Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
27 Gennaio 2023

Due parole sull’economia italiana

di Andrea Lodi

Scrivere della situazione economica del nostro Paese in questo periodo così “particolare”, non è un’impresa semplice. I dati macroeconomici, tutto sommato, ci presentano un quadro non così grave. Ovviamente se si è ottimisti. Nel senso che sarebbe potuto andare peggio. I dati parlano chiaro. Prendiamo ad esempio il tasso di inflazione, che pare assestarsi attorno ad un +6,5%, quando il tasso d’inflazione cosiddetta “positiva” è attorno al 2%.

Per non parlare poi del tasso di disoccupazione, determinato, pare in parte, dal fenomeno del cosiddetto “skills mismatch”. Certamente l’aumento dei prezzi dei beni energetici e di quelli alimentari stanno gravando molto su imprese e famiglie. In un Paese, l’Italia, dove il risparmio rappresenta il 7,6% del PIL, e considerando che gli italiani sono considerati tra i principali risparmiatori d’Europa, significa che tutto sommato in media ogni italiano è in grado di patrimonializzare una buona parte del proprio reddito. Occorre considerare inoltre che l’Italia è un Paese che garantisce un buon livello di benessere ad ogni cittadino, grazie soprattutto ad un sistema di welfare pubblico che funziona. Certo le disuguaglianze, soprattutto tra il Nord ed il Sud Italia sono evidenti. Ma questo è un problema di cui nessuna forza politica ha mai voluto occuparsi seriamente.

L’inflazione

A marzo l’inflazione registra un +6,5% a causa soprattutto dell’aumento dei prezzi dei beni energetici e dei generi alimentari.

Nel primo trimestre 2022 l’impatto dell’inflazione, misurata dall’IPCA (l’indice dei prezzi al consumo armonizzato per i Paesi dell’Unione Europea), è più ampio sulle famiglie con minore capacità di spesa rispetto a quelle con livelli di spesa più elevati (rispettivamente +8,3% e +4,9%).

L’accelerazione dell’inflazione su base tendenziale (che misura i prezzi dei prodotti al momento della loro produzione) è dovuta prevalentemente all’aumento dei prezzi dei beni energetici (la cui crescita passa da +45,9% di febbraio a +50,9% attuali). Rispetto allo stesso periodo dell’anno i costi dei beni energetici è quasi raddoppiata, se consideriamo anche l’incidenza dei costi fissi (prezzi della componente regolamentata).

Temo che se anche finisse la guerra, l’inflazione rimarrebbe alta per un po’ di tempo perché ormai si è creata una certa inerzia – afferma il noto economista Carlo Cottarelli – I prezzi salgono soprattutto negli Stati Uniti, che sono una zona del mondo talmente grande che influisce su tutto il resto dell’economia mondiale. Qui già si è creata un’inerzia in cui tutti i prezzi vanno su, in Europa un po’ meno però noi risentiamo anche di quello che succede nel resto del mondo“.

Prestiti alle famiglie

Cresce il numero delle famiglie che faticano a pagare le rate dei mutui accesi per l’acquisto di beni durevoli. Il totale del credito deteriorato riconducibile ai bilanci familiari si è attestato a 12,3 miliardi a febbraio, contro i 10,8 miliardi di novembre 2021 (circa +14%).

Si assiste ad una brusca inversione di tendenza. Dopo quasi sei anni consecutivi di riduzione del credito deteriorato riconducibile alla clientela privata, calato progressivamente da maggio 2016, nell’ultimo anno le difficoltà causate dalla crisi economica innescata dal Covid19, hanno generato un consistente aumento dei crediti deteriorati. Fenomeno che si prevede in aumento a causa anche delle difficoltà determinate dalla guerra in atto tra Russia ed Ucraina.

Le stime sul PIL

Il Fondo Monetario Internazionale stima per l’Italia una crescita del 2,3% nel 2022, rispetto al 3,8% ipotizzato ad inizio anno, con un “taglio” dell’1,5%. Per il 2023 si stima una crescita ferma all’1,7% con una riduzione dello 0,5% rispetto alle previsioni di gennaio. Per comprendere la gravità della situazione, l’anno scorso il Pil italiano è salito del 6,1%. Nell’Eurozona, oltre all’Italia, i tagli più consistenti riguardano anche la Germania, anch’essa con un sistema economico fortemente rappresentato da industrie manifatturiere e con una forte dipendenza, dal punto di vista energetico, dalle importazioni dalla Russia.

