Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
08 Dicembre 2022

Medolla e Nonantola, il 16 e il 17 ottobre torna l’appuntamento con le Giornate Fai d’Autunno

NONANTOLA, MEDOLLA – Il 16 e il 17 ottobre torna il tradizionale appuntamento con le Giornate Fai d’Autunno. Per l’occasione diverse saranno le aperture allestite: a Nonantola la Partecipanza Agraria, al Museo e all’Oasi Naturale del Torrazzuolo, per raccontare storie che partono dal Medioevo per continuare fino ai giorni nostri. Un percorso che vede fondersi perfettamente storia, arte, architettura e natura. A Medolla, si potrà invece visitare in esclusiva il Giardino di Carla, complesso formato da una Villa storica e da un Giardino all’Italiana, appartenuto all’artista Carla Molinari. Per celebrare la sua carriera di pittrice e scultrice sarà possibile ammirare alcune delle sue opere più famose.

Nel weekend del 16-17 ottobre la Delegazione Fai di Modena, il Gruppo FAI Giovani Modena, il Gruppo Fai Bassa Modenese, propongono un denso programma di aperture speciali, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria. Per questo motivo è obbligatoria la prenotazione online sul sito https://faiprenotazioni.fondoambiente.it/ Nel fine settimana apriranno luoghi diversi: consultare il sito per controllare il programma e le modalità di visita.

“Nonostante le difficoltà organizzative legate all’emergenza pandemica anche quest’anno siamo riusciti ad organizzare un programma di aperture di alta qualità», hanno sottolineato nel corso della conferenza stampa di stamattina Vittorio Cavani, Capo Delegazione FAI di Modena e Edoardo Cavani, Capo Gruppo FAI Giovani Modena. «In particolare quest’anno abbiamo voluto accendere i riflettori su alcuni luoghi più o meno noti della nostra Provincia. Tutto ciò come sempre grazie ai tanti volontari che ci supportano, agli Apprendisti Ciceroni dell’Istituto Meucci e del Liceo Scientifico Wiligelmo ed alla preziosa collaborazione delle amministrazioni comunali”.

Nonantola

– Partecipanza Agraria

Le giornate FAI d’Autunno 2021 prevedono l’apertura, a cura del GRUPPO FAI GIOVANI MODENA E DELLA DELEGAZIONE FAI DI MODENA, della Partecipanza Agraria di Nonantola nelle giornate del 16 e 17 ottobre dalle ore 09,00 alle ore 18,00 con orario continuato. La prenotazione alla visita è obbligatoria e si può effettuare sul sito www.giornatefai.it. Per accedere bisognerà essere muniti di green pass. Le visite guidate saranno a cura degli Apprendisti Ciceroni del Liceo Scientifico Wiligelmo di Modena e dell’Istituto Superiore di Istruzione Meucci di Carpi. La Partecipanza Agraria di Nonantola è l’unica nella provincia di Modena ed è la più antica fra le sei Partecipanze emiliane (Nonantola, Sant’Agata Bolognese,S. Giovanni in Persiceto,Cento,Pieve di Cento,Villa Fontana – Medicina) tuttora esistenti. La sua origine deriva dalla Carta del 1058 dell’Abate Gotescalco di Nonantola, che concede al popolo nonantolano il diritto d’uso sul terreno coltivabile posto all’interno dei confini del paese. Attualmente la Partecipanza di Nonantola si estende a Nord-Est del capoluogo di Nonantola su un territorio di circa 760 ettari di terreno votato prevalentemente all’agricoltura. Ha attualmente sede in un antico palazzo situato nel centro storico del paese. Rappresenta, ancora oggi, “un altro modo di possedere”, alternativo alla proprietà privata. E’ una particolarissima forma collettiva di gestione di terreni agricoli ricca di implicazioni storiche e sociali e si basa su una forma di solidarietà che lega determinati gruppi sociali ad un preciso territorio, seguendo regole quasi immutate nel tempo. Esse si basano sull’obbligo di conservare e migliorare il patrimonio avuto in concessione da quasi un millennio per consegnarlo alle future generazioni. Oggi gli aventi diritto all’assegnazione periodica della “bocca” di terra, mediante sorteggio (attualmente ogni 12 anni), sono i discendenti delle antiche famiglie originarie nonantolane, caratterizzati da ventidue particolari cognomi quali Abati, Ansaloni, Apparuti, Bevini, Borsari, Bruni, Cerchiari, Corradi, Grenzi, Magnoni, Medici, Melotti, Piccinini, Reggiani, Serafini, Sighinolfi, Simoni, Succi, Tavernari, Tinti, Tori, Vaccari e Zoboli. Dal 1991, ad esempio, il 10% circa dei terreni (valli) non viene ripartito perché è stato destinato a bosco e zona umida, meta di visita per molte scolaresche e visitatori.

Oasi naturalistica del Torrazzuolo

Le giornate FAI d’Autunno 2021 prevedono l’apertura, a cura del GRUPPO FAI GIOVANI MODENA E DELLA DELEGAZIONE FAI DI MODENA, dell’Oasi Naturalistica del Torrazzuolo nelle giornate del 16 e 17 ottobre dalle ore 09,00 alle ore 18,00 con orario continuato. La prenotazione alla visita è obbligatoria e si può effettuare sul sito www.giornatefai.it. Per accedere bisognerà essere muniti di green pass. Le visite guidate saranno a cura degli Apprendisti Ciceroni del Liceo Scientifico Wiligelmo di Modena e dell’Istituto Superiore di Istruzione Meucci di Carpi insieme ai volontari del FAI Giovani e della Delegazione FAI di Modena L’oasi “Torrazzuolo”, che in gran parte si estende sui terreni della Partecipanza Agraria di Nonantola, è una delle aree naturalistiche più importanti della Pianura Padana sia per dimensioni che per diversificazione degli habitat presenti: comprende infatti un articolato sistema di boschi, aree umide e un fitto reticolo di siepi e canali.
Il territorio della Partecipanza, fin dal medioevo caratterizzato da boschi, paludi e prati, a partire dalla metà del XIX secolo fu soggetto ad una progressiva e radicale operazione di messa a cultura dei terreni: tra la fine del 1800 e i primi decenni del ‘900 i terreni, che rappresentavano un’indispensabile fonte di sopravvivenza per le famiglie dei Partecipanti, furono convertiti alla coltivazione di cerali.Il grande bosco di 900 biolche, che fin dall’altomedioevo aveva così fortemente caratterizzato il territorio della Partecipanza, tra il 1877 e il 1884 fu completamente abbattuto per dedicare i terreni a coltivazioni di cerali e legumi ma, a partire dagli anni ’80 del secolo scorso, attraverso interventi di ripristino naturalistico effettuati per tappe successive, circa il 10% della Partecipanza è stato rinaturalizzato. L’Area di Riequilibrio Ecologico “Torrazzuolo” copre oggi una superficie complessiva di 132 ettari e, a livello europeo, è stata inserita nella Rete “Natura 2000” come Sito di Importanza Comunitaria (SIC) e Zona di Protezione Speciale (ZPS). Il bosco planiziale è una “Kyoto Forest” per il monitoraggio del bilancio assorbimento/rilascio della CO2.

Medolla

– Giardino di Carla

Le giornate FAI d’Autunno 2021 prevedono l’apertura, a cura del GRUPPO FAI BASSA MODENESE, del Complesso di Villa Molinari e, in particolare, del retrostante giardino, nelle giornate del 16 e 17 ottobre dalle ore 10,00 alle ore 18,00 con orario continuato. La prenotazione alla visita non è obbligatoria ma è consigliata e si può effettuare sul sito www.giornatefai.it. Per accedere bisognerà essere muniti di green pass. L’insediamento si trova a Camurana, una frazione del Comune di Medolla. La visita guidata con gli “Apprendisti Ciceroni” (gli studenti del Liceo ‘M.Morandi’ di Finale E.), si articolerà in tre momenti.

Dapprima saranno illustrati gli aspetti storici ed architettonici della villa e degli altri fabbricati di servizio. Pur essendo la famiglia Molinari documentata a Camurana fin dal Cinquecento, come attesta un atto battesimale del 1575, questa villa non compare nella pur dettagliata pianta del Boccabadati del 1687. Le date rinvenute in una trave del piano terra (MDLIII) e in una pietra nascosta sotto la soglia d’ingresso (1597) fanno presumere ad una preesistenza di cui non si hanno notizie più precise Il rapporto fra gli edifici e la sistemazione esterna risalenti all’inizio del ‘900, quando furono realizzati importanti interventi e trasformazioni, soprattutto ai fabbricati di servizio alla villa. Nel 2012, il sisma ha provocato danni e crolli sia agli edifici sia al giardino che sono stati, poi, oggetto di notevoli lavori di restauro.

Si procederà, quindi, con la visita al giardino, realizzato nei primi decenni del ‘900 e ispirato alle forme del cosiddetto giardino “all’italiana” o “formale”, risalente al tardo Rinascimento e contraddistinto da forme geometriche, ordine e simmetria. In questo ampio spazio verde, sono presenti numerosi esemplari di alberi d’alto fusto, alcuni piuttosto rari. Interessante è l’impiego dell’arte topiaria, grazie alla quale – attraverso le potature – si ottengono spazi delimitati da siepi o filari e la creazione di “sculture” vegetali di varie forme.

Infine, all’interno della villa e del giardino, sarà possibile ammirare alcune delle numerose opere e creazioni artistiche della precedente proprietaria, Dott.ssa CARLA MOLINARI (1945-2016), persona molto nota e stimata per il suo impegno nel campo artistico, ma anche sociale. Dopo la Laurea in Belle Arti, conseguita presso l’Università di Detroit (Michigan), si trasferì in Italia, proprio a Camurana, dove era nata; qui completò la sua formazione, accostandosi alla grande arte del passato. Manifestò la sua capacità e sensibilità creativa, attraverso varie tecniche, come la scultura, l’incisione e il disegno. Per le sue opere, espressione sia della bellezza e armonia della natura, ma anche dell’inquietudine della condizione umana, ottenne numerosi premi e riconoscimenti

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

APPUNTI DI GUSTO | Tutto quello che c’è da sapere della torta delle rose
Francesca Monari ci invita a degustare questo dolce dal fascino antico, soffice a lentissima lievitazione e lavorazione tipico della città di Mantova.leggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Consigli di salute
Come proteggere la tua bocca durante le feste? Ecco i consigli del dentista!
I dolci che costellano il periodo natalizio possono facilitare l’insorgere di carie: cioccolata, torroni e panettoni, ma anche bevande gassate e calici di spumante possono aggredire lo smalto dei dentileggi tutto
Glocal
Il partito dei disillusi e i governi dei migliori
Durante i sette trimestri del governo Draghi l’Italia è stata l’unica economia del G7 che ha visto aumentare il PIL trimestre su trimestre.leggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto| Tutto quello che c’è da sapere del cachi
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Prevenire la carie nei molari dei bambini? Si può
Attraverso la sigillatura dei solchi, una procedura assolutamente non invasiva ma in grado di limitare il rischio carie.leggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere dell’africanetto
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Giornata della disabilità, i ragazze e le ragazze di Anffas Mirandola si raccontano in un video
    La ricerca del benessere, la voglia di stare insieme, la socializzazione e l'inclusione sono sempre i principi ispiratori di qualsiasi esperienza ed attività proposta da Anffas[...]
    "Natale a casa di Lucio": i presepi dell'artista Marcello Aversa in mostra nella casa di Lucio Dalla
    In una delle sue più celebri canzoni, “L’anno che verrà”, Lucio Dalla immaginava il futuro desiderato come quello in cui “sarà tre volte Natale” ed era questo, infatti, il periodo dell’anno che preferiva[...]

    Curiosità

    Un coccodrillo marino pasto indigesto del Giurassico: i risultati di uno studio Unimore e UniPd
    Un coccodrillo marino pasto indigesto del Giurassico: i risultati di uno studio Unimore e UniPd
    Un nuovo studio, guidato dalle Università di Modena-Reggio Emilia e Padova, ha rivelato la natura sorprendente di un fossile proveniente dal Giurassico bellunese[...]
    Mucche digitali, droni e robot nelle stalle: al via il progetto CowBot dell'Università di Modena
    Mucche digitali, droni e robot nelle stalle: al via il progetto CowBot dell'Università di Modena
    Il sistema sviluppato all'interno di COWBOT affiancherà gli agricoltori nelle operazioni quotidiane, alleviandone la fatica e migliorando la condizione generale degli animali allevati.[...]
    Daniele Silvestri a Carpi fa il tutto esaurito
    Daniele Silvestri a Carpi fa il tutto esaurito
    Mescolando talento e tradizione, leggerezza espressiva e impegno civile, in una carriera ormai ventennale ha dato alla luce brani entrati nelle playlist degli italiani come “Le cose che abbiamo in comune“, “Salirò”, “Cohiba” e “Il mio nemico”.[...]
    A Mirandola parte il questionario sul gradimento dei servizi del Comune
    A Mirandola parte il questionario sul gradimento dei servizi del Comune
    Si vuole così vagliare on line quanto vengano o no apprezzati l'organizzazione del lavoro e il rapporto con l'utenza.[...]
    Meraki: ecco cosa vuol dire la parola d'ordine del Governo Meloni
    Meraki: ecco cosa vuol dire la parola d'ordine del Governo Meloni
    Meloni spiega: "E' un approccio che in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo, dalla progressiva uscita dalla pandemia fino alla complessa congiuntura economica e internazionale, può e deve offrire alla nostra nazione anche delle occasioni".[...]
    Navigazione sui fiumi, dalla Regione oltre 61 milioni per rilanciare il sistema idroviario padano
    Navigazione sui fiumi, dalla Regione oltre 61 milioni per rilanciare il sistema idroviario padano
    A 20 anni di distanza dagli ultimi finanziamenti statali riprende il progetto delle ‘autostrade d’acqua’: opere sostenibili che rientrano a pieno titolo nella transizione ecologica[...]
    Il Morandi di Finale Emilia migliore scuola della provincia per il Linguistico
    Il Morandi di Finale Emilia migliore scuola della provincia per il Linguistico
    L'altra eccellenza è il Pico di Mirandola, un po' sbiadito ma sempre sul podio dei migliori licei modenesi per chi prosegue gli studi.[...]
    Esercitazione anti incendio nella Galleria dell'Alta velocità di Bologna- LE FOTO
    Esercitazione anti incendio nella Galleria dell'Alta velocità di Bologna- LE FOTO
    Lo scenario ipotizzato è stato quello di un principio di incendio su un mezzo utilizzato per la manutenzione dell’infrastruttura, in quel momento in corso di trasferimento con tre tecnici a bordo e la conseguente fermata di emergenza nella stazione sotterranea di Bologna Centrale.[...]
    Aironi guardabuoi, con il riscaldamento globale non partono per l'Africa e restano qui: salvati in 4 a Modena
    Aironi guardabuoi, con il riscaldamento globale non partono per l'Africa e restano qui: salvati in 4 a Modena
    Destabilizzati dal meteo ritardano la partenza per poi trovarsi, col calare delle temperature, con difficoltà respiratorie. Quattro esemplari in difficoltà sono stati salvati in questi giorni dal Pettirosso. [...]
    Sequestrata una falsa Ferrari: era una Toyota trasformata artigianalmente
    Sequestrata una falsa Ferrari: era una Toyota trasformata artigianalmente
    L'auto era stata trasformata nella carrozzeria e negli accessori esterni per renderla del tutto somigliante a una Ferrari F430[...]
    • malaguti