CONCORDIA – Non può esserci sviluppo economico per Concordia se non si supera la questione viabilità. E’ questa in sintesi la proposta di Paolo Negro, capolista di Insieme per Concordia, la lista che sostiene la rielezione a sindaco di Luca Prandini.

In una lunga nota Negro fa il punto della situazione e scrive chiaramente che “lo sviluppo economico di Concordia e della Bassa Modenese è strettamente intrecciato con il superamento del gap nella viabilità, derivante dal non essere serviti da un asse viario all’altezza dell’area dove si produce il 2,4 % del PIL nazionale”.

E aggiunge che “Concordia ha un problema nel problema perché fra tutti i comuni della Bassa, è quello più difficilmente raggiungibile e peggio servito anche dalla viabilità minore. Siamo periferia della periferia. L’attesa della realizzazione di un asse viario adeguato dura da quasi mezzo secolo”.

La soluzione, dunque, è la Cispadana. Scrive Negro:

Il superamento di questo gap e problema strutturale è rappresentato dalla realizzazione dell’Autostrada regionale Cispadana che partendo dall’A22 Autobrennero si congiunge alla Bologna – Padova, all’altezza di Ferrara, attraversando la Bassa Modenese, progetto a cui si lavora da oltre 10 anni.
C’è stato un lungo e complesso iter che ha visto finalmente il progetto superare nel 2017 la Valutazione di Impatto Ambientale a livello nazionale. C’era un nodo legato alla copertura economica (non entro nei dettagli) che è stato sciolto nelle settimana scorse dalla nostra Regione.
Ora il progetto può passare alla progettazione esecutiva che recepirà tutte le osservazioni formulate anche dal territorio in sede di Valutazione di Impatto Ambientale e migliorerà ulteriormente. Fra non molto potranno quindi cominciare i lavori.
L’Autostrada Cispadana vedrà anche un casello tra Concordia e Mirandola, in prossimità della nostra zona industriale ed artigianale. Potete immaginare cosa questo rappresenti per le nostre imprese già esistenti e per quelle potrebbero insediarsi.
Ieri sera come lista #InsiemexConcordia abbiamo incontrato i rappresentanti del tessuto economico concordiese e durante la campagna elettorale abbiamo visita diverse imprese di Concordia: tutte hanno ribadito l’importanza fondamentale della realizzazione della Cispadana.
Il nostro programma guarda con favore alla realizzazione della Cispadana che, col casello a Concordia, farà fare un salto al nostro comune da periferia della periferia a centro: in 5 minuti saremo in Autostrada e il nostro sistema produttivo collegato al resto d’Italia, all’Europa, al mondo.
Dal giorno dopo l’avvio dei lavori, converrà alle imprese prendere in considerazione come location privilegiata l’insediamento a Concordia.
Bene: la prossima legislatura dovrà essere dedicata a seguire da vicino la progettazione esecutiva della Cispadana e progettare lo sviluppo di Concordia in funzione di questo cambiamento, da periferia a centro.

Infine, l’affondo nei confronti della lista rivale:

L’altra lista ‘Per Concordia’ ha aperto il suo primo incontro di presentazione del programma portando come esempio del declino l’esodo dell’MTA da Concordia verso Reggiolo. Peccato che questa scelta sia stata dettata proprio dall’esigenza della proprietà di essere vicini all’autostrada.
Bene, cantori del declino di Concordia, avete scritto nel vostro programma che siete contro la realizzazione dell’Autostrada Cispadana.
Avete scritto che volete una superstrada a scorrimento veloce: peccato che la realizzazione come superstrada è stata attesa 40 anni, quando c’erano più soldi. Ora che di soldi pubblici ce ne sono molti molti meno, la Cispadana si può realizzare solo come Autostrada regionale, soluzione che abbiamo imboccato appena le autostrade regionali sono state possibili (anche con l’approvazione di chi sedeva in consiglio e ora ha presentato o è candidato nella lista ‘Per Concordia’).
Ora che siamo ad un passo dal traguardo, si volge lo sguardo indietro e al tempo stesso però si grida declino di Concordia.
Noi dedicheremo le nostre energie a seguire da vicino, coinvolgendo la cittadinanza, la progettazione esecutiva della Cispadana per massimizzarne i benefici per lo sviluppo di Concordia e portare a casa il massimo delle mitigazioni ambientali (nelle immagini uno scorcio del tracciato e me misure di mitigazione previste – si propone anche la realizzazione di un parco intercomunale a Concordia).
Ecco perché parlo di #rinascita di Concordia: ricostruita e collegata col mondo.

Questo slideshow richiede JavaScript.