Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Carpi, medicina del lavoro dal ‘600 ai giorni nostri in una mostra

CARPI – La medicina del lavoro dal Seicento ai giorni nostri, in una mostra dedicata al suo “inventore”, Bernardino Ramazzini, nella città natale, Carpi: è il percorso proposto da “Prevenire è meglio che curare” attraverso documenti originali, prime edizioni dei suoi libri, volumi a stampa coevi, quadri di pittori quali il Guercino, Cifrondi, Graziosi e Bianchini Ciarlini, per rendere il contesto nel quale il medico carpigiano visse e operò.

Nei Musei comunali di Palazzo dei Pio, dal 18 settembre al 6 gennaio 2021, fra stampe, dipinti, incisioni, materie prime e strumenti di lavoro, si potrà ammirare, per la prima volta, anche un ritratto inedito appartenuto allo stesso medico, ora di proprietà degli eredi.

L’esposizione, che ha come sottotitolo “Bernardino Ramazzini (1633-1714). Primo medico del lavoro”, racconterà infatti la vicenda personale e professionale dello scienziato emiliano, considerato una delle menti più lucide e rivoluzionarie della storia e della pratica medica, come già lo era stato, duecento anni prima, il suo concittadino Berengario da Carpi (1460 ca.-1530) – cui la città dedicò analoga mostra nel 2018.

Il percorso parte dalla prima metà del XVII secolo e giunge al terzo millennio, affrontando problemi di grande attualità quali la sicurezza sul di lavoro, la prevenzione dei rischi professionali e di quelli ambientali.

Cuore della mostra, che si avvale di strumenti multimediali, è la sezione dedicata al trattato “De Morbis Artificum Diatriba” (“Le malattie dei lavoratori”), qui esposto nella prima edizione del 1700, conservata nella biblioteca comunale carpigiana: il testo che segnò la nascita della medicina del lavoro, tradotto in francese, inglese e tedesco e pubblicato in tutto il mondo. Un saggio rivoluzionario all’epoca ma ancora attuale, laddove Ramazzini in nome della salute delle persone teorizza « di prevenire, di vigilare sui mestieri e sulle fabbriche, di fare smettere il mestiere a chi è impari ad esso, di studiare la morbilità degli abitanti che vivono nelle vicinanze dei luoghi di lavoro. »

“Prevenire è meglio che curare. Bernardino Ramazzini (1633-1714). Primo medico del lavoro”

SEDE – Musei di Palazzo dei Pio, piazza dei Martiri, 68 Carpi (MO)
PERIODO – 18 settembre 2020 – 6 gennaio 2021
ORGANIZZAZIONE – Comune di Carpi (Musei Palazzo Pio, Archivio storico e Biblioteca “Loria”)
PATROCINIO – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e Università degli Studi di Padova
CONTRIBUTI – Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e Assicoop Modena
CATALOGO – Moggio Edizioni
ORARI – venerdì, sabato, domenica e festivi dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:00.
Chiusa il lunedì; visitabile su prenotazione da martedì a giovedì.

ACCESSO – Obbligatorio prenotare su https://prenotailmuseo.palazzodeipio.it/prenotailmuseo/
Ingresso contingentato, con obbligo di mascherina e distanziamento di 2 metri (congiunti esclusi)
BIGLIETTI – gratuito fino a tutto Ottobre (poi 8 euro, ridotto 5 euro)
INFORMAZIONI – tel. 059649955/360

LA MOSTRA
Il visitatore viene accolto dalla figura virtuale di Bernardino Ramazzini che introduce i temi della mostra. La prima sezione è dedicata al medico carpigiano e al suo tempo: si ricostruisce il personaggio e il contesto storico, sociale e culturale dell’epoca attraverso documenti d’archivio, il ritratto dipinto da Luigi Bianchini Ciarlini nella seconda metà del XVIII secolo, i primi trattati medici e quelli di fisica, come il “De constitutione anni 1690 ac de rurali epidemia” (“L’epidemia rurale del 1690”) o gli “Ephemerides barometricae mutinensis anno 1694” (“Diario barometrico modenese del 1694”), oltre a stampe e opere d’arte secentesche. Per la prima volta, verrà inoltre presentato un ritratto inedito appartenuto allo stesso Ramazzini, di proprietà degli eredi.

