Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
21 Ottobre 2021

Emiliani: popolo di nuotatori

ELOGIO DEL NUOTO

di Andrea Lodi

In Italia oltre 20 milioni di persone praticano uno sport. Un quinto pratica il nuoto. In Emilia-Romagna è presente la più grande concentrazione di piscine pubbliche di tutta Italia. Su oltre 400 impianti natatori aperti al pubblico presenti in regione (sia impianti pubblici che privati con accesso al pubblico), la provincia di Modena si posiziona al primo posto con circa il 20% degli impianti.

L’indice di dotazione per 10.000 abitanti dell’Emilia-Romagna è 0,9. Modena ha un indice di dotazione pari a 1. Questo dato fa degli emiliani, in particolare dei modenesi, sostanzialmente un popolo di nuotatori.

Se prendiamo in considerazione la bassa modenese, prendendo come punto di riferimento la città con maggior numero di abitanti, ovvero Carpi, la città che ha dato i natali al campione di nuoto Gregorio Paltrinieri, in una isocrona di circa 20-30 minuti, escludendo la città di Modena, troviamo almeno tra i sette e gli otto impianti natatori pubblici. Se considerassimo anche quelli privati, intendendo quelli relativi a club o centri sportivi analoghi con accesso al pubblico, il numero raddoppierebbe.

Perché molti concittadini per praticare attività fisica hanno scelto di immergersi in acqua?

Tralasciamo conclusioni di stampo pseudo culturale e filosofico, del tipo che essendo l’Italia una penisola, ed essendo pertanto circondati dall’acqua, noi italiani saremmo soggetti ad una sorta di richiamo genico verso un elemento a noi caro, e che ci riporta altresì al periodo di gestazione, quando, ancora nascituri, immersi nell’acqua, ci lasciavamo dolcemente cullare all’interno del ventre della nostra genitrice.

I motivi sono ben altri.

Molti sport che amiamo praticare presentano delle controindicazioni. Il calcio, lo sport più praticato in Italia, è altamente traumatico. Non solo a causa di eventuali scontri in campo con gli avversari, ma la pratica stessa dello sport presenta problemi a livello di stress muscolare e articolare.

Il tennis, il secondo sport più praticato in Italia, è asimmetrico: lo sforzo muscolare è concentrato solo su una parte del corpo, quello dove si impugna la racchetta, e nel tempo si determinano disagi fisici non indifferenti. La pratica del tennis richiede di dedicare un po’ del proprio tempo ad uno sport compensativo: il nuoto sarebbe l’ideale. Poi, sinceramente, avete mai visto un tennista rilassato dopo un incontro? Il tennis, si sa, è uno sport altamente competitivo, che induce all’incazzatura.

Il nuoto è diverso. “Il nuoto è uno sport completo”, si sente spesso dire. Ed è vero. Semplicemente perché il corpo è interamente coinvolto, e i suoi benefici si fanno sentire sia sul fisico che sulla mente. I traumi sono rari, se non inesistenti. A meno che non ci prendiamo una pedata in faccia dal nuotatore che ci precede. Ma con un pizzico di attenzione, si può evitare. Il nuoto lo possono praticare tutti: bambini, anziani e donne in gravidanza.

Il nuoto fa bene

Grazie al sostegno dell’acqua si esercitano le articolazioni senza sovraccaricarle o sollecitarle in modo traumatico. Ogni singolo muscolo del nostro corpo viene esercitato e tonificato se si eseguono tutti gli stili correttamente. Inoltre, la necessità di mantenere la linea di galleggiamento e l’assenza di gravità permettono di attivare anche muscoli apparentemente non utilizzati (addominali, dorsali, piccoli muscoli delle mani e dei piedi). Alternare respirazione e apnea è un ottimo esercizio per rinforzare l’apparato cardio-circolatorio. Si potenzia inoltre la capacità polmonare, mentre aumentano i battiti e si bilancia la pressione sanguigna. Nuotare allevia lo stress, rilassa e calma. Non solo perché aumenta la produzione di serotonina, l’ormone della felicità, ma anche perché il contatto con l’acqua, l’assenza di rumore, l’estraniarsi dal mondo, vasca dopo vasca, permette di entrare in una dimensione dove si ascolta esclusivamente il proprio corpo.

Secondo alcuni studi nuotare aiuta a regolare la glicemia e il colesterolo. Inoltre, il nuoto favorisce il sonno. Aiuta a perdere peso e tonifica i muscoli. Innalza l’autostima: il fatto di essere così spesso a contatto con il proprio corpo semi-nudo migliora la percezione di sé stessi. Insomma, i benefici del nuoto sono davvero tanti.

Ecco dunque perché fa bene andare in piscina.

Già, la piscina.

Come descritto ad inizio articolo sul nostro territorio è presente una miriade di impianti natatori. Ma come sono organizzati? In generale gli impianti sono di nuova generazione, ben tenuti e ben gestiti. Sono finiti i tempi delle gestioni affidate al volontariato, che per quanto sia spinto da buone intenzioni, spesso è carente di capacità organizzative.

Oggi le piscine sono gestite da società specializzate con personale qualificato e una struttura organizzata in modo efficace. Il livello gestionale è mediamente buono.

