Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
18 Luglio 2024
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Prendersi cura di chi cura il Paziente oncologico: al Policlinico il corso per i caregiver

MODENA L’Oncologia dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena, diretta dal prof. Massimo Dominici, docente UNIMORE, organizza col supporto della Direzione professioni sanitarie, diretta dalla dottoressa Anna Rita Garzia, il primo corso destinato ai volontari delle Associazioni che operano in ambito oncologico per insegnare loro a prendersi cura dei pazienti, sia quelli ricoverati, sia quelli che vengono curati al domicilio.

Il corso comincerà il 16 ottobre 2023 e coinvolgerà le Associazioni Angela Serra, ANT, ASEOP, Fondazione Hospice, Il Cesto di Ciliegie, Io sto con voi, LILT ed è organizzato dall’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena con la collaborazione dell’Università di Modena e Reggio Emilia, dell’Azienda USL di Modena, dell’Ordine dei medici, chirurghi e odontoiatri di Modena e degli Ordini delle professioni sanitarie.

Oggi noi siamo qui anzitutto per ringraziare le associazioni che aiutano i pazienti oncologici – ha spiegato il direttore generale Claudio Vagnini – e che si sono rese disponibili di aiutarci ancora di più cercando tra i propri iscritti volontari che vogliano trasformarsi in caregiver per i pazienti ricoverati in Oncologia. Il Caregiver è una figura fondamentale per il percorso terapeutico. Ha l’opportunità di trascorrere del tempo di qualità con il paziente, impegnarsi in attività che gli piacciono e fornire compagnia per ridurre la sensazione di isolamento. In molti casi fungono da collegamento tra il paziente, il suo team sanitario e altri familiari o amici per garantire che tutti siano informati e sulla stessa lunghezza d’onda riguardo alle condizioni del paziente e al piano di cura. Non ultimo, i caregiver gestiscono aspetti pratici come la pianificazione degli appuntamenti, l’organizzazione del trasporto da e verso le strutture mediche e, qualora necessario, la gestione delle pratiche burocratiche e delle questioni relative all’assicurazione. Un ruolo così importante che, per diversi motivi, non sempre i famigliari riescono a svolgere e che non può ricadere sul personale sanitario. Quindi questa collaborazione è fondamentale, un valore aggiunto per tutti”.

Negli ultimi anni, in piena pandemia da Sars-Cov-2, gli oncologi del Policlinico coordinati dal prof. Dominici e dal dr. Roberto Sabbatini, responsabile DH oncologico hanno iniziato un percorso con i volontari delle Associazioni di Pazienti che supportano i pazienti con tumore che ha portato a una forte collaborazione in molti settori. Durante questa preziosa interazione è emersa l’idea di far si che qualcuno dei volontari delle Associazioni possano divenire “caregiver” per scelta. Oggi, con la possibilità di entrare nuovamente nei reparti, è giunto il momento di dare inizio a questo progetto.

La diagnosi di tumore spiazza i pazienti e le famiglie che li accompagnano, indipendentemente dall’età – spiega il prof. Massimo Dominici – I familiari più stretti e/o le amicizie più solide diventano quindi “caregiver” ovvero “donatori di attenzioni”. Non si tratta di diventare caregiver per scelta, ma ci si trova a farlo. Purtroppo, negli ultimi anni, per varie ragioni sociali e non solo, si è assistito ad una progressiva riduzione nel numero dei costituenti i nuclei famigliari o della possibilità che questi stessi possano divenire caregiver. Questo rischia di fare venire meno “i donatori di attenzioni” così importanti per un paziente con una diagnosi di tumore. Da qui nasce l’importanza di coinvolgere le Associazioni di volontariato che si sono rese disponibili ad aiutarci in un ruolo delicatissimo che è parte integrante del percorso di terapia”.

