Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
14 Giugno 2024
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Endometriosi, a Baggiovara intervento robotico multiequipe su una giovane di 29 anni

BAGGIOVARA - È stato eseguito nelle scorse settimane, all’Ospedale Civile di Baggiovara, con il Robot Da Vinci, un intervento per risolvere una grave forma di endometriosi su una paziente di 29 anni, che ora sta bene ed è stata dimessa. L’intervento, si legge nel comunicato stampa diffuso dall'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena, è stato effettuato dall’equipe di Chirurgia Generale, d’Urgenza e Nuove Tecnologie, diretta dalla dottoressa Micaela Piccoli, e quella del Centro Endometriosi, diretta dal dottor Carlo Alboni, e ha consentito di evitare le più gravi complicanze di questa patologia. Il robot Da Vinci consente tramite due consolle a due equipe di intervenire in contemporanea sul paziente, in modo mini-invasivo. L’intervento è stato svolto in collaborazione con l’equipe di anestesisti, diretta dalla dottoressa Elisabetta Bertellini e col personale infermieristico del Blocco Operatorio dell’Ospedale Civile. In Italia sono affette da endometriosi il 10-15% delle donne in età riproduttiva; la patologia interessa circa il 30-50% delle donne infertili o che hanno difficolta a concepire. Le donne con diagnosi conclamata sono almeno 3 milioni.  L’Endometriosi è una malattia cronica caratterizzata da una presenza anomala in altri organi – ovaie, tube, peritoneo, vagina, vescica, intestino, il colon retto e l’appendice – del tessuto che di solito riveste di solito la parte interna dell’utero (l’endometrio).
“Durante il ciclo mestruale – spiega il dottor Carlo Alboni – questo tessuto si comporta come l’endometrio e quindi provoca sanguinamento e conseguente infiammazione acuta e cronica. Le lesioni infiltrano letteralmente la parete degli organi colpiti e generano quadri di tenaci aderenze dentro la pelvi che possono compromettere anche la fertilità. La diagnosi precoce è importante perché consente di gestire la paziente migliorando la sua qualità di vita e riducendo il rischio di danno della funzione degli organi in cui si annida. È, però spesso, una diagnosi difficile perché i dolori vengono di frequente scambiati per semplici dolori mestruali o dolori addominali non specifici e quindi sottovalutati”.
Il Centro Endometriosi del Policlinico di Modena – attivo in seno all’Ostetricia e Ginecologia diretta dal prof. Fabio Facchinetti, segue circa 900 donne all’anno negli ambulatori dedicati ed esegue più di cento interventi chirurgici/anno su pazienti con questa patologia.
“Nel caso specifico – conclude Alboni – grazie al robot abbiamo potuto operare insieme ai chirurghi generali. Noi abbiamo eseguito la rimozione delle lesioni endometriosiche dalle strutture di sostengo dell’utero, dal peritoneo e dallo spazio fra la vagina ed il retto (sede, peraltro, che più spesso genera sintomi dolorosi soprattutto durante la defecazione ed i rapporti sessuali). Utilizziamo la magnificazione dell’immagine tridimensionale e la precisione del Robot anche per eseguire la tecnica chirurgica (nerve-sparing) che ci permette di preservare le sottili strutture nervose che garantiscono il corretto funzionamento degli organi pelvici (vescica, retto, utero e vagina). Grazie alla mini-invasività dell’intervento, quindi, la giovane ha visto preservare la propria capacità di funzione degli organi coinvolti e riproduttiva”. 
 La paziente ora sarà seguita dal centro del Policlinico poiché la gestione della malattia endometriosica non si conclude assolutamente con l’atto chirurgico ma necessita di costante monitoraggio e adattamento della terapia a seconda delle necessità della paziente. Il rischio di recidiva della endometriosi profonda intestinale è molto basso ma in generale si definisce comunque un rischio legato alla cronicità della malattia.
“La paziente – conferma la dottoressa Micaela Piccoli – con una storia di dolori addominali ricorrenti, non ancora inquadrati correttamente, è giunta da noi per un addome acuto da sospetta appendicite. Durante l’intervento di appendicectomia laparoscopica, ci siamo resi conto della presenza di altre lesioni sul peritoneo e sul colon-retto compatibili con un quadro grave di endometriosi, che l’esame istologico sulle biopsie eseguite ha poi confermato. Grazie alla lunga collaborazione con i ginecologi sulle patologie endometriosiche, siamo in grado di riconoscere le lesioni sospette anche quando del tutto occasionali. Abbiamo, quindi, attivato il percorso diagnostico con i ginecologi e, avuta la conferma di un’endometriosi pelvica profonda posteriore, del peritoneo prevescicale e del retto (parte terminale del colon), abbiamo programmato l’intervento congiunto. Noi ci siamo occupati del retto che era infiltrato profondamente da questo tessuto eseguendo una resezione intestinale che, grazie al robot, è stato possibile portare a termine ricanalizzando subito l’intestino, senza alcuna colostomia o ileostomia di protezione, cioè un sacchetto che derivi temporaneamente le feci. La tecnologia robotica con la sua mininvasività, la magnificazione dell’immagine, la precisione del gesto chirurgico, la possibilità di lavorare in più specialità, consente non solo di essere radicali nel rimuovere la patologia, ma soprattutto di rispettare l’integrità della persona e garantirle un’ottima qualità di vita fin da subito dopo l’intervento”.

