Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Parla Noemi Scagliarini, la dottoressa che non andrà a Massa Finalese

FINALE EMILIA  – Trentadue anni, persicetana di stanza a Decima, oltre alla professione medica e alla famiglia, nel tempo libero coltiva le sue passioni: la lettura e la scrittura. A Finale Emilia ha appena vinto il posto per medico di base, ma i finalesi, e soprattutto i massessi, la conoscono come come “Quella che non è voluta andare a Massa Finalese”.

Lei è Noemi Scagliarini, e come si suol dire in questi casi, la sua fama l’ha preceduta al suo arrivo nella Bassa. Ma c’era poco di vero in quel che è stato raccontato. Infatti, lei non è il medico destinato a coprire la frazione che improvvisamente ha cambiato idea e se ne sta a Finale. No, a lei  – solo a lei – è stato chiesto di aprire l’ambulatorio a Massa per qualche ora. E ha detto no, valutando che per i suoi pazienti sarebbe stato meglio così. Anche perchè la stessa richiesta – aprire l’ambulatorio per qualche ora a Massa tutti, di modo che si potesse dare una settimana completa – non è stata avanzata a nessun altro medico finalese. Solo a lei. L’ultima arrivata. Solo a lei. Poiché essendo l’ultima ad essere inserita, precisa l’Ausl, non ha ancora pazienti in carico, e dunque le è stato chiesto di aprire su entrambe le sedi, Massa appunto, e Finale.
Da qui si sono sviluppate una serie di incomprensioni e voci infondate che l’hanno fatta diventare la “colpevole” della situazione creata a Massa Finalese. Qui, 662 persone sono rimaste ancora in carico al dottor Serafini non avendo effettuato il cambio medico. Tra queste, alcune potranno scegliere di essere seguite dagli altri medici presenti a Massa che hanno ancora 183 posti disponibili, mentre i restanti 479 potranno essere assistiti dai Medici di medicina generale della Casa della Salute di Finale Emilia che hanno ancora disponibilità. Tutti, garantisce l’Ausl, avranno un medico perché nell’ambito di scelta Massa-Finale c’è la capacità di accoglienza necessaria per tutti.
Da qui si sono sviluppate una serie di incomprensioni e voci infondate che l’hanno fatta diventare la “colpevole” della situazione creata a Massa Finale, dove più 900 pazienti da lunedì saranno senza medico di base perchè il dottor Andrea Serafini va in pensione.

Dottoressa, si profila una situazione in cui alla fine i pazienti di Serafini si dovranno dividere tra i medici restanti, tra Massa e Finale. Quindi, cosa vorrebbe dire ai suoi pazienti attuali e futuri?

Non cambia nulla dal punto di vista dell’assistenza che abbiano sede ufficiale a Finale rispetto a Massa visto che nei casi di non trasportabilità  l’assistenza domiciliare è garantita e le cose come medicazioni o vaccini comunque si fanno a Finale. Avere un ambulatorio per poche ore a Massa non avrebbe cambiato nulla nell’assistenza ai pazienti.
I massessi hanno bisogno piuttosto di un medico fisso a Massa. Io non posso esserlo perchè avendo vinto il bando a Finale avevo puntato a quello fin da subito. C’è un secondo bando per Massa, che è andato diversamente e non ha avuto risposta da nessuno.
E comunque sia con ambulatorio a Finale che con ambulatorio a Massa il “non ho la macchina” non è criterio per avere diritto all’assistenza domiciliare”

Qual è stata la sua accoglienza a Finale?

Io mi sono trovata bene con i colleghi, con i cittadini e col Comune ma non mi è piaciuto essermi trovata in questa situazione di fuoco dovuta più a problemi logistici di Comune e Ausl che per quel che riguardava me. Io ho attualmente sia pazienti di Finale che di Massa e vengono trattati nella stessa maniera, non ci sono cittadini di serie A e cittadini di serie B.
A Finale, poi l’ambulatorio è in una struttura attrezzate dove si dà un servizio migliore. In qualsiasi momento c’è un medico che per una urgenza può ricevere ed è collegato con la cartella clinica dei pazienti di tutti. Con gli altri sei dottori abbiamo tre infermiere che ruotano, segretari che si alternano e ad esempio possono dare una ricetta anche fuori orario di ricevimento, due vigilantes per le entrate contingentate: ci sono tutele sia per noi che per i pazienti. L’altro giorno ho dovuto far fare dei raggi urgenti e li ho avuti al piano di sotto immediatamente, perchè sto in una struttura più grande.

Si aspetta qualche scusa?

No, servono a poco le scuse, mi basterebbe poter lavorare nella maniera corretta piuttosto che passare tempo a giustificarmi. La gente è stata illusa dal dottor Serafini che sicuramente avrei aperto a Massa e invece non è stato deciso nulla e non mi è piaciuta questa cosa.
Vorrei far capire alle persone che non è “colpa” mia il fatto che io non apra a Massa, perchè io ho preso la posizione di Finale.

Che situazione si aspetta?

Il disagio per i massesi ci sarà finchè non trovano medico a Massa, il loro bando è sempre aperto, O magari basterebbe un servizio di corriere che colleghi Massa a Finale spesso o negli orari dei medici. Insomma, io troverei soluzioni più che creare problemi.

