Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
28 Gennaio 2022

Carpi, medicina del lavoro dal ‘600 ai giorni nostri in una mostra

CARPI – La medicina del lavoro dal Seicento ai giorni nostri, in una mostra dedicata al suo “inventore”, Bernardino Ramazzini, nella città natale, Carpi: è il percorso proposto da “Prevenire è meglio che curare” attraverso documenti originali, prime edizioni dei suoi libri, volumi a stampa coevi, quadri di pittori quali il Guercino, Cifrondi, Graziosi e Bianchini Ciarlini, per rendere il contesto nel quale il medico carpigiano visse e operò.

Nei Musei comunali di Palazzo dei Pio, dal 18 settembre al 6 gennaio 2021, fra stampe, dipinti, incisioni, materie prime e strumenti di lavoro, si potrà ammirare, per la prima volta, anche un ritratto inedito appartenuto allo stesso medico, ora di proprietà degli eredi.

L’esposizione, che ha come sottotitolo “Bernardino Ramazzini (1633-1714). Primo medico del lavoro”, racconterà infatti la vicenda personale e professionale dello scienziato emiliano, considerato una delle menti più lucide e rivoluzionarie della storia e della pratica medica, come già lo era stato, duecento anni prima, il suo concittadino Berengario da Carpi (1460 ca.-1530) – cui la città dedicò analoga mostra nel 2018.

Il percorso parte dalla prima metà del XVII secolo e giunge al terzo millennio, affrontando problemi di grande attualità quali la sicurezza sul di lavoro, la prevenzione dei rischi professionali e di quelli ambientali.

Cuore della mostra, che si avvale di strumenti multimediali, è la sezione dedicata al trattato “De Morbis Artificum Diatriba” (“Le malattie dei lavoratori”), qui esposto nella prima edizione del 1700, conservata nella biblioteca comunale carpigiana: il testo che segnò la nascita della medicina del lavoro, tradotto in francese, inglese e tedesco e pubblicato in tutto il mondo. Un saggio rivoluzionario all’epoca ma ancora attuale, laddove Ramazzini in nome della salute delle persone teorizza « di prevenire, di vigilare sui mestieri e sulle fabbriche, di fare smettere il mestiere a chi è impari ad esso, di studiare la morbilità degli abitanti che vivono nelle vicinanze dei luoghi di lavoro. »

“Prevenire è meglio che curare. Bernardino Ramazzini (1633-1714). Primo medico del lavoro”

SEDE – Musei di Palazzo dei Pio, piazza dei Martiri, 68 Carpi (MO)
PERIODO – 18 settembre 2020 – 6 gennaio 2021
ORGANIZZAZIONE – Comune di Carpi (Musei Palazzo Pio, Archivio storico e Biblioteca “Loria”)
PATROCINIO – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e Università degli Studi di Padova
CONTRIBUTI – Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e Assicoop Modena
CATALOGO – Moggio Edizioni
ORARI – venerdì, sabato, domenica e festivi dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:00.
Chiusa il lunedì; visitabile su prenotazione da martedì a giovedì.

ACCESSO – Obbligatorio prenotare su https://prenotailmuseo.palazzodeipio.it/prenotailmuseo/
Ingresso contingentato, con obbligo di mascherina e distanziamento di 2 metri (congiunti esclusi)
BIGLIETTI – gratuito fino a tutto Ottobre (poi 8 euro, ridotto 5 euro)
INFORMAZIONI – tel. 059649955/360

LA MOSTRA
Il visitatore viene accolto dalla figura virtuale di Bernardino Ramazzini che introduce i temi della mostra. La prima sezione è dedicata al medico carpigiano e al suo tempo: si ricostruisce il personaggio e il contesto storico, sociale e culturale dell’epoca attraverso documenti d’archivio, il ritratto dipinto da Luigi Bianchini Ciarlini nella seconda metà del XVIII secolo, i primi trattati medici e quelli di fisica, come il “De constitutione anni 1690 ac de rurali epidemia” (“L’epidemia rurale del 1690”) o gli “Ephemerides barometricae mutinensis anno 1694” (“Diario barometrico modenese del 1694”), oltre a stampe e opere d’arte secentesche. Per la prima volta, verrà inoltre presentato un ritratto inedito appartenuto allo stesso Ramazzini, di proprietà degli eredi.

