Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
09 Dicembre 2022

Sulle strade del Modenese 57 morti e più di 3400 feriti in un anno: va sempre peggio

Sulle strade del Modenese 57 morti e più di 3400 feriti in un anno: va sempre peggio. L’aumento è stato esponenziale: nel 2018 si registrarono 39 deceduti e 3.556 feriti. E’ quanto emerge dai dati foriniti dalla Polizia nell’manito della “Giornata Nazionale in memoria delle vittime della strada”, un momento di ricordo e riflessione che viene dedicato, ogni anno, al terza domenica di novembre, alle vittime di incidenti stradali ed ai loro familiari, proclamato per la prima volta dall’ONU (Organizzazione delle Nazioni Unite) nel 2005, per contribuire al cambiamento delle abitudini negative degli automobilisti.

 

La sicurezza stradale è infatti uno dei maggiori problemi che i Paesi Europei devono affrontare; il IV Programma do azione europea sulla sicurezza stradale 2010/2020 quantifica un nuovo l’obbiettivo  indicando una riduzione ulteriore del 50% in 10 anni delle vittime di incidenti stradali.

 

In tale ottica già da anni in Italia è stato intrapreso un complesso percorso per fronteggiare il fenomeno dell’incidentalità; oltre alla normativa generale prevista dal Codice della Strada, diverse normative specifiche hanno introdotto regole e limitazioni per determinate categorie di veicoli, mentre l’evoluzione tecnica fornisce alle forze di Polizia impegnate nei servizi di sorveglianza stradale, strumenti tecnologicamente avanzati per il contrasto dei comportamenti scorretti alla guida.

 

Ciò nonostante, l’evoluzione tecnica ha determinato una capillare diffusione di strumenti o accessori che se da un lato facilitano la vita di tutti i giorni, dall’altro introducono gravi fattori di distrazione alla guida di autoveicoli, se non anche strumenti per l’elusione dei controlli di polizia stradale; si pensi agli apparecchi telefonici, ai navigatori GPS, ma anche agli strumenti elettronici per modificare la registrazione dei dati dei cronotachigrafi per i mezzi pesanti.

 

Importanti modifiche legislative sono stati introdotte per il trasporto pubblico di persone, per il trasporto merci, per la sicurezza attiva e passiva dei veicoli, mentre, nel 2016 è stata introdotta nel codice penale, la previsione dell’Omicidio stradale e delle Lesioni stradali gravi come autonome figure di reato, con la previsione di pene detentive molto gravi.

 

Nel 2019 si sono verificati in Italia 172.183 incidenti stradali con lesioni a persone, che hanno provocato complessivamente 3.173 vittime e 241.384 feriti, oltre la metà rispetto ai 7.096 decessi registrati nel 2001.

 

Nella provincia di Modena in dettaglio, nell’anno 2019 si sono registrati 2.620 incidenti stradali con 57 morti e 3491, dati in peggioramento rispetto al 2018, quando, a fronte di 2.620 incidenti con feriti, si registrarono 39 deceduti e 3.556 feriti.

 

Gran parte dei sinistri stradali con lesività alle persone si registra in ambito urbano, e sempre più frequentemente, vedono coinvolti pedoni o persone a bordo di velocipedi.

 

Tra i comportamenti errati più frequenti sono da segnalare i fenomeni di distrazione alla guida dovuti all’uso improprio di telefoni o altre apparecchiature elettroniche, la velocità elevata, il mancato rispetto della precedenza agli incroci, il mancato utilizzo di dispositivi di sicurezza passiva (cinture di sicurezza, casco per motociclisti, seggiolini di sicurezza per minori); per fronteggiare la problematica dell’incidentalità è proprio nel contrasto di tali comportamenti che si concentra principalmente l’attività della Polizia Stradale e si riscontrano il maggior numero di violazioni sanzionate.

 

In questa occasione, che verrà ricordata anche nella messa che si terrà oggi, 15 novembre alle ore 18.00 presso il Duomo di Modena, la memoria va a tutte le vittime di incidenti stradali, compresi anche gli appartenenti alle forze di Polizia che sono sulla strada tutti i giorni per compiere il proprio dovere.

 

Da sempre gli operatori della Polizia Stradale indossano una divisa, tessuta da impegno, sacrificio e abnegazione: i valori fondanti del loro operato che consentono loro di vivere con prossimità e grande sensibilità la loro missione, spesso eroica e dolorosa che sono chiamati a svolgere; per assicurare tutto questo, pagano da sempre un prezzo altissimo, infatti, ad oggi, sono 376 i colleghi della Polizia Stradale che hanno sacrificato la loro vita sulla strada.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