L’impatto sull’occupazione

Sul fronte occupazionale si assiste ad un fenomeno fortemente contraddittorio, tipico del nostro Paese.

Se da un lato molte imprese del settore manifatturiero, a causa soprattutto dell’aumento dei costi energetici e delle materie prime, hanno “frenato” le assunzioni (-8,5% rispetto al periodo precedente), altre denunciano una sostanziale difficoltà nel reperimento di mano d’opera.

Ad aprile il tasso di disoccupazione complessivo in Italia è dell’8,5% e del 24,2% quello giovanile. Nello stesso periodo, secondo il bollettino pubblicato dal Sistema informativo Excelsior (realizzato da Unioncamere e Anpal), risulta tuttavia “introvabile” il 40,4% dei profili professionali. Si chiama skills mismatch, ovvero la mancata corrispondenza tra le competenze richieste dalle aziende e quelle possedute dei lavoratori. Secondo Anpal il 12,7% è determinato da preparazione inadeguata dei candidati, il 24,5% dalla mancanza di candidati ed il 3,2% da “altri motivi” non evidenziati.

L’analisi di Bankitalia

Il quadro macroeconomico delineato da Bankitalia è da considerarsi di “eccezionale incertezza”, a causa soprattutto dei due anni di freno dell’economia per la crisi pandemica e per le tensioni generate dalla guerra in Ucraina. Nel primo trimestre del 2022 l’Italia ha perso mezzo punto di Pil: “valutiamo che la produzione industriale sia diminuita nel primo trimestre e che la spesa delle famiglie si sia indebolita; nel complesso stimiamo che il Pil possa essersi ridotto di poco più di mezzo punto percentuale nei primi tre mesi del 2022”. È quanto riferisce Fabrizio Balassone, capo del servizio struttura economica della Banca d’Italia. “Le ripercussioni dipenderanno dalla prosecuzione del conflitto, che finora si è manifestato con il rialzo dei prezzi delle materie prime – continua Balassone –  e le conseguenze saranno più accentuate per le economie europee ma anche per quelle dei paesi emergenti che sono esposti a strozzature per l’offerta soprattutto di beni alimentari”.

Conclusioni

E’ indubbio che l’attuale situazione che sta vivendo l’Europa, a partire da quel fatidico mese di febbraio del 2020, in cui il mondo intero ha scoperto quanto siamo effettivamente deboli e che il sistema economico e socio-sanitario che abbiamo messo in piedi non è poi così efficiente come l’abbiamo immaginato, e che le tensioni tra le diverse culture, se così possiamo definirle, non hanno mai smesso di fare soffiare possibili venti di guerra, ci ha messo di fronte alla necessità di ridefinire i “termini della questione”.

Ci ha messo di fronte alla necessità di ridefinire la destinazione della spesa pubblica, delle politiche sociali ed occupazionali, dell’evidente stortura di alcune forze politiche che fanno del nazionalismo la loro bandiera. Ciò di cui ha bisogno oggi l’Europa, e il conflitto in atto in Ucraina ce ne sta dando conferma, è un’Europa che vada contro ogni forma di individualismo e che sappia fare fronte comune di fronte alle nuove sfide di un futuro che è ormai presente. La gestione della “cosa pubblica” deve essere affidata a persone competenti e un po’ meno “egoriferite”, se possibile. E’ finito il tempo della politica che rincorre prevalentemente interessi di parte. E’ iniziato invece un periodo nuovo, una nuova consapevolezza dove la parola d’ordine deve essere “collaborazione”. Gli americani pare non l’abbiano ancora capito.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

“E adesso un libro: rubrica di libri” Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere dello zabaione
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Consigli di salute
Quando si perdono i denti, vanno sostituiti. Anche quelli dietro che non si vedono
Si può creare un’instabilità di tutta l’arcata dentale, quindi cefalee e problemi posturali, dolori alle articolazioni, mal di schiena e tensioni muscolari.leggi tutto
Consigli di salute
Perchè si devono raddrizzare i denti storti?
I denti storti rappresentano principalmente un fattore estetico se non interferiscono con l’occlusione della bocca. E rappresentano una difficoltà aggiuntiva alla corretta igiene oraleleggi tutto
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere sulla pasta choux
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri” Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    E' nato il "Calendario della memoria" dell'Anpi di Modena
    Il Progetto è parte delle iniziative che l’ANPI provinciale di Modena intende realizzare per ricordare gli 80 anni dall'inizio della Lotta di Liberazione (1943-2023).[...]
    Appennino modenese, caduti altri 20 centimetri di neve
    I mezzi spargisale sono 27 (13 in montagna e 14 in pianura), più nove di proprietà della Provincia, oltre a 14 mezzi “combinati” cioè sia spartineve che spargisale[...]
    A Modena si realizza una scuola jolly da usare quando nelle altre si fanno i lavori
    Sarà uno spazio scolastico da utilizzare ogni volta che serve, senza creare disagi agli studenti e soprattutto garantendo la piena continuità delle lezioni.[...]

