Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
04 Marzo 2024
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Il partito dei disillusi e i governi dei migliori

di Andrea Lodi

Governare l’Italia tra opportunismi e politica

La politica ormai da troppi anni non si occupa più di governare il Paese, e quindi di pensare agli interessi degli Italiani. Sembra una frase fatta, tipica dei disillusi della politica nostrana, di quella parte del Paese che ha aderito al “partito del non voto”, il PDNV, che rappresenta quasi il 40% degli aventi diritto al voto. Per la precisione, nella turnata elettorale di settembre 2022, che ha visto imporsi il partito di Giorgia Meloni con circa il 26% delle preferenze, il “partito del non voto” rimane sempre e comunque il primo partito d’Italia con il 39,5% di sostenitori.

L’articolo 48 della Costituzione italiana, al comma 2, riporta: “Il voto è personale ed eguale, libero e segreto. Il suo esercizio è dovere civico”.

L’articolo 54 della Costituzione italiana, invece, ci ricorda che “tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi. I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge”.

Chi riveste cariche pubbliche ha pertanto il dovere di adempiere al proprio mandato con disciplina e onore. Chi siede in Parlamento, e chi ottiene la delega di governare lo Stato, presta giuramento davanti al Presidente della Repubblica ed alla Costituzione.

Purtroppo stante la situazione attuale, che si è andata affermando ormai da troppi anni, i membri dell’Accademia della Crusca, dovrebbero rivedere le definizioni di “diritti” e di “doveri”.

Gli opportunisti della politica

La maggior parte dei partiti si sono coalizzati all’interno di una sorta di “movimento transpartitico nazionale” (MTN) dove la regola si chiama opportunismo. Sono quelli che hanno più successo. Sono in continua campagna elettorale. Promettono mari e monti, ed ottengono più consensi rispetto a quelli che cercano faticosamente di realizzare riforme e politiche di sviluppo strutturali. Viene premiato, come dice qualcuno, il “catastrofismo dei peggiori”, che serve a confondere le idee, a seminare scontento e a conquistare consensi di pancia, rispetto ai “governi dei migliori”.

A luglio del 2022 alcuni partiti, coalizzatisi all’interno del famigerato MTN, hanno deciso di far cadere il Governo Draghi, in un momento molto delicato per il Paese. Ovviamente i partiti dell’opposizione, coalizzatisi anche loro all’interno dell’MTN, facendo oltretutto credere agli aderenti del PdC (Partito dei Creduloni), che le politiche del Governo Draghi erano fallimentari, sono riusciti a portare il Paese alle elezioni anticipate di settembre.

Ma era il caso? I numeri, ai quali gli aderenti al PdC non credono affatto, dicono proprio di no.

Il governo dei migliori

Già durante il governo Draghi, gli italiani sono stati assaliti da slogan martellanti amplificati dai media, di un’Italia allo sbando, di un governo di incapaci, di un imminente crollo del PIL, e altri catastrofismi.

La realtà però è assolutamente diversa. Durante i sette trimestri del governo Draghi l’Italia è stata l’unica economia del G7(1) che ha visto aumentare il PIL trimestre su trimestre, arrivando ad una crescita complessiva record di 8,4 punti percentuali. Ben maggiore rispetto a Paesi come Stati Uniti, Francia e Germania.

Le misure adottate da Draghi, e di cui l’Istat ha stimato l’efficacia, comprendono: la riforma Irpef; l’assegno unico e universale per i figli a carico; le indennità una tantum di 200 e 150 euro; i bonus per le bollette elettriche e del gas; l’anticipo della rivalutazione delle pensioni.

Misure che hanno avuto esiti positivi sulla società: una riduzione di 0,8 punti percentuali della disuguaglianza sociale, la riduzione di 1,8 punti percentuali del rischio di povertà (calcolati entrambi sulla base dell’”Indice di Gini (2)”), la ripresa dei consumi con la conseguente crescita del PIL, il contenimento dello spread, il successo della campagna vaccinale, l’impostazione del PNRR alle misure antinflazione.

Questa è l’eredità di Draghi, di fronte alla quale si confrontano le ambizioni della manovra del nuovo governo, da più parti giudicata modesta e dispersiva.

