Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
25 Luglio 2021- Aggiornato alle 00:18

ShoMED – Riflessioni post evento, due giorni di idee, contatti e opportunità

ShoMED – Riflessioni post evento, due giorni di idee, contatti e opportunità. L’esperta di risorse umane di Mirandola Francesca Monari intervista la consulente aziendale di Cavezzo Katia Motta

Si è tenuta l’11 e il 12 settembre a Medolla, nel cuore del distretto biomedicale, con l’intento di valorizzarlo ancora meglio, la prima fiera del settore ShoMED e ad evento svolto, raccolgo volentieri le riflessioni di Katia Motta, professionista consulente per il rilancio delle PMI, che ha partecipato sia in veste di Strategy Manager per un’azienda metalmeccanica di Reggio Emilia, che in veste di spettatrice.

Katia, cosa ti aspettavi di trovare e cosa hai trovato?
“La notizia, apparsa un po’ in sordina in questo momento storico che ha azzerato gli eventi fieristici in tutto il
nostro Paese, mi ha subito incuriosito, anche perché il pool di organizzatori si è riunito attorno ad una
genuina voglia di investire in un’occasione di ripartenza del nostro tessuto economico locale. Mai si era
tenuta una fiera del Biomedicale nel secondo polo più importante al mondo – occorreva approfondire
questo evento inedito per comprendere anche le ricadute sul settore e sul territorio.
Non avevo particolari aspettative se non quelle dell’occhio clinico, soprattutto in un momento in cui l’evento
fiera è fortemente impattato dalle restrizioni Covid19. Ho trovato un evento ben pensato e ben realizzato
con senso pratico e lungimiranza, una “versione zero” che mostra già in nuce ampi spazi di crescita, ben orientati.”
Da spettatrice cosa ti ha coinvolto di più dell’evento? E da manager invece?
 
“Ottimo il concept della fiera di prossimità. Un evento con un numero limitato di espositori e con una distribuzione di spazi altamente democratica – stand uguali per tutti, visibilità garantita uniformemente. Le grandi fiere internazionali sono faticose sia per chi partecipa come espositore, sia come visitatore. Molto show, molta dispersione, forse poca produttività – perché il pubblico spesso è anche più ampio del reale target e molto dello sforzo commerciale ed economico non riesce ad arrivare al risultato. Spazi limitati e
accessi concentrati permettono di focalizzare meglio le risorse sul centrare l’attenzione del vero interlocutore. L’atmosfera è più rilassata e incentiva il contatto umano, che è il vero valore aggiunto degli eventi in persona.
Da consulente e manager, ho trovato un tessuto economico in ottima forma. Nella Bassa siamo ormai temprati dagli eventi eccezionali degli ultimi 10 anni circa (la Grande Crisi, il terremoto del 2012, il Covid19…), e i risultati si vedono. Nonostante le curve da ottovolante che ciascun imprenditore ha dovuto affrontare nel recente passato, la Bassa Modenese si conferma una culla di innovazione, soprattutto nelle piccole imprese. Il Biomedicale dà il traino, ma le tecnologie che si sviluppano qui possono trovare applicazione anche in altri settori particolarmente sfidanti. E se una fiera come questa può aiutare alla diversificazione del mercato di destinazione, può solo fare bene alla nostra economia.
La prima cosa che hai pensato una volta uscita?
“Per prima cosa, non si deve necessariamente spendere così tanto per fare una fiera, così come in generale per fare marketing; occorre invece prima di tutto f are le cose giuste, e poi arricchirle per step, raccogliendo costantemente i riscontri del mercato. Il Covid-19 ci ha insegnato che l’essenzialità è quello a cui conviene stare agganciati, in tempi incerti – ma è una buona regola anche per i tempi sereni. Secondariamente, prossimità è la parola chiave degli anni ’20, in un momento di riassetto forzato della globalizzazione che certo ci ha colto impreparati. Le dinamiche di infinite possibilità offerte dal mercato globale sono state ridimensionate dalla necessità di avere certezza di disponibilità. Ciò si incrocia con la ragionevole aspettativa che i mercati asiatici in questa decade arrivino ad una stabilizzazione dei propri costi di produzione, che sono aumentati negli ultimi anni in cerca di maggiore qualità e innovazione, oltre che per dinamiche sociali.
L’occhio di bue si sposterà gradualmente sull’Africa (per la Cina è già così) in cerca di nuovi spazi per le produzioni low cost, ma il rischio di uno stop mondiale può sempre tornare. Si tornerà quindi un po’ verso casa, a cercare un buon compromesso tra costi di produzione e ottimizzazione dei servizi. Occorrerà allora ribilanciare la presenza dei servizi locali, sia in termini privati che pubblici. Tutto sommato, insieme alla innegabile spinta verso la digitalizzazione del Vecchio Continente, si tratta di una ottima opportunità per le tante sfaccettate realtà delle province italiane!”
Mi pare di capire quindi che la tua valutazione è positiva?
“Per deformazione professionale, lascio un commento molto positivo non solo per l’opportunità offerta al territorio e al suo tessuto economico, ma anche per quanto riguarda il concetto applicato. Una fiera di questo tipo si presta ad essere completata e raccordata al territorio con tante altre iniziative, sia di settore potendo disporre della vicinanza dei maggiori produttori mondiali del Biomedicale, sia collegate agli altri settori di punta della Bassa Modenese, come l’agro-alimentare e la meccanica. Ci si può sbizzarrire mantenendo comunque un profilo semplice ed immediato – meno spettacolare ma più di sostanza.”
Un’esperienza da ripetere quindi?
“In attesa della prossima edizione, riusciranno i nostri eroi (cioè gli organizzatori e le istituzioni locali) a
mantenere lo spirito di condivisione e di concertazione territoriale per poter costruire nel tempo un evento
solido e prezioso per la nostra Area Nord?… Ce lo auguriamo tutti! Non è più tempo di contrapposizione
politica, ma di classi dirigenti private e pubbliche all’altezza di una missione più ampia e sfidante, che può
trovare una sana competizione nell’innovazione e nello sviluppo del territorio. Non sono io a dirlo, ma sarà
l’era post-Covid19. Gli equilibri rotti e le sperimentazioni di soluzioni stanno lasciando lo spazio ad un nuovo
modo di pensare, che può determinare un nuovo paradigma di competitività al quale possiamo solo
sottostare, se vogliamo conservare almeno ciò che abbiamo costruito, con tanta fatica, fino a qui.”
Grazie Katia per il tuo contributo.
Un grazie a tutti gli organizzatori, gli espositori e gli spettatori anche da parte mia!
Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Dal Covid alla Yolo Economy
Negli Stati Uniti imperversa un fenomeno, che sta cominciando ad interessare anche il vecchio continente: la YOLO ECONOMY, dove YOLO sta per “You Only Live Once”, che tradotto sta per “si vive una volta sola”.leggi tutto
"Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    A Bastiglia inaugurato l'orto contro il bullismo
    Un vero progetto di socialità e di coesione sociale che si pone come obiettivo quello di fare comunità.[...]
    In bici per tutta la regione per condividere il basket inclusivo: Alessandro Colombi è partito da Concordia
    Percorrerà oltre 1.200 km e affronterà 18.000 metri di dislivello. Le tappe saranno l’occasione per condividere il progetto con i sindaci e le realtà inclusive dei territori attraversati.[...]
    Camposanto, manutenzione straordinaria del manto stradale
    I lavori hanno interessato il tratto compreso dal Km 19+433 al Km 19+889 in località Passovecchio[...]

