Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
18 Agosto 2022

San Felice, lettera aperta dell’ex sindaco Silvestri: “Ho sempre agito a tutela dei cittadini”

SAN FELICE – Attraverso una lettera aperta, diffusa tramite la pagina Facebok di Insieme per San Felice, l’ex sindaco di San Felice, Alberto Silvestri, in seguito all’assoluzione definitiva (avvenuta nei mesi scorsi) al processo relativo al crollo della Meta in occasione delle scosse di terremoto del 2012, ha voluto tornare su quei fatti e fornire la propria versione ai cittadini sanfeliciani:

“Care concittadine, cari concittadini,
sono il vostro ex sindaco Alberto Silvestri. Ancora una volta sono a chiedere la Vostra attenzione perché sento la ormai improrogabile esigenza e il dovere di chiarire con Voi alcuni aspetti della vicenda giudiziaria che mi ha coinvolto in veste di sindaco, assieme all’ing. Daniele Castellazzi responsabile dell’ufficio tecnico del Comune di San Felice, per fugare ogni fraintendimento o parziale informazione.
Lo scorso 15 febbraio il nostro caso si è chiuso definitivamente con la PIENA ASSOLUZIONE mia e dell’Ing. Castellazzi. La Corte d’Appello di Bologna ha confermato la sentenza emessa in primo grado dal Tribunale di Modena l’8 luglio 2019 che sanciva la piena assoluzione mia e dell’Ing. Daniele Castellazzi, rendendola pertanto definitiva, nella quale si stabiliva di fatto che le accuse mosse nei nostri confronti erano prive di fondamento. Per questo desidero cogliere questa occasione per ringraziare gli avvocati Roberto Mariani e Giorgio Pighi per il grande lavoro svolto e per l’ottimo risultato conseguito.
Da tanto volevo scrivervi direttamente, ma poco dopo la sentenza della Corte d’Appello è venuta a mancare mia moglie Maria Luisa e mi è servito un po’ di tempo per riprendere l’argomento. Come primo cittadino di San Felice, ruolo che ho svolto per molti anni grazie alla fiducia che mi avete accordato, sentivo e sento l’urgenza di questo chiarimento per rispetto a Voi ma soprattutto per onor di VERITA’.
Da persona onesta e trasparente quale sono, ho vissuto malissimo questa vicenda e mi sono sentito colpito ingiustamente, come penso sarebbe per ciascuno di voi se vivesse un caso simile. Non è stato facile portare questo fardello in questi anni, in cui la stampa locale e non solo, istillava dubbi e soprattutto si cercava un facile capro espiatorio.
Il tutto nel periodo più difficile della vita del nostro Comune, colpito come altri dalle terribili scosse dei terremoti del 2012, che hanno cambiato le nostre vite e che, oltre a importanti danni materiali, hanno portato alla perdita di vite umane, tra cui le vittime causate dal crollo della ditta Meta di San Felice, una tragedia molto dolorosa che ci ha colpito profondamente e che non possiamo dimenticare.
Da quei giorni difficili, grazie all’impegno di tutta la nostra comunità, confortati e supportati dalle importanti risorse stanziate dallo Stato, dall’aiuto delle istituzioni e dall’aiuto di tante persone e associazioni che ci sono venute a soccorrere in presenza o che ci hanno fatto pervenire aiuti e donazioni, siamo pian piano ripartiti, superando prima la difficile fase dell’emergenza, iniziando poi successivamente a ricostruire ciò che i due terremoti avevano danneggiato.
Sono stati mesi difficilissimi e frenetici, in cui come sindaci e strutture comunali ci siamo trovati a fare scelte complesse in poco tempo, sempre con l’obiettivo di poter ricostruire per tornare quanto prima alla normalità. Purtroppo, in quel contesto io come sindaco e l’Ing Castellazzi siamo stati accusati di essere tra i responsabili di quanto accaduto presso la Meta.
La sentenza ha fatto piena luce stabilendo la piena assoluzione e dunque l’inconsistenza di qualsiasi colpa o responsabilità rispetto alle accuse di omicidio colposo e di falso (in atto pubblico) che ci erano state attribuite. Ma i tempi della giustizia sono lunghi e rischiano di distruggere le persone innocenti.
Sono serviti ben sei anni e mezzo per ristabilire la verità, una verità che credo potesse essere accertata molto prima, anche se non è questo il punto su cui voglio soffermarmi perché non sono alla ricerca di rivalse.
Tuttavia, non posso tacerlo perché è stato molto faticoso portare ogni giorno sulle spalle e nel cuore il peso di una vicenda tragica come questa, avendo allo stesso tempo la piena consapevolezza di avere sempre cercato di fare il mio dovere in modo scrupoloso e responsabile e di non aver alcuna responsabilità rispetto a quanto accaduto alla Meta. Ho affrontato questo difficile percorso con determinazione e dignità, senza clamori e con la fiducia che verità e giustizia sarebbero finalmente emerse.
