Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
22 Ottobre 2021

Auto, in Italia le assicurazioni più care. I consigli per evitare le truffe online

Per assicurare un’auto i conducenti italiani pagano circa 100 € in più rispetto alla media europea; considerando i 42 milioni di veicoli circolanti sul nostro territorio, ciò determina una maggior spesa di 4,2 miliardi. E’ quanto si legge nel comunicato stampa di Federconsumatori Modena e tale fenomeno, per l’A.N.I.A., associazione delle Compagnie, sarebbe causato dal notevole impatto di incidenti inesistenti, pari al 22% sul numero dei sinistri totali, con una maggiore incidenza al sud. Sempre secondo ANIA il 48% dei sinistri denunciati in Campania sarebbe stato creato ad arte. A fronte di ciò, solo nel 2018, i sinistri non liquidati per sospetta frode sono cresciuti dell’11%.

Il fenomeno tipicamente italiano del maggior costo dei premi sarebbe causato anche dal numero sempre maggiore di veicoli non assicurati. Si calcola che, in Italia le autovetture circolanti prive di assicurazione siano 2,7 milioni; in caso di incidente, il danno viene risarcito dal Fondo Vittime della Strada, il quale preleva il 2,5% dai premi pagati dagli assicurati, con l’inevitabile impatto sul costo complessivo delle polizze italiane. Vi è inoltre il fenomeno delle frodi on-line, perpetrato per il tramite di siti truffa, che secondo I.v.a.s.s., il Garante in materia assicurativa, costituisce un fenomeno in continua crescita: nonostante quest’ultimo sia intervenuto con almeno 300 sanzioni, i truffatori continuano ad operare sul web, con il risultato che le polizze ricevute dai clienti sono false, i pagamenti vengono irrimediabilmente persi ed i relativi veicoli non sono assicurati. L’effetto è la inevitabile ricaduta sul Fondo Vittime della Strada.

Anche in questo settore l’on-line è in grande crescita. I consumatori optano per tali servizi -che ora si pubblicizzano anche per telefono, su Whatsapp e Facebook- per il fatto che godono di un’assistenza 24 ore su 24, anche fornita con App facilmente fruibili e, spesso, sono caratterizzati da un minor costo rispetto alle polizze tradizionali. Ma come detto l’attenzione, per il consumatore, deve restare sempre alta. Nel gennaio 2021 l’I.v.a.s.s. ha pubblicato l’elenco di quattordici siti truffaldini, messi “offline”.

A riguardo è consigliabile:

– utilizzare siti noti e riconosciuti, sia per quanto riguarda la comparazione delle assicurazioni, sia per l’acquisto diretto; tutto questo prestando attenzione, prima di aderire e di effettuare pagamenti, al fatto che molti siti “truffa” sfruttano assonanze, denominazioni e marchi simili a quelli di assicurazioni note, oppure di singole agenzie o broker assicurativi locali;

– valutare con scrupolo le offerte, soprattutto se di durata breve, controllando prima di pagare il premio che i preventivi ed i contratti siano riferibili ad intermediari o imprese regolarmente autorizzati;

– verificare, in particolare, che i siti internet degli intermediari che svolgono attività, nonché i profili Facebook o di altri social, riportino:

1. l’indirizzo della sede, nonché il numero di telefono, fax e indirizzo pec;

2. i dati identificativi dell’intermediario;

3. il numero e la data di iscrizione al Registro Unico degli intermediari assicurativi, oltre all’indicazione che l’intermediario è soggetto ai controlli dell’I.v.a.s.s. Per maggior scrupolo si potrà consultare il motore di ricerca del Garante, così da controllare la effettiva corrispondenza: molti siti truffa, infatti, riportano dati e dicitura falsi;

4. se trattasi di intermediari dello S.E.E. (Spazio Economico Europeo), il numero di iscrizione dello Stato Membro di origine, l’indicazione dell’Autorità di Vigilanza dello Stato Membro di origine ed infine l’indicazione dell’eventuale sede secondaria e la dichiarazione che si è abilitati ad operare in Italia.

Ai fenomeni patologici sopra descritti si associano anche quelli dei truffatori locali, che riscuotono il premio ma che poi non lo corrispondono alla Compagnia della quale si è esibita l’offerta al cliente. Oppure che lo versano parzialmente per una copertura ridotta, magari semestrale e non annuale o priva di polizze accessorie (tutela legale, incendio-furto, eventi atmosferici, copertura del conducente, ecc.), come invece promesso al cliente.

