Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Carpi, medicina del lavoro dal ‘600 ai giorni nostri in una mostra

CARPI – La medicina del lavoro dal Seicento ai giorni nostri, in una mostra dedicata al suo “inventore”, Bernardino Ramazzini, nella città natale, Carpi: è il percorso proposto da “Prevenire è meglio che curare” attraverso documenti originali, prime edizioni dei suoi libri, volumi a stampa coevi, quadri di pittori quali il Guercino, Cifrondi, Graziosi e Bianchini Ciarlini, per rendere il contesto nel quale il medico carpigiano visse e operò.

Nei Musei comunali di Palazzo dei Pio, dal 18 settembre al 6 gennaio 2021, fra stampe, dipinti, incisioni, materie prime e strumenti di lavoro, si potrà ammirare, per la prima volta, anche un ritratto inedito appartenuto allo stesso medico, ora di proprietà degli eredi.

L’esposizione, che ha come sottotitolo “Bernardino Ramazzini (1633-1714). Primo medico del lavoro”, racconterà infatti la vicenda personale e professionale dello scienziato emiliano, considerato una delle menti più lucide e rivoluzionarie della storia e della pratica medica, come già lo era stato, duecento anni prima, il suo concittadino Berengario da Carpi (1460 ca.-1530) – cui la città dedicò analoga mostra nel 2018.

Il percorso parte dalla prima metà del XVII secolo e giunge al terzo millennio, affrontando problemi di grande attualità quali la sicurezza sul di lavoro, la prevenzione dei rischi professionali e di quelli ambientali.

Cuore della mostra, che si avvale di strumenti multimediali, è la sezione dedicata al trattato “De Morbis Artificum Diatriba” (“Le malattie dei lavoratori”), qui esposto nella prima edizione del 1700, conservata nella biblioteca comunale carpigiana: il testo che segnò la nascita della medicina del lavoro, tradotto in francese, inglese e tedesco e pubblicato in tutto il mondo. Un saggio rivoluzionario all’epoca ma ancora attuale, laddove Ramazzini in nome della salute delle persone teorizza « di prevenire, di vigilare sui mestieri e sulle fabbriche, di fare smettere il mestiere a chi è impari ad esso, di studiare la morbilità degli abitanti che vivono nelle vicinanze dei luoghi di lavoro. »

“Prevenire è meglio che curare. Bernardino Ramazzini (1633-1714). Primo medico del lavoro”

SEDE – Musei di Palazzo dei Pio, piazza dei Martiri, 68 Carpi (MO)
PERIODO – 18 settembre 2020 – 6 gennaio 2021
ORGANIZZAZIONE – Comune di Carpi (Musei Palazzo Pio, Archivio storico e Biblioteca “Loria”)
PATROCINIO – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e Università degli Studi di Padova
CONTRIBUTI – Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e Assicoop Modena
CATALOGO – Moggio Edizioni
ORARI – venerdì, sabato, domenica e festivi dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:00.
Chiusa il lunedì; visitabile su prenotazione da martedì a giovedì.

ACCESSO – Obbligatorio prenotare su https://prenotailmuseo.palazzodeipio.it/prenotailmuseo/
Ingresso contingentato, con obbligo di mascherina e distanziamento di 2 metri (congiunti esclusi)
BIGLIETTI – gratuito fino a tutto Ottobre (poi 8 euro, ridotto 5 euro)
INFORMAZIONI – tel. 059649955/360

LA MOSTRA
Il visitatore viene accolto dalla figura virtuale di Bernardino Ramazzini che introduce i temi della mostra. La prima sezione è dedicata al medico carpigiano e al suo tempo: si ricostruisce il personaggio e il contesto storico, sociale e culturale dell’epoca attraverso documenti d’archivio, il ritratto dipinto da Luigi Bianchini Ciarlini nella seconda metà del XVIII secolo, i primi trattati medici e quelli di fisica, come il “De constitutione anni 1690 ac de rurali epidemia” (“L’epidemia rurale del 1690”) o gli “Ephemerides barometricae mutinensis anno 1694” (“Diario barometrico modenese del 1694”), oltre a stampe e opere d’arte secentesche. Per la prima volta, verrà inoltre presentato un ritratto inedito appartenuto allo stesso Ramazzini, di proprietà degli eredi.

Il cuore della mostra si sviluppa nelle logge nord e ovest del palazzo dei Pio, con una indagine sull’opera ramazziniana più importante e celebrata: il “De Morbis Artificum Diatriba”, qui presente nella prima edizione del 1700 (appartenente al Comune e conservato nella biblioteca civica “Loria”), ma anche nelle numerose riedizioni e traduzioni, accompagnate da approfondimenti multimediali e da una serie di esemplari moderni che si potranno sfogliare.

Con un metodo empirico e assolutamente innovativo per l’epoca, il trattato parte dall’osservazione di una categoria specifica di lavoratori, gli svuotatori di pozzi neri, e analizza 55 mestieri del tempo, studiandone i rischi per la salute, determinati dalle materie prime utilizzate e dal contesto lavorativo; il volume si concentra poi sulle malattie “professionali” delle singole attività, sulla prevenzione ambientale e su quelli definiti oggi “dispositivi di protezione individuale”.

I contesti professionali studiati nella propria opera, sono poi esaminati attraverso materie prime, strumenti di lavoro, stampe e dipinti, tra i quali: l’affresco del Guercino Estrazione della canapa sul macero (1615-1617, intonaco staccato e applicato su tela, dal Museo di Cento); le incisioni dei Mestieri dell’uomo del bolognese Giuseppe Maria Mitelli (1634, da collezione privata modenese); le grandi tavole sui mestieri dei dodici volumi della prima edizione dell’Encyclopedie di Diderot e D’Alembert (1751-1780); il dipinto del Ciabattino di Antonio Cifrondi (1720-1730 ca., Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia); la Tessitrice di Giuseppe Graziosi (1910).

Oggi l’idea di fondo dell’opera ramazziniana viene sviluppata nell’azione di ricerca e d’intervento del “Collegium Ramazzini” di Bologna, associazione indipendente fondata nel 1982 da Irving Selikoff e Cesare Maltoni con lo scopo di « accrescere la conoscenza sulla salute dei lavoratori e dell’ambiente, prevenire malattie e salvare vite. »

Proprio in collaborazione con il “Collegium”, ora composto da medici e scienziati di 35 Nazioni, è realizzata la sezione conclusiva della mostra, sull’attualità della medicina del lavoro, delle problematiche ambientali e professionali, dello sviluppo delle ricerche e degli studi, sulla base della relazione tra rischio e danno individuata per la prima volta proprio da Bernardino Ramazzini.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    La maestosità e il pregio delle piante richiede di intervenire in arrampicata, così si può intervenire esclusivamente sui rami con problematiche mantenendo la naturale conformazione della chioma.[...]
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Da qualche giorno gli abitanti di Medolla, genitori e bambini soprattutto, si trovano riuniti con il naso all’insù a scrutare tra le chiome di alcuni alberi del centro. La biologa finalese Eleonora Tomasini ci spiega che cosa sta accadendo[...]
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    Sono oltre 60 gli eventi e le attività proposti da Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi presentati in 31 Paesi di tutti i continenti[...]
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]