Anguille sì, trivelle no: la scuola e quella consapevolezza mancata

Chi è stato bambino o preadolescente nella Bassa degli anni ’80 e ’90 (ma verosimilmente il discorso vale anche per le generazioni successive), di quelle numerose trivelle al massimo ha sentito parlare. Poco, a meno di non avere parenti impiegati al Centro Oli di Novi o di non vivere nei pressi delle stesse. Tanti non le hanno mai viste, parecchi ne hanno scoperto l’esistenza solo grazie all’informazione portata dai comitati No Gas quando iniziò a spargersi la voce, una decina di anni fa ormai, del progetto di stoccaggio a Rivara della allora “Indipendent Gas Management srl”. Una reale sensibilità verso il tema dello stupro al nostro territorio, forse, è nata solo allora e, nonostante alcuni pozzi (Cavone, ad esempio) fossero in attività da quasi vent’anni, che questa fosse terra petrolifera il senso comune non lo immaginava. Non così.

Anche perché l’informazione in materia è spesso mancata. Le trivelle, per quanto visibili, sono in aperta campagna – difficilmente ci si passa davanti per caso – e in questo senso a livello scolastico la consapevolezza del territorio e del suo sfruttamento a fini energetici, semplicemente, non esisteva. Tornando agli anni di cui sopra, per dire,  chi scrive ricorda, alle scuole elementari, visite al Museo della Civiltà Contadina di Bastiglia, gite ai barchessoni delle valli del Mirandolese con annessa visita guidata di allevamenti ittici (anguille) nei paraggi, un salto al Cavo Napoleonico di Bondeno, tutti peraltro conditi da spiegazioni ottime e abbondanti. O, alle medie, una pedante – non generalizziamo: quella lo fu, però – visita alla centrale termoelettrica di Ostiglia, studiata nel suo funzionamento per due settimane intere. Sono alcuni esempi fra i tanti. Tutto legittimo e meritevole, anche necessario, per conoscere alcune peculiarità della zona in cui si cresce. Appunto: sui pozzi di Cavone, silenzio.

Forse perché ai pozzi non c’è niente da vedere (nelle foto a corredo dell’articolo si vede come, in 25 anni, le aree delle trivelle siano sempre le stesse, brulle e tristi, le uniche a non cambiare minimamente con anni, stagioni, eventi), perché sostanzialmente non vi passa anima viva, perché l’unica cosa che si sente, lì, è il rumore di questo macchinario mastodontico con il suo costante movimento meccanico. Su e giù, su e giù. All’infinito. Non senza ripercussioni sull’equilibrio del territorio, ora lo sappiamo; arricchendo però i concessionari ma senza contropartite economiche adatte per le amministrazioni e le popolazioni della nostra area, ora sappiamo anche questo. Forse non c’era nulla da vedere. Ma ci sarebbe stato tanto da imparare, e magari qualche ora di lezione di educazione tecnica o scienze avrebbe meritato l’approfondimento di un tema territorialmente molto delicato. Chissà, forse ci si sarebbe mossi prima – almeno per ottenere qualcosa in cambio, come insegna la Lucania – e oggi la situazione sarebbe un po’ differente. Forse avremmo qualche esperto in più in materia, qualche esperto autoctono. Di sicuro, avremmo tutti più consapevolezza di ciò che nel nostro sottosuolo accade da trent’anni. Trent’anni di solitudine e, nel merito, ignoranza. Ora non si perda la lezione.

(foto elaborate dalle mappe Istella)

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Arriva il wifi gratuito al Policlinico e a Baggiovara
    Arriva il wifi gratuito al Policlinico e a Baggiovara
    Al Policlinico la copertura è già attiva in tutti gli edifici ospedalieri, mentre all’Ospedale Baggiovara al momento è limitata ai reparti situati al secondo e terzo piano[...]
    Ubriaco stacca con un morso un dito ad un buttafuori
    Ubriaco stacca con un morso un dito ad un buttafuori
    Voleva entrare a tutti i costi in discoteca[...]
    Per Vasco Rossi le chiavi della città di Modena
    Per Vasco Rossi le chiavi della città di Modena
    Grande emozione per il rocker: "Alla fine di tutto o all’inizio di tutto ringrazio comunque sempre il cielo e la chitarra“[...]
    E' la scrittrice italiana che ha venduto più ebook nel 2017. Ed è della Bassa: Felicia Kingsley
    E' la scrittrice italiana che ha venduto più ebook nel 2017. Ed è della Bassa: Felicia Kingsley
    "Matrimonio di convenienza" nasce dalle lunghe file sulla Canaletto e dai giri in più fatti quando ponte Motta era chiuso. [...]
    Benji e Fede in visita ai bambini ricoverati in ospedale
    Benji e Fede in visita ai bambini ricoverati in ospedale
    I due cantanti - molto amati dai giovani - hanno cantato in reparto al Policlinico[...]
    Diciottenne di Mirandola sorpresa ubriaca alla guida si mangia lo scontrino dell'etilometro
    Diciottenne di Mirandola sorpresa ubriaca alla guida si mangia lo scontrino dell'etilometro
    Lo strumento aveva certificato che c'era troppo alcol nel sangue (un tasso di 1,77, quando il limite è 0,5 grammi per litro)[...]
    Qualità dell'aria, calano le CO2
    Qualità dell'aria, calano le CO2
    Al via un nuovo piano d’azione per l’energia sostenibile e il clima[...]
    Da Finale Emilia alla Nazionale di calcio, brava Eleonora Goldoni!
    Da Finale Emilia alla Nazionale di calcio, brava Eleonora Goldoni!
    Giocherà contro la Francia, la partita è in programma il 20 gennaio allo stadio Orange Vélodrome di Marsiglia. [...]
    E' più a est Bologna o Roma? E chi è più a nord, Trento o Aosta?
    E' più a est Bologna o Roma? E chi è più a nord, Trento o Aosta?
    La geografia dice una cosa, ma le mappe cognitive che abbiamo in testa possono trarre in inganno[...]
    Social, potrebbe costare caro a mamma o papà pubblicare foto dei figli
    Social, potrebbe costare caro a mamma o papà pubblicare foto dei figli
    L'ordinanza del Tribunale di Roma crea un precedente unico in Italia[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: