Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
04 Marzo 2024
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

“La dolce vita a Finale”, che successo! Perché in paese è tornata la voglia di divertirsi insieme

FINALE EMILIA- "La dolce vita a Finale", che successo! Perché in paese è tornata la voglia di divertirsi insieme. Non servono i numeri - quelli delle presenze o dei fondi raccolti per beneficeenza - per spiegare perché la manifestazione "La Dolce vita" che si è tenuta negli ultimi tre giorni a Finale Emilia, è stata un grande successo. Perché non sono i numeri, comunque lusinghieri, a decretare il risultato più importante che si è ottenuto. Ovvero quello di vedere di nuovo le associazioni attive, il volontariato sul pezzo, i commercianti entusiasti, i cittadini curiosi, come da tanto tempo non accadeva a Finale Emilia. Qualcuno ricorda ancora come "prima", Finale Emilia fosse la cittadina più vivace della Bassa in termini di associazionismo, voglia di feste e allegria festaiola. Che ci fosse da passeggiare in centro o pagaiare sul canale, travestirsi per Finalestense o ballare la disco, ammirare una mostra di quadri o ascoltare poesie, ogni giorno ce n'era una. Poi, più nulla. All'improvvisò una cappa pesante è scesa sul paese, ed è - prendiamo la similitudine da un pensionato massese - come se si fosse dato il diserbante sull'associazionismo. Era l'epoca della bufera politica, dei sospetti sugli appalti comunali, delle inchieste giudiziarie che hanno toccato anche il volontariato: nessuno aveva più voglia di organizzare nulla, e anche se ne aveva, poi nessuno se la sentiva di mettere la firma e prendersi la responsabilità col rischio di finire nei guai. Ci sono voluti quasi dieci anni, due cambi di sindaco e un ricambio generazionale nel volontariato per venirne fuori, per superare timori, paure e trovare la voglia di rimettersi in gioco, tutti assieme. Si, perché è quel "tutti assieme" a fare la differenza, a Finale lo sanno. "La dolce vita" è nata così, dalla proposta del Comune di organizzare qualcosa tutti assieme. Con la neonata Consulta per l'economia finalese, con la rinnovata Pro Loco finalese, trovando gli sponsor tra le aziende finalesi, coinvolgendo i commercianti finalesi. Senza la prosopopea di pensare di saper fare tutto da soli, i finalesi hanno chiamato un manager del privato (Stefano Rimondi, Caracol Società Cooperativa Sociale) e si sono detti: "Cosa stuzzica la gente di Modena? Le fiere campionarie sono ormai superate" ed ecco l'idea degli anni Sessanta,  pensando ai boomer ricordando loro i bei tempi andati della giovinezza, e strizzando l'occhio ai più giovani creando sfondi instangrammabili.  In realtà si stava costruendo qualcosa di molto importante, e poco contava il tema della festa, che poteva essere anche "La navigazione del Panaro" oppure "La festa dei colori", sarebbe stato comunque un successo se l'obiettivo era chiamare famiglie, ragazzi, pensionati in un evento fluido, itinerante e movimento, dove ci si potesse muovere e i cittadini vengono coinvolti, chi a fare il figurante per le fotografie, chi a tirare fuori dal garage la Lambretta o la Topolino, chi a chiedere alla nonna di prestarle l'abito da sposa per la sfilata in costume d'epoca. Con la bella sorpresa, per i bambini di trovare i nuovi bellissimi giochi installati ai giardini dai volontari (anche qui, volontari) "Ciao Manu". Spiega Andrea Carriero, presidente Proloco Finale Emilia: "Volevamo creare un evento con la E maiuscola, noi avevamo da parte un gruzzoletto e il nuovo direttivo, ma nessuna esperienza, ci siamo affidati al privato. Abbiamo incontrato diverse criticità, ma la volontà era superiore alle criticità, volevamo mettere insieme le persone di Finale Emilia, c'è il desiderio di rivedere le piazze piene, nel finalese far lavorare le aziende finalesi, sponsor finalesi e associazioni finalesi. Ora abbiamo maturato una esperienza importante. È una vittoria importante. Finale Emilia ha un nuovo passo, siamo riusciti a tenerci per mano". Il sindaco Claudio Poletti: "Pessimismo della ragione, ottimismo della volontà  - sorride citando Gramsci - se pensiamo alle sfighe saremmo a piangerci addosso. Abbiamo voluto mandare un preciso messaggio di rivitalizzazione della società Attivando le Consulte delle frazioni, la Consulta delle economie, il Forum giovani e la Consulta delle associazioni abbiamo creato le condizioni per rimotivare i cittadini, riprendere il dialogo e il confronto". Il resto è venuto da sè. Perché i finalesi ci sanno fare". “Rivedere una città così viva e animata, osservare tanta gente di ogni età, famiglie e compagnie di ragazzi muoversi da un punto all’altro del paese per seguire i numerosi eventi proposti a qualsiasi ora del giorno, ci ha dato grande soddisfazione, è stato davvero emozionante -ha proseguito il primo cittadino finalese -. Questo evento ha dimostrato, già dalla sua prima edizione che può andare a colmare il vuoto lasciato dalla vecchia fiera campionaria d’aprile, una manifestazione che per realtà come le nostre credo sia ormai superata”. Così il sindaco di Finale Emilia commenta il successo della prima edizione de “La dolce vita”, la manifestazione dedicata agli anni Sessanta andata in scena da venerdì 21 a domenica 23 aprile. Questi alcuni numeri che certificano l’ottima riuscita: 3 giorni di eventi, più di diecimila presenze, un centinaio di eventi, 3 palchi principali, 3 palchi secondari, l’App Dolce Vita risulta in tendenza tra le prime 5 scaricate in Italia, 72 ore di diretta radio in streaming grazie a Radio StazioneRulli, una cinquantina di auto storiche e lambrette, 23 partecipanti alla gara di zuppa inglese, 405 persone al pranzo di beneficenza organizzato in via Mazzini (il cui ricavato contribuirà all’acquisto di un ambulanza per la Croce Rossa di Finale Emilia), 40.084 visite sul sito Dolce Vita (https://www.ladolcevita.mo.it/), 31.000 visite sul sito Pro Loco (https://www.prolocofinaleemilia.it/), 120 attività commerciali presenti, 80 associazioni del territorio, 30 sponsor. “Voglio complimentarmi con gli organizzatori – aggiunge il sindaco Poletti - la nuova Pro Loco e la cooperativa sociale Caracol, la rinata Consulta dell’Economia e delle Attività Produttive, il Comitato Commercianti di Finale Emilia, i numerosi sponsor, le associazioni finalesi, in particolare la Moda nei Tempi e la Podistica Finale Emilia per il supporto organizzativo, e gli istituti scolastici che hanno arricchito la manifestazione con la loro presenza. Noi, dal canto nostro, abbiamo cercato di dare il nostro contributo, mettendoci a disposizione. Credo che questa collaborazione tra pubblico e privato, tra le attività commerciali e il mondo del volontariato, sia la strada giusta su cui proseguire per il futuro. Grazie davvero a tutti, a chi ha lavorato anche dietro le quinte perché tutto funzionasse bene e a chi ci ha onorato della sua presenza. Adesso tutti al lavoro per la ventiseiesima edizione di Finalestense, in programma dal 9 all’11 giugno, che resta un evento molto amato e partecipato dalla nostra comunità e che vogliamo confermi il successo registrato lo scorso anno”.
SulPanaro Expo

