Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Una sera al cinema: Il fenomeno dei cinepanettoni

Italico mistero che ogni anno si ripresenta, i cinepanettoni (e i neonati cinecocomeri) affollano le sale italiane ogni anno. Buona lettura!

La locandina di uno dei primi "Vacanze di Natale"

La locandina di uno dei primi “Vacanze di Natale”

La storia antica (si fa per dire)
I cinepanettoni hanno un intento chiaro e dichiarato: portare le persone al cinema. L’italiano medio, secondo recenti statistiche, va al cinema 2 volte all’anno per cui la cassa piange.
Verso la fine degli anni ’80/inizi anni ’90 ad alcuni registi (i fratelli Vanzina e Neri Parenti) venne la brillante idea di portare la comicità da bar di paese in posti lussuosi e raffinati, come Cortina, Saint-Moritz e così via.
In questo modo burini di dubbio gusto, affabulatori da piazze e “pidocchi arricchiti” (leggi nuovi ricchi, ndr) hanno trovato il loro sfogo, frequentando posti molto eleganti e costosi ma rimanendo con le pezze alla parte posteriore del loro corpo.
Il mix letale era: canzoni da discoteca appena uscite, posti eleganti inquadrati stile “cartolina”, personaggi della comicità italiana che riproponevano caratteristiche e macchiette del nostro variegato Paese, facendo leva su dialetti, citazioni di attori del passato come Totò e così via.

Un inizio col “botto”
I primi Vacanze di Natale potevano essere curiosi, interessanti, magari anche divertenti: posti inusuali che molte persone non avevano mai visto (all’epoca i voli low cost non c’erano), situazioni intriganti e bravi caratteristi reggevano 90 minuti di situazioni divertenti, magari volgarotte ma con quel cuore e lo spirito genuino degli anni ’80, stile volemose bene.
Negli anni, forte degli incassi dei primi film, la situazione è sfuggita di mano e sono trascesi: record di oscenità al minuto, comicità sempre più triviale e scadente per arrivare fino a Natale in Sudafrica, ultimo cinepanettone visto più per compiacere un amico che per reale interesse.

Giustamente qualcuno di voi potrebbe obiettare: E tu non ci andare!
Ringraziandolo per lo spunto ne approfitto per spiegare che, mentre sei a tavola e mangi tranquillo il tuo piatto di rigatoni al sugo fumanti, è un attimo vedere una rassegna di trailer. E nella rassegna, puntuale come Equitalia a Natale, ti arriva il trailer del cinepanettone che ti strozza il rigatone in gola. con goliardate da terza media e gag talmente ricopiate che perdono colore ad ogni passaggio in tv, trasformando un trailer a colori in una pallida copia in bianco e nero.

Er portafoglio
Il cinema italiano ha già cercato in passato facili espedienti per fare cassa puntando al maggior risparmio possibile: pensiamo ai film a episodi, dove bravi attori venivano spinti in situazioni magari slegate tra loro o con una vaga connessione di fondo, giusto per motivare il costo del biglietto. I film di Franco Franchi e Ciccio Ingrassia sono stati l’emblema del risparmio estremo: storie scritte in mezza giornata, produzione a macchinetta di pellicole che, onestamente, forse non dovevano nemmeno vedere la luce.
La colpa non è degli attori (un bravo attore con un copione da cani può impegnarsi finché vuole ma ha poche speranze) ma di una logica puntata sempre alla Viva il parroco!, dove qualunque cosa prodotta (fosse la scivolata su una buccia di banana, per dirne una) andava bene e quindi si andava a catena di montaggio, senza preoccuparsi di offrire quel qualcosa in più agli spettatori ignari (in questa categoria imperdibili anche i musicarelli, storie banalotte sorrette da bravi cantanti).

Concludendo
Io amo il cinema ed è un peccato vedere certe pellicole in sala, è come se qualcuno pugnalasse questa nobile arte alle sue spalle, percepisci visioni mistiche dove immagini il futuro per i figli che hai appena messo al mondo. Credo che oramai, dopo anni di film fatti la domenica pomeriggio sotto al sole di Rimini ad agosto, sia giunto il momento di dire basta. È stato un filone fortunato e ai suoi partecipanti ha permesso di condurre una bella vita, dignitosa e lussuosa.
Ma la grande verità di questa vita (Dr. House docet) è che tutto cambia. Cambiano i gusti, le persone, gli umori, perfino gli improperi che le persone annunciano ad alta voce all’uscita della sala, pensando che con gli stessi quattrini potevano vedere un film degno di questo nome, qualcosa che non sia un “fast food” cinematografico ma un bel piatto di pasta cucinato con ingredienti genuini.
L’aerofagia, le percussioni ritmiche sull’area testicolare degli attori maschi, i travestimenti da donna, l’ossessione per il portafoglio (E io pago! E io pago! E io….), i dialetti regionali conditi da luoghi comuni stantii piacciono ancora a molte persone, purtroppo, ed il mondo è bello perché è vario. Però se chi di dovere non produce film interessanti e si limita a mettere il pilota automatico, trasformando questi film in enormi marchette pubblicitarie con un product placement semplicemente osceno, non prendetevela con il pubblico perché loro vi hanno dato fiducia, tempo e contanti per vedervi.
Tocca a voi stupirci.

