Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Ristrutturato e rinnovato torna alla comunità il Centro Civico di Poggio Renatico

Inaugurato anche il Parco del ricordo, suggestivo memoriale del terremoto che 8 anni fa colpì duramente la cittadina della bassa ferrarese. Visita al cantiere del Castello Lambertini, in fase avanzata di restauro. Complessivamente, a Poggio Renatico ci sono interventi in corso o in progettazione per altri 17 milioni di euro

Dalle scosse del terremoto del 20 e 29 maggio 2012 ad oggi, a Poggio Renatico, comune della bassa pianura ferrarese, sono stati realizzati interventi per famiglie, abitazioni imprese edifici pubblici e religiosi per 74 milioni di euro. E per completare la ricostruzione sono aperti cantieri e in corso progettazioni per altri 17 milioni.

Il presidente della Regione e Commissario delegato alla ricostruzione, Stefano Bonaccini, si è recato sabato 10 ottobre a Poggio Renatico dove ha visitato i luoghi colpiti dal sisma, sia quelli ultimati che gli interventi in attuazione. Appuntamento che è stato anche l’occasione per inaugurare, assieme al sindaco Daniele Garuti e le autorità civili e religiose, il nuovo Centro civico e il Parco del ricordo, un suggestivo memoriale del terremoto che 8 anni fa ha colpito duramente il comune ferrarese. Memoriale in cui troverà spazio una ricostruzione stilizzata in acciaio, poggiante sui mattoni recuperati dal crollo, del ‘mastio’ del Castello Lambertini (complesso oggi in fase avanzata di restauro il cui cantiere è stato visitato dal presidente Bonaccini), simbolo della storia della cittadina andato completamente distrutto e ricostruito secondo modalità che garantiscano la sicurezza della struttura.

“Oggi possiamo toccare con mano la qualità di quanto ricostruito in questi anni, testimonianza del buon lavoro di squadra che abbiamo portato avanti insieme a sindaci e amministratori locali, istituzioni, autorità religiose e, soprattutto, cittadini e territori- afferma il presidente Bonaccini-. Collaborare tutti insieme con un obiettivo condiviso ci ha permesso di raggiungere gran parte dei risultati che avevamo fissato. Sappiamo bene di essere di fronte all’ultimo miglio, ai centri storici e al patrimonio pubblico, spesso tutelati dalle soprintendenze e quindi da salvaguardare con ancor più riguardo e attenzione nelle procedure. Ma anche qui abbiamo accelerato, dopo aver prima portato a termine la ricostruzione privata, e cioè abitazioni e imprese, e quella di tutte le scuole. Ed è un orgoglio veder restituiti a Poggio Renatico spazi pubblici e un edificio storico importante ormai ristrutturato e rinnovato, che tornerà a essere punto di riferimento per i cittadini e l’identità collettiva di questa comunità”.

Il Centro civico

Per il nuovo Centro civico è stato realizzato un intervento di riparazione con rafforzamento locale che ha interessato l’intero edificio, che ora potrà ospitare sedi di associazioni e partiti politici. I lavori hanno avuto un costo complessivo 800 mila euro, di cui 300mila finanziati dalla Regione, 100 mila da fondi assicurativi e 400 mila raccolti con le donazioni degli Sms solidali. Nato come “Casa del fascio” del comune attorno al 1940 è stato progettato dall’ingegner Giorgio Gandini, autore del più celebre Palazzo dell’Aeronautica di Ferrara. Il fabbricato coniuga un disegno pulito in stile razionalista con la povertà dei materiali dovuti all’autarchia imposta dal regime: il rivestimento di piastrelline di ceramica a effetto faccia a vista, gli infissi in ferrofinestra, i solai estremamente esili come del resto le strutture nel loro complesso.

Castello Lambertini

Per quanto riguarda Castello Lambertini, il cantiere ha un costo complessivo di circa 6,4 milioni di euro di cui 3,8 milioni a carico della Regione e 2,6 milioni con fondi assicurativi del Comune. Prima del sisma, il castello era la sede del Municipio, ora il progetto prevede una rifunzionalizzazione che lo renderà un centro polifunzionale che ospiterà Associazioni, aree espositive, biblioteca, sala conferenze, il presidio di Polizia Municipale e alcune attività sanitarie.

Gli altri interventi in corso

In corso di restauro anche la scuola elementare di Poggio Renatico (2,66 milioni, di cui 1,41 milioni dalla Regione e 1,15 milioni dal Comune); il magazzino comunale, 80 mila euro per il miglioramento statico della struttura. Partiranno a breve, e avranno una durata di almeno 3 anni, gli interventi sulla imponente Abbazia San Michele di Poggio Renatico (costo complessivo 4,5 milioni di euro). Avvio dei lavori anche per la chiesa di Chiesa Nuova, 18 mesi di lavori e costo di 960 mila euro, e per la chiesa di Madonna Boschi, 600 mila euro un anno di lavori.