RESTO D'ITALIA E MONDO

Rubriche

Linee guida per i Social | Ecco come iniziare bene a comunicare un'attività
Rubrica - Francesca Monari ha chiesto a Susanna Baraldi, titolare di un’agenzia di comunicazione mirandolese, come impostare correttamente una pagina social
Bonus export digitale plus 2024, ecco come fare per richiederlo
Da sapere - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli da non perdere!
Rubrica - La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monari
Glocal
Una serata a Modena in ricordo di Giulio Santagata
Glocal - Venerdì 16 febbraio alle ore 17, a Modena, presso l’Auditorium Marco Biagi. Romano Prodi, Pierluigi Bersani, Gian Carlo Muzzarelli e Luca Bottura raccontano ZULI, “il compagno” Giulio Santagata.
Glocal
Innovazione e competitività delle imprese emiliano-romagnole
Glocal - Il sistema economico dell’Emilia-Romagna si posiziona al 21mo posto, su 121, per capacità di innovazione e grado di competitività delle imprese.
Glocal
La cucina italiana ancora la migliore al mondo
Glocal - La classifica dei Paesi con la “migliore cucina al mondo” vede al primo posto l'Italia con la valutazione media di 4.65 punti su 5.
Superbonus, il decreto “salva spese” – bonus barriere architettoniche
Da sapere - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto
Glocal
Pandoro indigesto per Chiara Ferragni: ma il vero danno è economico o d'immagine?
Glocal - Il nostro esperto di economia Andrea Lodi ricostruisce a quanto ammonta il danno economico per le società di Chiara Ferragni dopo la comminazione della multa da parte dell’Antitrust

