Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
18 Aprile 2024
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Gli italiani mangiano male

Gli italiani mangiano male! Sembrerebbe un eufemismo, una contraddizione. Non è possibile che il popolo che vive nel Paese dove si produce il migliore cibo del mondo, mangi male. Dove addirittura possiamo fruire della cosiddetta “dieta mediterranea”.

Eppure è così. In Italia, ogni dieci minuti, una persona muore per complicanze legate all’’obesità.

Esiste un termine per definire il fenomeno: malnutrizione, che indica un approccio alimentare sbagliato, alla base dello sviluppo del sovrappeso e dell'obesità. La malnutrizione in Italia interessa ormai 1,3 milioni di bambini (vale a dire il 2,2% della popolazione totale).

In Europa le cose non vanno meglio. La malnutrizione riguarda un bambino della fascia d’età dagli 8 ai 10 anni su tre. Dati sconcertanti, che delineano una vera e propria emergenza sanitaria mondiale. Nel giro di qualche anno i problemi di salute causati dai chili in eccesso provocheranno più vittime del cancro. E’ accertato che ben 15 forme tumorali sono legate all'obesità.

L'allontanamento dalla dieta tradizionale porta a un aumento nel consumo "di alimenti altamente trasformati", ricchi di grassi, zuccheri e sale. I cosiddetti “junk food”, ovvero cibo spazzatura a basso prezzo.

L’incidenza sulla spesa sanitaria

In Italia la spesa sanitaria nel 2022 ha raggiunto la considerevole cifra di 129,2 miliardi di euro, che sommati ai 40 miliardi della spesa sanitaria privata, somma circa 170 miliardi di euro. L’8,9% del PIL nazionale.

La malnutrizione costa sul sistema sanitario italiano 4,5 miliardi di euro l’anno, il 2,6% della spesa sanitaria totale. In Europa il fenomeno assorbe circa il 7% del budget sanitario europeo.

Ma di chi è la colpa?

Nel mondo si stima che i bambini in sovrappeso siano circa 39 milioni.

Uno studio, finanziato dall’UNICEF e dall’Applied Research Collaboration (ARC) del National Institute for Health Research (NIHR) Oxford e Thames Valley, ci informa che le lobby alimentari vendono soprattutto cibi e bevande malsane. Pare che l’89% dei loro prodotti siano considerati insalubri. Addirittura la Ferrero avrebbe totalizzato il 100% di prodotti ritenuti insalubri.

L’analisi ha preso in esame 35.550 prodotti di 1.294 marchi appartenenti alle 20 principali aziende alimentari e delle bevande mondiali. I prodotti delle varie marche sono stati suddivisi in “più sani” e “non salutari” in base ai criteri dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Per ogni 10 dollari spesi su tali marchi, appena 1,10 dollari sono stati destinati a prodotti considerati più salutari. La maggior parte della spesa del consumatore medio, riguarda cibi come dolciumi, snack e bevande analcoliche ricche di zuccheri. 

Segue grafico con indicazione della percentuale delle vendite di ogni singola azienda alimentare suddivise tra “più sani” e “non salutari”:

Il Gruppo alimentare messicano “Bimbo”, la più grande azienda di panificazione al mondo, è quella con la più alta percentuale (48%) di vendita di prodotti considerati sani. Al contrario Red Bull e Ferrero risultano le aziende con il 100% di vendita di prodotti ritenuti insalubri.

Lo studio evidenzia la stretta relazione esistente tra le multinazionali e l’aumento delle malattie legate all’alimentazione su scala globale. Pare che il contributo di queste lobby ai problemi dell’obesità e del diabete non siano da sottovalutare. Nelle loro conclusioni, infatti, i ricercatori scrivono: “questo studio fornisce un metodo obiettivo e trasparente per valutare il profilo di rischio nutrizionale delle aziende alimentari e delle bevande. Dimostra che le più grandi aziende mondiali del settore dipendono fortemente dalle entrate derivanti dalla vendita di prodotti non salutari”.

La colpa è delle multinazionali dell’alimentazione?

Fin qui tutto chiaro. Ma non abbiamo risposto alla domanda: di chi è la colpa, o se vogliamo essere più precisi, la responsabilità, del fenomeno della malnutrizione che colpisce i Paesi a “benessere diffuso”?

Leggendo le conclusioni dello studio commissionato dal’UNICEF, sembrerebbe che le responsabilità siano da addossare alle multinazionali del settore alimentare.

