Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Giovani all’estero, la storia della Googler di Mirandola Elisabetta Bergamini

MIRANDOLA – L’Italia è il paese in cui si potrebbero raccontare migliaia di storie di giovani e meno giovani con curriculum brillanti che cercano fortuna abbandonando la madrepatria.

La Bassa modenese non fa eccezione e noi vi abbiamo già parlato di giovani mirandolesi che hanno scelto un biglietto di sola andata per l’estero – come Enrico Luppi ha fatto con l’Olanda- o che hanno deciso di tornare (come Giulia Voza).

Elisabetta Bergamini è una ingegnera informatico: dopo una laurea all’Università di Modena e Reggio Emilia e un dottorato all’Institut für Technologie di Karlsruhe (una città nel sud-ovest della Germania), dal 2019 si è trasferita a Monaco e lavora per Google.

Emanuela Goldoni (project manager per un’importante azienda del settore assicurazioni) ha raccolto la sua testimonianza per raccontare il grandioso “work-life balance” che la multinazionale di Mountain View offre ai suoi dipendenti. Noi abbiamo chiesto a Elisabetta come nasce la sua passione per l’informatica e quali  sono i pro e i contro del vivere lontani dalla Bassa.

Elisabetta Bergamini, ha una laurea in Informatica e in Matematica all’università di Modena e Reggio Emilia e un dottorato presso la facoltà di Informatica del Karlsruher Institut für Technologie. Come nasce la sua passione per l’informatica?

È nata quando ero al liceo a Mirandola. In quarta superiore, un mio professore mi propose di partecipare alle Olimpiadi di Informatica e, del tutto inaspettatamente, mi qualificai prima per le selezioni regionali e poi per quelle nazionali, dove mi aggiudicai anche una medaglia di bronzo. Questa esperienza mi permise di imparare moltissimo sulla programmazione e mi fece appassionare alla materia.

Nell’immaginario comune essere un informatico è prettamente un lavoro maschile: pensa che l’informatica sia un “paese” per donne?

Penso che dovrebbe esserlo, anche se al momento ci sono troppe poche donne che decidono di intraprendere una carriera informatica. Purtroppo, ci sono ancora moltissimi preconcetti che vedono le donne come meno “portate” verso discipline tecnico-scientifiche. Questi preconcetti fanno sì che, fin da piccole, le bambine non vengano incoraggiate da insegnanti e genitori a studiare materie quali la matematica, l’informatica e la fisica, portandole poi a non scegliere carriere in questi ambiti. Questa però non solo è un’opportunità mancata per le donne (essendo questi tra i settori più remunerativi), ma anche per le imprese, dato che vari studi mostrano che la diversità (di genere, ma anche di background in generale) sia un punto chiave nel successo di un’azienda.

Ha lasciato Mirandola per trasferirsi a Monaco: cosa le manca della Bassa e cosa invece non rimpiange?

Della Bassa mi mancano famiglia, amici e, beh, sicuramente il cibo! Perciò, in particolare quest’anno che il Covid non mi ha permesso di tornare in Italia a Pasqua e Natale, mi sono imposta di imparare a fare tortellini e lasagne. Quello che sicuramente non rimpiango invece sono la nebbia, l’afa e soprattutto le odiatissime zanzare.

È stato facile ambientarsi a Monaco oppure la vita tedesca ha cambiato radicalmente le sue abitudini quotidiane?

Il problema più grosso dell’ambientarsi in Germania, più che le abitudini, è stata sicuramente la lingua. Per quanto molte persone – specialmente giovani – parlino l’inglese, tantissimi aspetti della vita quotidiana risultano molto più complicati senza sapere il tedesco. Ora che lo parlo è decisamente tutto più semplice, ma non nascondo che all’inizio sia stata dura e abbia pensato più volte di lasciare tutto e tornare a casa.

Da quanto lavora per Google e di cosa si occupa?

Ho iniziato a lavorare a Google circa due anni fa. Sono una Software Engineer e mi occupo di sviluppare prodotti che vengono utilizzati internamente dai dipendenti di Google.

Google si classifica sistematicamente come una delle migliori aziende hi-tech in cui lavorare: ma com’è veramente lavorare per Google?

Google è famosa per avere tantissimi benefit: dai pasti gratuiti, ai massaggi, alle palestre interne con tanto di corsi di yoga. Quello che personalmente apprezzo di più, però, è l’attenzione che viene data al benessere del dipendente, a partire dal conciliare il lavoro con la vita privata. Orari flessibili e assenza di cartellini da timbrare, possibilità di lavorare da casa (anche prima del Covid), apertura verso il lavoro part time, mesi extra di maternità e paternità pagata (oltre ai numerosi già offerti dallo stato tedesco) sono alcuni esempi. L’idea di base, che condivido pienamente, è che un dipendente appagato e non stressato è anche molto più produttivo. Penso che su questo tante aziende italiane abbiano molto da imparare. Non è un caso se così tanti giovani qualificati decidono di trasferirsi all’estero e di restarci.

Pensa che un giorno tornerà a Mirandola oppure immagina il suo futuro altrove?

Dal punto di vista lavorativo e della qualità della vita, qui a Monaco mi trovo benissimo, però la lontananza dalla famiglia (per me e anche per mio marito, originario di Carpi) è un aspetto che si fa sentire e che potrebbe un domani farci decidere di tornare. Probabilmente a Mirandola non ci sono molte posizioni per il mio profilo lavorativo, però già a Modena o Bologna penso ci siano più possibilità. Infine, con il fatto che sempre più aziende – soprattutto in ambito informatico – stanno iniziando a offrire posizioni da remoto, non escludo che magari un domani potrei tornare a vivere a Mirandola lavorando da casa.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    E' il messaggio lanciato con un video pubblicato su Facebook ad un anno dallo stop alla musica dal vivo con il pubblico.[...]
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le indossano, tra gli altri, quelli de La strana coppia di Radio Bruno. Sono prodotte da Renometal e commercializzate dalla mirandolese Encaplast [...]
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Una grossa branca della chioma si è troncata, probabilmente a seguito del peso della neve caduta durante l’inverno [...]
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    L'emergenza sanitaria mette in crisi Aquaragia, storica realtà associativa mirandolese. Quale futuro per il circolo? Ne discutiamo con Roberto Ganzerli. [...]
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Nota di Irene Salvaterra sul progetto “A scuola in natura” a cura del CEAS La Raganella[...]
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    "Body painting significa essenzialmente vestirsi di emozioni diverse, le quali, trasposte cromaticamente sul corpo dell'interprete, si trasformano in arte": è così che Letizia Borella, mirandolese classe 1985, ci introduce ai segreti di quella che lei definisce "un'arte effimera".[...]
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Sui loro social hanno mostrato in una gallery i travestimenti dei cittadini[...]
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie viene nominata Property n.1 al Mondo del mercato del giocattolo per il 2020 [...]
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Il Pool Comitati, che raggruppa diverse organizzazioni attente alle tematiche legate all'ambiente e in particolare, relative al fiume Secchia ha diffuso un nuovo episodio di Good Morning Secchia[...]
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    "Factory MAT75 è un progetto che coinvolge giovani artisti che vogliono rappresentare la storia di questo mondo", spiega Alessandro Bonacorsi[...]