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Dal Covid alla Yolo Economy
Negli Stati Uniti imperversa un fenomeno, che sta cominciando ad interessare anche il vecchio continente: la YOLO ECONOMY, dove YOLO sta per “You Only Live Once”, che tradotto sta per “si vive una volta sola”.leggi tutto
"Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Supereroi per divertire e rassicurare i più piccoli: il ‘Team Enjoy’ fa visita alle pediatrie
    Dopo la positiva esperienza nei drive through della provincia, il gruppo di volontari ha iniziato da Modena un altro progetto di animazione dedicato ai bambini[...]
    Il saluto degli appassionati di meteoriti a Cavezzo. Con un ringraziamento speciale ai cittadini
    Domenica presso la sala della biblioteca comunale c'è l'assemblea annuale degli appassionati di questi corpi celesti[...]
    Non solo Ciclovia del Sole: ecco tutti i percorsi ciclabili della Bassa modenese nella Bike Map
    Si valorizza la facile ciclabilità di un territorio di pianura, la scoperta delle aree naturali che come piccoli gioielli splendono tra campi di mais e frumento, e la bellezza di tanti edifici rustici come barchesse e antiche ville[...]

    Curiosità

    A Bomporto il Giardino della Gioventù: gli alberi dedicati a Vincenzo Muccioli, Greta Thumberg e Papa Wojtyla
    A Bomporto il Giardino della Gioventù: gli alberi dedicati a Vincenzo Muccioli, Greta Thumberg e Papa Wojtyla
    Gli alberi sono stati comprati con il ricavato della vendita dei sassi del vecchio ponte di Bomporto[...]
    In Emilia-Romagna il Campionato europeo di tiro a volo: nella Nazionale c'è Massimo Bertolini di Concordia
    In Emilia-Romagna il Campionato europeo di tiro a volo: nella Nazionale c'è Massimo Bertolini di Concordia
    o sport che lungo la Via Emilia vanta una solida tradizione, come dimostrano i tanti campioni: dal bolognese Ennio Mattarelli, oro olimpico alle Olimpiadi di Tokio 1964, a Jessica Rossi, campionessa olimpionica a Londra 2012 e portabandiera azzurra ai prossimi Giochi di Tokyo.[...]
    Il saluto degli appassionati di meteoriti a Cavezzo. Con un ringraziamento speciale ai cittadini
    Il saluto degli appassionati di meteoriti a Cavezzo. Con un ringraziamento speciale ai cittadini
    Domenica presso la sala della biblioteca comunale c'è l'assemblea annuale degli appassionati di questi corpi celesti[...]
    Il Ponte nuovo di Bomporto si illumina di rosso nella Giornata del Donatore di Sangue
    Il Ponte nuovo di Bomporto si illumina di rosso nella Giornata del Donatore di Sangue
    Il Comune aderisce all’iniziativa Avis per rendere omaggio ai donatori [...]
    Finale Emilia, comparsi manifesti che spingono l'ex assessora Paganelli a candidarsi a sindaca
    Finale Emilia, comparsi manifesti che spingono l'ex assessora Paganelli a candidarsi a sindaca
    I manifesti sono comparsi in città pochi giorni dopo l'annuncio della ricandidatura da parte del sindaco Sandro Palazzi[...]
    "Noi che lavoravamo alla Del Monte": si prepara un libro e una mostra grazie a un gruppo di amici di San Felice
    "Noi che lavoravamo alla Del Monte": si prepara un libro e una mostra grazie a un gruppo di amici di San Felice
    Roberto Gatti, Maurizio Braghiroli,  Davide Calanca, e Alberto Terrieri hanno promosso la raccolta di fotografie e di materiale per valorizzare la memoria della grande fabbrica alimentare che per 40 anni ha dato lavoro a più di mille persone alla volta[...]
    Davide Gaddi ha concluso il suo viaggio di beneficenza per la famiglia del dj Davide Masitti
    Davide Gaddi ha concluso il suo viaggio di beneficenza per la famiglia del dj Davide Masitti
    Raccolti tra Fossa e Concordia più di 600 euro. Le donazioni si possono fare ancora con Iban[...]
    Tanti giovani, tutti puntuali e niente file all'open day vaccino di San Felice
    Tanti giovani, tutti puntuali e niente file all'open day vaccino di San Felice
    Un'ottima occasione per evitare di aspettare la convocazione dell'Ausl, e aperta a ogni età. Bastava prenotarsi sul sito qualche giorno fa: in otto minuti sono stati fissati tutti e mille gli appuntamenti disponibili. [...]
    Calcio a 5, la Pro Patria San Felice chiude la stagione: suo il miglior attacco d'Italia
    Calcio a 5, la Pro Patria San Felice chiude la stagione: suo il miglior attacco d'Italia
    Si è conclusa in semifinale ai playoff nazionali di B la stagione 2020-21 dei giallorossi. Per la società un'annata da record[...]
    Camposanto, il professore di musica delle medie Rocco Stefano va in pensione
    Camposanto, il professore di musica delle medie Rocco Stefano va in pensione
    Ad annunciarlo è la sindaca Monja Zaniboni; il professore insegna a Camposanto dal 1986[...]