Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
22 Aprile 2024
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Servizi educativi e scolastici del Policlinico di Modena: esperienza riferimento a livello nazionale

MODENA - Un video per ricordare quale sia l’importanza della presenza di servizi educativi e scolastici all’interno di un ospedale, tema sul quale Modena e il suo Policlinico sono un punto di riferimento a livello nazionale. È quello che è stato presentato martedì 26 marzo dall’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena, realizzato dal Servizio Comunicazione e Informazione in partnership con l’Istituto Comprensivo 6 e l’Assessorato all’Istruzione del Comune di Modena. Si tratta di un lavoro realizzato negli ultimi mesi in cui sono state osservate, con un occhio discreto a tutela dei giovani pazienti e delle loro famiglie, le attività che sono state condotte quotidianamente dalla Scuola Ospedaliera e dallo Spazio Incontro, i due presìdi che si trovano all’interno della Pediatria del Policlinico diretta dal Professor Lorenzo Iughetti.

Il racconto, di circa 11 minuti, mette al centro i momenti salienti delle giornate dei pazienti accompagnati dalle parole dei professionisti che quotidianamente, facendo rete, seguono le attività. Lo scopo è quello di aiutare bambine, bambini, ragazze e ragazzi a trovare anche in ospedale elementi di quotidianità e di una vita al di fuori del reparto, senza interrompere gli studi né il percorso di crescita, specialmente se si tratta di periodi di ricovero particolarmente duraturi. A livello aziendale, oltre ovviamente a entrare in azione il personale della Pediatria, gioca un ruolo fondamentale la psicologia ospedaliera, diretta dalla Dottoressa Paola Dondi, che cerca di intercettare, analizzare ed elaborare i bisogni dei pazienti pediatrici in modo da poterli aiutare a superare emotivamente questo periodo. Il video è stato pubblicato da questa mattina sul canale Youtube aziendale (al link https://youtu.be/BFUwtruTlVA) e, in partner, sarà poi proposto a scuole e studenti del territorio per favorire la conoscenza di quanto avviene in ospedale. Su Facebook, Instagram ed X è uscito, sempre in queste ore, un reel che riassume il video in chiave social, invitandone quindi alla sua visione integrale.

La Scuola Ospedaliera Primaria intitolata a Giacomo Grossi, indimenticato dirigente scomparso nel 2009 e particolarmente attivo nella promozione di questo servizio all’interno del Policlinico, è un progetto nazionale del Ministero dell’Istruzione rivolto ai pazienti in età pediatrica ricoverati in Ospedale: è attiva dal 1999 in convenzione tra l’Ufficio Scolastico Provinciale e il Policlinico di Modena. Il servizio Spazio Incontro del Comune di Modena è attivo ormai da 30 anni.

«Questo video - commenta il direttore generale dell’Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena, Claudio Vagniniha l’intento di valorizzare la rete di collaborazione tra l’AOU e il territorio, in particolare il Comune di Modena e l’Istituto Comprensivo 6, per aumentare il benessere dei ragazzi ricoverati nelle nostre strutture. L’umanizzazione delle cure in ambito pediatrico passa anche da determinati aspetti come quello di permettere a un bambino di poter continuare a portare avanti gli studi e i propri interessi, stimolando la sua creatività e curiosità anche in momenti particolarmente difficili della propria vita. L’Azienda deve molto a Comune e Istituto Comprensivo 6 per il pluriennale impegno a favore di questi pazienti».

«La scuola italiana è considerata come un’avanguardia per l’inclusione e il successo formativo di studentesse e studenti. - sono le parole della professoressa Patrizia Fravolini, dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo 6 di Modena - Attraverso un insieme di interventi integrati, la scuola in ospedale “Giacomo Grossi” in collaborazione con tutto il personale del Policlinico, le associazioni di volontari e le famiglie, persegue la cura e il benessere del bambino, costituisce un ponte tra la vita svolta all’esterno dell’ospedale e quella che viene realizzate all’interno. La scuola si prende cura del bambino e cerca di realizzare degli interventi che permettano alla famiglia e ai bambini stessi di poter ricostruire una prospettiva di futuro».

