Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Trump: un pericolo per la democrazia

di Andrea Lodi

Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta. Un giorno, il tanto apprezzato ex Presidente della Repubblica Sandro Pertini, disse: “è meglio la peggiore delle democrazie della migliore di tutte le dittature”. Nessuna persona di buon senso sarebbe in disaccordo con questa affermazione. Ma trascorso un secolo dalla devastante esperienza della dittatura fascista, ritengo sia opportuno aggiungere una congiunzione avversativa alla frase dell’ex Presidente. Quella congiunzione avversativa tanto cara alla politica, abile strumento del dire e non dire, dell’affermare e del negare. Quella congiunzione avversativa del “però”, che può portare il discorso verso un formale nulla di fatto, oppure che può introdurre una sostanziale revisione del significato del discorso iniziale (o portante).

Perché se analizzassimo in modo critico l’aforisma di Pertini, potremmo dedurne che “la peggiore delle democrazie” dovrebbe essere una democrazia “debole”, o addirittura “vacillante”, e quindi potenzialmente attaccabile da “derive autoritarie”. Oppure, situazione ancora peggiore, una democrazia debole potrebbe corrispondere formalmente ad una democrazia che nasconde in realtà una sostanziale dittatura. E’ il caso della vicina Turchia, che con un Democracy Index pari a 4.09, viene collocata al 110° posto della classifica delle democrazie mondiali (su un totale di 167) e più precisamente tra le cosiddette “democrazie ibride”, ad una piccola distanza tra i “regimi autoritari”.

Il Democracy Index

Il Democracy Index (Indicatore di Democrazia) è un indice calcolato da l’Economist Intelligence Unit (EIU) Index of Democracy, del settimanale The Economist, che esamina lo stato della democrazia in 167 paesi. L’indice viene calcolato su cinque categorie generali: processo elettorale e pluralismo, libertà civili, funzione del governo, partecipazione politica e cultura politica. Le nazioni sono divise in quattro categorie: Democrazie complete (Full democracy) con indice da 8.0 a 10; Democrazie imperfette (Flawed democracy) con indice da 6.0 a 7.9; Regimi Ibridi (Hybrid regime) con indice da 4.0 a 5.9; Regimi autoritari (Authoritarian regime) con indice da 0 a 3.9. Fonti informative: EIU Democracy Index; Wikipedia.

Come stanno le democrazie dei Paesi più democratici del Pianeta?

I primi 10 posti in classifica sono occupati dai Paesi Nordici assieme al Canada (9.03). Tra le “democrazie complete” (o Full democracy) troviamo anche Germania (13° con indice 8.68), Gran Bretagna (14° con indice 8.52), Austria e Spagna (16° con indice 8.68) e Francia (20° con indice 8.12).

E Italia e Stati Uniti d’America?

Secondo l’Economist Intelligence Unit Index of Democracy, Italia e USA si trovano rispettivamente al 35° e al 25° posto, nella categoria delle “democrazie imperfette” (o Flawed democracy) assieme a Giappone e Israele rispettivamente al 24° e 28° posto.

L’Italia, che nel 2016 occupava il 22° posto con indice pari a 7.99 (quindi al confine con la categoria delle democrazie complete), oggi si trova al 35° posto con indice pari a 7.52. Una posizione che non ci meraviglia essendo uno dei Paesi al mondo con alto tasso di burocratizzazione, una classe politica tra le peggiori e una significativa propensione alla corruzione.

Ciò che invece ci sorprende è trovare gli Stati Uniti d’America, il Paese democratico per antonomasia, nella categoria delle democrazie imperfette (al 25° posto con indice pari a 7.9).

Ma perché gli USA sono considerati una democrazia imperfetta?

Innanzitutto va precisato che il basso tasso di democrazia è frutto dell’espressione popolare. Quindi evidenzia l’opinione della maggioranza delle persone intervistate, a prescindere dal reale livello di democrazia del Paese. Che se per alcuni Paesi l’opinione corrisponde alla realtà, come nel caso della Turchia, per altri evidenzia in sostanza un disagio sociale. Quel disagio che nel novembre del 2016 ha portato la maggioranza degli elettori americani a scegliere l’“antidemocratico” Donald Trump come Presidente.