Ho sopportato quotidianamente il gravoso fardello perché ho potuto contare sulla stima e l’affetto di tante persone che mi sono state vicino e non hanno mai mancato di sostenermi, a loro va il mio sentito “Grazie”.
Consentitemi di ritagliare qui un ringraziamento molto speciale alla mia famiglia, ai miei figli, ai miei genitori e a mia moglie a cui va il mio commosso ricordo, con il rammarico di non poterla ringraziare come vorrei.
Ho scritto questa lettera per rassicurare tutti voi che la gestione del dopo terremoto, la gestione dell’emergenza e la successiva ricostruzione sono avvenute in modo trasparente e legale, e che il nostro Comune, centro della nostra comunità e democrazia, ha sempre agito a tutela dei cittadini di San Felice.
L’ho scritta perché sento di avere un dovere nei vostri confronti, perché da voi ho ricevuto l’onore e il piacere di amministrare la nostra comunità per più di 17 anni, di cui gli ultimi 10 come sindaco. Sento il dovere di rassicurarvi che siamo stati e siamo sempre una comunità forte e sana e sento il dovere di ribadire che ho onorato il patto fiduciario sancito nel 2009 e rinnovato nel 2014.
Al tempo stesso a tutti coloro che all’indomani dei terremoti del 2012 ci hanno aiutato a ripartire, ai tanti volontari e non che ci hanno donato il loro prezioso tempo e ai tanti donatori che ci hanno destinato parte delle loro risorse, che non smetterò mai di ringraziare profondamente, sento il dovere di dire che la loro generosità è stata ben riposta.
A conclusione di questa sofferta vicenda giudiziaria desidero ringraziare ancora una volta tutti quelli che hanno collaborato con me e tutti coloro che in questi anni hanno lavorato costruttivamente e onestamente per il bene della nostra comunità, a prescindere dal sostegno politico. Infine, voglio ringraziare soprattutto Voi cittadine e cittadini che mi avete consentito di rappresentarvi per 10 anni delegandomi questa importante, gravosa e nobile responsabilità, perché aver rivestito il ruolo di sindaco attraverso mille traversie, specie in seguito al sisma, mi rende consapevole e orgoglioso di aver fatto una grande esperienza umana e politica”.
Alberto
LEGGI ANCHE:
Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto. Tutto quello che c’è da sapere dell’anguria
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Sei titoli che profumano di estate
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monari.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere della tabacchiera
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
La situazione dell'economia italiana oggi
Il rapporto di Confindustria evidenzia una forte capacità delle imprese italiane a fronteggiare l’attuale situazione di incertezza, nonché la capacità di “un popolo di risparmiatori” a supportare la propensione al consumo di keynesiana memoria.leggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Isola di Diego Passoni
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monari.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere della cheesecake
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
Dente dolorante: ecco cosa fare
Non tutti i dolori ai denti sono uguali: esistono, infatti, tanti tipi differenti di mal di denti e per questo è molto importante rivolgersi tempestivamente al proprio dentista di fiducia non appena il dolore si presenta.leggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Lezioni di chimica di Bonnie Garmus
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monari.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere sul ghiacciolo
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    La fondazione Golinelli forma gli ambasciatori delle discipline Steam
    I docenti hanno lavorato su intelligenza artificiale e rapporto uomo macchina, sostenibilità e open schooling, inclusione e personalizzazione, dati e visualizzazione.[...]
    "Un poquito Reggaeton", disponibile il nuovo singolo della mirandolese Raffy
    Si tratta di un brano dal sound internazionale prodotto da Costi Ionita e scritto dall'artista sudamericano Randy[...]
    Calcio, la finalese Eleonora Goldoni si trasferisce al Sassuolo
    Ex Napoli e Inter, la calciatrice Eleonora Goldoni disputerà la prossima stagione con la maglia neroverde del Sassuolo[...]

