Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
23 Ottobre 2021

Chirurgia robotica dell’anca: una nuova apparecchiatura all’avanguardia per il Policlinico

L’Ortopedia e Traumatologia del Policlinico di Modena, diretta dal prof. Fabio Catani di UNIMORE da qualche settimana ha a disposizione una nuova applicazione che pone l’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena all’avanguardia a livello nazionale nella chirurgia protesica dell’anca. Si tratta di un aggiornamento del software del Robot Mako, acquistato nel 2014, che grazie alla nuova piattaforma “MAKO Hip 4.0” consente interventi di protesi totale di anca più precisi, in quanto viene valutata l’influenza della cinematica della colonna e della pelvi sulla stabilità e mobilità dell’anca protesizzata. La conoscenza del movimento della pelvi durante le posture quotidiane permette di eseguire una chirurgia personalizzata sul paziente conoscendo nel dettaglio le deformità polidistrettuali.

Nel quinquennio 2015-2020, sono stati più di 450 gli interventi di protesi all’anca effettuati al Policlinico.

Il Robot consente interventi più accurati, meno invasivi, con una riduzione dei tempi di recupero e delle complicanze post-operatorie – ha ricordato il professor Fabio Catani – la Chirurgia Computer Assistita Robotizzata permette una maggiore precisione nel posizionamento dell’impianto ed il rispetto dei tessuti molli e muscolari grazie ad un pianificazione pre – ed intra-operatoria basate su TAC e all’utilizzo del navigatore associato al robot. All’elevata accuratezza ed alla ridotta invasività sui tessuti molli si associa ora il rispetto della funzione della catena cinematica colonna pelvi anca.”.

Quando acquisimmo MAKO nel 2014 – ha commentato il direttore generale, dottor Claudio Vagnini – Il Policlinico di Modena era la sola struttura pubblica della nostra Regione a utilizzare questa tecnologia che collocava la nostra Ortopedia tra i principali HUB per la protesica del ginocchio e dell’anca. Oggi, grazie a questo aggiornamento, miriamo a migliorarci ancora, mantenendo anche l’importante funzione di insegnamento ai giovani ortopedici, obiettivo importante in un ospedale universitario. Un potenziamento che ci mantiene all’avanguardia a livello italiano ed europeo a beneficio dei nostri pazienti, che vedono aperta la strada al passaggio da una chirurgia standardizzata ad una chirurgia paziente specifica”.

Sin dalla sua istallazione nel 2014, quando fummo il primo ospedale pubblico a dotarci di questa apparecchiatura, l’equipe dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena ha approfondito lo studio di questa metodica con una esperienza di oltre 1200 casi (anca e ginocchio). È proprio del 2020 lo studio pubblicato sulla rivista Surgical technology internationaldal prof. Catani e dal dottor Andrea Marcovigi del Policlinico di Modena, con la collaborazione dei colleghi Christopher J Hadley (Rothman Orthopaedic Institute Jefferson University Hospital Philadelphia),  Eric L Grossman (Rothman Orthopaedic Institute Jefferson University Hospital Philadelphia),  Michael A Mont (Northwell Health Orthopaedics, Lenox Hill Hospital, New York)e  Hytham S Salem (Northwell Health Orthopaedics, Lenox Hill Hospital, New York) che ha dimostrato come questa tecnologia garantisca migliori risultati clinici rispetto alla chirurgia tradizionale.

Il passaggio alla nuova piattaforma MAKO Hip 4.0 – aggiunge il prof. Catani – consente l’applicazione diretta dei più moderni concetti scientifici relativi alla protesizzazione dell’anca, il cui obbiettivo è garantire la corretta mobilità associata ad una stabilità fisiologica. La funzione di calcolo del Tilt Pelvico, cioè dell’antiversione del bacino, permette una maggiore personalizzazione nel posizionamento dell’impianto protesicoMediante l’inserimento dei dati radiografici preoperatori, infatti, il sistema è in grado di riprodurre l’inclinazione del bacino del paziente nelle varie posizioni, predicendo l’orientamento della componente acetabolare ed indirettamento anche quella dello stelo femorale. In questo modo per il chirurgo è possibile modificare il piano preoperatorio in modo da rispettare i valori di sicurezza della “Functional Safe Zone”, minimizzando perciò il rischio di lussazione protesica dalla stazione eretta, a quella seduta a quella distesa”.

L’aggiornamento del sistema consente una nuova modalità di pianificazione tridimensionale dello stelo protesico che riproduce esattamente la visuale che avrà il chirurgo durante la fase di preparazione del femore all’impianto, dopo la resezione del collo femorale. Con il nuovo software è quindi possibile pianificare l’antiversione desiderata e riprodurla sul paziente utilizzando i riferimenti anatomici valutati in fase di preparazione, riducendo al minimo l’indebolimento o la perdita del tessuto osseo e potendo maggiormente rispettare il piano stabilito.