APPUNTI DI GUSTO | Tutto quello che c’è da sapere della torta delle rose
Francesca Monari ci invita a degustare questo dolce dal fascino antico, soffice a lentissima lievitazione e lavorazione tipico della città di Mantova.leggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Consigli di salute
Come proteggere la tua bocca durante le feste? Ecco i consigli del dentista!
I dolci che costellano il periodo natalizio possono facilitare l’insorgere di carie: cioccolata, torroni e panettoni, ma anche bevande gassate e calici di spumante possono aggredire lo smalto dei dentileggi tutto
Glocal
Il partito dei disillusi e i governi dei migliori
Durante i sette trimestri del governo Draghi l’Italia è stata l’unica economia del G7 che ha visto aumentare il PIL trimestre su trimestre.leggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto| Tutto quello che c’è da sapere del cachi
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Prevenire la carie nei molari dei bambini? Si può
Attraverso la sigillatura dei solchi, una procedura assolutamente non invasiva ma in grado di limitare il rischio carie.leggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri" Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere dell’africanetto
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Il lascito di libri del collezionista Giovanni Selmi ora disponibile al pubblico
    Si dà così risalto anche al patrimonio artistico, alla storia e alle tradizioni locali dei paesi della provincia modenese a volte trascurati. [...]
    Giornata della disabilità, i ragazze e le ragazze di Anffas Mirandola si raccontano in un video
    La ricerca del benessere, la voglia di stare insieme, la socializzazione e l'inclusione sono sempre i principi ispiratori di qualsiasi esperienza ed attività proposta da Anffas[...]

    Curiosità

    Videogame, premiati con 30 mila euro i migliori sviluppatori emiliano-romagnoli
    Videogame, premiati con 30 mila euro i migliori sviluppatori emiliano-romagnoli
    I quattro team selezionati tramite bando sono Farafter, Monster chef, The first hand e Ryoko[...]
    Un coccodrillo marino pasto indigesto del Giurassico: i risultati di uno studio Unimore e UniPd
    Un coccodrillo marino pasto indigesto del Giurassico: i risultati di uno studio Unimore e UniPd
    Un nuovo studio, guidato dalle Università di Modena-Reggio Emilia e Padova, ha rivelato la natura sorprendente di un fossile proveniente dal Giurassico bellunese[...]
    Mucche digitali, droni e robot nelle stalle: al via il progetto CowBot dell'Università di Modena
    Mucche digitali, droni e robot nelle stalle: al via il progetto CowBot dell'Università di Modena
    Il sistema sviluppato all'interno di COWBOT affiancherà gli agricoltori nelle operazioni quotidiane, alleviandone la fatica e migliorando la condizione generale degli animali allevati.[...]
    Daniele Silvestri a Carpi fa il tutto esaurito
    Daniele Silvestri a Carpi fa il tutto esaurito
    Mescolando talento e tradizione, leggerezza espressiva e impegno civile, in una carriera ormai ventennale ha dato alla luce brani entrati nelle playlist degli italiani come “Le cose che abbiamo in comune“, “Salirò”, “Cohiba” e “Il mio nemico”.[...]
    A Mirandola parte il questionario sul gradimento dei servizi del Comune
    A Mirandola parte il questionario sul gradimento dei servizi del Comune
    Si vuole così vagliare on line quanto vengano o no apprezzati l'organizzazione del lavoro e il rapporto con l'utenza.[...]
    Meraki: ecco cosa vuol dire la parola d'ordine del Governo Meloni
    Meraki: ecco cosa vuol dire la parola d'ordine del Governo Meloni
    Meloni spiega: "E' un approccio che in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo, dalla progressiva uscita dalla pandemia fino alla complessa congiuntura economica e internazionale, può e deve offrire alla nostra nazione anche delle occasioni".[...]
    Navigazione sui fiumi, dalla Regione oltre 61 milioni per rilanciare il sistema idroviario padano
    Navigazione sui fiumi, dalla Regione oltre 61 milioni per rilanciare il sistema idroviario padano
    A 20 anni di distanza dagli ultimi finanziamenti statali riprende il progetto delle ‘autostrade d’acqua’: opere sostenibili che rientrano a pieno titolo nella transizione ecologica[...]
    Il Morandi di Finale Emilia migliore scuola della provincia per il Linguistico
    Il Morandi di Finale Emilia migliore scuola della provincia per il Linguistico
    L'altra eccellenza è il Pico di Mirandola, un po' sbiadito ma sempre sul podio dei migliori licei modenesi per chi prosegue gli studi.[...]
    Esercitazione anti incendio nella Galleria dell'Alta velocità di Bologna- LE FOTO
    Esercitazione anti incendio nella Galleria dell'Alta velocità di Bologna- LE FOTO
    Lo scenario ipotizzato è stato quello di un principio di incendio su un mezzo utilizzato per la manutenzione dell’infrastruttura, in quel momento in corso di trasferimento con tre tecnici a bordo e la conseguente fermata di emergenza nella stazione sotterranea di Bologna Centrale.[...]
    Aironi guardabuoi, con il riscaldamento globale non partono per l'Africa e restano qui: salvati in 4 a Modena
    Aironi guardabuoi, con il riscaldamento globale non partono per l'Africa e restano qui: salvati in 4 a Modena
    Destabilizzati dal meteo ritardano la partenza per poi trovarsi, col calare delle temperature, con difficoltà respiratorie. Quattro esemplari in difficoltà sono stati salvati in questi giorni dal Pettirosso. [...]
    • malaguti