Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
25 Settembre 2021

Festa abusiva in una villa: denunciati gli organizzatori

MODENA- Si presentava come una sorta di discoteca all’aperto, però abusiva, l’evento al quale è intervenuto nelle scorse settimane la polizia locale di Modena, interrompendone lo svolgimento e denunciando quattro persone con l’accusa di aver organizzato un appuntamento non autorizzato al quale hanno partecipato alcune centinaia di giovani senza peraltro verificare, da parte dei presenti, il rispetto delle misure anti-Covid.

Oltre agli addebiti penali, sono scattate anche sanzioni per diverse migliaia di euro nei confronti della società, riconducibile ad alcuni degli indagati, attraverso la quale erano stati presi in affitto gli spazi che hanno ospitato il party irregolare, che si è svolto all’esterno di una villa privata collocata in un’area periferica nella zona sud della città.

In particolare, la sera dell’evento la polizia locale si è portata sul luogo della festa dopo la segnalazione di alcuni cittadini e, una volta sul posto, ha riscontrato la presenza di un elevato numero di giovani, intenti soprattutto a ballare e a consumare drink, nella maggior parte dei casi senza indossare la mascherina e non rispettando le misure di distanziamento sociale.

Da quanto è stato ricostruito dalle testimonianze dei partecipanti, per accedere al party occorreva indicativamente comprare un biglietto di ingresso da 20 euro, inclusivo della possibilità di parcheggiare l’auto in un’area adibita a posteggio.

L’acquisto del ticket era avvenuto anche su prevendita, consentendo quindi agli organizzatori dell’iniziativa di riservare alcuni “tavoli”, adeguatamente disposti nell’area, per diversi gruppi di partecipanti.

L’evento, promosso nei giorni precedenti sui social network e divulgato tra i più giovani attraverso il passaparola, prevedeva spazi destinati al ballo, con postazione per il dj e relativa dotazione di strumentazioni professionali – casse acustiche, mixer audio e luci, amplificatore, traliccio con luci stroboscopiche e fasci multicolore – e un “punto bar” per la somministrazione delle bevande, anche alcoliche, la cui vendita era regolata secondo un apposito listino prezzi.

In tutta l’area erano state inoltre predisposte delle sedute.

Dopo aver preso atto dell’assenza delle autorizzazioni per l’organizzazione della festa, dunque, le pattuglie del comando di via Galilei ne hanno sollecitato la chiusura anticipata, favorendo il deflusso dei presenti.

Gli accertamenti svolti nei giorni successivi dagli agenti del nucleo della polizia commerciale e della polizia giudiziaria hanno in effetti permesso di contestare il carattere abusivo del party, visto il mancato rispetto delle misure necessarie per la sicurezza e l’agibilità dei luoghi, e rilevando anche l’assenza del parere obbligatorio della Commissione di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo.

Mentre gli spazi per la festa, come è stato appurato, erano stati presi in affitto temporaneo da una società di Milano (la proprietà della villa è estranea ai fatti).

Dopo aver ricostruito l’accaduto, quindi, la polizia locale ha denunciato le figure per cui si ipotizza un coinvolgimento, a vario titolo, nella gestione dell’evento: si tratta di un 42enne e un 65enne considerati tra gli organizzatori e di un 52enne e un 55enne legati alla società lombarda affittuaria. A tutti è contestata l’apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo o trattenimento, un reato definito dall’articolo 681 del Codice penale su cui si dovrà esprimere l’Autorità giudiziaria; in caso di responsabilità, è previsto l’arresto fino a sei mesi e un’ammenda non inferiore a 103 euro.

All’impresa milanese, invece, sono state addebitate le violazioni amministrative del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (assenza del permesso per il pubblico trattenimento), delle leggi sulla somministrazione non autorizzata al pubblico di bevande e sulla riproduzione di musica all’aperto senza garantire il rispetto dei limiti di inquinamento acustico, delle disposizioni ministeriali sul mancato rispetto delle prescrizioni contro la diffusione del Coronavirus e del nuovo regolamento comunale per la disciplina delle attività rumorose temporanee (l’evento musicale non era stato appunto comunicato e autorizzato dall’Ente), per un totale di sanzioni che può arrivare a circa 4mila euro.

Nei prossimi giorni continueranno le verifiche finanziarie finalizzate a determinare la destinazione dei proventi scaturiti dall’organizzazione dell’appuntamento.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Dente del giudizio: cos'è e cosa fare
Hai male al dente del giudizio e vuoi saperne di più prima di estrarlo? Questo post fa al caso tuo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere sul pomodoro
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Mirandola, il nido di via Poma selezionato per un progetto regionale
    Il progetto è destinato ai bimbi da zero a sei anni per l’apprendimento della lingua inglese.[...]
    Mirandola, inaugurazione degli edifici parrocchiali a Quarantoli
    Domenica 26 settembre alle ore 18.30 la messa presieduta dal Vescovo Erio Castellucci, al termine la benedizione dei locali restaurati alla presenza delle Autorità civili[...]

    Curiosità

    Bomporto, Aipo cambia le guarnizioni ai portoni Vinciani
    Bomporto, Aipo cambia le guarnizioni ai portoni Vinciani
    Nuovo intervento di manutenzione straordinaria interamente finanziato da Aipo [...]
    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    La sua presenza, però, non è passata inosservata[...]
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Vittima un imprenditore che voleva spostare 15 mila euro[...]
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    In aumento il numero degli animali affidati alle strutture intercomunali: quest’anno già oltre 50, mentre continuano i controlli sulle staffette illegali dal sud Italia[...]
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Grazie alla conoscenza comune del "bambino zero" e del giornalista Pablo Trincia, Giulia e Leda si sono conosciute e sposate nel giro di pochi mesi[...]
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    La donna, rientrata in Italia per chiedere il beneficio, una volta ottenutolo è tornata nell’arcipelago caraibico[...]
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    Ai piccoli è stato mostrato cosa significa essere volontari del soccorso[...]
    Più di 140 partecipanti per  la Pedalenta a Cavezzo
    Più di 140 partecipanti per la Pedalenta a Cavezzo
    La passeggiata per il paese in bicicletta è stata anche anche l’occasione per far conoscere ai giovanissimi le strade del proprio paese. [...]
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    I lavori, iniziati l’indomani della chiusura delle scuole e terminati in tempo utile, ammontano a 710.000 euro d[...]