Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
28 Settembre 2022

Donne, mamme & lavoro, la storia di Emanuela Goldoni di Quarantoli

L’esperta di risorse umane di Mirandola Francesca Monari ci porta a conoscere quattro storie di altrettante donne che sono mamme e lavoratrici. 
Oggi intervisterò Emanuela Goldoni, 37 anni, di Quarantoli (e ci tiene a precisarlo), ma residente a Milano. Laureata in Comunicazione per l’impresa e le organizzazioni internazionali, con un Master in Marketing, comunicazione e nuove professioni digitali, ha una grande passione per la scrittura. Ha un figlio di 9 mesi, che si chiama Iacopo. L’obiettivo di Emanuela era quello di realizzarsi nel lavoro e per fare ciò si è trasferita a Milano, dove attualmente lavora nel team di Corporate Digital Communication&Corporate Identity come Project manager per una importante azienda del settore Assicurazioni, occupandosi di progetti di comunicazione di Personal branding e di Employer Branding.
Perseverando, dopo tante cadute e ricadute, ce l’ha fatta!
“Nella tua carriera, come hai affrontato la scelta della maternità e l’essere madre?”
Appartengo a quella categoria di donne per le quali la maternità non è una esperienza totalizzante. Il
mio lavoro è importante, così come lo sono mio figlio e mio marito.
Mi piace quello che faccio e non penso che la mia condizione di mamma sia un limite, né per me,
né per l’azienda per cui lavoro. Anzi, da noi ci sono diverse iniziative che promuovono la cultura
della genitorialità e che supportano mamma e papà con percorsi formativi dedicati. Questa
sensibilità verso la famiglia, i bambini e in particolare i ruoli di genitore contribuisce a farmi sentire
a mio agio e mai in difetto. Sono sempre io, con la mia professionalità e con un plus: sono mamma.
Ma non per questo mi sento speciale, rispetto a chi non è genitore. È solo una esperienza in più, che
può aiutarmi anche nel lavoro.
“Come hai raggiunto il giusto equilibrio tra famiglia e lavoro?”
Sono diventata mamma in piena pandemia. La mia azienda si è attivata sin da subito per applicare il
modello di smart working o remote working, come soluzione principale. Sono rientrata in “ufficio”
dopo 8 mesi di maternità, lavorando da casa: io in una stanza, mio marito in un’altra. Chiaramente
l’emergenza sanitaria ha avuto un impatto nella dimensione spaziale delle famiglie, obbligandoci a
ripensare tutti i pieni di gestione domestica e famigliare. I nonni ci stanno aiutando molto con
Iacopo. Non è semplice gestire questo nuovo riassetto domestico, ma non ci pesa.
“Essere una mamma lavoratrice quanto è impegnativo e quanto appagante?”
Lavorare e ‘fare la mamma’ è decisamente molto impegnativo, perché si aggiunge una complessità
giornaliera. Mi è capitato di allattare durante una call, perché Iacopo proprio non ne voleva saperne
di calmarsi. L’ho trovato il gesto più naturale che potessi fare. Eppure, da quando sono mamma e
lavoro mi sento ancora più motivata e mi sembra di avere più energia.
“A casa tua esiste una ripartizione paritaria di tutti gli impegni con il papà?”
Io e mio marito abbiamo imparato a capirci, a sostenerci e soprattutto ad organizzarci. Abbiamo
imparato a cambiare i pannolini o a fare il bagnetto a Iacopo. Ci siamo distribuiti i carichi in
maniera equa. Chi lava i piatti, fa il bagnetto al bambino, ad esempio. In generale, l’idea è che
preferiamo essere entrambi autonomi e intercambiabili nella “cura” del piccolo.
“Su chi altro fate affidamento?” Sui nonni. E sugli zii.
“Cosa ti ha insegnato la maternità?”
Non so bene se sia l’istinto di sopravvivenza o un mio ‘scatto di crescita’ ma l’essere mamma sta
rivelando lati di me che credevo non facessero parte della mia natura. Sto diventando paziente,
molto. Sto imparando a fidarmi degli altri e di conseguenza a “cedere il controllo” e a non cadere
nella trappola del micromanagement. Ciò che conta è l’obiettivo, non la velocità con cui si
apprende. Sto imparando ad ascoltare e a sintonizzarmi sui bisogni altrui e al contempo ad alzare la
mano, quando sono io ad aver bisogno d’aiuto o ad essere in difficoltà. E ancora, ho cominciato a
osservare le cose, quando bisogna osservarle e a guardarle, quando occorre guardarle.
Ho imparato a verbalizzare le mie emozioni e a filtrarle, per governare le ansie e non trasmetterle
alle persone che mi sono intorno.
Infine, la maternità mi ha insegnato una grande verità: non è il tempo a mancarmi. In fondo è
sempre stato quello. Quello che cambia è la percezione che abbiamo nei confronti di ciò che è
prioritario, urgente o semplicemente importante in relazione al tempo che abbiamo a disposizione.
E una mamma e un papà, qualsiasi mestiere facciano, sanno quando le cose diventano prioritarie,
urgenti o semplicemente importanti.
Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto| Tutto quello che c’è da sapere del melograno
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
“E adesso un libro:rubrica di libri” Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere della giuggiola
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Il paradosso energetico. E non solo
Da giorni assistiamo ad un vero e proprio assalto mediatico sull’ingiustificato ed indiscriminato aumento del costo dei beni energetici, che metterà in ginocchio imprese e famiglie.leggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri” Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell'autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere della piadina
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri” Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto. Tutto quello che c’è da sapere dell’anguria
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Inaugurata a San Prospero la palestra intitolata a Luigi Vaccari
    Nella targa posta a suo ricordo una sua celebre frase: "Lo sport ha un solo colore, quello dell'arcobaleno"[...]
    Pork Factor Concordia, 25 mila euro donati a cinque realtà dedicate ai bambini
    Oltre ai I fiol d’la schifosa altre associazioni hanno contribuito: Musicanima; Ciclisti amatoriali di Concordia; Tennis Club Concordia; Avis Concordia; Allenatori giovanili Pol Possidiesi[...]
    A Mirandola ripartono i corsi dell’Università della Libera Età “Bruno Andreolli”
    I corsi sono completamente gratuiti. Gli incontri si svolgeranno presso la “Sala Trionfini” in piazza Ceretti[...]

