Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Sulle strade del Modenese 57 morti e più di 3400 feriti in un anno: va sempre peggio

Sulle strade del Modenese 57 morti e più di 3400 feriti in un anno: va sempre peggio. L’aumento è stato esponenziale: nel 2018 si registrarono 39 deceduti e 3.556 feriti. E’ quanto emerge dai dati foriniti dalla Polizia nell’manito della “Giornata Nazionale in memoria delle vittime della strada”, un momento di ricordo e riflessione che viene dedicato, ogni anno, al terza domenica di novembre, alle vittime di incidenti stradali ed ai loro familiari, proclamato per la prima volta dall’ONU (Organizzazione delle Nazioni Unite) nel 2005, per contribuire al cambiamento delle abitudini negative degli automobilisti.

 

La sicurezza stradale è infatti uno dei maggiori problemi che i Paesi Europei devono affrontare; il IV Programma do azione europea sulla sicurezza stradale 2010/2020 quantifica un nuovo l’obbiettivo  indicando una riduzione ulteriore del 50% in 10 anni delle vittime di incidenti stradali.

 

In tale ottica già da anni in Italia è stato intrapreso un complesso percorso per fronteggiare il fenomeno dell’incidentalità; oltre alla normativa generale prevista dal Codice della Strada, diverse normative specifiche hanno introdotto regole e limitazioni per determinate categorie di veicoli, mentre l’evoluzione tecnica fornisce alle forze di Polizia impegnate nei servizi di sorveglianza stradale, strumenti tecnologicamente avanzati per il contrasto dei comportamenti scorretti alla guida.

 

Ciò nonostante, l’evoluzione tecnica ha determinato una capillare diffusione di strumenti o accessori che se da un lato facilitano la vita di tutti i giorni, dall’altro introducono gravi fattori di distrazione alla guida di autoveicoli, se non anche strumenti per l’elusione dei controlli di polizia stradale; si pensi agli apparecchi telefonici, ai navigatori GPS, ma anche agli strumenti elettronici per modificare la registrazione dei dati dei cronotachigrafi per i mezzi pesanti.

 

Importanti modifiche legislative sono stati introdotte per il trasporto pubblico di persone, per il trasporto merci, per la sicurezza attiva e passiva dei veicoli, mentre, nel 2016 è stata introdotta nel codice penale, la previsione dell’Omicidio stradale e delle Lesioni stradali gravi come autonome figure di reato, con la previsione di pene detentive molto gravi.

 

Nel 2019 si sono verificati in Italia 172.183 incidenti stradali con lesioni a persone, che hanno provocato complessivamente 3.173 vittime e 241.384 feriti, oltre la metà rispetto ai 7.096 decessi registrati nel 2001.

 

Nella provincia di Modena in dettaglio, nell’anno 2019 si sono registrati 2.620 incidenti stradali con 57 morti e 3491, dati in peggioramento rispetto al 2018, quando, a fronte di 2.620 incidenti con feriti, si registrarono 39 deceduti e 3.556 feriti.

 

Gran parte dei sinistri stradali con lesività alle persone si registra in ambito urbano, e sempre più frequentemente, vedono coinvolti pedoni o persone a bordo di velocipedi.

 

Tra i comportamenti errati più frequenti sono da segnalare i fenomeni di distrazione alla guida dovuti all’uso improprio di telefoni o altre apparecchiature elettroniche, la velocità elevata, il mancato rispetto della precedenza agli incroci, il mancato utilizzo di dispositivi di sicurezza passiva (cinture di sicurezza, casco per motociclisti, seggiolini di sicurezza per minori); per fronteggiare la problematica dell’incidentalità è proprio nel contrasto di tali comportamenti che si concentra principalmente l’attività della Polizia Stradale e si riscontrano il maggior numero di violazioni sanzionate.

 

In questa occasione, che verrà ricordata anche nella messa che si terrà oggi, 15 novembre alle ore 18.00 presso il Duomo di Modena, la memoria va a tutte le vittime di incidenti stradali, compresi anche gli appartenenti alle forze di Polizia che sono sulla strada tutti i giorni per compiere il proprio dovere.

 

Da sempre gli operatori della Polizia Stradale indossano una divisa, tessuta da impegno, sacrificio e abnegazione: i valori fondanti del loro operato che consentono loro di vivere con prossimità e grande sensibilità la loro missione, spesso eroica e dolorosa che sono chiamati a svolgere; per assicurare tutto questo, pagano da sempre un prezzo altissimo, infatti, ad oggi, sono 376 i colleghi della Polizia Stradale che hanno sacrificato la loro vita sulla strada.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    La maestosità e il pregio delle piante richiede di intervenire in arrampicata, così si può intervenire esclusivamente sui rami con problematiche mantenendo la naturale conformazione della chioma.[...]
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Da qualche giorno gli abitanti di Medolla, genitori e bambini soprattutto, si trovano riuniti con il naso all’insù a scrutare tra le chiome di alcuni alberi del centro. La biologa finalese Eleonora Tomasini ci spiega che cosa sta accadendo[...]
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    Sono oltre 60 gli eventi e le attività proposti da Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi presentati in 31 Paesi di tutti i continenti[...]
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]