Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
16 Settembre 2021

C’è un lupo nella Bassa, il biologo Carletti: “Nessuna paura, ma massima precauzione”

CAVEZZO – Un lupo nella Bassa. Avvistato mercoledì a Cavezzo, giovedì nelle campagne verso San Prospero e ancora dall’altra parte, verso via Lunardina a San Possidonio ma che – come nella sua natura – sarebbe capace di spostarsi anche per centinaia di chilometri in poco tempo e, magari, è già tornato in montagna. O dalle parti di Campogalliano: è probabile che il nostro lupo nella Bassa venga proprio da lì, dove c’è un nucleo di  questi animali.
L‘avvistamento di un lupo adulto nelle campagne circostanti Cavezzo ha creato preoccupazione. Per saperne di più, abbiamo chiesto un parere al biologo e tecnico faunista Matteo Carletti, che, riguardo a questo animale, ha compiuto studi sul campo nell’Alto Appennino modenese.

Quello del lupo nella Bassa potrebbe non trattarsi di un caso isolato, ma potrebbe essere indice di un fenomeno più vasto?

Decisamente si tratta di una dinamica che interessa altre zone, come il Basso Mantovano o i paesi limitrofi al Po. In generale, nel territorio emiliano, la presenza del lupo è decisamente in aumento, e questi avvistamenti ne sono la prova. Da diversi anni il lupo è in espansione territoriale. Nel modenese, la presenza del lupo è accertata nell’Alto Appennino dagli anni ’90. Nel decennio successivo ha ricolonizzato il territorio collinare, ed oggi la pianura. Il lupo è territoriale, in una determinata zona si insedia un solo branco, per cui i nuovi nuclei sono costretti a spostarsi in altri territori, fino a raggiungere anche le zone meno selvagge, come le campagne planiziali.

L’azione dell’uomo potrebbe avere influito sul cambiamento di habitat dei lupi?

Non credo si tratti di questo. In Italia, negli ultimi anni, abbiamo avuto una notevole espansione urbanistica, ma di pari passo nelle zone montane la superficie boschiva è cresciuta parecchio, per l’abbandono delle montagne. Siamo in controtendenza, rispetto alla deforestazione. Proprio questo recupero di superficie naturale ha consentito il ritorno di animali come il lupo, che hanno preso di nuovo possesso delle zone montane, e ora stanno esplorando la pianura.

Che conseguenze potrebbe comportare la presenza del lupo nella Bassa per la fauna della zona? E per gli allevamenti?

La fauna selvatica rappresenta ovviamente una fonte di cibo ma, da quanto sappiamo, il lupo nelle nostre zone si è rivelato molto attivo nella predazione della nutria, una preda facile da cacciare ed estremamente disponibile. Verso l’uomo, ad oggi, non ha mostrato alcun segno di aggressività, per cui non dev’essere considerato necessariamente una presenza minacciosa. Resta un predatore, e questo impone molta cautela, nella tutela degli animali domestici e dei capi d’allevamento. Consiglierei di chiudere i cancelli delle abitazioni nelle ore serali e notturne, di non lasciare cani alla catena, o di chiudere le porte delle stalle, riparando eventuali recinzioni danneggiate. Nessuna paura, ma massima precauzione.

E per quanto riguarda l’uomo? Come è consigliabile comportarsi nel caso si entri in contatto ravvicinato con un lupo? Quali sono i comportamenti da evitare?

Il lupo non deve entrare in confidenza con l’uomo, anzi, deve continuare a temerlo. Dobbiamo evitare in ogni modo che possa prendere confidenza, e quindi avvicinarsi alle case, entrare nelle proprietà. Lupi confidenti dovrebbero essere allontanati, ad esempio, facendo rumore. Cosa molto importante: non bisogna mai tentare di avvicinarlo, o peggio, addomesticarlo. Non bisogna mai lasciare cibo disponibile, o rifiuti, presso le abitazioni. Caseifici, allevamenti, stalle, maneggi dovrebbero evitare di tenere all’aperto carcasse, placente, materie di scarto di natura alimentare.

Sarebbe necessario un intervento delle autorità per tutelare la sicurezza dei cittadini? 