    Curiosità

    Mirandola, il sindaco incontra i 40 studenti del "Summer camp"
    Mirandola, il sindaco incontra i 40 studenti del "Summer camp"
    Mercoledì 28 settembre, presso le Scuole medie cittadine “Montanari”, il sindaco di Mirandola Alberto Greco ha voluto portare un saluto ai 40 studenti che stanno prendendo parte al "Summer Camp"[...]
    Riuscito il test Nasa: la sonda Dart ha colpito l'asteroide
    Riuscito il test Nasa: la sonda Dart ha colpito l'asteroide
    Il test è stato pensato per mettere alla prova la capacità di deviare un asteroide in caso di possibile collisione con la Terra: immagini raccolte dal minisatellite italiano LiciaCube[...]
    Omar Ahmed, il giovane talento modenese che ha incantato la giuria di X-Factor
    Omar Ahmed, il giovane talento modenese che ha incantato la giuria di X-Factor
    Il giovane ha superato il primo turno di audizioni e continua il processo di selezione del talent.[...]
    Scappa da casa a Reggio Emilia, cagnolina ritrovata a Modena
    Scappa da casa a Reggio Emilia, cagnolina ritrovata a Modena
    Aveva vagato per strada per 11 giorni. Dimagrita e spaesata, è stata riabbracciata dalla sua anziana padrona che la stava cercando incessantemente[...]
    Alcol test volontario al Pattaya, ragazzi e ragazzi hanno a cuore la sicurezza stradale
    Alcol test volontario al Pattaya, ragazzi e ragazzi hanno a cuore la sicurezza stradale
    La campagna della Polizia Locale Area Nord ha coinvolto più di 250 persone[...]
    Il sexting? "Non è tradimento"
    Il sexting? "Non è tradimento"
    A tradire online sarebbe secondo un sondaggio il 75% degli italiani fidanzati o sposati[...]
    A Cavezzo arrivano i sassi portafortuna di Ester Fulloni
    A Cavezzo arrivano i sassi portafortuna di Ester Fulloni
    Data del rilascio: domenica 18 settembre. Chi li trova può tenerseli o farli ancora girare[...]
    Regina Elisabetta, quando Buckingham Palace rispose alla lettera di un bambino di Mirandola
    Regina Elisabetta, quando Buckingham Palace rispose alla lettera di un bambino di Mirandola
    Quattro anni fa, un bambino di Mirandola scrisse una lettera indirizzata alla regina e ricevette risposta da Buckingham Palace[...]
    In vacanza perde un dispositivo collegato al telefono della figlia disabile: lo rintraccia a Cavezzo
    In vacanza perde un dispositivo collegato al telefono della figlia disabile: lo rintraccia a Cavezzo
    E' quanto è accaduto quest'estate, a Cattolica, ad una famiglia di Rovigo: la donna ha scritto un post in un gruppo Facebook cittadino, nella speranza che il dispositivo possa essere restituito[...]
    • malaguti