Stessa sorte capitò all’ormai poco gradito Matteo Renzi, attualmente membro permanente del “movimento transpartitico nazionale” per il catastrofismo. Anche in quel caso il movimento si è dato da fare. Nessuna delle politiche economiche avviate dal governo Renzi, e poi proseguite dal suo successore Paolo Gentiloni, sembrava riscuotere consensi nonostante i risultati sul campo dicessero l’esatto contrario. Gli 80 euro in busta paga, l’abolizione della tassa sulla prima casa, il Jobs Act e il Piano Industria 4.0, tanto per citarne alcune, hanno contribuito alla crescita dei consumi nel 2015 dell’1,9%, alla crescita del tasso di occupazione ed al riammodernamento tecnologico delle nostre imprese manifatturiere.

Nel periodo tra il 2014 ed il 2018 gli investimenti in macchinari ed attrezzature aumentarono in termini reali del 29%, quasi il doppio rispetto alla Germania. Va precisato inoltre che se l’industria italiana è riuscita a reggere durante la pandemia e a ripartire velocemente dopo il lockdown, è proprio grazie agli investimenti realizzati negli anni precedenti con i contributi previsti nel Piano Industria 4.0.

La realtà è che tra le promesse roboanti lanciate in campagna elettorale dai partiti del MTN e la reale gestione del Paese, c’è un’abissale differenza. Vedremo se con la manovra appena varata gli attuali governanti, ai quali va il mio più sentito e profondo augurio di un buon lavoro, sapranno fare meglio del governo precedente. Che numeri alla mano di cose buone ne ha fatte.

Note a margine

(1) I membri del G7 sono: Francia, Germania, Italia, Canada, Giappone, Stati Uniti e Regno Unito.

(2) Il coefficiente di Gini è una misura statistica della diseguaglianza che descrive quanto omogenea o diseguale il reddito o la ricchezza sono distribuite tra la popolazione di un paese. Il coefficiente assume un valore tra 0 e 1, ed un coefficiente di Gini più elevato è associato ad una più elevata diseguaglianza.

SulPanaro Expo

RESTO D'ITALIA E MONDO

Rubriche

Linee guida per i Social | Ecco come iniziare bene a comunicare un'attività
Rubrica - Francesca Monari ha chiesto a Susanna Baraldi, titolare di un’agenzia di comunicazione mirandolese, come impostare correttamente una pagina social
Bonus export digitale plus 2024, ecco come fare per richiederlo
Da sapere - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli da non perdere!
Rubrica - La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monari
Glocal
Una serata a Modena in ricordo di Giulio Santagata
Glocal - Venerdì 16 febbraio alle ore 17, a Modena, presso l’Auditorium Marco Biagi. Romano Prodi, Pierluigi Bersani, Gian Carlo Muzzarelli e Luca Bottura raccontano ZULI, “il compagno” Giulio Santagata.
Glocal
Innovazione e competitività delle imprese emiliano-romagnole
Glocal - Il sistema economico dell’Emilia-Romagna si posiziona al 21mo posto, su 121, per capacità di innovazione e grado di competitività delle imprese.
Glocal
La cucina italiana ancora la migliore al mondo
Glocal - La classifica dei Paesi con la “migliore cucina al mondo” vede al primo posto l'Italia con la valutazione media di 4.65 punti su 5.
Superbonus, il decreto “salva spese” – bonus barriere architettoniche
Da sapere - Ce ne parla il dottor Alessandro Bergonzini: commercialista e revisore legale, residente a Camposanto
Glocal
Pandoro indigesto per Chiara Ferragni: ma il vero danno è economico o d'immagine?
Glocal - Il nostro esperto di economia Andrea Lodi ricostruisce a quanto ammonta il danno economico per le società di Chiara Ferragni dopo la comminazione della multa da parte dell’Antitrust

Sul Panaro on air

    • WatchIl capriolo era rimasto incastrato tra le reti intigrandine del frutteto: salvato da Il Pettirosso
    • WatchC'è un posto speciale per le cicogne a Medolla
    • WatchDue francobolli per celebrare le eccellenze di Ravarino: la pera e l'aceto balsamico
  • I più letti