Non posso essere io ad intervenire su questo punto, se non in termini molto generali. Innanzitutto, per qualsiasi problema concernente il lupo, è opportuno contattare tempestivamente il Corpo dei Carabinieri Forestali, contattando i numeri di emergenza (112 – 1515). Per quanto riguarda eventuali azioni a carico delle Autorità, o meglio, degli Enti pubblici preposti, trovo sarebbe molto utile che venisse costituito un nucleo di intervento interforze specializzato su problematiche legate al lupo in pianura, onde tutelare i cittadini e scongiurare iniziative fai-da-te.

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Dente del giudizio: cos'è e cosa fare
Hai male al dente del giudizio e vuoi saperne di più prima di estrarlo? Questo post fa al caso tuo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere sul pomodoro
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Dal Covid alla Yolo Economy
Negli Stati Uniti imperversa un fenomeno, che sta cominciando ad interessare anche il vecchio continente: la YOLO ECONOMY, dove YOLO sta per “You Only Live Once”, che tradotto sta per “si vive una volta sola”.leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Mirandola diventa "galleria a cielo aperto" tra arte urbana e Divina Commedia
    Percorso di arte urbana ispirato a Dante Alighieri in partenza il 15 settembre.[...]
    Mascherina a scuola, gli psicologi ER: "Per bambini e adolescenti non rappresenta un problema"
    Giovani, mascherine e scuola: l'intervento della dottoressa Francesca Cavallini, coordinatrice del gruppo di lavoro di Psicologia Scolastica dell'Ordine degli Psicologi dell'Emilia-Romagna[...]

    Curiosità

    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Grazie alla conoscenza comune del "bambino zero" e del giornalista Pablo Trincia, Giulia e Leda si sono conosciute e sposate nel giro di pochi mesi[...]
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    Percepiva il reddito di cittadinanza vivendo ai Caraibi, denunciata per truffa aggravata
    La donna, rientrata in Italia per chiedere il beneficio, una volta ottenutolo è tornata nell’arcipelago caraibico[...]
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    A Finale Emilia volontari danno lezione di emergenza coi giochi istruttivi per i bimbi
    Ai piccoli è stato mostrato cosa significa essere volontari del soccorso[...]
    Più di 140 partecipanti per  la Pedalenta a Cavezzo
    Più di 140 partecipanti per la Pedalenta a Cavezzo
    La passeggiata per il paese in bicicletta è stata anche anche l’occasione per far conoscere ai giovanissimi le strade del proprio paese. [...]
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    Scuola rimessa a nuovo per i bimbi dell'elementare di San Prospero
    I lavori, iniziati l’indomani della chiusura delle scuole e terminati in tempo utile, ammontano a 710.000 euro d[...]
    Scuola, a Mirandola e Finale Emilia prima campanella per oltre 4700 studenti
    Scuola, a Mirandola e Finale Emilia prima campanella per oltre 4700 studenti
    35mila gli studenti in tutto il modenese, 70 le nuove aule a disposizione.[...]
    Il campione di canottaggio Abbagnale a Soliera per un tatuaggio olimpico da Alle Tattoo
    Il campione di canottaggio Abbagnale a Soliera per un tatuaggio olimpico da Alle Tattoo
    Non è il primo atleta che ha deciso di tatuarsi un ricordo indelebile di questa meravigliosa olimpiade[...]
    Droni in volo nei cieli di Soliera, ecco perché
    Droni in volo nei cieli di Soliera, ecco perché
    Il territorio comunale di Soliera sarà interessato dal rilievo delle case sparse tramite droni a partire da martedì 7 a sabato 25 settembre.[...]
    Cinema, le produzioni e i protagonisti dell’Emilia-Romagna alla Mostra di Venezia
    Cinema, le produzioni e i protagonisti dell’Emilia-Romagna alla Mostra di Venezia
    In concorso nella sezione Orizzonti un documentario sostenuto dalla Regione[...]
    Concorso "Miss Universe Italy": a San Felice la prima finale regionale
    Concorso "Miss Universe Italy": a San Felice la prima finale regionale
    A presentare l'evento "La strana coppia" di Radio Bruno.[...]