Aggettivo che se fosse stato utilizzato allora, avrebbe scatenato l’indignazione di molti destrorsi benpensanti, ma “mal valutanti”, permettetemi il neologismo, ma che alla luce di ciò che è avvenuto in questi ultimi mesi – dalla proclamazione di (im)probabili brogli elettorali fino alla penosa e grave vicenda dell’assalto al Congresso – ha evidenziato in modo inequivocabile che l’aggettivo “antidemocratico” risulterebbe alquanto benevolo, nei confronti di un uomo che è stato definito “un narcisista con forti disturbi della personalità”.

Perché è proprio questo il punto. Ciò che è accaduto negli USA in questi ultimi mesi, ha evidenziato la fragilità della più grande democrazia del mondo. Una democrazia che concede al proprio Presidente un potere assoluto, (in)degno di una qualunque monarchia assoluta, tale da permettergli di adottare misure per destabilizzare la democrazia di cui egli dovrebbe essere tutore, protettore, garante.

Tornando all’aforisma di Pertini (“è meglio la peggiore delle democrazie della migliore di tutte le dittature”), alla luce di quanto finora espresso, e considerando i fatti gravi che hanno interessato gli Stati Uniti d’America, mi verrebbe da dire che no, che non può esistere “la peggiore delle democrazie”. Siamo di fronte ad un ossimoro, ad una evidente contraddizione. La democrazia, essendo espressione del popolo, deve essere in grado di proteggersi da qualunque “manovra” che tenda alla sua destabilizzazione. Con regole certe, scritte e condivise da tutti i rappresentanti politici, e con l’automatica espulsione da incarichi politici di chi non rispetta tali regole.

La richiesta di impeachment del presidente USA o addirittura il ricorso al 25° emendamento (la norma che permette al vicepresidente, con l’appoggio del governo, di rimuovere un presidente incapace), è la giusta risposta dell’America democratica, e non di una fazione politica, ad un uomo che ha di fatto attentato alla sua stabilità. Perché ciò che va rimosso da quell’importante carica politica, non è il Donald Trump politico, repubblicano, ma il cittadino Donald Trump, a prescindere dalla fazione politica a cui appartiene, repubblicana o democratica che sia.

John Feinstein, uno dei giornalisti più seguiti nel mondo sportivo a stelle e strisce, sull’online di GolfDigest, avrebbe scritto: “la PGA of America cambi sede al PGA Championship 2022, lo porti via dal Trump National di Bedminster, nel New Jersey. Lo annunci oggi e chiarisca una volta per tutte: non vogliamo aver più nulla a che fare con l’ormai prossimo ex presidente Donald J.Trump”.

Una presa di posizione nel rispetto del “codice etico” della “PGA of America” (la più grande associazione golfista del mondo). Una presa di posizione che Feinstein così conclude nel suo lungo articolo: “oggi siamo davanti a un’altra possibile svolta: stare lontani dall’uomo Donald Trump, non dal Donald Trump politico. Così diventerà chiaro a tutti che chi incita alla violenza per qualsiasi ragione in qualsiasi situazione futura non è il benvenuto nel golf.

Non sarebbe male che il mondo della politica, tutta, destra e sinistra, dicesse la stessa identica cosa. Ma per alcuni di loro, sarebbe un autogol. Ma le regole vanno cambiate, se vogliamo avere delle democrazie più forti.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Dal Covid alla Yolo Economy
Negli Stati Uniti imperversa un fenomeno, che sta cominciando ad interessare anche il vecchio continente: la YOLO ECONOMY, dove YOLO sta per “You Only Live Once”, che tradotto sta per “si vive una volta sola”.leggi tutto
"Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Supereroi per divertire e rassicurare i più piccoli: il ‘Team Enjoy’ fa visita alle pediatrie
    Dopo la positiva esperienza nei drive through della provincia, il gruppo di volontari ha iniziato da Modena un altro progetto di animazione dedicato ai bambini[...]
    Il saluto degli appassionati di meteoriti a Cavezzo. Con un ringraziamento speciale ai cittadini
    Domenica presso la sala della biblioteca comunale c'è l'assemblea annuale degli appassionati di questi corpi celesti[...]
    Non solo Ciclovia del Sole: ecco tutti i percorsi ciclabili della Bassa modenese nella Bike Map
    Si valorizza la facile ciclabilità di un territorio di pianura, la scoperta delle aree naturali che come piccoli gioielli splendono tra campi di mais e frumento, e la bellezza di tanti edifici rustici come barchesse e antiche ville[...]