    Curiosità

    A Bastiglia inaugurato l'orto contro il bullismo
    A Bastiglia inaugurato l'orto contro il bullismo
    Un vero progetto di socialità e di coesione sociale che si pone come obiettivo quello di fare comunità.[...]
    In bici per tutta la regione per condividere il basket inclusivo: Alessandro Colombi è partito da Concordia
    In bici per tutta la regione per condividere il basket inclusivo: Alessandro Colombi è partito da Concordia
    Percorrerà oltre 1.200 km e affronterà 18.000 metri di dislivello. Le tappe saranno l’occasione per condividere il progetto con i sindaci e le realtà inclusive dei territori attraversati.[...]
    Vini, frutta, miele e formaggi: li offrono gli agricoltori sulle spiagge romagnole e dei lidi ferraresi
    Vini, frutta, miele e formaggi: li offrono gli agricoltori sulle spiagge romagnole e dei lidi ferraresi
    Iniziativa della Cia Agricoltori italiani d’intesa con il Sindacato balneari, che prevede l’arrivo dal mare delle eccellenze agroalimentari trasportate da un moscone – pattìno. [...]
    Mirandola, geologo lascia il lavoro per stare coi figli a tempo pieno: "Rompo i pregiudizi, ma che fatica!"
    Mirandola, geologo lascia il lavoro per stare coi figli a tempo pieno: "Rompo i pregiudizi, ma che fatica!"
    Andrea Pivetti, 42 anni: "Prima ero abituato a gratificazioni, risultati, all’approvazione della gente, ad uno stipendio… mentre mi sono subito reso conto che manca una cultura che sponsorizzi e gratifichi questo ruolo"[...]
    Medolla, rifiuti alla "Chico Mendes": la proposta sui social di una medollese
    Medolla, rifiuti alla "Chico Mendes": la proposta sui social di una medollese
    Multe collettive per punire l'inciviltà a devolvere il ricavato per premiare i cittadini che propongono idee e soluzioni: questo il suggerimento di una cittadina di Medolla[...]
    Da Finale Emilia la storia di  sport e solidarietà di Arduino Cavallini
    Da Finale Emilia la storia di sport e solidarietà di Arduino Cavallini
    A Scortichino, il 4 settembre, Cavallini ha ideato il primo Memorial giovanile intitolato a Paolo Rossi[...]
    I bagnini sono due labrador: salvano e portano a riva una quindicenne
    I bagnini sono due labrador: salvano e portano a riva una quindicenne
    La ragazza si era tuffata in acqua intorno alle 17 in compagnia di alcune amiche quando è stata trascinata al largo dalle forti correnti.[...]
    Cartoline in omaggio nei bar e ristoranti per "Saluti da Carpi"
    Cartoline in omaggio nei bar e ristoranti per "Saluti da Carpi"
    Un'niziativa del Comune in collaborazione con le associazioni[...]
    Calendario eterno, Dante ha vissuto gli stessi nostri giorni
    Calendario eterno, Dante ha vissuto gli stessi nostri giorni
    Il mirandolese Romano Pollastri ha studiato la ripetizione degli anni, scoprendo diverse curiosità[...]