Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
03 Agosto 2021- Aggiornato alle 06:51

Campagna vaccinale anti-Covid: riaperte le prime dosi per gli operatori sanitari

MODENA- È tutto pronto anche in provincia di Modena: il Programma di attuazione del piano vaccinale nazionale contro il Coronavirus della Regione Emilia-Romagna, presentato ieri, trova anche sul nostro territorio i servizi dell’Azienda USL di Modena pronti a recepire le indicazioni ministeriali e della gestione commissariale, con l’individuazione di tempi, luoghi, modalità organizzative di somministrazione del vaccino, fasce di popolazione.

Con l’arrivo di ulteriori dosi di vaccino sono state riaperte le prenotazioni delle prime dosi per gli operatori sanitari dei contesti più a rischio, che avevano visto uno stop a causa della riduzione nelle forniture. Si potrà così raggiungere un ritmo più elevato di vaccinazione delle categorie inserite nella prima fase, per le quali non si sono comunque mai interrotte le somministrazioni delle seconde dosi. Grazie alla disponibilità di dosi di vaccino AstraZeneca, inoltre, sarà possibile inserire anche le forze dell’ordine in questa prima fase.

Contemporaneamente, fervono i preparativi per l’allestimento dei punti di vaccinazione nei sette distretti sanitari comunicati in Conferenza territoriale sociale e sanitaria. Il sistema è flessibile: a seconda della disponibilità di dosi potranno essere effettuate complessivamente da 1500 a 5500 vaccinazioni giornaliere.

Il piano vaccinale fissato a livello nazionale prevede diverse fasi di attuazione, con interessamento graduale della popolazione in riferimento a priorità di età, patologia e attività essenziale per la collettività (ma la programmazione è passibile di ulteriori modifiche da parte della struttura commissariale).

Si comincia, come noto, con gli ultraottantenni, che costituiscono, in provincia di Modena, un bacino complessivo di circa 53.400 persone. Le primissime a iniziare, lo scorso martedì 2 febbraio, sono state le vaccinazioni agli over 80 in assistenza domiciliare integrata (ADI). La settimana è stata dedicata alla sperimentazione, sui sette distretti, del percorso organizzativo, con l’obiettivo di ottimizzare le modalità di accesso e somministrazione delle dosi a questa categoria di persone ad alto rischio. Sono circa 70 le dosi effettuate in questi primi giorni. A essere interessati dalla somministrazione a domicilio saranno all’inizio circa 1900 persone in ADI, caratterizzate da un quadro socio-sanitario più fragile. Saranno vaccinati sul posto anche eventuali coniugi ultraottantenni, coinvolti in qualità di caregiver, al fine di mettere al sicuro nei tempi più rapidi possibili la generazione più colpita dalla letalità della pandemia. Così come è avvenuto – e nelle prossime giornate giungerà a conclusione – con la vaccinazione all’interno delle Case residenza anziani.

“Si tratta di un lavoro molto meticoloso, capillare sul territorio – dichiara Silvana Borsari, Direttrice sanitaria AUSL e coordinatrice della cabina di regia modenese per la Campagna vaccinale anti-SARS-CoV-2 – che coinvolge un numero di persone davvero importante, che ha funzionato e sta funzionando e ci ha consentito di mettere in sicurezza le CRA e i nostri ospedali, luoghi dove i contagi avevano un impatto importante. Speriamo ciò ci consenta di vedere nei prossimi mesi una riduzione del numero dei positivi. È ovvio che per mantenere questo risultato tutta la popolazione deve mantenere le misure di sicurezza. Non possiamo adesso che cominciamo a vedere una via d’uscita abbassare la guardia, anche chi ha fatto il vaccino continuerà a usare la mascherina e le misure di protezione, dobbiamo tenere in sicurezza tutti i nostri cittadini”.

Un grande impegno da parte di tutta la sanità, come sottolinea la Direttrice Sanitaria: “C’è stato un lavoro enorme che si è sommato al peso della pandemia, in particolare nel mese di dicembre, un peso che ha gravato su tutte le attività territoriali e ospedaliere, ma abbiamo avuto una grande adesione da parte di tutti i professionisti con la loro volontà di iniziare al più presto le vaccinazioni. Ciò ha fatto sì che, lavorando assiduamente e con turni tali da consentire 12 ore di somministrazioni giornaliere, potessimo garantire un numero di vaccinazioni veramente significativo, non solo al Punto unico ma nelle CRA. Un obiettivo di cui sono orgogliosa, raggiunto grazie al lavoro e alla dedizione che i nostri professionisti hanno messo, insieme ai volontari che ci hanno aiutato nel punto vaccinale. Grazie a tutti loro questo risultato è stato raggiunto”.

Gli over80 in assistenza domiciliare

La programmazione della vaccinazione in corso sugli assistiti in ADI tiene conto del domicilio dei pazienti, affidando alla medesima equipe vaccinale gruppi di persone georeferenziate in quartieri/comuni attigui, della presenza o meno di conviventi, dei tempi di somministrazione. Per tutti questi motivi è stato previsto un modello organizzativo flessibile secondo le caratteristiche e necessità logistiche dei singoli distretti. Il percorso è affidato agli infermieri AUSL dell’Assistenza domiciliare integrata in collaborazione con i Medici di Medicina Generale dei singoli assistiti.