    Curiosità

    Lo zampone è nato a Mirandola nel Medioevo? No, è un'invenzione
    Lo zampone è nato a Mirandola nel Medioevo? No, è un'invenzione
    A smontare il mito dello zampone nato a Mirandola è lo storico Alberto Grandi, docente di storia dell'alimentazione all'Università di Parma, nel podcast "Doi, Denominazione di Origine Inventata"[...]
    Il ballo del liscio patrimonio dell'Unesco: la proposta dal sindaco di Rimini
    Il ballo del liscio patrimonio dell'Unesco: la proposta dal sindaco di Rimini
    Recentemente era stato il cantante Morgan a lanciare l'idea, che aveva trovato l'appoggio e l'entusiasmo anche di Renzo Arbore.[...]
    San Prospero firma il gemellaggio con Castelfranco Piandiscò
    San Prospero firma il gemellaggio con Castelfranco Piandiscò
    Si tratta del primo passo verso la nascita di una rete nazionale dei Comuni che ospitano i giochi senza frontiere, una realtà già legata a livello nazionale dal network “Italia Gioca senza frontiere”.[...]
    Viva le macchine da scrivere: a Staggia visitabile una collezione unica
    Viva le macchine da scrivere: a Staggia visitabile una collezione unica
    La collezione appartiene a Renato Zavatti, ex dipendente della Olivetti da sempre affascinato da questi strumenti di cui conosce la storia nei minimi particolari. [...]
    Resort di lusso alle Maldive cerca "libraio a piedi nudi"
    Resort di lusso alle Maldive cerca "libraio a piedi nudi"
    Un'offerta di lavoro da sogno in un paradisiaco atollo delle Maldive: riconosciuto dall'Unesco come "Riserva della Biosfera".[...]
    Sapori in valigia: la prima voglia di cucina etnica nasce in vacanza
    Sapori in valigia: la prima voglia di cucina etnica nasce in vacanza
    I gusti sperimentati in viaggio ispirano a provare la cucina etnica una volta rientrati in Italia. In estate il 60% consuma cibo etnico con la stessa frequenza di altre stagioni.[...]
    In bicicletta con Nicoletta Vecchi Arbizzi alla scoperta di Mirandola
    In bicicletta con Nicoletta Vecchi Arbizzi alla scoperta di Mirandola
    L'iniziativa nell'ambito di Educational – Ciclovia del Sole, il tour dedicato ai Comuni sottoscrittori dell’accordo sulla Ciclovia del Sole[...]
    L'umarell ora è digitale: si possono seguire i cantieri modenesi on line
    L'umarell ora è digitale: si possono seguire i cantieri modenesi on line
    la piattaforma on-line “In Cantiere – Agenda delle opere pubbliche” nata dalla collaborazione tra la Provincia di Modena e la società Poleis[...]
    Dopo l'esame di maturità, il tatuaggio. E lo fa anche la mamma
    Dopo l'esame di maturità, il tatuaggio. E lo fa anche la mamma
    Martina ha 33 anni ed è mamma di due bimbi: è riuscita a prendere il diploma e immortala sulle pelle il suo successo[...]
    Gli automobilisti scorretti pagano i lavori stradali: accade a Nonantola sulla Sp 255
    Gli automobilisti scorretti pagano i lavori stradali: accade a Nonantola sulla Sp 255
    I cantieri sono finanziati coi proventi delle sanzioni amministrative per la violazione dei limiti di velocità previsti dal codice della strada riscossi nel 2021[...]
    • malaguti