Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla

di Eleonora Tomasini, ecologa naturalista.

Da qualche giorno gli abitanti di Medolla, genitori e bambini soprattutto, si trovano riuniti con il naso all’insù a scrutare tra le chiome di alcuni alberi del centro in cerca dei numerosi e simpatici gufi che hanno deciso di usare queste piante come loro dormitorio.
Quello che è successo a Medolla, non è niente di particolarmente straordinario; i gufi sono ormai sempre più soliti trovare dei dormitori nelle zone urbane, a discapito delle zone meno antropizzate ed isolate.
Approfittiamo di questa splendida occasione per scoprire chi sono questi animai e cosa stanno facendo proprio lì.

I gufi comuni (Asio otus) sono rapaci notturni, come le civette, gli assioli ed i barbagianni, e come ben si può intuire riposano di giorno mentre di notte, all’imbrunire dei cieli, parte la loro spietata caccia a roditori, insetti, uccellini e pipistrelli. Caratteristica che li contraddistingue dagli altri rapaci, sono i loro simpatici ciuffi auricolari, che sebbene il nome sembri fare intendere abbiano a che fare con il loro apparato uditivo, non si tratta di nient’altro che delle semplici penne poste sulla sommità del capo, che nulla hanno a che vedere con i fori auricolari (che si trovano invece nascosti, ai lati del capo). Questi ciuffi possono venire eretti quando l’animale è in stato di allerta, o abbassati quando invece l’animale è più rilassato. Lo scopo di queste particolari penne, è quello di spezzare la figura del capo, allo scopo di mimetizzarsi ancora meglio tra i rami degli alberi, specialmente quando si allungano con tutto il corpo. Impossibile poi, non perdersi nei loro immensi occhi, frontali, e di un arancione enigmatico. Questa peculiare caratteristica permette loro di avere una vista eccellente al buio, e di poter vedere anche il più piccolo movimento del malcapitato topolino di turno che verrà predato dai suoi possenti artigli, in assoluto silenzio grazie alle loro penne che rendono il volo impossibile da udire.
Tuttavia queste caratteristiche fisiche e comportamentali, nella storia hanno fatto si che ai gufi venissero attribuite infondate leggende negative che lo vedevano legato a malefici e simbologie in cui veniva dipinto come un animale portatore di sciagure. Altre culture hanno, al contrario, usato il gufo come simbolo di intelligenza e furbizia. E noi vogliamo credere a queste ultime!

I gufi sono infatti animali utilissimi per noi e per l’ecosistema in cui viviamo e non c’è motivo per credere ad antiche superstizioni e leggende. Il loro ruolo da predatori è fondamentale per tenere controllato numericamente le popolazioni di roditori ed insetti, che altrimenti crescerebbero in modo incontrollato, andando a disturbare anche le nostre coltivazioni. Perché sforzarsi di usare tossici pesticidi quando possiamo avere un efficiente mangiatore di topi a costo 0?
I gufi sono animali solitari e territoriali; territori che vengono definiti e protetti emettendo i loro classici “Huh-huh”, usati anche per richiamare la femmina. Tra marzo ed aprile la coppia cerca i nidi abbandonati di cornacchie e gazze da occupare per accudire propri piccoli, mentre agli inizi di dicembre gli animali diventano più sociali aggregandosi, appunto, nei dormitori (detti “Roost” in inglese). In inverno risulta quindi più facile vedere questi animali, mentre si rilassano sugli spogli rami delle piante prescelte, godendosi il tepore delle poche ore calde della giornata prima di ripartire verso i territori di caccia al calar del sole.

