Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Predire sopravvivenza pazienti Covid in base alla angiopoietina-2? Lo studio dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena

Il ruolo dell’angiopoietina-2 come biomarcatore predittivo di mortalità da COVID-19 e di aumentato rischio di disfunzione polmonare cronica, si legge in un comunicato del servizio sanitario regionale, è al centro di uno studio coordinato dalla prof.ssa Erica Villa, direttrice del Dipartimento di Medicine Specialistiche dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena e pubblicato sull’ultimo numero di Blood Advances, il prestigioso periodico dell’American Society of Hematology.  Lo studio ha visto la collaborazione della Medicina Interna e Area Critica del Policlinico, diretta dal Dott. Lucio Brugioni, della Medicina Interna d’Urgenza e Area Critica dell’Ospedale Civile diretta dal dottor Giovanni Pinelli, dall’Anestesia a Rianimazione dell’Ospedale Civile, diretta dalla dott.ssa Elisabetta Bertellini e dal Dipartimento Interaziendale di Medicina di Laboratorio diretto dal dott. Tommaso Trenti. Inoltre, lo studio ha beneficiato della collaborazione con le Malattie Infettive dell’Università di Pavia, diretta dal prof. Raffaele Bruno.

Lo studio – finanziato con 2 milioni di euro dalla Regione Emilia-Romagna grazie ad un contributo liberale erogato dalla Banca d’Italia – ha preso in esame due coorti rispettivamente di 187 e 62 pazienti ricoverati con diagnosi di infezione da SARS-COV-2, da marzo a maggio 2020, analizzando le variazioni delle concentrazioni sieriche dell’Angiopoietina 2 in terza e decima giornata di degenza e ha dimostrato che livelli incrementati di Angiopoietina-2 in terza giornata rispetto al valore basale, identificano con elevata accuratezza i pazienti a maggior rischio di mortalità. 

“Quando l’emergenza è esplosa, quasi un anno fa, per prima cosa abbiamo pensato a curare i pazienti negli ospedali, a salvar loro la vita – si è congratulato l’Assessore alle Politiche per la Salute della Regione Emilia – Romagna Raffaele Donini – Poi a cercare di limitare i contagi attraverso il tracciamento dei casi e la presa in carico tempestiva, anche a domicilio, dei pazienti. Ma non appena sono stati nelle condizioni di farlo, i nostri professionisti e clinici hanno iniziato a lavorare sulla ricerca, per affrontare il Covid con armi più efficaci. Lo studio di oggi, che la Regione ha finanziato con due milioni di euro, ne è un esempio. Si tratta di uno dei 290 studi avviati sul tema Covid, che hanno coinvolto 542 centri clinici emiliano romagnoli. Sono 17 i trial clinici grazie ai quali si sono utilizzati farmaci che hanno contribuito a limitare gli effetti del Covid. Insomma, anche su questa partita la Regione c’è. Perché risultati come la pubblicazione dello studio di cui parliamo oggi, oltre a darci grande soddisfazione, aiutano a salvare vite”

“Noi siamo un’Azienda Ospedaliero – Universitaria – si è complimentato il Direttore Generale, dottor Claudio Vagnini – è quindi, grazie alla collaborazione con l’Ateneo i nostri ospedali sono il luogo privilegiato dove si incontrano ricerca e assistenza. Questo studio, che ha visto impegnati reparti del Policlinico e dell’Ospedale Civile, ci consente di fare un altro passo, piccolo ma significativo, nella comprensione e quindi nella cura di questo virus. Poche settimane fa abbiamo presentato lo studio sull’uso delle cellule staminali nella lotta al COVID, i nostri ospedali sono stati in prima linea nella ricerca sul tocilizumab a dimostrazione che Modena ha partecipato con un ruolo di primordine nella lotta contro il COVID19. Per questo motivo, desidero ringraziare tutti i professionisti che, ormai da un anno, sono impegnati a offrire la miglior assistenza possibile ai nostri pazienti.”

“Il patrimonio di competenza clinica e di ricerca dei colleghi della Facoltà di Medicina, unitamente a quello dei clinici e dei laboratoristi dell’Azienda Ospedaliero- Universitaria e dell’ASL Modena – commenta il Magnifico Rettore di UNIMORE Carlo Adolfo Porro – ci consente di essere in prima linea nella lotta al Covid-19. Mi congratulo per i risultati degli studi coordinati dalla prof.ssa Erica Villa, che contribuiscono a migliorare le conoscenze sui meccanismi del danno vascolare e polmonare indotto dal virus SARS-Cov-2. L’eccellenza nella ricerca, unitamente all’alto livello professionale delle strutture sanitarie e alla generosità di tanti volontari, rappresentano la risposta di cui siamo orgogliosi della nostra comunità alla pandemia”.