“Il successo terapeutico per questa patologia – conclude il Prof. Facchinetti - non può prescindere dal lavoro di squadra, dalla gestione multidisciplinare. Le pazienti affette dall’endometriosi possono presentare sintomi e segni clinici che simulano altre patologie specifiche di vari distretti (urinario, intestinale, osteo-muscolare). È pertanto fondamentale che nella nostra azienda ospedaliera sia consolidata una cultura della diagnosi differenziale precoce dell’endometriosi e sia presente una collaborazione attiva fra le Unità operative a favore delle pazienti”.

SulPanaro Expo

Rubriche

Al giardino ancora non l’ho detto | Rubrica Botanica | La pianta del Caffè
Rubrica - La rubrica botanica cura di Francesca Monari
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 5
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, con le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 4
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, pubblicando le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 3
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, pubblicando le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
Glocal
Il loop della scarsità
Glocal - La nostra è un’epoca plasmata da un eccesso di stimoli che ci seducono nella direzione dell’accumulo: consumare più del necessario, acquistare oggetti inutili e cercare piaceri effimeri.
Un raggio di sole tra la cronaca, per te le poesie di Luigi Golinelli - 2
Arte - E' la rubrica per un momento di tregua dalla frenesia della cronaca, pubblicando le poesie che il poeta Luigi Golinelli di San Felice Sul Panaro ha gentilmente messo a disposizione per voi lettori.
“E adesso un libro” | Rubrica di libri - 6 titoli da non perdere
Rubrica - La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monari.
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere della focaccia fiorita
Rubrica - Creatività, ortaggi e farine; questi gli ingredienti che danno vita a questa scenografica focaccia. Rubrica a cura di Francesca Monari

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

  • La buona notizia

    Ultime notizie
    Un’esperienza in barca a vela per sei ragazzi guariti dal cancro al Policlinico di Modena
    Nell’ambito del progetto di Sea Therapy è stato possibile far partecipare un gruppo di ex pazienti alla Triton Cup ospitata di recente nel Parco dell’Arcipelago Toscano
    L'anniversario
    Giornata del donatore, una visita ai Sassi di Roccamalatina con Avis
    Previste escursioni guidate, giochi per i bambini, incontri sulla storia alla scoperta di questo suggestivo luogo protetto del nostro Appennino. 
    Le novità per la salute
    A Ravarino apre l’ambulatorio dell’infermiera di comunità
    Prevenzione e non solo: il monitoraggio dei pazienti cronici è uno degli aspetti più importanti del lavoro dell’infermiere di comunità