Ed eccoci qui, a Medolla, un paese come tanti della bassa pianura padana, che da alcune ore, ha visto l’arrivo di diversi individui di gufo comune che si sono radunati sopra ad alcuni alberi ormai gialli ed autunnali del centro, in un roost. Questo loro caratteristico comportamento, pare abbia la funzione di aumentare lo stato di vigilanza del gruppo, permettendo a questi animali di riposarsi più tranquillamente, in quanto ci sono più occhi attenti ad individuare potenziali predatori e pericoli. Alcuni recenti studi assocerebbero questo comportamento sociale in questo determinato periodo dell’anno, anche ad un passaggio di informazioni riguardanti i territori di caccia tra i soggetti. Pensiamo che in certe zone sono stati monitorati anche dormitori composta da diverse decine di gufi; uno spettacolo davvero unico per i nostri occhi! Sempre più spesso i gufi scelgono alberi che si trovano in città come dormitori, segno di un adattamento di questi animali ad un mondo sempre maggiormente antropizzato. È infatti facile capire che in un contesto cittadino il pericolo di venire predati da altri animali selvatici, in attesa di questi “sonnellini” così esposti da parte dei gufi, è minore. Questo consente ai piccoli rapaci di poter dormire tra i rami più esposti, e quindi di godere di più sole. Inoltre le città moderne costituiscono una vera e propria bolla di calore, con qualche grado in più rispetto ai territori più aperti di campagna.

Tuttavia questo stupore iniziale non deve farci dimenticare di avere rispetto verso queste magnifiche creature selvatiche, che in quanto tali hanno diritto ad essere comprese e non umanizzate; come purtroppo spesso tendiamo a fare. L’avvicinarsi troppo a questi animali, radunarsi sotto i loro posatoi per scattargli qualche foto ricordo e parlare ad alta voce rivolti verso di loro, sono tutti segnali che vengono interpretati come un pericolo. Dobbiamo immaginarci nel loro mondo; un mondo selvatico dominato da una sola regola: sopravvivere! Quelle espressioni che a noi risultano molto buffe e dolci, che assumono i gufi quando si allungano, spalancano gli occhi e drizzano i ciuffi auricolari, altro non sono che segni di allerta e forte stress per questi animali, che cercano di studiare il pericolo imminente (ai loro occhi non siamo nient’altro che predatori su due gambe!) mentre cercano di mimetizzarsi con i rami degli alberi. La posa naturale che di giorno questi rapaci dovrebbero assumere è più tondeggiante, rilassata, ciuffi abbassati ed occhi socchiusi, dediti solo a riposarsi prima della grande caccia notturna. Se disturbati per un periodo troppo prolungato, questo gruppo di gufi potrebbe sfortunatamente decidere di abbandonare il dormitorio, e non solo noi perderemmo la possibilità di una pacifica convivenza con questi animali a noi così utili, ma questo potrebbe compromettere la sopravvivenza stessa degli animali; i quali saranno costretti a cercare un nuovo dormitorio sufficientemente vicino ai propri territori di caccia o a dei nuovi.

Per potere usufruire per tutto l’inverno, e magari anche per i prossimi a venire, di questo spettacolo naturale che non richiede internet o computer, è necessario che ogni cittadino faccia la propria parte: limitando al minimo il disturbo per questi animali, che durante il giorno dovrebbero solo riposare. Insegnare anche ai bambini il rispetto per gli animali, è il primo passo verso un mondo più sostenibile e con un occhio di riguardo verso tutte le specie animali e vegetali che ci circondano. Impariamo ad apprezzare lo spettacolo della natura in silenzio, con solo i nostri occhi e le nostre orecchie, lasciandole lo spazio che si merita.

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca, nell'immaginario, è il posto che i libri li salva, non che li dà via. Abbiamo voluto capire di più su questa scelta intervistando Luca Verri, responsabile della biblioteca di Bomporto.[...]
    Giorgia Lupi, da Finale Emilia agli Stati Uniti per trasformare Dati in Opere d'Arte.
    Giorgia Lupi, da Finale Emilia agli Stati Uniti per trasformare Dati in Opere d'Arte.
    Espone al Museo di Arte Moderna di New York, ed è sua una delle più belle copertine del New York Times. La "designer dell'informazione" si racconta a Francesca Monari[...]
    Prepara per scherzo una torta alla marijuana, in 3 finiscono in ospedale
    Prepara per scherzo una torta alla marijuana, in 3 finiscono in ospedale
    Era una "tenerina" portata a casa di amici per festeggiare il Capodanno[...]