“A tutt’oggi – ha spiegato la prof.ssa Erica Villa – non sono stati validati marcatori biomolecolari capaci di predire la mortalità e, in modo anche più importante, il rischio di cronicizzazione dell’infezione da SARS-COV-2. il nostro studio, invece, ha permesso di dimostrare una correlazione tra l’aumento dell’Angiopoietina 2 e una maggiore gravità dell’infezione da COVID19, correlata con un rischio più alto di disfunzione polmonare cronica, a causa di un violento processo di trasformazione del tessuto polmonare, dovuto allo spiccato danno endoteliale associato all’incremento di angiopoietina-2 che, è giusto ricordarlo, è una proteina che ha un ruolo importante nell’angiogenesi, cioè nel processo di crescita e riparazione dei vasi sanguigni. Una proteina importante che, però, in corso di infezione COVID19 scatena una reazione eccessiva e potenzialmente dannosa nei vasi sanguigni polmonari”.  

Le analisi sperimentali sono state effettuate sia nel Laboratorio di Ricerca della Gastroenterologia del Policlinico di Modena che nell’unità semplice Diagnostica delle Patologie Autoimmuni diretta dalla dott.ssa Alessandra Melegari, afferente al Laboratorio diretto dal dottor Tommaso Trenti. Lo studio è stato possibile dall’elevato livello di collaborazione esistente fra la Gastroenterologia e la MIAC del Policlinico ed i reparti di Terapia Intensiva e Medicina d’Urgenza dell’OCB, che nonostante il periodo di intensissima attività clinica, hanno contributo ad arruolare i pazienti per lo studio.

“L’idea dello studio – ha concluso la prof.ssa Villa – è nata quando ci siamo resi conto che alcuni marcatori prognostici delle polmoniti che già conoscevamo sono presenti anche nei pazienti COVID1 e avrebbero potuto essere utilizzati come guida per le decisioni terapeutiche. Questo studio rappresenta solo un punto di partenza: per la validazione di questo marcatore, oltre che di altri marcatori di danno vascolare, è in corso un’analisi su coorti più ampie di pazienti.  I nostri dati suggeriscono poi che nei pazienti che hanno caratteristiche cliniche di elevata gravità una “targeted therapy” che bloccasse il recettore dell’angiopoietina-2 potrebbe essere un’opzione rilevante per diminuire il danno endoteliale e la formazione dei micro-trombi causati dal COVID-19”. Le sottoanalisi effettuate nell’ambito dello studio hanno inoltre confermato un tasso di mortalità maggiore COVID-relata nei pazienti italiani rispetto alla Cina in considerazione dell’età media più avanzata della nostra popolazione”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    E' il messaggio lanciato con un video pubblicato su Facebook ad un anno dallo stop alla musica dal vivo con il pubblico.[...]
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le indossano, tra gli altri, quelli de La strana coppia di Radio Bruno. Sono prodotte da Renometal e commercializzate dalla mirandolese Encaplast [...]
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Una grossa branca della chioma si è troncata, probabilmente a seguito del peso della neve caduta durante l’inverno [...]
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    L'emergenza sanitaria mette in crisi Aquaragia, storica realtà associativa mirandolese. Quale futuro per il circolo? Ne discutiamo con Roberto Ganzerli. [...]
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Nota di Irene Salvaterra sul progetto “A scuola in natura” a cura del CEAS La Raganella[...]
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    "Body painting significa essenzialmente vestirsi di emozioni diverse, le quali, trasposte cromaticamente sul corpo dell'interprete, si trasformano in arte": è così che Letizia Borella, mirandolese classe 1985, ci introduce ai segreti di quella che lei definisce "un'arte effimera".[...]
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Sui loro social hanno mostrato in una gallery i travestimenti dei cittadini[...]
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie viene nominata Property n.1 al Mondo del mercato del giocattolo per il 2020 [...]
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Il Pool Comitati, che raggruppa diverse organizzazioni attente alle tematiche legate all'ambiente e in particolare, relative al fiume Secchia ha diffuso un nuovo episodio di Good Morning Secchia[...]
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    "Factory MAT75 è un progetto che coinvolge giovani artisti che vogliono rappresentare la storia di questo mondo", spiega Alessandro Bonacorsi[...]