Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
16 Aprile 2024
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Ravarino propone due francobolli per promuovere le eccellenze di pera e aceto balsamico

RAVARINO - Il Comune di Ravarino propone al MISE l’emissione di due francobolli per celebrare altrettante eccellenze del territorio, il manoscritto con la ricetta originale dell’Aceto Balsamico di Modena, datato 2 marzo 1862 e le dieci varietà di Pera dell’Emilia-Romagna IGP. Ravarino si trova nel cuore dell’area di coltivazione della Pera dell’Emilia-Romagna IGP e, presso l’archivio del Comune, conserva il manoscritto con la ricetta originale dell’Aceto Balsamico di Modena. E’ datata 2 marzo 1862 la lettera in cui si descrive la procedura per ottenere l’Aceto Balsamico Modenese ed è conservata presso il Comune di Ravarino.

«Nel 162° anniversario della sua stesura - spiega Moreno Gesti, vicesindaco di Ravarino - la nostra Amministrazione Comunale ha pensato di celebrare la ricorrenza proponendo al Ministero dello Sviluppo Economico l’emissione di un francobollo dedicato a questo manoscritto di immenso valore per la nostra storia e la nostra cultura: il Balsamico è emblema di modenesità, ma è anche uno dei biglietti da visita dell’Italia nel mondo e quella che celebriamo oggi è la sua ricetta originale, come riconosciuto dalla Consorteria dell’Aceto Balsamico Tradizionale».

«Ma non è tutto: Il Comune di Ravarino - prosegue il vicesindaco - è da sempre a vocazione agricola e si trova nel cuore del territorio di produzione della Pera d’Emilia-Romagna IGP, che si estende tra le provincie di Reggio Emilia, Modena, Ferrara, Bologna e Ravenna. Abbiamo, quindi, pensato di proporre anche l’emissione di un francobollo dedicato alle dieci varietà di Pera IGP della nostra Regione. L’agricoltura, e la pericoltura in particolare, stanno vivendo un periodo di grande difficoltà ed è importante fare tutto il possibile per sostenere queste coltivazioni, tanto caratteristiche delle nostra terra, del nostro ambiente e della nostra economia».

«Con questa iniziativa - aggiunge la sindaca di Ravarino, Maurizia Rebecchi - vogliamo contribuire a promuovere il nostro territorio valorizzandone le eccellenze, che sono il risultato di una storia antica e il frutto del lavoro e della tenacia della nostra gente. Ci auguriamo che il Ministero riconosca il valore di entrambe le nostre proposte e che ne tenga conto nella valutazione per l’emissione dei francobolli».

Ora non resta che attendere il responso del Ministero: in caso di accoglimento, i francobolli verranno emessi nel 2025. La proposta di emissione dei francobolli è vista con favore da parte del Consorzio della Pera dell’Emilia-Romagna IGP:

“Un ringraziamento particolare al Comune di Ravarino per l’attenzione verso la Pera dell’Emilia-Romagna IGP - ha dichiarato il presidente del Consorzio, Mauro Grossi - l’iniziativa avviene proprio in un momento di grande difficoltà per la nostra pericoltura. Qualsiasi idea è più che apprezzata, ed in particolar modo questa, così particolare ed inconsueta da arrivare ad un pubblico molto ampio. La comunicazione a tutti i livelli diventa un volano importante per un prodotto così importante e così legato al nostro territorio».