Un bilancio della ricostruzione a Poggio Renatico

Dal 2012 a oggi, sono stati investiti per la ricostruzione nel comune di Poggio Renatico 74 milioni di euro di cui 41 milioni per interventi di assistenza alla popolazione e riparazione o ricostruzione edifici e imprese produttive. Per edifici pubblici o di utilizzo pubblico sono stati investiti 2 milioni per la messa in sicurezza edifici, 3 milioni per far fronte a costi indiretti (rimborsi a ministeri per personale in emergenza, rimborsi dello Stato per tributi non versati, costi di personale somministrato in fase gestionale, bandi imprese, bandi centri storici), 7 milioni per la costruzione ex novo di edifici pubblici temporanei nonché 21 milioni per la riparazione o ricostruzione edifici pubblici, compresi edifici ecclesiastici.

Per quanto riguarda l’assistenza alla popolazione, nel comune di Poggio Renatico restano 3 le famiglie (6 persone) ancora assistite, meno del 3% del totale iniziale dopo le scosse (88 famiglie e 220 persone assistite).

Per la ricostruzione di abitazioni, edifici produttivi ed imprese il totale dei contributi assegnati dalla Regione ammontano a circa 22 milioni di euro, di cui liquidati oltre 18 milioni, pari a circa il 90% del totale. Gli edifici completati sono 76 e includono 151 abitazioni (circa 265 abitanti rincasati) e 79 attività economiche.

Gli edifici realizzati dalla Regione nei mesi successivi alle scosse sono le scuole Elementari Poggio Renatico (1.890.000 euro); il Municipio (1.440.000 euro), la palestra delle scuole (1.465.000 euro) e la strada di collegamento con impianti alla palestra (160.000 euro). A questi si aggiungono: la chiesa temporanea della frazione di Gallo (300.000 euro, Caritas Italia); gli uffici-ambulatori-centro prelievi Avis (80.000 euro, Comune-Avis); la chiesa di Poggio Renatico e servizi ecclesiastici (1 milione e 600 euro, Diocesi di Bologna).

Tra gli edifici riparati ci sono la scuola materna di Coronella (180mila euro, intervento del Comune); la chiesa di Coronella (60 mila euro, intervento della Diocesi di Ferrara); il campetto da basket del plesso scolastico (40mila euro, intervento del Comune); la canonica dell’Abbazia di Poggio Renatico (175 mila euro, intervento della Diocesi di Bologna); l’ex spazio bambino Madonna Boschi (200 mila euro, intervento del Comune); la chiesa di Gallo (400mila euro, Diocesi di Bologna).

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto
Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Spotify, arriva in Italia Radar, tra gli artisti emergenti il carpigiano Bautista
    Spotify, arriva in Italia Radar, tra gli artisti emergenti il carpigiano Bautista
    Bautista collabora da aprile 2019 con il producer salentino Machweo[...]
    L'invenzione degli studenti del Galilei di Mirandola la racconta la Rai
    L'invenzione degli studenti del Galilei di Mirandola la racconta la Rai
    I giovani mirandolesi alla trasmissione Rob-O-Cod, un game show televisivo italiano dedicato al "coding" e alla robotica[...]
    Viaggio attraverso la realtà virtuale nel mondo dell'Aceto Balsamico di Modena
    Viaggio attraverso la realtà virtuale nel mondo dell'Aceto Balsamico di Modena
    La tecnologia accorcia le distanze tra Modena ed i Paesi in cui non è ancora possibile tornare a viaggiare per promuovere il prodotto[...]
    Red Ronnie a processo per diffamazione contro Roberto Burioni
    Red Ronnie a processo per diffamazione contro Roberto Burioni
    E' arrivata in udienza a Bologna la polemica tra il conduttore televisivo e il virologo [...]
    La canzone più amata di sempre? E' Albachiara di Vasco Rossi
    La canzone più amata di sempre? E' Albachiara di Vasco Rossi
    Eì stata votata dagli ascoltatori delle radio italiane. Uscì il 30 aprile 1979 sul lato B dell'album "Non siamo mica gli Americani", poi ristampata proprio con il titolo di Albachiara a causa del suo immediato successo.[...]
    Anche la finalese Azzurra Mazzara sul podio del concorso nazionale di bellezza "Miss Lady Virginia"
    Anche la finalese Azzurra Mazzara sul podio del concorso nazionale di bellezza "Miss Lady Virginia"
    Andrà insieme alle altre che hanno vinto un titolo alla finale nazionale a Salsomaggiore nel prossimo maggio 2021, nella sede di Miss Italia.[...]
    Un corso di formazione per gli interventi assistiti con animali all'Accademia militare di Modena
    Un corso di formazione per gli interventi assistiti con animali all'Accademia militare di Modena
    Primo corso di formazione per operatori in interventi assistiti con gli animali[...]
    From Mud, un film che dà voce alla musica alternativa modenese
    From Mud, un film che dà voce alla musica alternativa modenese
    Al termine le riprese del documentario musicale, co-prodotto dal Centro Musica di Modena[...]
    C'è San Prospero a X Factor, con la musica de "I trillici"
    C'è San Prospero a X Factor, con la musica de "I trillici"
    Due chiacchiere surreali con la band indie rock in corsa per le selezioni del popolare reality show[...]
    Deturpano i cartelli coi limiti di velocità per farli diventare anti "5G"
    Deturpano i cartelli coi limiti di velocità per farli diventare anti "5G"
    Sono comparsi a Mirandola, tra Massa Finalese e Finale e nel Mantovano, verso Poggio Rusco, e tra Moglia e San Giovanni di Concordia, e andando verso il Ferrarese.[...]