Anche nel territorio modenese diverse persone sono incappate in questo tipo di truffe, con il risultato di scoprire, in occasione di un accertamento da parte delle Forze dell’Ordine, di essere privi di copertura, vedendosi così contestata una sanzione amministrativa pecuniaria da € 866 fino a € 3.464, ai sensi dell’art. 193 C.d.S., e disposto il sequestro della vettura. La cosa più grave è quando tutto questo viene scoperto dal malcapitato in caso di incidente; un caso nel quale il consumatore si troverà a rispondere dei danni provocati con il proprio patrimonio, oltre alle rilevanti sanzioni. Per prevenire queste ipotesi è necessario, in occasione del pagamento, pretendere immediatamente la polizza in originale -non in semplice fotocopia- telefonando al numero verde della Compagnia per effettuare una tempestiva verifica incrociata. Ma soprattutto è necessario migliorare il contrasto ai truffatori, attivi in tutte le parti del sistema, evitando che i comportamenti di pochi ricadano sulle spalle (e nelle tasche) di tutti  gli automobilisti.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere del cacao
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri". Memorie di un libraio di George Orwell
La rubrica “E adesso un libro” a cura di Francesca Monari.leggi tutto
Consigli di salute
Dentista e bambini: i consigli a prova di sorriso
Come educare i bambini alla figura del dentista e alcune indicazioni dell'ambulatorio dentistico Bolognadent leggi tutto
Glocal
Emiliani: popolo di nuotatori
In Italia oltre 20 milioni di persone praticano uno sport. Un quinto pratica il nuoto. In Emilia-Romagna è presente la più grande concentrazione di piscine pubbliche di tutta Italia.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere del cappuccino
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Mirandola, “Tutto Finto Tutto Vero” ecco la nuova stagione dell'Auditorium Montalcini
    Un invito rivolto a tutti gli spettatori per condividere nuovamente un rito collettivo che oggi può ritornare ad essere vissuto dal vivo e in sicurezza.[...]
    Psicologo e psichiatra, martedì un Open Day virtuale e gratuito aperto a tutti nell'ambito di Màt
    Un evento a cura Dipartimento Salute Mentale di Modena con lo scopo di fornire chiarimenti, indicazioni, pareri e consulti relativi alla salute mentale adulti.[...]

    Curiosità

    Ingresso "trionfale" all'hub vaccinale: Marisa e Benito arrivano in sidecar
    Ingresso "trionfale" all'hub vaccinale: Marisa e Benito arrivano in sidecar
    L'arrivo della coppia ha destato la curiosità dei presenti e del presidente della Regione Stefano Bonaccini che, sulla sua pagina Facebook, ha postato la postato la foto della coppia.[...]
    Abbonamenti pirata a Dazn, Sky, Disney: 1800 persone denunciate
    Abbonamenti pirata a Dazn, Sky, Disney: 1800 persone denunciate
    Denunciato anche l'organizzatore, che ha guadagnato circa mezzo milione di euro dal 2017 al 2020[...]
    Da Mirandola la Pimpa (e Davide Gaddi) fanno scuola. Alla ricerca del meteorite tra Prato e Pistoia citati anche loro
    Da Mirandola la Pimpa (e Davide Gaddi) fanno scuola. Alla ricerca del meteorite tra Prato e Pistoia citati anche loro
    E' infatti una storia di successo quella del mirandolese che un paio d'anni fa andando a spasso con la sua cagnolina sull'argine del Secchia trovò i frammenti della meteora che venne poi chiamata, appunto, "Cavezzo".[...]
    La Nasa sceglie lo scatto del modenese Luca Fornaciari: è la galassia M33
    La Nasa sceglie lo scatto del modenese Luca Fornaciari: è la galassia M33
    Luca Fornaciari, fotografo di professione, da quasi 10 anni si occupa di fotografia astronomica.[...]
    Il Duomo di Mirandola mai così bello, con le installazioni del Paradiso di Dante
    Il Duomo di Mirandola mai così bello, con le installazioni del Paradiso di Dante
    Grande il consenso tra i mirandolesi. Mentre qualche perplessità ha suscitato il Diavolo dell'Inferno dantesco in piazza[...]
    Cinema, sport e inclusione: presentato il docufilm "Tanta Strada"
    Cinema, sport e inclusione: presentato il docufilm "Tanta Strada"
    Il lungometraggio, girato in Emilia-Romagna, lancia un messaggio chiaro: si può essere felici con lo sport, la natura e la compagnia. A prescindere dalle proprie capacità.[...]
    L'astrofisica sbarca su Youtube con la mirandolese Andrealuna Pizzetti
    L'astrofisica sbarca su Youtube con la mirandolese Andrealuna Pizzetti
    "On Planet 9" è il progetto creato dalla Pizzetti e altre quattro dottorande: le cinque giovani studiano astrofisica alla Clemson University, nella Carolina del sud.[...]