Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
27 Settembre 2021

Politica agricola comunitaria: l’Emilia-Romagna al fianco delle più grandi Regioni agricole d’Europa

MODENA- Una Politica agricola comunitaria forte, semplice ed efficace che veda il pieno coinvolgimento delle Regioni come autorità di gestione degli interventi di sviluppo rurale. Così l’assessore regionale all’Agricoltura, Alessio Mammi, torna sul ruolo chiave svolto dalle autorità regionali nei Programmi di sviluppo rurale (Psr) all’interno della Pac.

“La Pac– afferma l’assessore – deve mantenere un collegamento stretto con le aree rurali attraverso le Regioni dell’Unione europea, compreso il ruolo nella definizione e attuazione delle politiche di sviluppo agricolo e rurale a livello locale”.

Per riaffermare questa centralità, le più grandi regioni agricole d’Europa, tra cui l’Emilia-Romagna, si sono rivolte al vicepresidente della Commissione europea, Frans Timmermans. La lettera è firmata dalle 16 Regioni riunite in Agriregions l’organizzazione mobilitata sulla Politica agricola comunitaria: Açores, Andalusia, Provincia autonoma di Bolzano – South Tyrol, Auvergne-Rhône-Alpes, Baden-Württemberg, Bavaria, Bretagne, Castilla y Le’on, Emilia-Romagna, Extremadura, Lombardia, Nouvelle Aquitaine, Pays de la Loire, Sibiu County, Toscana, Wielkopolska.

“Guardando ai nuovi orientamenti per la governance della futura Pac- sottolinea Mammi – il ruolo delle Regioni rischia un drammatico ridimensionamento. Questo ostacolerebbe inevitabilmente la capacità della futura politica di sviluppo rurale di rispondere alle esigenze locali, di adattarsi rapidamente e in tempo reale alle sfide in evoluzione delle nostre zone rurali, prima fra tutte quella verso la sostenibilità ambientale e la ricerca”.
“L’Emilia-Romagna- prosegue l’assessore- si distingue per la qualità delle produzioni, l’alto tasso di innovazione e la sostenibilità delle pratiche agricole. Siamo leader in Europa per numero di prodotti di eccellenza a marchio Dop ed Igp, ben 44, e per diffusione del biologico. Affinché le esigenze degli agricoltori emiliano-romagnoli siano valorizzate dalla futura Pac è indispensabile un ruolo forte di chi conosce bene il territorio e le sue esigenze, sa far rete con le altre Regioni europee e garantisce una distribuzione equa delle risorse tra le comunità agricole e rurali, secondo le loro esigenze specifiche. L’Emilia-Romagna ha usato tutti i fondi della precedente programmazione, ed è importante applicare questo modo di lavorare per distribuire alle imprese e alle filiere tutti i fondi a disposizione. In questo modo è l’intero il sistema agricolo nazionale a fare un passo avanti, nell’usare al meglio i fondi Ue”.

A questo proposito Mammi ha ricordato la proposta di 15 Regioni italianerappresentative di tutti i territori e governate da forze politiche differenti, per puntare sucriteri oggettivi per l’assegnazione dei fondi Ueper una fotografia dei territori che incroci criteri oggettivi e criteri storici, consentendo di utilizzare al meglio le risorse europee. La nuova ripartizione è proposta e condivisa dai tre quarti delle Regioni italiane, cioè: Emilia-Romagna, Abruzzo, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Sardegna, Toscana, Valle d’Aosta, Veneto e Province Autonome di Bolzano e di Trento.
Obiettivo, appunto, una divisione oggettiva delle risorse che non si affidi più soltanto su criteri storici superati, ma tenga conto anche di altri parametri, criteri oggettivi e misurabili come quelli di de minimis, popolazione rurale, produzione lorda vendibile, superficie agricola, numero di imprese.

“Le risorse del Psr devono essere utilizzate al meglio da tutte le Regioni nell’interesse delle imprese agricole italiane- chiude Mammi– e per far questo bisogna prendere a riferimento parametri nuovi. La proposta accomuna la gran parte di territori rappresentativi di tutto il Paese e di tutte le appartenenze politiche, ed è il frutto di una mediazione che contempla una parte di criteri storici e oggettivi proprio per arrivare gradualmente al 2023 con criteri che riguardano il merito. Consente di utilizzare al meglio e al massimo le risorse europee che ci vengono destinate come sistema Paese e tiene conto della fotografia reale dell’agricoltura dei territori”

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Dente del giudizio: cos'è e cosa fare
Hai male al dente del giudizio e vuoi saperne di più prima di estrarlo? Questo post fa al caso tuo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere sul pomodoro
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Dopo 12 anni di studi trovata la causa più frequente di infezione da Streptococco B sui bambini appena nati
    Lo studio dell'Università di Modena ha coinvolto 30 centri ed una popolazione di oltre 400.000 neonati. [...]
    Imbrattano i muri e poi se ne vergognano: a Ravarino i ragazzi rimettono a posto i loro danni
    La rabbia dei cittadini per questi atti di vandalismo si era diffusa rimbalzando sui social[...]
    Mirandola, il nido di via Poma selezionato per un progetto regionale
    Il progetto è destinato ai bimbi da zero a sei anni per l’apprendimento della lingua inglese.[...]

    Curiosità

    Nonantola, ecco i vincitori della rassegna degli Aceti Balsamici Tradizionali di Modena
    Nonantola, ecco i vincitori della rassegna degli Aceti Balsamici Tradizionali di Modena
    Sono stati premiati all’interno di “Sóghi, Saba e Savór”[...]
    A Finale Emilia un monumento per ricordare Libero Borsari
    A Finale Emilia un monumento per ricordare Libero Borsari
    Il pilota motociclistico finalese è scomparso nel 1952[...]
    Cercare una baby sitter online: lo studio della piattaforma Sitly
    Cercare una baby sitter online: lo studio della piattaforma Sitly
    Sitty, gruppo internazionale che opera in Italia attraverso la piattaforma www.sitly.it , ha voluto delineare il profilo del genitore tipo che ogni giorno seleziona le babysitter online.[...]
    Tra clima e immaginazione: il meteorologo Luca Lombroso tra analisi e nuove visioni
    Tra clima e immaginazione: il meteorologo Luca Lombroso tra analisi e nuove visioni
    Lunedì 27 settembre, alle ore 10, incontro live streaming con il metereologo[...]
    Bomporto, Aipo cambia le guarnizioni ai portoni Vinciani
    Bomporto, Aipo cambia le guarnizioni ai portoni Vinciani
    Nuovo intervento di manutenzione straordinaria interamente finanziato da Aipo [...]
    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    La sua presenza, però, non è passata inosservata[...]
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Vittima un imprenditore che voleva spostare 15 mila euro[...]
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    In aumento il numero degli animali affidati alle strutture intercomunali: quest’anno già oltre 50, mentre continuano i controlli sulle staffette illegali dal sud Italia[...]
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Grazie alla conoscenza comune del "bambino zero" e del giornalista Pablo Trincia, Giulia e Leda si sono conosciute e sposate nel giro di pochi mesi[...]