Il cuore della mostra si sviluppa nelle logge nord e ovest del palazzo dei Pio, con una indagine sull’opera ramazziniana più importante e celebrata: il “De Morbis Artificum Diatriba”, qui presente nella prima edizione del 1700 (appartenente al Comune e conservato nella biblioteca civica “Loria”), ma anche nelle numerose riedizioni e traduzioni, accompagnate da approfondimenti multimediali e da una serie di esemplari moderni che si potranno sfogliare.

Con un metodo empirico e assolutamente innovativo per l’epoca, il trattato parte dall’osservazione di una categoria specifica di lavoratori, gli svuotatori di pozzi neri, e analizza 55 mestieri del tempo, studiandone i rischi per la salute, determinati dalle materie prime utilizzate e dal contesto lavorativo; il volume si concentra poi sulle malattie “professionali” delle singole attività, sulla prevenzione ambientale e su quelli definiti oggi “dispositivi di protezione individuale”.

I contesti professionali studiati nella propria opera, sono poi esaminati attraverso materie prime, strumenti di lavoro, stampe e dipinti, tra i quali: l’affresco del Guercino Estrazione della canapa sul macero (1615-1617, intonaco staccato e applicato su tela, dal Museo di Cento); le incisioni dei Mestieri dell’uomo del bolognese Giuseppe Maria Mitelli (1634, da collezione privata modenese); le grandi tavole sui mestieri dei dodici volumi della prima edizione dell’Encyclopedie di Diderot e D’Alembert (1751-1780); il dipinto del Ciabattino di Antonio Cifrondi (1720-1730 ca., Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia); la Tessitrice di Giuseppe Graziosi (1910).

Oggi l’idea di fondo dell’opera ramazziniana viene sviluppata nell’azione di ricerca e d’intervento del “Collegium Ramazzini” di Bologna, associazione indipendente fondata nel 1982 da Irving Selikoff e Cesare Maltoni con lo scopo di « accrescere la conoscenza sulla salute dei lavoratori e dell’ambiente, prevenire malattie e salvare vite. »

Proprio in collaborazione con il “Collegium”, ora composto da medici e scienziati di 35 Nazioni, è realizzata la sezione conclusiva della mostra, sull’attualità della medicina del lavoro, delle problematiche ambientali e professionali, dello sviluppo delle ricerche e degli studi, sulla base della relazione tra rischio e danno individuata per la prima volta proprio da Bernardino Ramazzini.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    L'animale è stato preso e curato dai volontari de Il Pettirosso[...]
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    Pare ce ne siano in circolazione soltanto due esemplari.[...]
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    Coinvolge 4 palazzine , 30 famiglie,4 scaffali e 156 libri divisi in 4 gruppi (39 libri per palazzina).[...]
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    E' l’opera in vetro di Murano installata nell’anello centrale verde della rotatoria tra via Nuova Estense e via Vignolese.[...]
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Il sito che verrà aggiornato periodicamente, è ricco di immagini suggestive e si sviluppa in cinque aree tematiche - conosci, esplora, gusto, shopping e agenda - che rendono intuitiva la ricerca dei contenuti.[...]
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    A sostegno di tutti i bambini cardiopatici congeniti e del personale medico ospedaliero che sta lottando contro il Covid.[...]
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Si guarda alla bella stagione nella città dei Pico con la tracciatura ed installazione delle indicazioni, avvenuta nei giorni scorsi di tre percorsi ciclabili di varia lunghezza, per appassionati, ma pure per semplici cicloamatori e per le famiglie.[...]
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    L’audiolibro ha scalato le classifiche nazionali di podcast di racconti per bambini contando 30mila riproduzioni su Youtube e altre sette piattaforme streaming[...]
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    L'associazione si è presentata pubblicamente con un evento online sabato 20 marzo[...]