Sono i servizi di Cure primarie dell’Azienda sanitaria, che hanno già in carico questi anziani, a definire gli elenchi dei pazienti destinatari del vaccino insieme ai vari Medici di Medicina Generale. Gli stessi medici hanno il compito di reperire le informazioni in merito al domicilio di assistenza, sia per l’acquisizione del consenso e dei dati anamnestici, sia per concordare la data di somministrazione del vaccino in coincidenza con l’accesso domiciliare già programmato in queste settimane. La fornitura dei flaconi di vaccino, dei dispositivi e altro materiale necessario ai Team dell’assistenza domiciliare avverrà presso il Punto Unico Vaccinazioni di Baggiovara (PUV) e presso i punti vaccinali distrettuali (in via di attivazione) a partire dalla programmazione delle dosi del vaccino previste nelle singole giornate, definita dai medici AUSL delle Cure Primarie distrettuali, insieme a MMG e infermieri.

Le sedi vaccinali

A Modena le sedi principali saranno due: la prima nell’hangar 3 della caserma Setti ex area Aereonautica militare e a Baggiovara; a Pavullo prevista una sede principale al centro prelievi, a Vignola la sede principale sarà all’oratorio della chiesa di Brodano, nel distretto di Sassuolo la sede sarà a Fiorano, a Castelfranco Emilia la sede principale sarà allestita al palazzetto dello sport, mentre a Mirandola all’ex circolo Acquaragia nel centro abitato e Palaround di S. Felice sul Panaro. A Carpi la sede principale sarà il centro prelievi di Carpi. In tutte le sedi si sta provvedendo agli allestimenti e al cablaggio.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Dal Covid alla Yolo Economy
Negli Stati Uniti imperversa un fenomeno, che sta cominciando ad interessare anche il vecchio continente: la YOLO ECONOMY, dove YOLO sta per “You Only Live Once”, che tradotto sta per “si vive una volta sola”.leggi tutto
"Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    In gravidanza le donne si difendono meglio dall’infezione da Covid-19, lo studio modenese
    Il loro sistema immunitario lavora in modo particolare per permettere lo sviluppo del feto. In caso di infezione da coronavirus, le gestanti attivano una risposta specifica e nuova[...]
    Mirandola, il dottor Giorgio Pasetto: “Il panorama della lotta ai tumori è fortunatamente fecondo di idee”
    Il medico ha fondato Medendi, un percorso personalizzato che attraverso una serie di azioni mirate aiuta ad individuare l’opzione di cura migliore, collaborando con l’oncologo di fiducia del paziente nell’interesse dello stesso. [...]
    Restauro del Municipio di Mirandola, impressionante lavoro sulle colonne del loggiato
    Un cantiere importante, anche per le sofisticate tecniche edili e di restauro impiegate, spiega la vicesindaca Letizia Budri[...]

    Curiosità

    Ecco le rotonde della Bassa che finiscono nella classifica delle più brutte del modenese
    L'artista modenese Tommaso Mori si è dilettato a stilare la classifica delle "Quaranta rotonde più brutte della provincia"[...]
    Mirandola, ruba 400 Kg di tronchi d'albero da un'azienda
    Mirandola, ruba 400 Kg di tronchi d'albero da un'azienda
    L'uomo, approfittando di alcune ore di assenza degli operai, è riuscito ad impossessarsene agganciando il rimorchio sul quale erano stati posato, ad un piccolo trattore [...]
    Mamma e figlia campionesse di softball, per loro tatuaggio olimpico a Soliera
    Mamma e figlia campionesse di softball, per loro tatuaggio olimpico a Soliera
    Una bella storia quella di madre e figlia, unite nella stessa passione che le ha portate ad assaporare l'adrenalina e l'euforia di un'esperienza indimenticabile[...]
    In gravidanza le donne si difendono meglio dall’infezione da Covid-19, lo studio modenese
    In gravidanza le donne si difendono meglio dall’infezione da Covid-19, lo studio modenese
    Il loro sistema immunitario lavora in modo particolare per permettere lo sviluppo del feto. In caso di infezione da coronavirus, le gestanti attivano una risposta specifica e nuova[...]
    Restauro del Municipio di Mirandola, impressionante lavoro sulle colonne del loggiato
    Un cantiere importante, anche per le sofisticate tecniche edili e di restauro impiegate, spiega la vicesindaca Letizia Budri[...]
    Fuori il video della modenese Raffy feat. Ivan Granatino "Ratatà (Boom)"
    Fuori il video della modenese Raffy feat. Ivan Granatino "Ratatà (Boom)"
    Il brano, prodotto al Take Away Studios di Modena è un mix perfetto tra pop e reggaeton dalle sonorità latino-americane in grado di scaldare ulteriormente l'estate 2021[...]