Il Gran Maestro della Consorteria dell’Aceto Balsamico di Spilamberto, Maurizio Fini, si dice onorato di essere presente ad una celebrazione o meglio, un riconoscimento, come l’emissione di un francobollo dedicato al manoscritto di Francesco Aggazzotti con la “ricetta” originale di ciò che oggi chiamiamo Aceto Balsamico Tradizionale di Modena. «Un evento che prima di tutto va a toccare le corde più intime, emozionando tutti gli estimatori e i cultori di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, raggiunti e colpiti da ciò che possiamo definire, non solo passione, ma proprio come una vera affascinante dipendenza! Affascinante per la sua storia che comincia duemila anni fa, per continuare con l’opera divulgativa dei Duchi Estensi e che Francesco Aggazzotti, codificandone le procedure e le peculiarità ci tramanda non solo come si produce, ma ci tramanda soprattutto un approccio filosofico, una indicazione di rispetto di cosa e come fare per ottenere non solo una armonia di profumi e sapori ma un armonico stile di vita! Nella sua seconda lettera infatti conclude e ci lascia un monito: sonvi infine non poche ricette e metodi per abbreviare in si lungo processo, coi quali ottienesi il concentramento, il colorito e la densita’ e l’aroma artificiale con droghe, ma il minor dispendio e briga va sempre a scapito della qualita’. Ritengo quanto sopra un lascito morale, uno dei valori cui, noi della Consorteria, ci atteniamo: nessuna scorciatoia, nessun additivo, lasciamo sapientemente ed esclusivamente che la natura faccia il suo corso… A noi resta il compito di preservare e tramandare il lascito di Francesco Aggazzotti e di ringraziare la famiglia Cavazzoni Pederzini per la sensibile e generosa donazione al Comune di Ravarino, luogo che mi è particolarmente caro essendovi nato tanti anni fa… Come Gran Maestro, sento tutta la responsabilità di rappresentare secoli di storia e migliaia di estimatori, sottolineando l’amore che ci lega alla tradizione, alla nostra terra, confidando di svolgere questo compito prestigioso nel miglior modo possibile».

«L’idea del Comune di Ravarino di proporre l’emissione di due francobolli dedicati all’Aceto Balsamico, l’oro nero delle nostre terre, e alla Pera dell’Emilia-Romagna IGP con le sue dieci varietà, è tanto importante quanto si colloca nell’ottica di una promozione diffusa di due tesori del territorio - dichiara il Consigliere Regionale Luca Sabattini, presente all’evento in rappresentanza della Regione Emilia-Romagna. - Due eccellenze che sono solamente un esempio della ricchezza di produzioni agricole e di prodotti agroalimentari, certificati dop e igp, che la nostra regione, unica nel suo genere, presenta: non c’è paese nel nostro territorio, nemmeno il più piccolo, che non sia portavoce di un’eccellenza, di uno spaccato di storia, tradizione, cultura e professionalità. Valori, questi, che meritano pertanto il giusto riconoscimento».

Manoscritto ricetta aceto balsamico

Il 2 marzo 1862, Francesco Aggazzotti, avvocato formiginese e personaggio di spicco dell’ambiente modenese, con la passione dell’enologia e dell’agronomia, indirizza una lettera all’amico e collega di Spilamberto Pio Fabriani. Nel manoscritto, Aggazzotti descrive in modo dettagliato la procedura per ottenere l’Aceto Balsamico di Modena. L'Aceto Balsamico viene prodotto da secoli, ma questo documento del 1862 risulta essere il più antico a noi giunto in cui la procedura è descritta in modo preciso e circostanziato, tanto da essere considerato, a tutti gli effetti, la "Ricetta originale" dell'Aceto Balsamico. Di Francesco Aggazzotti esiste anche un altro manoscritto, sempre conservato presso il Comune di Ravarino, che riporta la ricetta in modo più sintetico: questo secondo documento è però privo di data.

La lettera del 1862 rappresenta il riferimento, ufficialmente riconosciuto dalla Consorteria dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Spilamberto, per tutti i cultori e gli appassionati di questo prestigioso prodotto e il seme da cui germinò la passione e la determinazione per salvare, riscoprire, tutelare,
valorizzare e diffondere la passione per questa antica tradizione. Pochi anni dopo la stesura della lettera, la figlia di Pio Fabriani, Maria, sposa il ravarinese Giuseppe Cavazzoni Pederzini. L’Acetaia e i carteggi del padre restano a lungo presso la casa di Famiglia, a Spilamberto: il ritrovamento delle due lettere, agli inizi degli anni’60 del ‘900, fu la scintilla che porterà Gianluigi Cavazzoni Pederzini, pronipote di Maria e Giuseppe CP, ad attivarsi con alcuni amici, fra cui il primo Gran Maestro Rolando Simonini, per la tutela della tradizione del Balsamico: si costituì così la Consorteria dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Spilamberto.