Il cuore della mostra si sviluppa nelle logge nord e ovest del palazzo dei Pio, con una indagine sull’opera ramazziniana più importante e celebrata: il “De Morbis Artificum Diatriba”, qui presente nella prima edizione del 1700 (appartenente al Comune e conservato nella biblioteca civica “Loria”), ma anche nelle numerose riedizioni e traduzioni, accompagnate da approfondimenti multimediali e da una serie di esemplari moderni che si potranno sfogliare.

Con un metodo empirico e assolutamente innovativo per l’epoca, il trattato parte dall’osservazione di una categoria specifica di lavoratori, gli svuotatori di pozzi neri, e analizza 55 mestieri del tempo, studiandone i rischi per la salute, determinati dalle materie prime utilizzate e dal contesto lavorativo; il volume si concentra poi sulle malattie “professionali” delle singole attività, sulla prevenzione ambientale e su quelli definiti oggi “dispositivi di protezione individuale”.

I contesti professionali studiati nella propria opera, sono poi esaminati attraverso materie prime, strumenti di lavoro, stampe e dipinti, tra i quali: l’affresco del Guercino Estrazione della canapa sul macero (1615-1617, intonaco staccato e applicato su tela, dal Museo di Cento); le incisioni dei Mestieri dell’uomo del bolognese Giuseppe Maria Mitelli (1634, da collezione privata modenese); le grandi tavole sui mestieri dei dodici volumi della prima edizione dell’Encyclopedie di Diderot e D’Alembert (1751-1780); il dipinto del Ciabattino di Antonio Cifrondi (1720-1730 ca., Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia); la Tessitrice di Giuseppe Graziosi (1910).

Oggi l’idea di fondo dell’opera ramazziniana viene sviluppata nell’azione di ricerca e d’intervento del “Collegium Ramazzini” di Bologna, associazione indipendente fondata nel 1982 da Irving Selikoff e Cesare Maltoni con lo scopo di « accrescere la conoscenza sulla salute dei lavoratori e dell’ambiente, prevenire malattie e salvare vite. »

Proprio in collaborazione con il “Collegium”, ora composto da medici e scienziati di 35 Nazioni, è realizzata la sezione conclusiva della mostra, sull’attualità della medicina del lavoro, delle problematiche ambientali e professionali, dello sviluppo delle ricerche e degli studi, sulla base della relazione tra rischio e danno individuata per la prima volta proprio da Bernardino Ramazzini.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere della birra
La rubrica "Appunti di gusto", a cura di Francesca Monarileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Impianti dentali: i vantaggi
Vuoi tornare ad avere un sorriso splendente in maniera rapida e senza problemi? L’impianto dentale potrebbe essere la soluzione ai tuoi problemi.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere del latte
La rubrica "Appunti di gusto", a cura di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Perché esiste il fenomeno dei no-vax?
Grazie ad un’attenta e pianificata campagna vaccinale il morbillo è praticamente sparito nei Paesi a capitalismo avanzato. Purtroppo ancor oggi esistono focolai di morbillo nei Paesi in via di sviluppo.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere della cannella
La rubrica "Appunti di gusto", a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFesta della Polizia Locale Area Nord a San Felice
    • WatchPresidio degli agenti della Polizia Locale davanti alla Prefettura di Modena
    • WatchEcco il primo nato del 2022 a Modena: si chiama Leonardo