  • Most Read Posts

    • Non ci sono elementi
  • La buona notizia

    Volontariato
    Il ricavato del comitato Sagra Confine donato a 4 associazioni del territorio
    A ricevere la donazione sono stati Avis, Auser, Croce Blu e scuola dell’infanzia Filomena Budri di Mortizzuolo.
    usciamo
    A Massa Finalese una festa della donna… a tavola, in collaborazione col Centro Antiviolenza Ucman
    La serata enogastronomica si terrà al PalaDiversivo Prosolidar. Parte del ricavato sarà devoluto all'associazione Donne in Centro. Sabato 9 e domenica 10 la manifestazione "Tradizionalmente"
    Vestiti, usciamo
    Buon compleanno all'Oasi delle cicogne di Medolla
    Festeggia oggi gli anni lo spazio verde tra i più belli d’Italia, gestito dai volontari in collaborazione col Comune

    Curiosità

    Una corda insaporita per uccidere il cane, l'animale ora rischia di morire
    Da sapere
    Una corda insaporita per uccidere il cane, l'animale ora rischia di morire
    La corda, che era stata insaporita con grasso o strofinata col prosciutto, è stata gettata nel giardino di casa
    "Sanremo nonni", allegria e divertimento alla Cra “Augusto Modena” di San Felice
    L'iniziativa
    "Sanremo nonni", allegria e divertimento alla Cra “Augusto Modena” di San Felice
    Lo scorso 25 febbraio un gruppo di volontari ha animato la domenica degli ospiti della struttura
    Lavoro, sul sito Trenitalia nuova sezione per candidarsi
    L'iniziativa
    Lavoro, sul sito Trenitalia nuova sezione per candidarsi
    Sarà ad esempio possibile candidarsi per il ruolo di macchinista, figura storica del trasporto ferroviario, che oggi opera utilizzando moderne e sofisticate tecnologie.
    Teatri di San Felice, il restauro non c'è ma almeno possiamo vedere i rendering
    L'iniziativa
    Teatri di San Felice, il restauro non c'è ma almeno possiamo vedere i rendering
    Mentre i paesi vicini come Medolla o Concordia, terremotati come noi, hanno riaperto i loro teatri, il nostro è ancora casa di polvere e piccioni.
    La società Ocagiuliva vince la 150a edizione del Carnevale storico di Persiceto
    I risultati
    La società Ocagiuliva vince la 150a edizione del Carnevale storico di Persiceto
    Con il carro “Con la testa piena” ha proposto il tema del carnevale come grande contenitore di idee, fantasia e poesia, omaggiando Jacques Tati, Giulio Cesare Croce, Bertoldo
    "C'è posta per te" a Medolla per raccontare la storia di Tiziana e Francesca
    L'iniziativa
    "C'è posta per te" a Medolla per raccontare la storia di Tiziana e Francesca
    La trasmissione con protagonisti questi abitanti della Bassa modenese è andata in onda sabato sera
    Apre la nuova Bottega Manigolde a Finale Emilia
    L'iniziativa
    Apre la nuova Bottega Manigolde a Finale Emilia
    Si trova proprio a fianco al laboratorio dell’omonima sartoria circolare
    Aziende e territorio
    A Sanremo i vestiti di Mahmood sono made in Concordia, firmati Rick Owens
    Il made in Italy, del resto, non è solo un marchio, ma un patrimonio di conoscenze e saper fare che si trova solo da qualche parte, non è diffuso e globalizzato.
    L'eccezionale interpretazione di "Con te partirò" del carpigiano Davide Ascari, pilone della Nazionale di rugby
    L'iniziativa
    L'eccezionale interpretazione di "Con te partirò" del carpigiano Davide Ascari, pilone della Nazionale di rugby
    Durante il Terzo Tempo del post match di Irlanda-Italia Under 20. Ascari, classe 2004, ha lasciato a bocca aperta compagni e avversari con una performance canora
    In Italia aumentano gli animali domestici con microchip, al terzo posto l'Emilia-Romagna
    Animali
    In Italia aumentano gli animali domestici con microchip, al terzo posto l'Emilia-Romagna
    Oipa: "Chiedere l'obbligo anche per gatti e furetti".

    chiudi