Un altro potente strumento messo a disposizione del chirurgo – conclude il prof. Catani – è il simulatore virtuale di movimento. Questa opzione consente di ottenere un modello tridimensionale dell’anatomia post-operatoria del paziente e di riprodurre tutti i possibili movimenti dell’anca (flesso-estensione, intra-extrarotazione, adduzione-abduzione), verificando, sia in posizione seduta che eretta, l’esistenza di eventuali conflitti fra le strutture ossee o protesiche e dando la possibilità di modificare la pianificazione in modo da evitare cause che possono portare alla lussazione e al fallimento precoce dell’impianto”.

 

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

"E adesso un libro: rubrica di libri". Parla come ami di Maria Giovanna Luini
La rubrica “E adesso un libro” a cura di Francesca Monari.leggi tutto
Glocal
Ecomondo: a Rimini la fiera sull'economia circolare
Dal 26 al 29 ottobre, dalle 9.00 alle 18.30, il quartiere fieristico di Rimini ospita due importanti manifestazioni sull’economia circolare e le energie rinnovabili: Ecomondo e Key Energy 2021.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere del cacao
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri". Memorie di un libraio di George Orwell
La rubrica “E adesso un libro” a cura di Francesca Monari.leggi tutto
Consigli di salute
Dentista e bambini: i consigli a prova di sorriso
Come educare i bambini alla figura del dentista e alcune indicazioni dell'ambulatorio dentistico Bolognadent leggi tutto
Glocal
Emiliani: popolo di nuotatori
In Italia oltre 20 milioni di persone praticano uno sport. Un quinto pratica il nuoto. In Emilia-Romagna è presente la più grande concentrazione di piscine pubbliche di tutta Italia.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere del cappuccino
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    A Villa Rosati un albero per inneggiare alla vita, il dono di Avo Mirandola a Cavezzo
    “L'albero che resiste, rifiorisce”: è con questo motto viene celebrata la XIII Giornata Nazionale dell'AVO, Associazione Volontari Ospedalieri[...]
    A Concordia gara di solidarietà per finanziare l'ambulatorio mobile per le campagne di donazione del midollo osseo
    La campagna di crowdfunding è attiva fino al 20 novembre e chiunque volesse sostenerla può effettuare una donazione[...]
    Mirandola, “Tutto Finto Tutto Vero” ecco la nuova stagione dell'Auditorium Montalcini
    Un invito rivolto a tutti gli spettatori per condividere nuovamente un rito collettivo che oggi può ritornare ad essere vissuto dal vivo e in sicurezza.[...]

    Curiosità

    Ingresso "trionfale" all'hub vaccinale: Marisa e Benito arrivano in sidecar
    Ingresso "trionfale" all'hub vaccinale: Marisa e Benito arrivano in sidecar
    L'arrivo della coppia ha destato la curiosità dei presenti e del presidente della Regione Stefano Bonaccini che, sulla sua pagina Facebook, ha postato la postato la foto della coppia.[...]
    Abbonamenti pirata a Dazn, Sky, Disney: 1800 persone denunciate
    Abbonamenti pirata a Dazn, Sky, Disney: 1800 persone denunciate
    Denunciato anche l'organizzatore, che ha guadagnato circa mezzo milione di euro dal 2017 al 2020[...]
    Da Mirandola la Pimpa (e Davide Gaddi) fanno scuola. Alla ricerca del meteorite tra Prato e Pistoia citati anche loro
    Da Mirandola la Pimpa (e Davide Gaddi) fanno scuola. Alla ricerca del meteorite tra Prato e Pistoia citati anche loro
    E' infatti una storia di successo quella del mirandolese che un paio d'anni fa andando a spasso con la sua cagnolina sull'argine del Secchia trovò i frammenti della meteora che venne poi chiamata, appunto, "Cavezzo".[...]
    La Nasa sceglie lo scatto del modenese Luca Fornaciari: è la galassia M33
    La Nasa sceglie lo scatto del modenese Luca Fornaciari: è la galassia M33
    Luca Fornaciari, fotografo di professione, da quasi 10 anni si occupa di fotografia astronomica.[...]
    Il Duomo di Mirandola mai così bello, con le installazioni del Paradiso di Dante
    Il Duomo di Mirandola mai così bello, con le installazioni del Paradiso di Dante
    Grande il consenso tra i mirandolesi. Mentre qualche perplessità ha suscitato il Diavolo dell'Inferno dantesco in piazza[...]
    Cinema, sport e inclusione: presentato il docufilm "Tanta Strada"
    Cinema, sport e inclusione: presentato il docufilm "Tanta Strada"
    Il lungometraggio, girato in Emilia-Romagna, lancia un messaggio chiaro: si può essere felici con lo sport, la natura e la compagnia. A prescindere dalle proprie capacità.[...]
    L'astrofisica sbarca su Youtube con la mirandolese Andrealuna Pizzetti
    L'astrofisica sbarca su Youtube con la mirandolese Andrealuna Pizzetti
    "On Planet 9" è il progetto creato dalla Pizzetti e altre quattro dottorande: le cinque giovani studiano astrofisica alla Clemson University, nella Carolina del sud.[...]