Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
24 Ottobre 2021

Nonantola, rimborsi alluvione, la sindaca Nannetti chiede certezze sulle date

NONANTOLA – L’Amministrazione Comunale di Nonantola, si legge in una nota stampa, ha inviato una lettera ai ministri Franco e Gelmini, al sottosegretario Guerra e, per conoscenza, al presidente della Regione Emilia-Romagna Bonaccini, in cui si chiedono date certe per quanto riguarda i rimborsi per le famiglie e le attività danneggiate dall’alluvione del dicembre scorso. Di seguito, il contenuto della lettera, firmata dalla sindaca di Nonantola, Federica Nannetti:

Egregio ministro,

sono passati ormai oltre quattro mesi dall’alluvione che lo scorso 6 dicembre 2020 ha colpito il Comune di Nonantola e i suoi cittadini provocando considerevoli danni a strutture pubbliche e private. Dal primo giorno la risposta della Protezione Civile regionale e nazionale è stata pronta e generosa: nel giro di una settimana, un visitatore ignaro avrebbe potuto notare, per le strade del paese, ben pochi segni dell’inondazione. Eppure, all’interno di case, imprese ed edifici pubblici, i danni sono stati ingenti per non parlare dei “segni”, meno visibili ma non per questo meno dolorosi ed importanti, che quanto accaduto ha lasciato negli abitanti: la ricognizione speditiva conclusasi il 20 gennaio stima in 80 milioni di euro i danni materiali, ripartiti tra 2.584 abitazioni, 226 imprese e 834 segnalazioni di danni agli autoveicoli, a cui si aggiungono altri 10 milioni di danni al patrimonio pubblico (scuole, uffici, strade).

Lo scorso 30 dicembre abbiamo incontrato a Nonantola l’allora Ministro Boccia ed il Capo-dipartimento della Protezione Civile Borrelli, insieme al Presidente della Regione Emilia-Romagna Bonaccini: con loro era stato convenuto un possibile iter per erogare i risarcimenti, attraverso la struttura consolidata e ancora attiva dell’Agenzia per la Ricostruzione post-sisma, così da poter dare risposte certe e in tempi celeri. Le dimissioni del Governo Conte e l’insediamento dell’attuale Esecutivo Draghi hanno portato al cambiamento di entrambi gli interlocutori con cui era stato pattuito tale iter. Ciò nonostante, a seguito di un Suo incontro con il Presidente Bonaccini, siamo stati rassicurati sul fatto che l’attenzione su Nonantola non fosse mai venuta a mancare e che l’intervento legislativo necessario allo stanziamento delle risorse sarebbe stato inserito all’interno di un decreto di prossima approvazione, giustamente successivo al decreto Sostegni a favore delle categorie duramente penalizzate da un anno di Covid.

Quest’ultimo aggiornamento risale a fine febbraio. Poi più nulla. Siamo consapevoli della complessità di un provvedimento che rischia di essere “uno dei tanti” nel nostro Paese frequentemente colpito da emergenze idrogeologiche, del fatto che siamo “solo” un piccolo paese della provincia modenese che conta poco più di 16.000 abitanti e ancor più siamo consci delle difficoltà che come Governo state affrontando a causa pandemia, ma Nonantola ha necessità di prospettive certe rispetto all’erogazione dei rimborsi a famiglie ed imprese alluvionate. Abbiamo bisogno di qualche certezza per non lasciarci sopraffare da angoscia, paura e soprattutto sfiducia nelle istituzioni.

Come ci ricorda la ancor viva esperienza del sisma, da cui ancora oggi non possiamo dirci completamente fuori (basti pensare che il Municipio con 6.000.000 di euro di danni pur essendo passati 9 anni ancora è chiuso in attesa degli interventi di ristrutturazione), la nostra Comunità è abituata a far fronte alle crisi tirandosi su le maniche, con operosità e solidarietà, ma Le assicuro che il combinato disposto di un anno di Covid ed alluvione rischia di colpire irreparabilmente i nostri cittadini non soltanto da un punto di vista economico ma anche sociale, psicologico e morale. Come Amministrazione Comunale, insieme ai cittadini e al volontariato, e con il contributo costante della Regione, abbiamo fatto del nostro meglio per assolvere ai compiti che fin qui ci spettavano, non soltanto nella prima fase emergenziale.

Il 7 gennaio tutti i ragazzi di Nonantola sono potuti rientrare a scuola, nonostante i quattro più grandi plessi scolastici del paese fossero stati invasi dalle acque (danneggiandone uno fino all’inagibilità). Entro il 20 gennaio, come detto in precedenza, abbiamo concluso la ricognizione speditiva dei danni, in modo da fornire al più presto una quantificazione. 53 famiglie hanno ottenuto il Contributo all’Autonoma Sistemazione, e sono state trovate sistemazioni per quei nuclei in difficoltà a provvedere autonomamente. Insieme al volontariato locale ed ai servizi sociali abbiamo sostenuto, anche attraverso le donazioni, i concittadini in estrema difficoltà. Ci apprestiamo ora a disporre dei quasi due milioni stanziati dalla Regione e delle risorse che la stessa ha stanziato per l’assunzione di personale a sostegno dei cittadini nell’iter dei risarcimenti.