 Infatti, il ruolo di un caregiver può essere assai impegnativo ed emotivamente rilevante per sostenere le esigenze e le preferenze del paziente assicurando che loro preoccupazioni vengano affrontate. Si tratta di un ruolo prezioso ma anche fragile se non ben preparato. Per tale ragione, nel corso verranno implementati una serie di eventi di condivisone e formazione per quei volontari che vorranno prendersi cura dei pazienti oncologici per “diventare caregiver per scelta”. Essi, raccogliendo i fabbisogni con le giuste competenze, potranno alleggerire i problemi derivanti dalla malattia. Il progetto, grazie a lezioni frontali dei professionisti medici, infermieri, psicologi, fisioterapisti, nutrizionisti e stomaterapisti accanto a quei Volontari che hanno già intrapreso questo percorso, vuole formare i nuovi caregiver in grado di svolgere un ruolo cruciale nel supportare e assistere le persone con diagnosi di cancro e le loro famiglie. Da qui l’esigenza di un percorso formativo che, oltre a fornire le basi teoriche e pratiche, faccia comprendere ai volontari le difficoltà in modo che possano decidere se intraprendere o meno questo percorso con la massima serenità.

In oncologia – aggiunge la dottoressa Anna Rita Garzia - il caregiver famigliare svolge un ruolo cruciale nel supportare e assistere le persone malate. Le loro responsabilità vanno oltre la fornitura di assistenza fisica e possono comprendere supporto emotivo, psicologico e logistico. Possono essere un orecchio in ascolto e offrire supporto emotivo per aiutare il paziente ad affrontare l’impatto psicologico di una diagnosi di cancro, offrendo rassicurazione, empatia e comprensione nei momenti difficili. I ruoli sono davvero molteplici e in vari ambiti. Forniscono infatti assistenza nelle attività della vita quotidiana oltre che partecipare agli appuntamenti dal medico, ai trattamenti e alle consultazioni con il paziente per porre domande. Possono avere un ruolo chiave nell'organizzazione e nella somministrazione dei farmaci prescritti dagli operatori sanitari, aiutando il paziente a gestire sintomi come dolore, nausea, affaticamento e altri effetti collaterali del trattamento”.

Questo ruolo si interseca con tutti i professionisti che operano col paziente oncologico e per questo è utile che i candidati possano ascoltare, durante la formazione, la voce di tutte le figure sanitarie che si prendono cura del paziente: medici specialisti, chirurghi, medici di medicina generale, personale infermieristico, nutrizionisti e psicologi. Un percorso completo, quindi, che potrà preparare i volontari ad entrare nei reparti oltre che accompagnare il paziente durante il percorso di cure al domicilio.

SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Gli indignati
Glocal - La nazionale azzurra di calcio ci ha deluso. Un sentimento di delusione che si è trasformato velocemente in un sentimento di indignazione sociale.
APPUNTI DI GUSTO | Tutto quello che c’è da sapere delle noci brasiliane
Rubrica - Sono semi oleosi provenienti dalle piante di Bertholletia excelsa -in onore dello scienziato francese Claude-Louis Berthollet- e sono conosciute anche come noci dell’Amazzonia perché è nella foresta amazzonica che crescono.
Glocal
Ricchezza e povertà degli italiani
Rubrica - Italia al 18° posto nella classifica europea del PIL pro capite stilata dal Fondo Monetario Internazionale.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 6
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, con le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Estetica, espressività e decorazione | Il Liberty industriale a San Possidonio
Rubrica - Ed eccoci ad una nuova uscita dedicate all’Art Nouveau, la rubrica di Francesca Monari, nata dalla collaborazione con Sara Zoni
Al giardino ancora non l’ho detto | Rubrica Botanica | La pianta del Caffè
Rubrica - La rubrica botanica cura di Francesca Monari
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 5
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, con le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

  • La buona notizia

    La solidarietà
    Bomporto, inaugurata una cisterna in Madagascar grazie alla solidarietà della comunità
    Associazioni e cittadini bomportesi hanno sostenuto un’iniziativa benefica rivolta agli abitanti del villaggio di Andaromihomaky
    La storia
    Neonato salvato sull'isola di Martinica grazie a un dispositivo prodotto dalla Eurosets di Medolla
    Il bimbo di un mese e mezzo era affetto da bronchiolite acuta e non era in grado di respirare autonomamente a causa dell’infezione virale
    Il ricordo
    Viaggiare con gli animali domestici, i consigli del veterinario
    E' bene pensare di mettere in valigia anche un kit per il proprio amico a quattro zampe: ad esempio soluzione fisiologica, pomate protettive e lenitive, antiparassitari repellenti.