«Reputo molto importante che la città possa conoscere e sapere cosa avviene al settimo piano del Policlinico. - spiega Grazia Baracchi, assessora all’Istruzione, alla Formazione, allo Sport e alle Pari Opportunità del Comune di Modena - All’interno dello Spazio Incontro ogni bimba e ogni bimbo può trovare un momento per rilassarsi immergendosi in una fiaba o in attività come il gioco delle costruzioni o laboratori creativi, trovando un momento per loro stessi dimenticandosi del momento difficile che stanno attraversando. Il Comune investe in tutto questo perché parte dalla forte convinzione per cui ogni bimba o bimbo della città abbiano diritto al gioco, all’istruzione e all’educazione anche nel periodo di un ricovero. Ci crediamo talmente tanto che nei mesi più duri della pandemia Covid-19 abbiamo trovato il modo di registrare delle favole da inviare ai bimbi ricoverati, affinché potessero distrarsi un momento, immergersi nella loro fantasia e viaggiare. Medici, infermieri e tutto il personale sanitario portano avanti la cura fisica mentre noi ci occupiamo delle emozioni».

Nel video, oltre all’Assessora Baracchi e alla Professoressa Fravolini, le attività dei progetti educativi e scolastici vengono descritte anche dagli interventi del Professor Lorenzo Iughetti, dell’insegnante Ivana Carri in rappresentanza della referente del Settore Servizi Educativi del Comune di Modena Francesca Botti, dalla docente Maria Chiara Mori, in rappresentanza anche della collega Carmen Franzese, e dalla Dottoressa Marisa Pugliese, referente area psicologia clinica dello sviluppo della Psicologia Ospedaliera AOU.

«Il ricovero in ospedale può essere fonte di distress psicologico per bambine, bambini e adolescenti e nello stesso tempo di intenso bisogno di supporto emotivo. - illustra la dottoressa Marisa Pugliese - Le attività didattiche e ludico- espressive sono elementi fondamentali per lo sviluppo e il benessere psicofisico, affettivo, emotivo e relazionale. Tali attività garantiscono, anche durante il ricovero, continuità con le esperienze vissute quotidianamente nella vita delle bambine, dei bambini e degli adolescenti e permettono loro di esprimere preoccupazioni, ansie e paure. La scuola, lo spazio incontro e le attività svolte consentono di mantenere continuità progettuale e temporale, offrono occasioni di socializzazione, aiutano a superare il senso di isolamento che, spesso, le bambine, i bambini, le ragazze e i ragazzi sperimentano. Le attività didattiche e ludico-espressive sono individualizzate e pianificate con flessibilità, in gruppo multidisciplinare integrato, in relazione ai bisogni, alle condizioni cliniche e psicoemotive della bambina, del bambino e dell’adolescente. L’insegnante, pertanto, partecipa attivamente al percorso di cura. L’obiettivo comune è quello di preservare e favorire lo sviluppo, in un periodo di vulnerabilità emotiva e neurobiologica, garantendo il massimo della qualità di vita, anche in presenza di malattie ad alta complessità clinico-terapeutica. L’ospedale deve essere un luogo di tutela della salute globale di bambine, bambini e adolescenti: la scuola e lo Spazio Incontro sono, pertanto, luoghi preziosi per i minori che vivono un’esperienza di ricovero e/o di malattia».

«Noi insegnanti nella Scuola Ospedaliera svolgiamo principalmente attività educative adattate alle esigenze degli studenti ricoverati - spiega Maria Chiara Mori - attraverso lezioni individuali o di gruppo, utilizzando risorse didattiche specializzate in collaborazione e in accordo con gli insegnanti degli istituti di provenienza dei ragazzi. Ogni giorno ci confrontiamo con sfide diverse, legate alle condizioni mediche degli studenti, alle limitazioni di tempo dovute agli impegni clinici, quindi abbiamo la necessità di adattare i metodi di insegnamento alle condizioni di salute specifiche di ciascun bambino. Flessibilità e sensibilità sono cruciali per superare queste difficoltà e garantire un ambiente educativo adeguato. Organizzando attività ludiche, didattiche ed educative offriamo uno spazio di normalità, lavorando in collaborazione con le psicologhe e i medici del reparto cercando di conservare i ritmi e le dinamiche di prima nonostante le circostanze talvolta estreme in cui si trovano i nostri allievi. Altra dinamica che gestiamo è il coordinamento dei volontari nell’apertura dei nostri spazi presenti nei Poliambulatori Pediatrici in sinergia con noi insegnanti dell’Istituto Comprensivo 6 di Modena».