    Curiosità

    A Carpi boom di multe per le infrazioni col semaforo rosso: se ne fa una ogni due ore. Ogni giorno
    A Carpi boom di multe per le infrazioni col semaforo rosso: se ne fa una ogni due ore. Ogni giorno
    Il semaforo più "bucato" è quello nell’intersezione fra via Guastalla e la tangenziale “Losi”, in direzione ovest (cioè verso Rio Saliceto)[...]
    Modena, una grande coperta in piazza Grande contro la violenza sulle donne
    Modena, una grande coperta in piazza Grande contro la violenza sulle donne
    La grande coperta sarà formata da quadrati di 50x50 cm eseguiti ai ferri o all’uncinetto da chiunque voglia partecipare all'iniziativa[...]
    Il libro bomba del principe Harry tradotto in Italia a Carpi: "Tutto rimasto segreto fino all'ultimo"
    Il libro bomba del principe Harry tradotto in Italia a Carpi: "Tutto rimasto segreto fino all'ultimo"
    Parla una delle traduttrici italiane della casa editrice, la carpigiana Sara Crimi[...]
    Buon compleanno Liliana Cavani, per la regista carpigiana grande festa per i suoi 90 anni
    Buon compleanno Liliana Cavani, per la regista carpigiana grande festa per i suoi 90 anni
    A Roma il sottosegretario alla Cultura Vittorio Sgarbi ha organizzato per la cineasta conterranea un rendez vous nella sede del Ministero con tutti i grandi nomi della cultura[...]
    Alle Tattoo, al MAT75 di Limidi di Soliera saranno esposti i tatuaggi dedicati a Gianluca Vialli
    Alle Tattoo, al MAT75 di Limidi di Soliera saranno esposti i tatuaggi dedicati a Gianluca Vialli
    Tante le persone recatesi nello shop di Alle Tattoo per commemorare attraverso un tatuaggio la scomparsa del grande campione[...]
    Modena al terzo posto tra le città italiane più educate
    Modena al terzo posto tra le città italiane più educate
    Preply - piattaforma globale di apprendimento delle lingue - ha realizzato uno studio per individuare le città più educate d’Italia[...]
    Disegnate a Soliera da Alle Tattoo le nuove divise del Volley Modena
    Disegnate a Soliera da Alle Tattoo le nuove divise del Volley Modena
    La collaborazione tra lo sport e l'artista modenese sfocerà anche in eventi benefici dove si potranno acquistare le maglie delle giocatrici[...]
    L'Ucraina e la regina Elisabetta, gli Australian Open e le elezioni. Ma anche Drusilla, Blanco e Vlahovic: ecco il 2022 delle ricerche web
    L'Ucraina e la regina Elisabetta, gli Australian Open e le elezioni. Ma anche Drusilla, Blanco e Vlahovic: ecco il 2022 delle ricerche web
    Su Internet cerchiamo sempre notizie e aggiornamenti su quanto accade attorno a noi, e il motore di ricerca Google lo ha messo in classifica.[...]
    Capodanno 2023: Sharm El Sheik, Caraibi, Santo Domingo, Marocco, Dubai, Fuerteventura le mete preferite
    Capodanno 2023: Sharm El Sheik, Caraibi, Santo Domingo, Marocco, Dubai, Fuerteventura le mete preferite
    Chi può se ne va insomma all'estero, al caldo. Mentre chi ama la neve e resta in Italia sceglie Marilleva a pochi passi dalle più belle piste da sci del Trentino.[...]
    Niente tasse regionali alle compagnie aeree se evitano di sorvolare le aree densamente abitate di Bologna
    Niente tasse regionali alle compagnie aeree se evitano di sorvolare le aree densamente abitate di Bologna
    I voli si sposteranno verso la Bassa percjè decolleranno dalla pista 30 Nord-Ovest, verso zona Bargellino[...]
    • malaguti