Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Parla Noemi Scagliarini, la dottoressa che non andrà a Massa Finalese

FINALE EMILIA  – Trentadue anni, persicetana di stanza a Decima, oltre alla professione medica e alla famiglia, nel tempo libero coltiva le sue passioni: la lettura e la scrittura. A Finale Emilia ha appena vinto il posto per medico di base, ma i finalesi, e soprattutto i massessi, la conoscono come come “Quella che non è voluta andare a Massa Finalese”.

Lei è Noemi Scagliarini, e come si suol dire in questi casi, la sua fama l’ha preceduta al suo arrivo nella Bassa. Ma c’era poco di vero in quel che è stato raccontato. Infatti, lei non è il medico destinato a coprire la frazione che improvvisamente ha cambiato idea e se ne sta a Finale. No, a lei  – solo a lei – è stato chiesto di aprire l’ambulatorio a Massa per qualche ora. E ha detto no, valutando che per i suoi pazienti sarebbe stato meglio così. Anche perchè la stessa richiesta – aprire l’ambulatorio per qualche ora a Massa tutti, di modo che si potesse dare una settimana completa – non è stata avanzata a nessun altro medico finalese. Solo a lei. L’ultima arrivata. Solo a lei. Poiché essendo l’ultima ad essere inserita, precisa l’Ausl, non ha ancora pazienti in carico, e dunque le è stato chiesto di aprire su entrambe le sedi, Massa appunto, e Finale.
Da qui si sono sviluppate una serie di incomprensioni e voci infondate che l’hanno fatta diventare la “colpevole” della situazione creata a Massa Finalese. Qui, 662 persone sono rimaste ancora in carico al dottor Serafini non avendo effettuato il cambio medico. Tra queste, alcune potranno scegliere di essere seguite dagli altri medici presenti a Massa che hanno ancora 183 posti disponibili, mentre i restanti 479 potranno essere assistiti dai Medici di medicina generale della Casa della Salute di Finale Emilia che hanno ancora disponibilità. Tutti, garantisce l’Ausl, avranno un medico perché nell’ambito di scelta Massa-Finale c’è la capacità di accoglienza necessaria per tutti.
Da qui si sono sviluppate una serie di incomprensioni e voci infondate che l’hanno fatta diventare la “colpevole” della situazione creata a Massa Finale, dove più 900 pazienti da lunedì saranno senza medico di base perchè il dottor Andrea Serafini va in pensione.

Dottoressa, si profila una situazione in cui alla fine i pazienti di Serafini si dovranno dividere tra i medici restanti, tra Massa e Finale. Quindi, cosa vorrebbe dire ai suoi pazienti attuali e futuri?

Non cambia nulla dal punto di vista dell’assistenza che abbiano sede ufficiale a Finale rispetto a Massa visto che nei casi di non trasportabilità  l’assistenza domiciliare è garantita e le cose come medicazioni o vaccini comunque si fanno a Finale. Avere un ambulatorio per poche ore a Massa non avrebbe cambiato nulla nell’assistenza ai pazienti.
I massessi hanno bisogno piuttosto di un medico fisso a Massa. Io non posso esserlo perchè avendo vinto il bando a Finale avevo puntato a quello fin da subito. C’è un secondo bando per Massa, che è andato diversamente e non ha avuto risposta da nessuno.
E comunque sia con ambulatorio a Finale che con ambulatorio a Massa il “non ho la macchina” non è criterio per avere diritto all’assistenza domiciliare”

Qual è stata la sua accoglienza a Finale?

Io mi sono trovata bene con i colleghi, con i cittadini e col Comune ma non mi è piaciuto essermi trovata in questa situazione di fuoco dovuta più a problemi logistici di Comune e Ausl che per quel che riguardava me. Io ho attualmente sia pazienti di Finale che di Massa e vengono trattati nella stessa maniera, non ci sono cittadini di serie A e cittadini di serie B.
A Finale, poi l’ambulatorio è in una struttura attrezzate dove si dà un servizio migliore. In qualsiasi momento c’è un medico che per una urgenza può ricevere ed è collegato con la cartella clinica dei pazienti di tutti. Con gli altri sei dottori abbiamo tre infermiere che ruotano, segretari che si alternano e ad esempio possono dare una ricetta anche fuori orario di ricevimento, due vigilantes per le entrate contingentate: ci sono tutele sia per noi che per i pazienti. L’altro giorno ho dovuto far fare dei raggi urgenti e li ho avuti al piano di sotto immediatamente, perchè sto in una struttura più grande.

Si aspetta qualche scusa?

No, servono a poco le scuse, mi basterebbe poter lavorare nella maniera corretta piuttosto che passare tempo a giustificarmi. La gente è stata illusa dal dottor Serafini che sicuramente avrei aperto a Massa e invece non è stato deciso nulla e non mi è piaciuta questa cosa.
Vorrei far capire alle persone che non è “colpa” mia il fatto che io non apra a Massa, perchè io ho preso la posizione di Finale.

Che situazione si aspetta?

Il disagio per i massesi ci sarà finchè non trovano medico a Massa, il loro bando è sempre aperto, O magari basterebbe un servizio di corriere che colleghi Massa a Finale spesso o negli orari dei medici. Insomma, io troverei soluzioni più che creare problemi.

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]
    A la Mirandula, un contributo del Coro Città di Mirandola per la città
    A la Mirandula, un contributo del Coro Città di Mirandola per la città
    Alcune scene del video sono state registrate prima del DPCM dell'8 marzo 2020[...]
    Dal Teatro del Popolo di Concordia la Compagnia Instabili Vaganti presenta "Alone"
    Dal Teatro del Popolo di Concordia la Compagnia Instabili Vaganti presenta "Alone"
    Come la pandemia ha cambiato le nostre vite in 8 episodi e ½” è il sottotitolo che rivela la precisa linea narrativa di “8 e ½ Theatre Clips” (Italia - Iran, 2020)[...]