«Il compito di Spazio Incontro - spiega l’insegnante Ivana Carri - è quello di accogliere quotidianamente i bambini ricoverati nel reparto di Pediatria del Policlinico di Modena, in un ambiente pensato e strutturato per loro, nel quale si possono trovare a proprio agio. Per questo motivo sono molto importanti le modalità con le quali questa accoglienza avviene ogni giorno. All’interno di Spazio Incontro i bambini possono scegliere di giocare liberamente: in una situazione particolare e difficile come quella che stanno vivendo non è affatto scontato. Possono entrare in relazione con gli altri bambini, effettuando laboratori ed esperienze organizzati nei vari giorni della settimana. Tra questi troviamo la musica, le costruzioni con i mattoncini, di manipolazione di materiali plastici come la creta, o ancora piccole e curiose esperienze per ricreare un contatto con l’ambiente naturale. L’obiettivo primario è quello di permettere ai ricoverati di trascorrere un tempo buono, di distrazione, piacevolezza e relax, ma anche di divertimento e curiosità, in un momento particolarmente difficile della loro vita».

«Scuola Ospedaliera e Spazio Incontro - sono le conclusioni del professor Lorenzo Iughetti - rappresentano ambiti estremamente importanti per i pazienti pediatrici e quelli di oncoematologia pediatrica, in quella che oggi viene definita come umanizzazione delle cure. I bambini ricoverati presso la nostra struttura trovano all’interno di questi spazi momenti di vita comuni che li riportano alla vita di tutti i giorni. L’importanza delle attività che si svolgono in questi Spazi è quella di rendere la cura più umana e avere risultati migliori nella qualità di vita dei bambini accolti nei nostri reparti».

LEGGI ANCHE:
SulPanaro Expo

RESTO D'ITALIA E MONDO

Victoria Beckham, 50 anni tra amici vip e balli con le Spice Girl. Ed esce sulle spalle del marito David
Il caso
RESTO D'ITALIA E MONDOVictoria Beckham, 50 anni tra amici vip e balli con le Spice Girl. Ed esce sulle spalle del marito David
L'evento ha visto l'ex Posh ospitare 40 amici, inclusa una reunion delle Spice Girls con le ex compagne Geri Horner, Mel B, Emma Bunton e Mel C.

Rubriche

“E adesso un libro” | Rubrica di libri - 6 titoli da non perdere
Rubrica - La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monari.
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere della focaccia fiorita
Rubrica - Creatività, ortaggi e farine; questi gli ingredienti che danno vita a questa scenografica focaccia. Rubrica a cura di Francesca Monari
Superbonus - nuova comunicazione preventiva
Rubrica - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto
Linee guida per i Social | Ecco come creare post perfetti in pochi e semplici passaggi
Rubrica - Ed eccoci al terzo appuntamento con Susanna Baraldi, titolare di un’agenzia di comunicazione mirandolese. Oggi impareremo a destreggiarci tra post, reel e video.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 1
Il punto - E' la rubrica che abbiamo deciso di avviare per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, pubblicando le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Glocal
Gli italiani mangiano male
Glocal - In Italia, ogni dieci minuti, una persona muore per complicanze legate all'obesità.
L’arte in Strada | San Prospero e il murale dedicato a Fraintesa
Rubrica - Rubrica a cura di Francesca Monari
Piccole e medie imprese, come ottenere i contributi per internazionalizzazione, transizione energetica e installazione di sistemi di sicurezza
Da sapere - I bandi riguardano attività in regola con il Durc e con il pagamento del diritto annuale alla CCIAA
Glocal
Nel 2050 un pensionato per ogni lavoratore
Glocal - Finanze pubbliche e welfare non saranno più sostenibili con il calo delle nascite
Linee guida per i Social | Ecco come iniziare bene a comunicare un'attività
Rubrica - Francesca Monari ha chiesto a Susanna Baraldi, titolare di un’agenzia di comunicazione mirandolese, come impostare correttamente una pagina social

