Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
16 Settembre 2021

Nuova sede Asp a San Felice, il sindaco: “Siamo in attesa di una risposta dall’Ausl di Modena”

“Siamo in attesa di una risposta dall’Ausl di Modena”. Il sindaco di San Felice sul Panaro Michele Goldoni replica così ad Alberto Silvestri e Giovanni Giovanelli, i due ex amministrator che lo incalzavano sul tema della nuova sede dell’0Asp a San Felice.

Scrive il sindaco:

 

«Come in quel film in cui il protagonista è costretto a vivere sempre lo stesso giorno, così il Pd di San Felice sul Panaro continua imperterrito a far polemica sui soliti due/tre argomenti, ignorando le reiterate risposte che sono state date dall’Amministrazione comunale in Consiglio comunale, sui media e un po’ ovunque fosse possibile.

Per quanto riguarda la Casa della salute/sede Asp chiariamo per l’ennesima volta che siamo in attesa di una risposta da parte dell’Ausl di Modena. L’attuale Amministrazione di San Felice ha semplicemente evidenziato varie problematicità relative al progetto precedente della Casa della salute: carenza di parcheggi, intervento su un edificio vincolato con relativi possibili ritardi nella realizzazione dovuti al coinvolgimento di altri enti, mancata previsione del centro prelievi e di altri servizi che normalmente si trovano nelle altre case della salute. Per non parlare della commistione che si sarebbe verificata tra sede Asp e locali della Casa della salute. A fronte di queste problematicità, sono state da mesi sottoposte ad Ausl altre due aree, di proprietà del Comune, in cui si potrebbe celermente procedere alla realizzazione di una moderna struttura con tutti gli standard richiesti e in grado di soddisfare appieno le esigenze della nostra comunità. In sostanza il pallino è in mano ad Ausl e l’Amministrazione attende una risposta, come già ribadito in numerose occasioni. L’attuale situazione sanitaria, della quale il Pd San Felice tende forse un po’ a dimenticarsi, ha certamente rallentato e complicato tutto, ma noi siamo pronti, una volta arrivata la decisione dell’Ausl, per quanto di competenza del Comune, a muoverci con la massima celerità».

 

OGGETTO: Risposta ad interrogazione del 15 dicembre 2020 assunta al protocollo generale al n. 17583 da parte del gruppo consiliare Insieme per San Felice avente oggetto: Ex scuole elementari Muratori, progetto per nuova sede Asp e nuova casa della salute. Ulteriore richiesta di illustrazione delle decisioni dell’amministrazione”.

 

 

In riferimento all’interrogazione del 15 dicembre 2020 assunta al protocollo generale al n. 17583 si rappresenta quanto segue:

dall’analisi dell’ipotesi progettuale originaria – che prevede la collocazione della nuova Casa della Salute in un nuovo fabbricato addossato alla ex scuola elementare Muratori in sostituzione di quello che ospitava la palestra – è emersa sin da subito la necessità di individuare soluzioni alternative, volte a garantire la realizzazione di un’efficiente infrastruttura socio-sanitaria come la Casa della Salute e il contestuale recupero ottimale della Ex Scuola Elementare, assicurando ad entrambe le future strutture i necessari servizi accessori.

La valutazione di soluzioni alternative prende le sue mosse innanzitutto dal fatto che la soluzione originariamente individuata per la realizzazione della Casa della Salute ci pone davanti a numerose criticità, in primis la necessità di ricorrere a un iter progettuale più complesso (stante il vincolo ex D.Lgs. 42/2004 posto sull’immobile della “ex scuola Muratori”) e quindi necessariamente più lungo, oltre che la promiscuità con altri servizi e la ridotta capacità di parcheggio.

Partendo dall’ovvio presupposto che questa Amministrazione non ha alcuna necessità di modificare forzatamente l’ubicazione individuata, ha ritenuto doveroso porre in campo proposte progettuali soggette ad iter approvativi più celeri, oltre che proposte più lungimiranti, che non si limitino a fornire una risposta ad una esigenza contingente, ma che intravvedano le soluzioni più idonee in tema sanitario alla San Felice di domani.

Non si può inoltre omettere di evidenziare che l’analisi dell’attuale progetto, peraltro redatto da tecnici non afferenti all’Ausl, ha messo in luce diverse peculiarità che non devono e non possono essere in alcun modo ignorate.

