Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice

Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice, oggi conosciuto come Villa Ferri. E’ bandita la nuova edizione de “I luoghi del cuore del Fai”. Si può quindi tornare a votare il Casino di caccia del Duca che l‘anno scorso vide il l’edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi.

Le votazioni sono aperte fino al 15 dicembre: vai il sito dove si può votare

LA STORIA DELL’EDIFICIO

Trattasi dell’ex casino di caccia dei duchi Francesco IV e Francesco V d’Austria Este. La facciata del Casino di caccia che fu proprietà degli ultimi duchi di Modena, si impone con il suo aspetto austero a chi imbocchi via Risorgimento in pieno centro storico a San Felice sul Panaro.Pochi immaginano tuttavia che proprio questa facciata, progettata in rigoroso stile neoclassico e di colorito rossastro ormai sbiadito, un poco nascosta dietro la vegetazione lussureggiante del giardino abbandonato, sia in realtà la facciata retrostante dell’edificio. Infatti il prospetto che volge a sud e che è possibile ammirare per mezzo di un passaggio pedonale aperto dietro la villa costituiva il reale punto di accesso del Casino a cui si giungeva da un viale scenografico di ben 800 metri; un’idea ancien regime, quella del Duca di Modena Francesco IV, che negli intenti non voleva avere alcun tipo di contatto, neanche visivo, col paese, tanto da far “voltare le spalle” alla sua residenza di caccia rispetto alle case degli abitanti.

Ma perché un Casino di caccia a San Felice?

Nei pressi dell’abitato esisteva, fin dal medioevo, un bosco, detto della Saliceta, che dal XV secolo era proprietà esclusiva della casata estense; Francesco IV, penultimo Duca di Modena, per controllare questo bosco, un bene da sfruttare per il legname e la selvaggina oltre che intrattenimento per le battute di caccia, e l’ampia tenuta agricola annessa voleva trovare un edificio non troppo inserito nel centro abitato e che permettesse un accesso diretto alla sua proprietà privata. La scelta cadde su di una villa con torre colombaia che venne acquistata nel 1822, mentre per il progetto di sistemazione il Duca incaricò l’ingegnere ducale Giacomo Parisi. I lavori iniziarono solo nel 1838 portando ad una rivoluzione completa dell’edificio originario, alla creazione del nuovo in stile rigorosamente neoclassico e all’erezione delle due ali di servizio che fiancheggiano la facciata principale a sud, concludendosi nel 1847, un anno dopo la morte del Duca: l’utilizzo del Casino venne quindi goduto dal figlio e successore Francesco V.

Il Casino non può essere paragonato ad altre ville di proprietà dei duchi di Modena, e questo aspetto ne fa un esemplare unico: non era infatti destinato alle vacanze della reale famiglia o ad accogliere personaggi illustri, non era assolutamente un posto per dame o bambini, ma solo per il Duca e per i suoi accompagnatori e per divertimenti maschili quali la caccia e il cavalcare.

Il Duca arrivava da Modena navigando il fiume Panaro fino a Camposanto e si fermava quanto bastava per una battuta di caccia e per informarsi dal suo fattore su come procedeva l’amministrazione della tenuta: lo stesso piano nobile del Casino non era arredato se non nei giorni di permanenza dello stesso signore. Questo spiega anche la necessità di non avere ambienti interni particolarmente lussuosi, tuttavia alcune stanze del piano nobile, che si dispongono intorno al salone centrale di forma ellissoidale, conservano ancora la decorazione originaria sobria e aggraziata, in cui si susseguono temi mitologici, celebrativi e legati al lavoro nei campi opera di due decoratori locali; era presente anche una cappelletta in marmo rosso dedicata a Sant’Antonio ( di Padova?) ora demolita.

Il 1859 segna la fine della reggenza di Francesco V sul Ducato di Modena annesso al Regno d’Italia e l’inizio di un lento e progressivo declino per il Casino di caccia e le sue tenute protrattosi fino ad oggi. Attualmente l’edificio è di proprietà privata.

 

Foto di Giorgio Bocchi

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    E' il messaggio lanciato con un video pubblicato su Facebook ad un anno dallo stop alla musica dal vivo con il pubblico.[...]
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le indossano, tra gli altri, quelli de La strana coppia di Radio Bruno. Sono prodotte da Renometal e commercializzate dalla mirandolese Encaplast [...]
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Una grossa branca della chioma si è troncata, probabilmente a seguito del peso della neve caduta durante l’inverno [...]
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    L'emergenza sanitaria mette in crisi Aquaragia, storica realtà associativa mirandolese. Quale futuro per il circolo? Ne discutiamo con Roberto Ganzerli. [...]
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Nota di Irene Salvaterra sul progetto “A scuola in natura” a cura del CEAS La Raganella[...]
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    "Body painting significa essenzialmente vestirsi di emozioni diverse, le quali, trasposte cromaticamente sul corpo dell'interprete, si trasformano in arte": è così che Letizia Borella, mirandolese classe 1985, ci introduce ai segreti di quella che lei definisce "un'arte effimera".[...]
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Sui loro social hanno mostrato in una gallery i travestimenti dei cittadini[...]
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie viene nominata Property n.1 al Mondo del mercato del giocattolo per il 2020 [...]
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Il Pool Comitati, che raggruppa diverse organizzazioni attente alle tematiche legate all'ambiente e in particolare, relative al fiume Secchia ha diffuso un nuovo episodio di Good Morning Secchia[...]
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    "Factory MAT75 è un progetto che coinvolge giovani artisti che vogliono rappresentare la storia di questo mondo", spiega Alessandro Bonacorsi[...]