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

  • I più letti

  • Most Read Posts

    • Non ci sono elementi
  • La buona notizia

    La storia
    Tanti applausi per i bimbi e le bimbe che fanno "Tiramisù" pulendo le strade di San Felice
    E' stata una iniziativa che ha raccolto consenso palpabile quella organizzata dal comitato genitori Crescere Insieme
    I dati
    Ricostruzione, prorogati al 31 dicembre 2025 i termini per l'esecuzione dei lavori finanziati
    Nuova ordinanza del Commissario e presidente della Regione. Modificate le scadenze di tutti i procedimenti in corso gestiti con la piattaforma informatica Mude
    Il caso
    Finale Emilia, ha riaperto a Canaletto il circolo musicale Lato B
    Dopo tempi di incertezze torna la musica nella ex scuola elementare

    Curiosità

    Falegname abusivo scoperto perchè espone la differenziata nel giorno sbagliato
    La storia
    Falegname abusivo scoperto perchè espone la differenziata nel giorno sbagliato
    L'errore fatale costerà all'uomo, un pensionato, 104 euro di multa più accertamento della Agenzia delle entrate
    E' festa a Soliera per i 60 anni della squadra di calcio Limidi F.C.
    Il riconoscimento
    E' festa a Soliera per i 60 anni della squadra di calcio Limidi F.C.
    Nell’occasione il campo da calcio verrà intitolato al limidese Bruno Ghelfi
    Auser Cavezzo nel grande progetto educativo contro lo spreco del cibo del Centro di Educazione alla Sostenibilità Ucman
    I dati
    Auser Cavezzo nel grande progetto educativo contro lo spreco del cibo del Centro di Educazione alla Sostenibilità Ucman
    Nelle scuole primarie del territorio un progetto educativo per spiegare ai bambini il valore che ha il cibo e ridurne lo spreco.
    La mirandolese Letizia Borella è la "Bodypainting model of the year 2023"
    Ultime notizie
    La mirandolese Letizia Borella è la "Bodypainting model of the year 2023"
    Il prestigioso titolo corona una carriera che l'ha vista partecipare e vincere numerose competizioni italiane ed internazionali
    San Prospero città delle donne: si racconta la libertà femminile tra studio, perseveranza e coraggio
    Il riconoscimento
    San Prospero città delle donne: si racconta la libertà femminile tra studio, perseveranza e coraggio
    E' stato un bel pomeriggio -  sala stra piena, pubblico attento e tanti applausi - quello che la neonata associazione I talenti di Minerva ha organizzato a San Prospero presso la biblioteca.
    Quelli di Villaggio Fantozzi ci son cascati di nuovo: a ottobre San Felice diventa Cinevalley
    Ultime notizie
    Quelli di Villaggio Fantozzi ci son cascati di nuovo: a ottobre San Felice diventa Cinevalley
    Sette grandi film. Tre giorni. Un fiume di eventi. Roberto Gatti &Co rendono omaggio a sette capolavori del cinema italiano
    Nuovi spazi per il centro bambini a Carpi
    Per i più piccoli
    Nuovi spazi per il centro bambini a Carpi
    Inoltre si inaugurerà la sede del “Consiglio dei ragazzi”
    Trattamenti estetici, gli italiani spendono in media 320 euro all’anno
    Curiosità
    Trattamenti estetici, gli italiani spendono in media 320 euro all’anno
    Le cifre più alte sono riservate alla cura dei capelli e del viso.
    Da Mirandola a Trieste, Raffaele Bruschi nella spedizione che ha scoperto un nuovo ramo del fiume Timavo
    La storia
    Da Mirandola a Trieste, Raffaele Bruschi nella spedizione che ha scoperto un nuovo ramo del fiume Timavo
    Il mirandolese era con gli speleologi della Società adriatica che hanno fatto la sensazionale scoperta scientifica: "Siamo stati dove nessuno mai"
    A Mirandola uno scorcio di piazza Costituente ora porta il nome di Largo Elvino Castellazzi
    Il caso
    A Mirandola uno scorcio di piazza Costituente ora porta il nome di Largo Elvino Castellazzi
    E' tra gli ultimi atti della giunta di Alberto Greco, che a giugno lascerà la carica di sindaco di Mirandola. “Un modo concreto per ricordare una grande persona”

    chiudi