Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
27 Settembre 2021

Unimore aderisce al Manifesto dell’Università Inclusiva

L’Università di Modena e Regio Emilia aderisce al Manifesto dell’Università Inclusiva, una iniziativa che fa seguito agli impegni tracciati dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite attraverso il Global Compact sui Rifugiati e che impegna gli Atenei a favorire l’accesso dei rifugiati all’istruzione universitaria e alla ricerca e a promuovere l’inclusione sociale e la partecipazione attiva alla vita accademica.

Inoltre, ha deciso di partecipare al Progetto UNICORE 3.0 Corridoi Universitari per Rifugiati istituendo una Borsa di Studio che consentirà di frequentare un corso di laurea magistrale dell’Ateneo.

La sempre più vigile attenzione dell’Università di Modena e Reggio Emilia alle tematiche legate alla discriminazione, ai soggetti più vulnerabili e alla inclusione sociale delle minoranze e delle persone migranti, sfociate nella istituzione di importanti centri come il CRID – Centro di Ricerca Interdipartimentale sulle Discriminazioni e la vulnerabilità e nella progettazione e promozione di innovative iniziative di ricerca e studio, tra cui – recentemente – il Progetto ITHACA (Interconnecting Histories and Archives for Migrant Agency: Entangled Narratives Across Europe and the Mediterranean Region), nonché il crescente impegno a sviluppare la propria dimensione internazionale, non poteva trascurare l’adesione di Unimore al Manifesto dell’Università Inclusiva.

L’iniziativa, che si inserisce nell’ambito degli impegni indicati dal Global Compact sui Rifugiati, il documento adottato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel dicembre 2018, mira a favorire l’accesso dei rifugiati all’istruzione universitaria e alla ricerca, e a promuoverne l’inclusione sociale e la partecipazione attiva alla vita accademica. In Italia, ad oggi, si registra l’adesione di 34 realtà accademiche,

Le università – è convinzione dei sottoscrittori del Manifesto – offrono un’importante opportunità per i giovani rifugiati, rappresentando un passaggio fondamentale nel loro percorso di inclusione sociale”.

Soltanto il 3% dei rifugiati a livello globale, secondo le stime dell’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, ha infatti accesso all’istruzione superiore a fronte di una media pari al 37% a livello globale.

Attualmente, oltre 70 milioni di persone nel mondo sono costrette a sfollare a causa di conflitti, violenze e persecuzioni. Di questi, 25,9 milioni sono rifugiati (di cui oltre 20 milioni sotto il mandato di UNHCR). La Convenzione di Ginevra del 1951 sullo status di rifugiato stabilisce norme minime fondamentali riguardo al trattamento dei rifugiati nei Paesi di asilo, inclusi il diritto alla casa, al sostegno pubblico e all’istruzione. Tuttavia, i titolari di protezione internazionale incontrano problemi e difficoltà maggiori sia rispetto alla popolazione residente, sia rispetto alle altre persone straniere, nell’accesso a questi servizi, incluso l’accesso all’istruzione, in particolare universitaria.

Le Università che aderiscono al documento si impegnano, nello specifico, ad intraprendere o ad ampliare attività e programmi a favore degli studenti rifugiati, come i servizi di informazione e tutoraggio, il riconoscimento dei titoli conseguiti all’estero, borse di studio e incentivi.

L’obiettivo che si vuole raggiungere attraverso l’adesione al Manifesto per l’Università Inclusiva è di mettere in rete le esperienze dei diversi Atenei e di scambiarle, per favorire un’integrazione maggiore dei rifugiati nei percorsi universitari e per dare anche a chi proviene da queste situazioni l’opportunità di accedere a questi percorsi.

Referente di Ateneo per tale azione sarà la prof.ssa Rita Bertozzi del Dipartimento di Educazione e Scienze Umane, già coinvolta e attiva sui temi legati ai rifugiati.

Attraverso l’adesione al Manifesto, inoltre, le Università concorrono, altresì, alla realizzazione della cosiddetta “terza missione”, favorendo la valorizzazione e l’impiego della conoscenza per contribuire allo sviluppo sociale, culturale ed economico della Società.

Contestualmente agli impegni che l’Università di Modena e Reggio Emilia ha assunto con l’adesione al Manifesto dell’Università Inclusiva, gli organi accademici di Unimore hanno deliberato anche la partecipazione al Progetto UNICORE 3.0 Corridoi Universitari per Rifugiati.

Il progetto, che si rivolge a giovani rifugiati e rifugiate che non hanno la possibilità di continuare gli studi, è nato nel 2019 per permettere agli studenti rifugiati in Etiopia di arrivare in Italia con un percorso di ingresso regolare e sicuro e proseguire i loro studi.

Con questa decisione Unimore entra far parte di una rete di partnership del progetto supportato da UNHCR, che vede già come partecipanti anche associazioni di volontariato e di categoria, università, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione, Caritas Italiana, Diaconia Valdese e Ghandi Charity.