    Curiosità

    Il primo romanzo di Elena Bosi prende vita. E racconta Concordia allegra e disperata, leggera e disperata
    La storia
    Il primo romanzo di Elena Bosi prende vita. E racconta Concordia allegra e disperata, leggera e disperata
    E' nata nel 1978 e vive a Mirandola ma è di Concordia, dove è cresciuta. Traduce, insegna e scrive. "Mio padre è nato per i piedi" è il suo primo romanzo.
    Nuova casa per alcuni degli asinelli di San Possidonio: si è reso necessario il trasloco per 15 di loro
    Curiosità
    Nuova casa per alcuni degli asinelli di San Possidonio: si è reso necessario il trasloco per 15 di loro
    Per salvarli, dopo il fallimento del loro allevamento, venne attivata una raccolta fondi online che raggiunse la cifra di 56mila euro per un progetto diverso, una adozione a distanza
    La circonvallazione a doppio senso, il certificato di battesimo, la cassaforte violata: ecco gli highlights del confronto politico a Mirandola
    Politica
    La circonvallazione a doppio senso, il certificato di battesimo, la cassaforte violata: ecco gli highlights del confronto politico a Mirandola
    I candidati sindaco Letizia Budri, Carlo Bassoli, Giorgio Siena e Giorgio Cavazza sotto al fuoco di fila dei giornalisti della Bassa
    A Modena la festa per la Polizia Locale, ecco gli agenti (con cane poliziotto) premiati
    Il punto
    A Modena la festa per la Polizia Locale, ecco gli agenti (con cane poliziotto) premiati
    Tanti i casi in cui è stato necessario prestare soccorso ad anziani in difficoltà
    Il Comando di Modena sul podio del campionato italiano Vigili del Fuoco di nuoto
    I risultati
    Il Comando di Modena sul podio del campionato italiano Vigili del Fuoco di nuoto
    Grande soddisfazione espressa per la buona riuscita della manifestazione che ha visto partecipare circa 200 vigili del fuoco provenienti da tutta Italia
    Solara, i pavoni diventano un caso: "Danneggiano auto e tetti delle case"
    Il caso
    Solara, i pavoni diventano un caso: "Danneggiano auto e tetti delle case"
    Tra gli abitanti della frazione di Bomporto c'è chi chiede che per gli animali si trovi un'area protetta
    Il fleximan della differenziata individuato a Bomporto: col cacciavate contro i cassonetti
    Il punto
    Il fleximan della differenziata individuato a Bomporto: col cacciavate contro i cassonetti
    La Polizia Locale del Sorbara lo ha trovato con le videotrappole: aveva danneggiato con un cacciavite l’apertura elettronica dei cassonetti per la raccolta differenziata dei rifiuti per ben due volte, in due distinte giornate
    Le migliori città per la movida in Italia: Modena al sesto posto
    Curiosità
    Le migliori città per la movida in Italia: Modena al sesto posto
    Un recente studio di BonusFinder Italia ha analizzato le 50 città più grandi d’Italia tenendo conto di diversi fattori chiave che caratterizzano l'esperienza di divertimento.
    Il Guercino torna a casa, a Finale Emilia, 12 anni dopo il terremoto
    Taglio del nastro
    Il Guercino torna a casa, a Finale Emilia, 12 anni dopo il terremoto
    Vale più di tre milioni di euro - è questa la stima dell'assicurazione - e sul mercato  dell'arte è ambitissimo: gli americani vanno pazzi per le opere dell'artista centese
    Da Mirandola a Bordeaux, piccoli musicisti della Bassa in missione in Francia
    Per i più piccoli
    Da Mirandola a Bordeaux, piccoli musicisti della Bassa in missione in Francia
    Continuano le attività a Bordeaux per la piccola delegazione della Fondazione Scuola di Musica Carlo e Guglielmo Andreoli.

    chiudi