Negli anni ’80, Gianluigi CP si trasferisce a Ravarino nell'antica residenza dei Cavazzoni Pederzini, dove aveva vissuto a lungo anche Mariuccia Fabriani, portando con sé l’acetaia ed i manoscritti. Agli inizi del 2000, Gianluigi Cavazzoni Pederzini dona i preziosi documenti al Comune di Ravarino affinché vengano uniti alle altre donazioni di famiglia: la biblioteca di Fortunato Cavazzoni Pederzini e l’oratorio di San Rocco. Presso le scuole di Ravarino, gli acetai organizzano incontri con i ragazzi per far loro conoscere questo prodotto così caratteristico della nostra storia e della nostra cultura. A maggio del 2023, il Comune di Ravarino ha donato una copia del manoscritto con la ricetta del Balsamico di Modena alla Scuola Alberghiera di Serramazzoni, dove i ragazzi, oltre ad apprendere l’arte della ristorazione, conducono un’acetaia didattica.

Pera IGP dell'Emilia-Romagna

La pera IGP dell’Emilia-Romagna è coltivata nelle province di Reggio Emilia, Modena, Ferrara, Bologna, Ravenna e il comune di Ravarino, incastonato tra il fiume Panaro e la Provincia di Bologna, si trova nel cuore di questo territorio agricolo. La pera dell'Emilia-Romagna IGP comprende le varietà: Abate Fetel, Cascade, Conference, Decana del Comizio, Kaiser, Max Red Bartlett, Passa Crassana, Williams, Santa Maria e Carmen. Nel Quattrocento si coltivavano alberi da frutto, tra cui i peri, soprattutto a fini ornamentali. La diffusione dei frutteti a scopo alimentare, nel territorio di produzione della pera dell'Emilia Romagna IGP, risale al Seicento e, agli inizi del Novecento, si estende nel resto dell’Italia settentrionale.

Ogni varietà di pera dell'Emilia-Romagna IGP si presta a differenti usi gastronomici e, per queste caratteristiche distintive, è apprezzata da chef e ristoratori. Nel 2023, il Comune e gli agricoltori di Ravarino hanno avviato una collaborazione con il ristorante didattico della Scuola Alberghiera di Serramazzoni per l’elaborazione di menù che vedano la pera protagonista di tutte le portate. In Emilia-Romagna si coltiva circa il 60 per cento delle pere italiane. In particolare, l’Abate Fetel, pregiata varietà settembrina, si produce solo in Emilia.

 
LEGGI ANCHE:
SulPanaro Expo

RESTO D'ITALIA E MONDO

Rubriche

Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere della focaccia fiorita
Rubrica - Creatività, ortaggi e farine; questi gli ingredienti che danno vita a questa scenografica focaccia. Rubrica a cura di Francesca Monari
Superbonus - nuova comunicazione preventiva
Rubrica - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto
Linee guida per i Social | Ecco come creare post perfetti in pochi e semplici passaggi
Rubrica - Ed eccoci al terzo appuntamento con Susanna Baraldi, titolare di un’agenzia di comunicazione mirandolese. Oggi impareremo a destreggiarci tra post, reel e video.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli
Il punto - E' la rubrica che abbiamo deciso di avviare per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, pubblicando le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Glocal
Gli italiani mangiano male
Glocal - In Italia, ogni dieci minuti, una persona muore per complicanze legate all'obesità.
L’arte in Strada | San Prospero e il murale dedicato a Fraintesa
Rubrica - Rubrica a cura di Francesca Monari
Piccole e medie imprese, come ottenere i contributi per internazionalizzazione, transizione energetica e installazione di sistemi di sicurezza
Da sapere - I bandi riguardano attività in regola con il Durc e con il pagamento del diritto annuale alla CCIAA
Glocal
Nel 2050 un pensionato per ogni lavoratore
Glocal - Finanze pubbliche e welfare non saranno più sostenibili con il calo delle nascite
Linee guida per i Social | Ecco come iniziare bene a comunicare un'attività
Rubrica - Francesca Monari ha chiesto a Susanna Baraldi, titolare di un’agenzia di comunicazione mirandolese, come impostare correttamente una pagina social
Bonus export digitale plus 2024, ecco come fare per richiederlo
Da sapere - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

