Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
01 Luglio 2022

La Chirurgia trapianti del Policlinico “fa scuola” al convegno internazionale di Istanbul

MODENA- La Chirurgia dei trapianti dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena, diretta dal professore Fabrizio Di Benedetto nuovamente protagonista nel contesto del Congresso annuale della Società Internazionale del Trapianto di Fegato (ILTS) che si è svolto dal 4 al 7 Maggio a Istanbul.

Si tratta di un evento di grande importanza, per il prestigio della società scientifica e per il ritorno a eventi scientifici internazionali in presenza dopo lo stop causato dalla pandemia mondiale, consentendo il confronto e lo scambio tra le principali realtà chirurgiche mondiali. Il reparto di Chirurgia oncologica, epatobiliopancreatica e dei trapianti di fegato dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena ha prodotto numerosi lavori scientifici presentati al congresso.

In particolare, il professore Fabrizio Di Benedetto – ordinario di Chirurgia generale di UniMoRe e direttore della Chirurgia oncologica epatobiliopancreatica e trapianti di Fegato dell’AOU – è stato invitato in qualità di esperto a tenere una relazione sul tema dell’approccio chirurgico mini-invasivo robotico per il trattamento di complessi tumori delle vie biliari del fegato.

Inoltre il dottor Paolo Magistri, ricercatore di UniMoRe e chirurgo dell’unità diretta dal professore Di Benedetto, è stato premiato con lo “Young Investigator Award”, importante riconoscimento scientifico dedicato ai giovani ricercatori under 40.

Il lavoro premiato è stato proprio quello del confronto tra tecnica tradizionale e robotica negli interventi chirurgici per tumori del fegato in pazienti inizialmente non operabili. Il titolo del lavoro premiato è “Robotic vs open associating liver partition and portal vein ligation for staged hepatectomy (ALPPS)”.

Siamo molto orgogliosi del risultato ottenuto – ha spiegato il professore Di Benedettosi tratta di un premio importante che sancisce ulteriormente la bontà degli sforzi profusi dal nostro centro.

L’esperienza presentata dal professor Di Benedetto e dal dottor Magistri si basa su tecniche innovative in chirurgia robotica del fegato e sono il frutto di un’esperienza complessiva di oltre 1000 resezioni epatiche presso l’AOU di Modena e circa 300 interventi chirurgici robotici per malattie del fegato.

Grazie al programma robotico attivo ormai da 7 anni grazie al supporto della Regione Emilia-Romagna, oggi l’AOU di Modena può offrire ai pazienti che vi accedono i trattamenti più innovativi al mondo, in grado di portare al trattamento chirurgico radicale pazienti inizialmente non operabili a causa dell’estensione dalla malattia. Con il nostro studio abbiamo dimostrato che l’approccio robotico consente di ridurre il rischio di complicanze e di mortalità in questi casi estremamente delicati, e di migliorare la ripresa post-operatoria riducendo la degenza totale in ospedale ed in terapia intensiva” -ha poi concluso il professore Di Benedetto.

Abbiamo sempre creduto e investito nell’ambito della chirurgia robotica e nella medicina di precisione per il miglioramento delle cure dei nostri pazienti” – ha commentato il direttore generale dell’AOU dottor Claudio VagniniDotando lo stabilimento del Policlinico della piattaforma robotica abbiamo voluto far sì che il profilo delle cure si mantenesse ai vertici e che i giovani medici potessero accedere ad una formazione al passo con i tempi. Il riconoscimento internazionale di questo progetto ci inorgoglisce e ci spinge a perseguire i nostri obiettivi di continua crescita, per offrire all’utenza i trattamenti più moderni”.

È molto importante che il lavoro dei giovani ricercatori del nostro Ateneo sia riconosciuto e premiato a livello internazionale. Produrre evidenze scientifiche a supporto   del miglioramento dei trattamenti e  delle cure è fondamentale  per la ricerca clinica. Inoltre l’internazionalizzazione è un processo molto importante per il prestigio dell’Ateneo, e sempre più medici in formazione e fellow internazionali giungono a Modena per apprendere le più moderne tecniche chirurgiche, i più recenti da Brasile, Singapore e Turchia, a testimonianza del grande lavoro svolto dalla nostra Università nel rendersi competitiva a livello sovranazionale” – è stato invece il commento del rettore di UniMoRe, il professore Carlo Adolfo Porro.