Tutto ciò rischia di essere vano, però, in assenza di una prospettiva non soltanto sui rimborsi, ma anche sui contributi parziali solitamente stanziati dalla Protezione Civile (i noti 5mila e 20mila euro per privati ed imprese ad anticipazione del rimborso finale). Le parole, purtroppo, a quattro mesi di distanza non possono più assolvere alla finalità di dare un sostegno “immediato” ed “emergenziale”, alle famiglie già duramente provate dal covid. Pensi a nuclei di lavoratori autonomi, ristoratori, dipendenti in cassa integrazione che cercano da mesi di arrivare in modo dignitoso a fine mese e che con la batosta dell’inaspettata alluvione si trovano oggi a non riuscire ad anticipare il denaro che occorre per fare i lavori di ripristino: mi creda, le assicuro che sono tante, molte più di quanto non s’immagini e le vedo, le “leggo”, le incontro e le ascolto ogni giorno.

A nome di tutti, Amministrazione e cittadini, Le chiedo di fare quanto in Suo potere per velocizzare quanto più possibile l’iter dei rimborsi e di poter aver certezze ed informazioni sulla tempistica dell’iter per poter dare risposte certe ad una Comunità, quella di Nonantola, oggi più in difficoltà di altre, ma che, come sempre ha fatto, è pronta a continuare a fare la propria parte”.

La sindaca
(Nannetti Federica)

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

"E adesso un libro: rubrica di libri". Parla come ami di Maria Giovanna Luini
La rubrica “E adesso un libro” a cura di Francesca Monari.leggi tutto
Glocal
Ecomondo: a Rimini la fiera sull'economia circolare
Dal 26 al 29 ottobre, dalle 9.00 alle 18.30, il quartiere fieristico di Rimini ospita due importanti manifestazioni sull’economia circolare e le energie rinnovabili: Ecomondo e Key Energy 2021.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere del cacao
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri". Memorie di un libraio di George Orwell
La rubrica “E adesso un libro” a cura di Francesca Monari.leggi tutto
Consigli di salute
Dentista e bambini: i consigli a prova di sorriso
Come educare i bambini alla figura del dentista e alcune indicazioni dell'ambulatorio dentistico Bolognadent leggi tutto
Glocal
Emiliani: popolo di nuotatori
In Italia oltre 20 milioni di persone praticano uno sport. Un quinto pratica il nuoto. In Emilia-Romagna è presente la più grande concentrazione di piscine pubbliche di tutta Italia.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere del cappuccino
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Anna Confente racconta le Manigolde di Finale Emilia, la sartoria sociale e solidale
    L'ha intervista l'esperta di risorse umane di Mirandola Francesca Monari.[...]
    Bimbi esclusi dal nido, a Mirandola ora si danno fino a 300 euro di bonus per la babysitter
    E' una soluzione momentanea in attesa che si creino nuovi posti per i lattanti[...]
    A Villa Rosati un albero per inneggiare alla vita, il dono di Avo Mirandola a Cavezzo
    “L'albero che resiste, rifiorisce”: è con questo motto viene celebrata la XIII Giornata Nazionale dell'AVO, Associazione Volontari Ospedalieri[...]

    Curiosità

    Aceto balsamico e parmigiano per l'ultima gara in Italia per Valentino Rossi
    Aceto balsamico e parmigiano per l'ultima gara in Italia per Valentino Rossi
    Al campione di Tavullia arrivati in dono prodotti tipici dell'Emilia-Romagna[...]
    Ingresso "trionfale" all'hub vaccinale: Marisa e Benito arrivano in sidecar
    Ingresso "trionfale" all'hub vaccinale: Marisa e Benito arrivano in sidecar
    L'arrivo della coppia ha destato la curiosità dei presenti e del presidente della Regione Stefano Bonaccini che, sulla sua pagina Facebook, ha postato la postato la foto della coppia.[...]
    Abbonamenti pirata a Dazn, Sky, Disney: 1800 persone denunciate
    Abbonamenti pirata a Dazn, Sky, Disney: 1800 persone denunciate
    Denunciato anche l'organizzatore, che ha guadagnato circa mezzo milione di euro dal 2017 al 2020[...]
    Da Mirandola la Pimpa (e Davide Gaddi) fanno scuola. Alla ricerca del meteorite tra Prato e Pistoia citati anche loro
    Da Mirandola la Pimpa (e Davide Gaddi) fanno scuola. Alla ricerca del meteorite tra Prato e Pistoia citati anche loro
    E' infatti una storia di successo quella del mirandolese che un paio d'anni fa andando a spasso con la sua cagnolina sull'argine del Secchia trovò i frammenti della meteora che venne poi chiamata, appunto, "Cavezzo".[...]
    La Nasa sceglie lo scatto del modenese Luca Fornaciari: è la galassia M33
    La Nasa sceglie lo scatto del modenese Luca Fornaciari: è la galassia M33
    Luca Fornaciari, fotografo di professione, da quasi 10 anni si occupa di fotografia astronomica.[...]
    Il Duomo di Mirandola mai così bello, con le installazioni del Paradiso di Dante
    Il Duomo di Mirandola mai così bello, con le installazioni del Paradiso di Dante
    Grande il consenso tra i mirandolesi. Mentre qualche perplessità ha suscitato il Diavolo dell'Inferno dantesco in piazza[...]
    Cinema, sport e inclusione: presentato il docufilm "Tanta Strada"
    Cinema, sport e inclusione: presentato il docufilm "Tanta Strada"
    Il lungometraggio, girato in Emilia-Romagna, lancia un messaggio chiaro: si può essere felici con lo sport, la natura e la compagnia. A prescindere dalle proprie capacità.[...]