Ma vediamo su quali aspetti si possono prevedere dei miglioramenti:

  1. aggiornare notizie ed informazioni sui siti internet – vi è mai capitato di raggiungere festante e desideroso di “entrare in una dimensione dove poter ascoltare il vostro corpo”, il tanto agognato impianto natatorio, ad esempio di Mirandola, e trovare un cartello all’ingresso indicante la temporanea chiusura dell’impianto coperto? E una volta fatto presente all’operatrice di sportello che sul sito internet l’impianto risultava aperto, sentirsi rispondere “si, ma all’ingresso della piscina abbiamo esposto un cartello”? Già, perché è risaputo che noi nuotatori, al mattino, quando usciamo per andare al lavoro, passiamo davanti all’ingresso della piscina per essere aggiornati sulle novità; imbecilli noi che ci affidiamo ad internet;
  2. mantenere un contatto con il cliente e fornire informazioni chiare e legittime – se alla fine dell’estate ti risultavano tre ingressi sulla tessera, ma non hai potuto superare il tornello di ingresso, ad esempio nella piscina di Mirandola, perché la tessera risultava vuota, ed alle tue rimostranze all’operatrice di sportello ti senti rispondere che la tessera era stata azzerata perché “dovevi” pagare “il canone annuale”, direi che ci troviamo di fronte ad una sequela di errori da fare inorridire perfino uno come Philip Kotler: 1. Il cliente va informato prima in merito ai motivi di un eventuale azzeramento di ingressi che ha pagato in anticipo; 2. Imporre, senza preavviso e consenso del cliente, pagamenti aggiuntivi, secondo il nostro ordinamento giuridico, è illegittimo; 3. Rispettare sempre la prima regola del marketing: il cliente non va mai messo in difficoltà.

Suggerimenti a parte, direi che non possiamo di certo lamentarci. Viviamo in una Regione, l’Emilia-Romagna, dove i servizi, di vario genere e tipo, sono gestiti in modo eccellente. Poi, ovvio, che c’è sempre spazio per migliorare.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere del cacao
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri". Memorie di un libraio di George Orwell
La rubrica “E adesso un libro” a cura di Francesca Monari.leggi tutto
Consigli di salute
Dentista e bambini: i consigli a prova di sorriso
Come educare i bambini alla figura del dentista e alcune indicazioni dell'ambulatorio dentistico Bolognadent leggi tutto
Glocal
Emiliani: popolo di nuotatori
In Italia oltre 20 milioni di persone praticano uno sport. Un quinto pratica il nuoto. In Emilia-Romagna è presente la più grande concentrazione di piscine pubbliche di tutta Italia.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere del cappuccino
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchInaugurazione nuova sede Oli spa a Medolla
    • WatchDeleted video
    • WatchNon aveva nessun sintomo ma grazie allo screening ha scoperto il suo cancro e l'ha curato in tempo

    La buona notizia

    Mirandola, “Tutto Finto Tutto Vero” ecco la nuova stagione dell'Auditorium Montalcini
    Un invito rivolto a tutti gli spettatori per condividere nuovamente un rito collettivo che oggi può ritornare ad essere vissuto dal vivo e in sicurezza.[...]
    Psicologo e psichiatra, martedì un Open Day virtuale e gratuito aperto a tutti nell'ambito di Màt
    Un evento a cura Dipartimento Salute Mentale di Modena con lo scopo di fornire chiarimenti, indicazioni, pareri e consulti relativi alla salute mentale adulti.[...]

    Curiosità

    Ingresso "trionfale" all'hub vaccinale: Marisa e Benito arrivano in sidecar
    Ingresso "trionfale" all'hub vaccinale: Marisa e Benito arrivano in sidecar
    L'arrivo della coppia ha destato la curiosità dei presenti e del presidente della Regione Stefano Bonaccini che, sulla sua pagina Facebook, ha postato la postato la foto della coppia.[...]
    Abbonamenti pirata a Dazn, Sky, Disney: 1800 persone denunciate
    Abbonamenti pirata a Dazn, Sky, Disney: 1800 persone denunciate
    Denunciato anche l'organizzatore, che ha guadagnato circa mezzo milione di euro dal 2017 al 2020[...]
    Da Mirandola la Pimpa (e Davide Gaddi) fanno scuola. Alla ricerca del meteorite tra Prato e Pistoia citati anche loro
    Da Mirandola la Pimpa (e Davide Gaddi) fanno scuola. Alla ricerca del meteorite tra Prato e Pistoia citati anche loro
    E' infatti una storia di successo quella del mirandolese che un paio d'anni fa andando a spasso con la sua cagnolina sull'argine del Secchia trovò i frammenti della meteora che venne poi chiamata, appunto, "Cavezzo".[...]
    La Nasa sceglie lo scatto del modenese Luca Fornaciari: è la galassia M33
    La Nasa sceglie lo scatto del modenese Luca Fornaciari: è la galassia M33
    Luca Fornaciari, fotografo di professione, da quasi 10 anni si occupa di fotografia astronomica.[...]
    Il Duomo di Mirandola mai così bello, con le installazioni del Paradiso di Dante
    Il Duomo di Mirandola mai così bello, con le installazioni del Paradiso di Dante
    Grande il consenso tra i mirandolesi. Mentre qualche perplessità ha suscitato il Diavolo dell'Inferno dantesco in piazza[...]
    Cinema, sport e inclusione: presentato il docufilm "Tanta Strada"
    Cinema, sport e inclusione: presentato il docufilm "Tanta Strada"
    Il lungometraggio, girato in Emilia-Romagna, lancia un messaggio chiaro: si può essere felici con lo sport, la natura e la compagnia. A prescindere dalle proprie capacità.[...]
    L'astrofisica sbarca su Youtube con la mirandolese Andrealuna Pizzetti
    L'astrofisica sbarca su Youtube con la mirandolese Andrealuna Pizzetti
    "On Planet 9" è il progetto creato dalla Pizzetti e altre quattro dottorande: le cinque giovani studiano astrofisica alla Clemson University, nella Carolina del sud.[...]