footer_marco

LEGGI ANCHE: Una sera al cinema: Inside Out

LEGGI ANCHE: Una sera al cinema: Snoopy and friends

LEGGI ANCHE: Una sera al cinema: Il viaggio di Arlo

LEGGI ANCHE: Una sera al cinema: Pan – Viaggio all’Isola che non c’è

LEGGI ANCHE: Una sera al cinema: Star Wars – Il risveglio della forza

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017

Rubriche

Glocal
Allianz Risk Barometer 2020: la minaccia informatica il principale rischio per le aziende
Il 9° sondaggio annuale di Allianz Global Corporate & Specialty (AGCS) sui principali rischi aziendali evidenzia come i rischi informatici siano diventati più pericolosi e costosi per le aziende e spesso si traducono in cause legali e contenziosileggi tutto
Ecco le novità della legge di Bilancio 2020
Tra le nuove misure, c'è il bonus facciateleggi tutto
Consigli di salute
Piorrea o parodontite: cause, sintomi e rimedi
Se non adeguatamente trattata, porta alla progressiva perdita dei denti a causa del riassorbimento dell’osso e del tessuto gengivale da cui sono sostenuti.leggi tutto
Glocal
La mafia non può rubarci il futuro
"La mafia è una montagna di merda” scriveva Giuseppe Impastato, meglio conosciuto come Peppino, poco prima di essere assassinato per le sue intense e forti posizioni contro la mafia.leggi tutto
Consigli di salute
La Salute viaggia sul Web. Oltre il 75% degli Italiani s'informano su Google e sui Social
Le persone sono più autonome nella ricerca attiva di informazioni legate al benessere e alla saluteleggi tutto
Glocal
La responsabilità sociale fa bene ai conti aziendali
Il 74% degli italiani privilegia marchi aziendali che portano avanti azioni di valorizzazione delle diversità.leggi tutto
Glocal
L'economia del turpiloquio
Viviamo in una società dove il turpiloquio viene fin troppo (ab)usato come strumento per umiliare, opprimere e calpestare il prossimo, e che ha assunto un ruolo preponderante nella comunicazione tra gli individui.leggi tutto
Glocal
LA PAROLA AI MANAGER: l'Innovation Manager
Da alcuni giorni è stato pubblicato l’elenco dei consulenti dell’Albo del Mise per gli “Innovation Manager”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchCome mandare via le cimici da casa, parla l'esperto
    • WatchLe sfogline trap di Mirandola
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    E a Bomporto c'è il cane più bello di tutta l'Esposizione canina
    E a Bomporto c'è il cane più bello di tutta l'Esposizione canina
    Si chiama Milo, il suo allenatore nonchè proprietario è il signor Fabrizio Ganzerli[...]
    Rapace ferito trovato a San Martino Carano
    Rapace ferito trovato a San Martino Carano
    E' stato notato da due assistenti civici, Giorgio e Gabriele Tellia di San Possidonio, che lo hanno salvato[...]
    Super pescata invernale a Bomporto per il Modena Catfish
    Super pescata invernale a Bomporto per il Modena Catfish
    Davide Poluzzi e Simone Solieri hanno sfidato pioggia e vento[...]
    Soliera, il Pane e le Rose festeggia il suo sesto compleanno
    Soliera, il Pane e le Rose festeggia il suo sesto compleanno
    Un Social Market attivo da sei anni, tra grandi traguardi e sfide future[...]
    Sette sindaci per Medolla, tutti in una foto
    Sette sindaci per Medolla, tutti in una foto
    Da Bruschi (1981) a Calciolari, tutti sotto al Gonfalone[...]
    Osservatorio Geofisico di Unimore, visite guidate per la fiera di Sant'Antonio
    Osservatorio Geofisico di Unimore, visite guidate per la fiera di Sant'Antonio
    Venerdì 17 gennaio dal mattino al pomeriggio sarà possibile salire sulla torre di Levante di Palazzo Ducale a Modena[...]
    Rimane incastrata in una canna fumaria, piccola civetta salvata dai pompieri a Soliera
    Rimane incastrata in una canna fumaria, piccola civetta salvata dai pompieri a Soliera
    Provava a uscire dal solo ma non ce la faceva, e le ali sbattevano facendo diversi rumori che hanno insospettito i residenti.[...]
    L'avvocata di Mirandola Elisabetta Aldrovandi tra le 100 donne più influenti per la rivista F
    L'avvocata di Mirandola Elisabetta Aldrovandi tra le 100 donne più influenti per la rivista F
    Il settimanale ha premiato le donne che combattono in prima linee per avere un mondo migliore [...]
    Medaglia d'onore per il papà di Vasco Rossi
    Medaglia d'onore per il papà di Vasco Rossi
    Giovanni Carlo Rossi venne internato nei lager nazisti durante la Seconda guerra mondiale.[...]