Ad oggi l’esperienza del Policlinico di Modena sulla chirurgia del fegato, vie biliari e pancreas con approccio robotico conta oltre 370 interventi, raggiungendo così oltre il 60% di interventi eseguiti con tencologia mini-invasiva robotica. Questi standard, ai vertici internazionali, rendono il Policlinico meta di studio per numerosi specialisti e medici in formazione che qui vengono ad apprendere l’uso delle nuove tecnologie nella cura dei tumori del fegato.

 

 

LEGGI ANCHE

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere sul ghiacciolo
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Tutta la stanchezza del mondo di Enrica Tesio
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere dell'albicocca
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere del miele
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Devitalizzare un dente fa male?
Devitalizzare un dente fa male? E' la domanda che ci si pone quando ci si prospetta una estrazioneleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchDa Novi al Sudafrica: le macchine agricole di Andreoli Engineering fanno il giro del mondo
    • WatchTante e belle motociclette domenica a Mirandola.
    • WatchA spasso nel bosco di San Felice sul Panaro

    La buona notizia

    Rimosse auto abbandonate a Bomporto e Nonantola
    Gli agenti di Polizia Locale Unione del Sorbara sabato hanno restituito decoro a due aree pubbliche[...]
    Tiroide ed eventuali nodi ora si vedono in 3 dimensioni in ospedale a Carpi
    Il software ad elevata tecnologia è stato donato dall’Associazione Pazienti Tiroidei Onlus [...]
    Scompare in Calabria, il liceo di Ancona inonda di cartoline il suo paese per rompere l'omertà
    I ragazzi e le ragazze anconetane avevano partecipato a un campo di Libera a Crotone e hanno conosciuto la mamma del giovane 19enne di cui non si hanno notizie da 9 anni: lupara bianca[...]

    Curiosità

    I cani poliziotto Arek e Folk in visita a Cavezzo dai bimbi del centro estivo
    I cani poliziotto Arek e Folk in visita a Cavezzo dai bimbi del centro estivo
    Su invito della sindaca il Nucleo Cinofili Carabinieri di Bologna ha effettuato una dimostrazione pratica che ha suscitato tanto entusiasmo e curiosità[...]
    Al Tecnopolo di Mirandola successo per lo speed dating
    Al Tecnopolo di Mirandola successo per lo speed dating
    Dottorandi ed aziende del biomedicale cercano il loro matching professionale[...]
    Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere sul ghiacciolo
    Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere sul ghiacciolo
    La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monari[...]
    TedEx Mirandola chiude i battenti e dà appuntamento all'anno prossimo
    TedEx Mirandola chiude i battenti e dà appuntamento all'anno prossimo
    Il tema del 2023 sarà "Il tempo di prenderci cura"[...]
    Finalestense a trent'anni: la voglia di vestirsi non ha età - IL RACCONTO
    Finalestense a trent'anni: la voglia di vestirsi non ha età - IL RACCONTO
    Finalestense torna in centro storico dopo due anni di pandemia. L'allegria e l'entusiasmo dei ragazzi sfilano in corteo insieme alle cerchie[...]
    Un autobus giallo sulla Provinciale: è il Duroni Bus, temporary shop per le ciliegie a San Felice
    Un autobus giallo sulla Provinciale: è il Duroni Bus, temporary shop per le ciliegie a San Felice
    Eugenio Gagliardelli, a.d. della ceramica Opera di Camposanto, porta nella Bassa la frutta della sua azienda agricola di Maranello. Il ricavato va in beneficienza[...]
    Centenario della nascita di Margherita Hack, ecco il francobollo commemorativo
    Centenario della nascita di Margherita Hack, ecco il francobollo commemorativo
    Il francobollo è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in rotocalcografia, su carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente.[...]
    A spasso nel bosco Tomasini a San Felice - VIDEO
    A spasso nel bosco Tomasini a San Felice - VIDEO
    Almeno per un pomeriggio, un centinaio di sanfeliciani di tutte le età ha potuto riscoprilo: grazie all'accordo tra azienda agricola Mediplants e Comune, è stato reso di nuovo accessibile. [...]
    Doppio cognome, ecco il primo bimbo registrato così all'anagrafe nel Modenese
    Doppio cognome, ecco il primo bimbo registrato così all'anagrafe nel Modenese
    Prima il padre poi la madre oppure viceversa, lo decidono i genitori[...]
    Arrivano i sassi della fortuna dell'artista Ester Fulloni a San Felice
    Arrivano i sassi della fortuna dell'artista Ester Fulloni a San Felice
    Dal 2 giugno saranno sparsi nei luoghi più frequentati del paese[...]
    • malaguti