Il progetto agli atti del nuovo edificio, infatti, risulta già carente di spazi, tanto che una parte dei servizi (CUP e SAUB) è prevista nello stabile collegato a fianco, che dovrebbe ospitare la sede legale dell’Asp.

Tenuto conto della necessità di garantire la miglior gestione possibile delle infrastrutture da parte di quest’Amministrazione, tale previsione dovrà necessariamente essere rivista per evitare l’ennesima sovrapposizione e commistione di attività, tipiche di questo Comune.

A questo si aggiunge che, in un momento storico come l’attuale in cui la pandemia da Covid-19 sta modificando in maniera rilevante diversi parametri, vale la pena che gli ambulatori e gli altri spazi previsti nel progetto redatto per conto della precedente Amministrazione vengano debitamente ridimensionati rispetto all’attuale previsione.

L’analisi ha infatti messo in luce un’evidente carenza degli standard di accessibilità tipici di queste infrastrutture, nonché una scarsità di spazi da adibire a parcheggio, tenuto anche conto della necessità di condividerne il loro utilizzo col personale impiegato all’Asp.

A ciò si aggiunge che anche i tecnici Ausl, interpellati in merito, hanno evidenziato come il progetto già redatto non corrisponda agli standard tipici di cui l’Azienda sanitaria si è dotata per la realizzazione delle Case della Salute e per questo motivo tale evenienza comporterebbe di fatto una rivisitazione profonda dell’attuale progetto.

E’ poi emerso che non siano stati previsti tutti i servizi normalmente presenti in altre Case della Salute già realizzate in contesti analoghi e per tale motivo con apposita comunicazione al responsabile del Distretto Sanitario Ausl di Mirandola Dottor Angelo Vezzosi, si è provveduto a rappresentare l’elenco dei servizi ritenuti indispensabili per i fabbisogni della nostra comunità e che devono trovare spazio nella nuova struttura, ovvero:

–           Punto Accoglienza-Informazioni e Sportello Unico CUP/SAUB;

–           Studi dei Medici di Medicina Generale e Servizi di supporto;

–           Ambulatorio Infermieristico;

–           Ambulatorio per terapia iniettoria;

–           Ambulatorio ostetrico;

–           Assistente Sociale;

–           Punto prelievi condivisibile con locale delegazione AVIS;

–           Consultorio Familiare;

–           Spazio Giovani – Centro Adolescenza;

–           Pediatria di Comunità;

–           Centro Salute Mentale Adulti;

–           Ambulatori Specialistici di Cardiologia, Oculistica, Diabetologia, Ginecologia e ORL;

–           Screening (Pap-test, colon-retto);

–           Vaccinazioni infanzia/età evolutiva;

–           Promozione della salute individuale e collettiva.

Per le motivazioni sopra riportate e per quanto espliciteremo anche in seguito, ad Ausl sono state proposte in alternativa al progetto preliminare redatto nella EX scuola elementare due aree libere da vincoli e sulle quali è possibile intervenire praticamente subito, lasciando come unici interlocutori l’Amministrazione ed Ausl, con la certezza quindi di poter realizzare un fabbricato nuovo, che contemperi tutte le funzioni e tutti gli spazi necessari per la casa della salute, conforme quindi alle mutate esigenze di Ausl.

Più precisamente, per estensione e caratteristiche, sono state proposte le aree che nel seguito vengono riportate:

Soluzione 1 – Area in adiacenza alla via “Giro-frati” Ex scuole medie (provvisorie)

L’area raffigurata nell’immagine su riportata (area azzurra) risulta avere un’estensione pari a circa 5.500 mq, è molto prossima al centro storico ed in posizione centrale rispetto al resto del capoluogo; detta superficie non risente di altre attività in contrasto in termini di funzioni (scuole, attività sportive ecc.) in quanto non si riscontrano promiscuità d’uso. Risulta ben collegata rispetto al centro del paese, l’intervento si attua tramite la presentazione di PDC.

Soluzione 2 – Area in fregio a via degli Esploratori

L’area, raffigurata nell’immagine (area azzurra) su riportata, risulta avere un’estensione pari a circa 2550 mq, è adiacente alla struttura di Aesculapio, dove vi sono ambulatori di diagnostica convenzionati con AUSL, non risente di altre attività in contrasto (scuole, attività sportive ecc.) in quanto non si riscontrano promiscuità d’uso. Risulta ben collegata, ma più distante rispetto al centro del paese. L’intervento si attua tramite la presentazione di un PDC/PDC CONVENZIONATO.