    Curiosità

    I tortellini si piazzano diciannovesimi in Italia tra i piatti più amati
    Curiosità
    I tortellini si piazzano diciannovesimi in Italia tra i piatti più amati
    Per gli italiani sono tra i meno ‘social’.
    L'84% adolescenti si fida dei medici, il 90% di genitori e amici. E basta
    Ambiente
    L'84% adolescenti si fida dei medici, il 90% di genitori e amici. E basta
    Preoccupa che oltre determinate soglie, la famiglia rischia di diventare familismo e l'amicizia 'clan', se non addirittura 'gang'
    Mirandola, automobilista ghanese presenta alla Polizia Locale patente falsa polacca
    Ultime notizie
    Mirandola, automobilista ghanese presenta alla Polizia Locale patente falsa polacca
    Sono stati 16 i posti di blocco effettuati in sette giorni dalla Municipale, con 179 mezzi controllati fra auto (168) e 11 fra autoarticolati e Tir
    Italiani preoccupati per reddito e salute. E aumentano i timori per il cambiamento climatico
    Da sapere
    Italiani preoccupati per reddito e salute. E aumentano i timori per il cambiamento climatico
    Con il mondo in ripresa dalla pandemia, gli italiani devono fronteggiare nuove e vecchie preoccupazioni che li rendono generalmente più insicuri rispetto alla media europea.
    Pasta "fuori orario", la scelgono due giovani su tre: la spaghettata di mezzanotte è un rito per 3 su 4
    Curiosità
    Pasta "fuori orario", la scelgono due giovani su tre: la spaghettata di mezzanotte è un rito per 3 su 4
    E' quanto rivela la ricerca "GenZ e Pasta: amore ai pasti e non solo...", condotta dai pastai di Unione Italiana Food in collaborazione con AstraRicerche
    E’ di Modena il miglior Balsamico Tradizionale: a Stefania e Roberto Antichi il 58° Palio di San Giovanni
    Arte
    E’ di Modena il miglior Balsamico Tradizionale: a Stefania e Roberto Antichi il 58° Palio di San Giovanni
    In classifica anche l'aceto balsamico di Stefano Pivetti di San Prospero
    Bomporto, la miniserie televisiva "Mountainmen. Linea gotica 1945" vola negli Stati Uniti
    Curiosità
    Bomporto, la miniserie televisiva "Mountainmen. Linea gotica 1945" vola negli Stati Uniti
    Il ponte che conduce al Museo della Decima Divisione a Fort Drum (New York) è stato battezzato con il nome di “Bomporto Bridge”
    Coi cartelli in latino il Casanova di San Pietro in Elda apre i corsi in piscina
    La storia
    Coi cartelli in latino il Casanova di San Pietro in Elda apre i corsi in piscina
    Seguire le regole aiuta a mantenere un ambiente sereno e piacevole per tutti. Ai "rari nantes" Mirco Scacchetti lo spiega pure in latino
    Il primo romanzo di Elena Bosi prende vita. E racconta Concordia allegra e disperata, leggera e disperata
    La storia
    Il primo romanzo di Elena Bosi prende vita. E racconta Concordia allegra e disperata, leggera e disperata
    E' nata nel 1978 e vive a Mirandola ma è di Concordia, dove è cresciuta. Traduce, insegna e scrive. "Mio padre è nato per i piedi" è il suo primo romanzo.
    Nuova casa per alcuni degli asinelli di San Possidonio: si è reso necessario il trasloco per 15 di loro
    Curiosità
    Nuova casa per alcuni degli asinelli di San Possidonio: si è reso necessario il trasloco per 15 di loro
    Per salvarli, dopo il fallimento del loro allevamento, venne attivata una raccolta fondi online che raggiunse la cifra di 56mila euro per un progetto diverso, una adozione a distanza

    chiudi