    La buona notizia

    Nuovo numero di telefono Ausl Modena per chi ha problemi con l'isolamento Covid
    Si ricorda ai cittadini che in caso di sintomi non bisogna recarsi né in farmacia né in ospedale, ma contattare immediatamente il medico di medicina generale o il pediatra.[...]
    Mirandola, alla Medtronic nuovo impianto per ridurre le emissioni di Co2
    L'azienda, inoltre, continua ad espandersi: è stata siglata, infatti, l’acquisizione per 925 milioni di dollari di Affera Inc[...]
    Trapianti di fegato, Modena al top nazionale
    Un anno da record quello appena trascorso, nonostante le criticità per il mondo della sanità, specie per i trapianti da donatore vivente[...]

    Curiosità

    "Il cacciatore di anatre" sbarca su Prime: è il film collettivo della Bassa Modenese
    "Il cacciatore di anatre" sbarca su Prime: è il film collettivo della Bassa Modenese
    Il film racconta un pezzo della nostra storia, e più di 500 persone tra Mirandola, Finale Emilia e San Felice vi hanno partecipato[...]
    Elisabetta Belloni, chi è la "modenese" di cui si parla per la presidenza della Repubblica
    Elisabetta Belloni, chi è la "modenese" di cui si parla per la presidenza della Repubblica
    Sessantaquattro anni, madre di Sestola e casa di famiglia sull'Appennino Modenese, è attualmente direttrice generale del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza[...]
    Anziani cardiopatici, imparare a usare Internet per essere curati meglio
    Anziani cardiopatici, imparare a usare Internet per essere curati meglio
     Solo il 25% dei pazienti cardiologici dai 75 anni in su utilizza mezzi digitali convenzionali come motori di ricerca, mail, smartphone e app, secondo uno studio della Cardiologia del Policlinico di Modena[...]
    San Sebastiano, consegnati gli encomi agli agenti di Polizia Locale Mirandola
    San Sebastiano, consegnati gli encomi agli agenti di Polizia Locale Mirandola
    Sono andati al commissario Emanuela Ragazzi, all'assistente capo Valerio Zoni all'agente Danilo Cardella e all'agente Di Canosa[...]
    Covid, faceva tamponi abusivi nel suo negozio di scarpe a Mirandola
    Covid, faceva tamponi abusivi nel suo negozio di scarpe a Mirandola
    Il commerciante non solo effettuava direttamente i prelievi dai nasi delle persone con sospetto di contagio, ma poi effettuava anche il controllo e l'analisi.[...]
    Si dimette il sindaco di Bomporto Angelo Giovannini
    Si dimette il sindaco di Bomporto Angelo Giovannini
    Scrive: "Ci ho provato, mi arrendo e cedo il posto, magari a qualcuno tra i tanti sempre pronti a insegnare come fare o a dirci che ci teniamo strette le poltrone"[...]
    Attacco hacker durante convegno in Senato: video porno durante l'intervento della senatrice Mantovani
    Attacco hacker durante convegno in Senato: video porno durante l'intervento della senatrice Mantovani
    Momenti di imbarazzo nel corso di un incontro, trasmesso in streaming, sulla "Pubblica amministrazione trasparente"[...]
    La sulada, una torta squisita da salvare
    La sulada, una torta squisita da salvare
    L'appello del giornalista dendrogastronomico Carlo Mantovani[...]
    In aeroplano per 22 mila km per per raggiungere la Kamchatka
    In aeroplano per 22 mila km per per raggiungere la Kamchatka
    Ad affrontare questa avventura a tappe 35 piloti, tra uomini e donne, provenienti dall'Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Puglia, Veneto e Sicilia.[...]
    Finale Emilia a "C'è posta per te", la commovente storia di Salvatore Loverso
    Finale Emilia a "C'è posta per te", la commovente storia di Salvatore Loverso
    Domenica da Maria De Filippi in scena è stato chiamato Salvatore, invitato da un "postino" del programma che era arrivato nei giorni scorsi a Finale Emilia.[...]