La partecipazione a questa partnership negli intenti di Unimore verrà, presto, supportata dalla costituzione di una rete con associazioni e istituzioni locali e con la collaborazione e il supporto di ER.GO: proprio in questi ultimi giorni sono stati avviati i primi incontri per raggiungere a breve questo obiettivo.

Come primo concreto gesto di volontà inteso a facilitare l’accoglienza di giovani “rifugiati”, Unimore ha promosso l’istituzione di una Borsa di Studio finanziata dall’Ateneo riservata ad una studentessa o a uno studente rifugiato riconosciuto in Etiopia, che abbia completato il primo ciclo triennale di studi accademici in un’università etiope e si candidi a selezione per accesso al corso di laurea magistrale in inglese in International Management. La spesa annuale della Borsa di Studio potrà variare dai 350,00 euro ai 550,00 euro mensili anche in base al finanziamento in kind da parte di altri enti che parteciperanno alla rete che è in fase di costituzione per il supporto del progetto.

Partecipare al Manifesto dell’Università inclusiva e all’apertura dei corridoi universitari per rifugiati dall’Etiopia all’Italia per frequentare percorsi di laurea magistrale sono azioni concrete che rendono il nostro Ateneo sempre più inclusivo condividendo queste esperienze con reti nazionali e internazionali – asserisce la Delegata per le Pari Opportunità Prof.ssa Tindara Addabbo – e contiamo sull’appoggio delle associazioni e istituzioni nel territorio, che sappiamo essere molto inclusive e già ci sono vicine in diversi percorsi di accoglienza, per condividere queste nuove sfide!

L’adesione al Manifesto delle Università inclusive – dice il Prof. Alessandro Capra, Delegato del Rettore per la Internazionalizzazione – costituisce un’azione significativa e lodevole nell’ambito delle iniziative di internazionalizzazione di Unimore. Inoltre, è un’iniziativa in continuità con i nostri impegni presi negli anni passati che denota ulteriormente la nostra attenzione a temi di così grande e significativa importanza dal punto di vista umano ed etico”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Dente del giudizio: cos'è e cosa fare
Hai male al dente del giudizio e vuoi saperne di più prima di estrarlo? Questo post fa al caso tuo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere sul pomodoro
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Dopo 12 anni di studi trovata la causa più frequente di infezione da Streptococco B sui bambini appena nati
    Lo studio dell'Università di Modena ha coinvolto 30 centri ed una popolazione di oltre 400.000 neonati. [...]
    Imbrattano i muri e poi se ne vergognano: a Ravarino i ragazzi rimettono a posto i loro danni
    La rabbia dei cittadini per questi atti di vandalismo si era diffusa rimbalzando sui social[...]
    Mirandola, il nido di via Poma selezionato per un progetto regionale
    Il progetto è destinato ai bimbi da zero a sei anni per l’apprendimento della lingua inglese.[...]

    Curiosità

    Nonantola, ecco i vincitori della rassegna degli Aceti Balsamici Tradizionali di Modena
    Nonantola, ecco i vincitori della rassegna degli Aceti Balsamici Tradizionali di Modena
    Sono stati premiati all’interno di “Sóghi, Saba e Savór”[...]
    A Finale Emilia un monumento per ricordare Libero Borsari
    A Finale Emilia un monumento per ricordare Libero Borsari
    Il pilota motociclistico finalese è scomparso nel 1952[...]
    Cercare una baby sitter online: lo studio della piattaforma Sitly
    Cercare una baby sitter online: lo studio della piattaforma Sitly
    Sitty, gruppo internazionale che opera in Italia attraverso la piattaforma www.sitly.it , ha voluto delineare il profilo del genitore tipo che ogni giorno seleziona le babysitter online.[...]
    Tra clima e immaginazione: il meteorologo Luca Lombroso tra analisi e nuove visioni
    Tra clima e immaginazione: il meteorologo Luca Lombroso tra analisi e nuove visioni
    Lunedì 27 settembre, alle ore 10, incontro live streaming con il metereologo[...]
    Bomporto, Aipo cambia le guarnizioni ai portoni Vinciani
    Bomporto, Aipo cambia le guarnizioni ai portoni Vinciani
    Nuovo intervento di manutenzione straordinaria interamente finanziato da Aipo [...]
    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    La sua presenza, però, non è passata inosservata[...]
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Vittima un imprenditore che voleva spostare 15 mila euro[...]
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    In aumento il numero degli animali affidati alle strutture intercomunali: quest’anno già oltre 50, mentre continuano i controlli sulle staffette illegali dal sud Italia[...]
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Grazie alla conoscenza comune del "bambino zero" e del giornalista Pablo Trincia, Giulia e Leda si sono conosciute e sposate nel giro di pochi mesi[...]