Personalmente non sono assolutamente d’accordo. Ferrero produce dolciumi. Ed i dolciumi, proprio per la loro caratteristica sono dolci, ovvero, secondo il dizionario della lingua italiana, è dolce un alimento “che produce una sensazione gustativa gradevole dovuta alla presenza di zuccheri”. E non solo.

Chi acquista i prodotti della Ferrero, così di qualunque altro produttore di dolciumi, è consapevole di che cosa sta acquistando e dei danni che può provocare un consumo eccessivo di tali prodotti.

Nel sito della multinazionale italiana del settore dolciario, tra i quattro pilastri strategici sulla “sostenibilità”, l’azienda di Alba, in Piemonte, ha inserito la “promozione di un consumo responsabile”.

Il principio della responsabilità individuale

Sebbene le multinazionali dell’alimentazione adottino strategie di marketing che ci inducono ad acquistare i loro prodotti, è altrettanto vero che la colpa, o responsabilità, della malnutrizione è individuale. E’ nostra. Ognuno di noi ormai è subissato di informazioni riguardanti le regole da rispettare per una “sana alimentazione”. E dovremmo essere sufficientemente in grado di non lasciarsi più di tanto “indurre” ad adottare comportamenti sconvenienti per la nostra salute.

Il giusto comportamento da rispettare riguarda in realtà tanti altri prodotti alimentari da consumare con parsimonia: dagli alcoolici, alle carni rosse, ai formaggi, per citarne alcuni. Anch’essi contribuiscono non solo all’obesità, ma alla formazione di vari tipi di tumori. Quindi dovremmo mettere in croce tutta l’industria alimentare italiana? Non mi sembra il caso. Stiamo parlando di un settore, quello alimentare, che nel 2023 ha prodotto un fatturato annuo di 179 miliardi di euro (l’8,6% del PIL), con 60mila imprese attive e 464mila addetti ed un export di oltre 50 miliardi di euro.

Senza dover ricorrere a consulenti esperti in materia nutrizionale, o addirittura terapeuti, è sufficiente dare un’occhiata alla “piramide alimentare” (o nutrizionale) per comprendere in modo diretto e semplice qual è il giusto approccio ad una sana alimentazione, come da rappresentazione grafica che segue:

Viviamo in una società che ci concede un bene prezioso: la libertà. Siamo liberi di fare le scelte che vogliamo. Giuste o sbagliate che siano. Ma la libertà è fortemente legata al principio della responsabilità individuale. E dobbiamo scomodare addirittura il filosofo Nietzsche, quando scrive: “la libertà è la volontà di essere responsabili di noi stessi.”

Le informazioni le abbiamo. Dipende l’uso che ne vogliamo fare.

SulPanaro Expo

RESTO D'ITALIA E MONDO

Rubriche

Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere della focaccia fiorita
Rubrica - Creatività, ortaggi e farine; questi gli ingredienti che danno vita a questa scenografica focaccia. Rubrica a cura di Francesca Monari
Superbonus - nuova comunicazione preventiva
Rubrica - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto
Linee guida per i Social | Ecco come creare post perfetti in pochi e semplici passaggi
Rubrica - Ed eccoci al terzo appuntamento con Susanna Baraldi, titolare di un’agenzia di comunicazione mirandolese. Oggi impareremo a destreggiarci tra post, reel e video.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli
Il punto - E' la rubrica che abbiamo deciso di avviare per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, pubblicando le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Glocal
Gli italiani mangiano male
Glocal - In Italia, ogni dieci minuti, una persona muore per complicanze legate all'obesità.
L’arte in Strada | San Prospero e il murale dedicato a Fraintesa
Rubrica - Rubrica a cura di Francesca Monari
Piccole e medie imprese, come ottenere i contributi per internazionalizzazione, transizione energetica e installazione di sistemi di sicurezza
Da sapere - I bandi riguardano attività in regola con il Durc e con il pagamento del diritto annuale alla CCIAA
Glocal
Nel 2050 un pensionato per ogni lavoratore
Glocal - Finanze pubbliche e welfare non saranno più sostenibili con il calo delle nascite
Linee guida per i Social | Ecco come iniziare bene a comunicare un'attività
Rubrica - Francesca Monari ha chiesto a Susanna Baraldi, titolare di un’agenzia di comunicazione mirandolese, come impostare correttamente una pagina social
Bonus export digitale plus 2024, ecco come fare per richiederlo
Da sapere - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto

Sul Panaro on air

    • WatchRiapre il circola lato B in località Canaletto a Finale Emilia
    • WatchEcco le barriere anti inondazione per salvare Bomporto dalle alluvioni
    • WatchMarika Menozzi si candida sindaca a Concordia sul Secchia
  • I più letti

  • Most Read Posts

    • Non ci sono elementi
  • La buona notizia

    I dati
    Ricostruzione, prorogati al 31 dicembre 2025 i termini per l'esecuzione dei lavori finanziati
    Nuova ordinanza del Commissario e presidente della Regione. Modificate le scadenze di tutti i procedimenti in corso gestiti con la piattaforma informatica Mude
    Il caso
    Finale Emilia, ha riaperto a Canaletto il circolo musicale Lato B
    Dopo tempi di incertezze torna la musica nella ex scuola elementare
    Ultime notizie
    Da Medolla Eurosets dona ossigenatori per le operazioni ai bambini in Camerun
    L'azienda sostiene il progetto “Cuori ribelli” della Onlus “Una voce per Padre Pio”

    Curiosità

    Falegname abusivo scoperto perchè espone la differenziata nel giorno sbagliato
    La storia
    Falegname abusivo scoperto perchè espone la differenziata nel giorno sbagliato
    L'errore fatale costerà all'uomo, un pensionato, 104 euro di multa più accertamento della Agenzia delle entrate
    E' festa a Soliera per i 60 anni della squadra di calcio Limidi F.C.
    Il riconoscimento
    E' festa a Soliera per i 60 anni della squadra di calcio Limidi F.C.
    Nell’occasione il campo da calcio verrà intitolato al limidese Bruno Ghelfi
    Auser Cavezzo nel grande progetto educativo contro lo spreco del cibo del Centro di Educazione alla Sostenibilità Ucman
    I dati
    Auser Cavezzo nel grande progetto educativo contro lo spreco del cibo del Centro di Educazione alla Sostenibilità Ucman
    Nelle scuole primarie del territorio un progetto educativo per spiegare ai bambini il valore che ha il cibo e ridurne lo spreco.
    La mirandolese Letizia Borella è la "Bodypainting model of the year 2023"
    Ultime notizie
    La mirandolese Letizia Borella è la "Bodypainting model of the year 2023"
    Il prestigioso titolo corona una carriera che l'ha vista partecipare e vincere numerose competizioni italiane ed internazionali
    San Prospero città delle donne: si racconta la libertà femminile tra studio, perseveranza e coraggio
    Il riconoscimento
    San Prospero città delle donne: si racconta la libertà femminile tra studio, perseveranza e coraggio
    E' stato un bel pomeriggio -  sala stra piena, pubblico attento e tanti applausi - quello che la neonata associazione I talenti di Minerva ha organizzato a San Prospero presso la biblioteca.
    Quelli di Villaggio Fantozzi ci son cascati di nuovo: a ottobre San Felice diventa Cinevalley
    Ultime notizie
    Quelli di Villaggio Fantozzi ci son cascati di nuovo: a ottobre San Felice diventa Cinevalley
    Sette grandi film. Tre giorni. Un fiume di eventi. Roberto Gatti &Co rendono omaggio a sette capolavori del cinema italiano
    Nuovi spazi per il centro bambini a Carpi
    Per i più piccoli
    Nuovi spazi per il centro bambini a Carpi
    Inoltre si inaugurerà la sede del “Consiglio dei ragazzi”
    Trattamenti estetici, gli italiani spendono in media 320 euro all’anno
    Curiosità
    Trattamenti estetici, gli italiani spendono in media 320 euro all’anno
    Le cifre più alte sono riservate alla cura dei capelli e del viso.
    Da Mirandola a Trieste, Raffaele Bruschi nella spedizione che ha scoperto un nuovo ramo del fiume Timavo
    La storia
    Da Mirandola a Trieste, Raffaele Bruschi nella spedizione che ha scoperto un nuovo ramo del fiume Timavo
    Il mirandolese era con gli speleologi della Società adriatica che hanno fatto la sensazionale scoperta scientifica: "Siamo stati dove nessuno mai"
    A Mirandola uno scorcio di piazza Costituente ora porta il nome di Largo Elvino Castellazzi
    Il caso
    A Mirandola uno scorcio di piazza Costituente ora porta il nome di Largo Elvino Castellazzi
    E' tra gli ultimi atti della giunta di Alberto Greco, che a giugno lascerà la carica di sindaco di Mirandola. “Un modo concreto per ricordare una grande persona”

    chiudi