  • I più letti

  • Most Read Posts

    • Non ci sono elementi
  • La buona notizia

    I dati
    Ricostruzione, prorogati al 31 dicembre 2025 i termini per l'esecuzione dei lavori finanziati
    Nuova ordinanza del Commissario e presidente della Regione. Modificate le scadenze di tutti i procedimenti in corso gestiti con la piattaforma informatica Mude
    Il caso
    Finale Emilia, ha riaperto a Canaletto il circolo musicale Lato B
    Dopo tempi di incertezze torna la musica nella ex scuola elementare
    Ultime notizie
    Da Medolla Eurosets dona ossigenatori per le operazioni ai bambini in Camerun
    L'azienda sostiene il progetto “Cuori ribelli” della Onlus “Una voce per Padre Pio”

    Curiosità

    Falegname abusivo scoperto perchè espone la differenziata nel giorno sbagliato
    La storia
    Falegname abusivo scoperto perchè espone la differenziata nel giorno sbagliato
    L'errore fatale costerà all'uomo, un pensionato, 104 euro di multa più accertamento della Agenzia delle entrate
    E' festa a Soliera per i 60 anni della squadra di calcio Limidi F.C.
    Il riconoscimento
    E' festa a Soliera per i 60 anni della squadra di calcio Limidi F.C.
    Nell’occasione il campo da calcio verrà intitolato al limidese Bruno Ghelfi
    Auser Cavezzo nel grande progetto educativo contro lo spreco del cibo del Centro di Educazione alla Sostenibilità Ucman
    I dati
    Auser Cavezzo nel grande progetto educativo contro lo spreco del cibo del Centro di Educazione alla Sostenibilità Ucman
    Nelle scuole primarie del territorio un progetto educativo per spiegare ai bambini il valore che ha il cibo e ridurne lo spreco.
    La mirandolese Letizia Borella è la "Bodypainting model of the year 2023"
    Ultime notizie
    La mirandolese Letizia Borella è la "Bodypainting model of the year 2023"
    Il prestigioso titolo corona una carriera che l'ha vista partecipare e vincere numerose competizioni italiane ed internazionali
    San Prospero città delle donne: si racconta la libertà femminile tra studio, perseveranza e coraggio
    Il riconoscimento
    San Prospero città delle donne: si racconta la libertà femminile tra studio, perseveranza e coraggio
    E' stato un bel pomeriggio -  sala stra piena, pubblico attento e tanti applausi - quello che la neonata associazione I talenti di Minerva ha organizzato a San Prospero presso la biblioteca.
    Quelli di Villaggio Fantozzi ci son cascati di nuovo: a ottobre San Felice diventa Cinevalley
    Ultime notizie
    Quelli di Villaggio Fantozzi ci son cascati di nuovo: a ottobre San Felice diventa Cinevalley
    Sette grandi film. Tre giorni. Un fiume di eventi. Roberto Gatti &Co rendono omaggio a sette capolavori del cinema italiano
    Nuovi spazi per il centro bambini a Carpi
    Per i più piccoli
    Nuovi spazi per il centro bambini a Carpi
    Inoltre si inaugurerà la sede del “Consiglio dei ragazzi”
    Trattamenti estetici, gli italiani spendono in media 320 euro all’anno
    Curiosità
    Trattamenti estetici, gli italiani spendono in media 320 euro all’anno
    Le cifre più alte sono riservate alla cura dei capelli e del viso.
    Da Mirandola a Trieste, Raffaele Bruschi nella spedizione che ha scoperto un nuovo ramo del fiume Timavo
    La storia
    Da Mirandola a Trieste, Raffaele Bruschi nella spedizione che ha scoperto un nuovo ramo del fiume Timavo
    Il mirandolese era con gli speleologi della Società adriatica che hanno fatto la sensazionale scoperta scientifica: "Siamo stati dove nessuno mai"
    A Mirandola uno scorcio di piazza Costituente ora porta il nome di Largo Elvino Castellazzi
    Il caso
    A Mirandola uno scorcio di piazza Costituente ora porta il nome di Largo Elvino Castellazzi
    E' tra gli ultimi atti della giunta di Alberto Greco, che a giugno lascerà la carica di sindaco di Mirandola. “Un modo concreto per ricordare una grande persona”

    chiudi