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

  • I più letti

  • Most Read Posts

    • Non ci sono elementi
  • La buona notizia

    Volontariato
    Il ricavato del comitato Sagra Confine donato a 4 associazioni del territorio
    A ricevere la donazione sono stati Avis, Auser, Croce Blu e scuola dell’infanzia Filomena Budri di Mortizzuolo.
    usciamo
    A Massa Finalese una festa della donna… a tavola, in collaborazione col Centro Antiviolenza Ucman
    La serata enogastronomica si terrà al PalaDiversivo Prosolidar. Parte del ricavato sarà devoluto all'associazione Donne in Centro. Sabato 9 e domenica 10 la manifestazione "Tradizionalmente"
    Vestiti, usciamo
    Buon compleanno all'Oasi delle cicogne di Medolla
    Festeggia oggi gli anni lo spazio verde tra i più belli d’Italia, gestito dai volontari in collaborazione col Comune

    Curiosità

    Una corda insaporita per uccidere il cane, l'animale ora rischia di morire
    Da sapere
    Una corda insaporita per uccidere il cane, l'animale ora rischia di morire
    La corda, che era stata insaporita con grasso o strofinata col prosciutto, è stata gettata nel giardino di casa
    "Sanremo nonni", allegria e divertimento alla Cra “Augusto Modena” di San Felice
    L'iniziativa
    "Sanremo nonni", allegria e divertimento alla Cra “Augusto Modena” di San Felice
    Lo scorso 25 febbraio un gruppo di volontari ha animato la domenica degli ospiti della struttura
    Lavoro, sul sito Trenitalia nuova sezione per candidarsi
    L'iniziativa
    Lavoro, sul sito Trenitalia nuova sezione per candidarsi
    Sarà ad esempio possibile candidarsi per il ruolo di macchinista, figura storica del trasporto ferroviario, che oggi opera utilizzando moderne e sofisticate tecnologie.
    Teatri di San Felice, il restauro non c'è ma almeno possiamo vedere i rendering
    L'iniziativa
    Teatri di San Felice, il restauro non c'è ma almeno possiamo vedere i rendering
    Mentre i paesi vicini come Medolla o Concordia, terremotati come noi, hanno riaperto i loro teatri, il nostro è ancora casa di polvere e piccioni.
    La società Ocagiuliva vince la 150a edizione del Carnevale storico di Persiceto
    I risultati
    La società Ocagiuliva vince la 150a edizione del Carnevale storico di Persiceto
    Con il carro “Con la testa piena” ha proposto il tema del carnevale come grande contenitore di idee, fantasia e poesia, omaggiando Jacques Tati, Giulio Cesare Croce, Bertoldo
    "C'è posta per te" a Medolla per raccontare la storia di Tiziana e Francesca
    L'iniziativa
    "C'è posta per te" a Medolla per raccontare la storia di Tiziana e Francesca
    La trasmissione con protagonisti questi abitanti della Bassa modenese è andata in onda sabato sera
    Apre la nuova Bottega Manigolde a Finale Emilia
    L'iniziativa
    Apre la nuova Bottega Manigolde a Finale Emilia
    Si trova proprio a fianco al laboratorio dell’omonima sartoria circolare
    Aziende e territorio
    A Sanremo i vestiti di Mahmood sono made in Concordia, firmati Rick Owens
    Il made in Italy, del resto, non è solo un marchio, ma un patrimonio di conoscenze e saper fare che si trova solo da qualche parte, non è diffuso e globalizzato.
    L'eccezionale interpretazione di "Con te partirò" del carpigiano Davide Ascari, pilone della Nazionale di rugby
    L'iniziativa
    L'eccezionale interpretazione di "Con te partirò" del carpigiano Davide Ascari, pilone della Nazionale di rugby
    Durante il Terzo Tempo del post match di Irlanda-Italia Under 20. Ascari, classe 2004, ha lasciato a bocca aperta compagni e avversari con una performance canora
    In Italia aumentano gli animali domestici con microchip, al terzo posto l'Emilia-Romagna
    Animali
    In Italia aumentano gli animali domestici con microchip, al terzo posto l'Emilia-Romagna
    Oipa: "Chiedere l'obbligo anche per gatti e furetti".

    chiudi