Vorremmo poi, prima di addentrarci nella risposta formale alla vostra interrogazione, puntualizzare alcuni punti:

  1. a) Secondo quanto abbiamo potuto percepire, l’attuale progetto parrebbe esser stato redatto dalla precedente Amministrazione a seguito di incontri partecipativi con la dirigenza Asp, i medici di base e forse la Direzione Sanitaria dell’Ausl di Mirandola, ma non parrebbe aver trovato condivisione con l’Ufficio tecnico dell’Ausl, depositario delle potestà relative all’attività di progettazione e costruzione delle Case della salute.
  2. b) Le slides a cui si fa riferimento nell’interrogazione, restituiscono tempistiche di massima per tutte le progettualità del Distretto Sanitario di Mirandola e per quanto riguarda la Casa della salute di San Felice evidenziano la realtà dei fatti, ovvero che l’Ausl, con la nostra collaborazione, sta provvedendo a vagliare il progetto che verrà interamente finanziato dall’Azienda sanitaria medesima.
  3. c) Si conferma che sono passati dieci mesi dall’inizio delle interlocuzioni con l’Ausl, ma è altrettanto vero che proprio in questi dieci mesi, per far fronte ad una pandemia senza precedenti, l’azienda sanitaria si è trovata nella condizione di dovere rimodulare il sistema ospedaliero e socio-sanitario provinciale. Giocoforza la rivisitazione della progettualità riferita a San Felice può aver trovato rallentamento, ma siamo sicuri che a breve ci verrà data una risposta definitiva che ci permetterà di poter programmare definitivamente la riqualificazione dell’ex scuole Elementari e la costruzione della Casa della salute, qualsiasi sia il sito individuato dall’Ausl.
  4. d) Non appena l’Ausl ufficializzerà le proprie scelte verranno rese pubbliche da quest’Amministrazione attraverso un Consiglio comunale straordinario ed una serie di incontri mirati con i Medici di medicina generale di San Felice sul Panaro

 

Si forniscono nel seguito le risposte alle domande formulate:

1) quali proposte e con quali motivazioni sono state fatte all’Ausl per la realizzazione della nuova Casa della Salute?

Sia le proposte, sia le motivazioni sono state già ampiamente discusse nelle premesse alla presente risposta.

2) quali sono le Ipotesi, di luoghi individuati dall’amministrazione e proposti all’Ausl? DI proprietà pubblica o privata? E quale è stata individuata come ipotesi migliore e per quale motivazione;

Come precedentemente descritto, le proposte alternative sono due ed entrambe insistono su aree di proprietà del Comune di San Felice. L’Amministrazione è in attesa di una valutazione risolutiva da parte dell’Ausl da cui scaturirà la progettazione preliminare sull’area definitivamente individuata.

3) di illustrare la “comparazione dei programmi temporali di intervento” citata dalla nota del gruppo di maggioranza “Noi Sanfeliciani.

Quest’Amministrazione non ritiene di dover illustrare comparazioni non direttamente redatte dall’Ufficio Tecnico e invita l’interrogante a richiederne l’eventuale illustrazione al gruppo consiliare.

4) è già stata avviata la nuova progettazione? Da chi verrà finanziata e affidata? Dal Comune dall’Ausl?

Ausl sta effettuando le proprie valutazioni tecnico-economiche, la progettazione verrà curata direttamente dalla stessa, sulla base dei riscontri del progetto preliminare si faranno le opportune valutazioni.

5) E’ stata finanziata la demolizione della struttura realizzata decenni fa come richiesto dal parere della soprintendenza? Nel caso di risposta negativa quando verrà fatto?

La demolizione era già contemplata nel progetto precedente. Anche laddove per la Casa della Salute dovesse essere scelta da Ausl altra localizzazione, la demolizione del corpo di fabbrica che ospitava la palestra sarà comunque prevista nell’ambito dei lavori di ripristino e riqualificazione dell’immobile storico “ex scuola Muratori”.

6) E’ stato dato mandato al progettista di avanzare con la progettazione della nuova sede di Asp?

