ad esempio) fossero in attività da quasi vent’anni, che questa fosse terra petrolifera il senso comune non lo immaginava. Non così.

Anche perché l’informazione in materia è spesso mancata. Le trivelle, per quanto visibili, sono in aperta campagna – difficilmente ci si passa davanti per caso – e in questo senso a livello scolastico la consapevolezza del territorio e del suo sfruttamento a fini energetici, semplicemente, non esisteva. Tornando agli anni di cui sopra, per dire,  chi scrive ricorda, alle scuole elementari, visite al Museo della Civiltà Contadina di Bastiglia, gite ai barchessoni delle valli del Mirandolese con annessa visita guidata di allevamenti ittici (anguille) nei paraggi, un salto al Cavo Napoleonico di Bondeno, tutti peraltro conditi da spiegazioni ottime e abbondanti. O, alle medie, una pedante – non generalizziamo: quella lo fu, però – visita alla centrale termoelettrica di Ostiglia, studiata nel suo funzionamento per due settimane intere. Sono alcuni esempi fra i tanti. Tutto legittimo e meritevole, anche necessario, per conoscere alcune peculiarità della zona in cui si cresce. Appunto: sui pozzi di Cavone, silenzio.

Forse perché ai pozzi non c’è niente da vedere (nelle foto a corredo dell’articolo si vede come, in 25 anni, le aree delle trivelle siano sempre le stesse, brulle e tristi, le uniche a non cambiare minimamente con anni, stagioni, eventi), perché sostanzialmente non vi passa anima viva, perché l’unica cosa che si sente, lì, è il rumore di questo macchinario mastodontico con il suo costante movimento meccanico. Su e giù, su e giù. All’infinito. Non senza ripercussioni sull’equilibrio del territorio, ora lo sappiamo; arricchendo però i concessionari ma senza contropartite economiche adatte per le amministrazioni e le popolazioni della nostra area, ora sappiamo anche questo. Forse non c’era nulla da vedere. Ma ci sarebbe stato tanto da imparare, e magari qualche ora di lezione di educazione tecnica o scienze avrebbe meritato l’approfondimento di un tema territorialmente molto delicato. Chissà, forse ci si sarebbe mossi prima – almeno per ottenere qualcosa in cambio, come insegna la Lucania – e oggi la situazione sarebbe un po’ differente. Forse avremmo qualche esperto in più in materia, qualche esperto autoctono. Di sicuro, avremmo tutti più consapevolezza di ciò che nel nostro sottosuolo accade da trent’anni. Trent’anni di solitudine e, nel merito, ignoranza. Ora non si perda la lezione.

(foto elaborate dalle mappe Istella)

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sul Panaro on air

    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa
    • WatchCasa Famiglia e giovani immigrati: parla il sindaco di Medolla Filippo Molinari
    • WatchA San Prospero ecco lo stato in cui versa via Verdeta

    Curiosità

    A nuoto per lo Stretto di Messina: la grande impresa di tre atleti disabili di Mirandola
    A nuoto per lo Stretto di Messina: la grande impresa di tre atleti disabili di Mirandola
    I nuotatori di Atlantide Onlus sono partiti venerdì mattina alla volta del Sud. Si chiamano Yuri Gasparini, Emiliano Pasquini e Calogero Serrafini[...]
    Pronto il calendario 2018 della Polizia
    Pronto il calendario 2018 della Polizia
    Il ricavato della vendita sarà destinato all'Unicef per sostenere il progetto “Italia – Emergenza bambini migranti”.[...]
    Ruba una scarpa sola, denunciato uomo con una gamba sola
    Ruba una scarpa sola, denunciato uomo con una gamba sola
    È accaduto nei pressi del centro commerciale Borgogioioso di via dell'Industria a Carpi[...]
    Modena Park, Vasco Rossi e il suo popolo in un video sul concertone del 1 luglio
    Modena Park, Vasco Rossi e il suo popolo in un video sul concertone del 1 luglio
    Pubblichiamo il video del Comunedi Modena che in meno di cinque minuti fa rivivere le sensazioni di quella giornata sulle note di “Un mondo migliore”.[...]
    Cavezzo, l'aceto balsamico di Modena Igp è stato comprato dagli inglesi
    Cavezzo, l'aceto balsamico di Modena Igp è stato comprato dagli inglesi
    Associated British Foods acquista l'azienda di Cavezzo Acetum spa, i cui marchi includono Mazzetti, Acetum e Fini.[...]
    Grande festa per i ragazzi classe 1947 di via Milazzo
    Grande festa per i ragazzi classe 1947 di via Milazzo
    A organizzarla il signor Vilmo Pellacani che ha voluto festeggiare i 70 anni con i suoi amici di infanzia e con i nati a Mirandola nel 1947 [...]
    Arrivano i divani e le poltrone coi nomi dei paesi della Bassa
    Arrivano i divani e le poltrone coi nomi dei paesi della Bassa
    Si chiamano Medolla, Bomporto, Bastiglia e Soliera. E non trascurano le località come Limidi e Villafranca.[...]
    Prende forma la statua per Luciano Pavarotti: ecco come sarà
    Prende forma la statua per Luciano Pavarotti: ecco come sarà
    L’artista prescelto per la realizzazione dell’opera è Stefano Pierotti, il quale a Roma harealizzato la scultura in ricordo di Papa Giovanni Paolo II[...]