    Curiosità

    A Bomporto il Giardino della Gioventù: gli alberi dedicati a Vincenzo Muccioli, Greta Thumberg e Papa Wojtyla
    A Bomporto il Giardino della Gioventù: gli alberi dedicati a Vincenzo Muccioli, Greta Thumberg e Papa Wojtyla
    Gli alberi sono stati comprati con il ricavato della vendita dei sassi del vecchio ponte di Bomporto[...]
    In Emilia-Romagna il Campionato europeo di tiro a volo: nella Nazionale c'è Massimo Bertolini di Concordia
    In Emilia-Romagna il Campionato europeo di tiro a volo: nella Nazionale c'è Massimo Bertolini di Concordia
    o sport che lungo la Via Emilia vanta una solida tradizione, come dimostrano i tanti campioni: dal bolognese Ennio Mattarelli, oro olimpico alle Olimpiadi di Tokio 1964, a Jessica Rossi, campionessa olimpionica a Londra 2012 e portabandiera azzurra ai prossimi Giochi di Tokyo.[...]
    Il saluto degli appassionati di meteoriti a Cavezzo. Con un ringraziamento speciale ai cittadini
    Il saluto degli appassionati di meteoriti a Cavezzo. Con un ringraziamento speciale ai cittadini
    Domenica presso la sala della biblioteca comunale c'è l'assemblea annuale degli appassionati di questi corpi celesti[...]
    Il Ponte nuovo di Bomporto si illumina di rosso nella Giornata del Donatore di Sangue
    Il Ponte nuovo di Bomporto si illumina di rosso nella Giornata del Donatore di Sangue
    Il Comune aderisce all’iniziativa Avis per rendere omaggio ai donatori [...]
    Finale Emilia, comparsi manifesti che spingono l'ex assessora Paganelli a candidarsi a sindaca
    Finale Emilia, comparsi manifesti che spingono l'ex assessora Paganelli a candidarsi a sindaca
    I manifesti sono comparsi in città pochi giorni dopo l'annuncio della ricandidatura da parte del sindaco Sandro Palazzi[...]
    "Noi che lavoravamo alla Del Monte": si prepara un libro e una mostra grazie a un gruppo di amici di San Felice
    "Noi che lavoravamo alla Del Monte": si prepara un libro e una mostra grazie a un gruppo di amici di San Felice
    Roberto Gatti, Maurizio Braghiroli,  Davide Calanca, e Alberto Terrieri hanno promosso la raccolta di fotografie e di materiale per valorizzare la memoria della grande fabbrica alimentare che per 40 anni ha dato lavoro a più di mille persone alla volta[...]
    Davide Gaddi ha concluso il suo viaggio di beneficenza per la famiglia del dj Davide Masitti
    Davide Gaddi ha concluso il suo viaggio di beneficenza per la famiglia del dj Davide Masitti
    Raccolti tra Fossa e Concordia più di 600 euro. Le donazioni si possono fare ancora con Iban[...]
    Tanti giovani, tutti puntuali e niente file all'open day vaccino di San Felice
    Tanti giovani, tutti puntuali e niente file all'open day vaccino di San Felice
    Un'ottima occasione per evitare di aspettare la convocazione dell'Ausl, e aperta a ogni età. Bastava prenotarsi sul sito qualche giorno fa: in otto minuti sono stati fissati tutti e mille gli appuntamenti disponibili. [...]
    Calcio a 5, la Pro Patria San Felice chiude la stagione: suo il miglior attacco d'Italia
    Calcio a 5, la Pro Patria San Felice chiude la stagione: suo il miglior attacco d'Italia
    Si è conclusa in semifinale ai playoff nazionali di B la stagione 2020-21 dei giallorossi. Per la società un'annata da record[...]
    Camposanto, il professore di musica delle medie Rocco Stefano va in pensione
    Camposanto, il professore di musica delle medie Rocco Stefano va in pensione
    Ad annunciarlo è la sindaca Monja Zaniboni; il professore insegna a Camposanto dal 1986[...]