Il progettista ha il mandato di redigere il progetto di fattibilità tecnica ed economica; con il professionista sono già stati svolti specifici incontri e il progetto sarà adeguato sulla base delle proposte e delle decisioni di AUSL.

7) Cosa verrà realizzato all’interno della sede storica e tutelata della ex scuola elementare Muratori al posto degli importanti spazi destinati alla Nuova Casa della Salute?

La sede storica rimarrà sede di ASP e gli spazi al piano terra non più occupati da CUP e SAUB verranno riprogettati in funzione delle diverse e nuove necessità evidenziate dall’Asp medesima.

8) Quali tempistiche sono ad oggi ipotizzate per la progettazione, le autorizzazioni e la realizzazione della nuova sede Asp?

Ottenuto il riscontro da parte di Ausl sulla localizzazione della casa della Salute, sarà portato a compimento il progetto di fattibilità tecnico-economica e sottoposto quindi a tutti gli enti deputati a rilasciare pareri e autorizzazioni.

 

L’Assessore

Giorgio Bocchi

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Dente del giudizio: cos'è e cosa fare
Hai male al dente del giudizio e vuoi saperne di più prima di estrarlo? Questo post fa al caso tuo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere sul pomodoro
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Dal Covid alla Yolo Economy
Negli Stati Uniti imperversa un fenomeno, che sta cominciando ad interessare anche il vecchio continente: la YOLO ECONOMY, dove YOLO sta per “You Only Live Once”, che tradotto sta per “si vive una volta sola”.leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Mirandola diventa "galleria a cielo aperto" tra arte urbana e Divina Commedia
    Percorso di arte urbana ispirato a Dante Alighieri in partenza il 15 settembre.[...]
    Mascherina a scuola, gli psicologi ER: "Per bambini e adolescenti non rappresenta un problema"
    Giovani, mascherine e scuola: l'intervento della dottoressa Francesca Cavallini, coordinatrice del gruppo di lavoro di Psicologia Scolastica dell'Ordine degli Psicologi dell'Emilia-Romagna[...]

    Curiosità

    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Grazie alla conoscenza comune del "bambino zero" e del giornalista Pablo Trincia, Giulia e Leda si sono conosciute e sposate nel giro di pochi mesi[...]
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    La donna, rientrata in Italia per chiedere il beneficio, una volta ottenutolo è tornata nell’arcipelago caraibico[...]
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    Ai piccoli è stato mostrato cosa significa essere volontari del soccorso[...]
    Più di 140 partecipanti per  la Pedalenta a Cavezzo
    Più di 140 partecipanti per la Pedalenta a Cavezzo
    La passeggiata per il paese in bicicletta è stata anche anche l’occasione per far conoscere ai giovanissimi le strade del proprio paese. [...]
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    I lavori, iniziati l’indomani della chiusura delle scuole e terminati in tempo utile, ammontano a 710.000 euro d[...]
    Scuola, a Mirandola e Finale Emilia prima campanella per oltre 4700 studenti
    Scuola, a Mirandola e Finale Emilia prima campanella per oltre 4700 studenti
    35mila gli studenti in tutto il modenese, 70 le nuove aule a disposizione.[...]
    Il campione di canottaggio Abbagnale a Soliera per un tatuaggio olimpico da Alle Tattoo
    Il campione di canottaggio Abbagnale a Soliera per un tatuaggio olimpico da Alle Tattoo
    Non è il primo atleta che ha deciso di tatuarsi un ricordo indelebile di questa meravigliosa olimpiade[...]
    Droni in volo nei cieli di Soliera, ecco perché
    Droni in volo nei cieli di Soliera, ecco perché
    Il territorio comunale di Soliera sarà interessato dal rilievo delle case sparse tramite droni a partire da martedì 7 a sabato 25 settembre.[...]
    Cinema, le produzioni e i protagonisti dell’Emilia-Romagna alla Mostra di Venezia
    Cinema, le produzioni e i protagonisti dell’Emilia-Romagna alla Mostra di Venezia
    In concorso nella sezione Orizzonti un documentario sostenuto dalla Regione[...]
    Concorso "Miss Universe Italy": a San Felice la prima finale regionale
    Concorso "Miss Universe Italy": a San Felice la prima finale regionale
    A presentare l'evento "La strana coppia" di Radio Bruno.[...]