Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Discarica Finale Emilia, il Pd contrario al progetto di ampliamento

FINALE EMILIA – Continua, a Finale Emilia, in seguito all’archiviazione della posizione dell’ex sindaco Ferioli e dei dipendenti del Comune di Finale Emilia dalle vicende processuali riguardanti la discarica, il dibattito relativo all’ampliamento della stessa. Di seguito, la nota dei referenti dei Circoli Pd Gabriella Tartarini, Lisa Poletti, Claudio Artioli e Andrea Ratti:

“Solo pochi giorni fa abbiamo appreso con soddisfazione dell’archiviazione della posizione dell’ex sindaco Fernando Ferioli e di tutti i dipendenti del Comune di Finale Emilia dalle vicende processuali riguardanti la discarica. Questo elemento ha finalmente sgombrato il campo della discussione politica da ogni argomento che, sempre in modo strumentale, viene sollevato da forze politiche alla ricerca di visibilità sul tema e da vari “personaggi in cerca d’autore”. Il problema del potenziale inquinamento del sito della vecchia discarica va celermente approfondito: cogliamo in tal senso l’appello a tutte le forze politiche dell’on. Ferraresi del M5S come un segno della maturata consapevolezza del fatto che l’argomento discarica vada “smontato” da un eccesso di carica politica di parte, dove ogni forza politica cerca il proprio pezzo di consenso, e vada portato su un piano di presa di coscienza prima di tutto di dati tecnici. Come Pd proponiamo che il “tavolo” dove fare questo lavoro debba essere un tavolo istituzionale, dove siedono tutte le forze politiche, e si possa aprire un approfondimento sui dati ed un confronto sulle soluzioni. Quel luogo noi pensiamo possa essere il Consiglio comunale, anche attraverso un lavoro da fare in Commissione 3° (ambiente e territorio), dove si possono programmare incontri intensivi con i tecnici delle istituzioni che portino gli studi, i rilevamenti fatti, le dinamiche ambientali in atto intorno al sito della discarica e, se necessario, richiedere nuovi e più accurate analisi. Siamo pronti ad impegnarci in questo percorso con le altre forze politiche. Aggiungiamo che il Pd non ritiene il progetto di ampliamento della discarica un elemento positivo di sviluppo del territorio finalese, in quanto tale progetto, sebbene sia legittimo ed autorizzato, appare nelle dimensioni sproporzionato rispetto ai fabbisogni del territorio. Prendiamo tuttavia atto di un elemento oggettivo di cui, concretamente e fuori dalla propaganda e dalle false illusioni elettoralistiche, dobbiamo tener conto: il progetto è stato autorizzato nel 2019 nonostante la sbandierata posizione contraria dell’attuale Amministrazione comunale che non ha ottenuto concreti risultati utili a contrastare nel merito tecnico l’iter autorizzativo dell’ampliamento, cioè vale a dire che se un progetto ha una fondatezza normativa e trova riscontro nella programmazione regionale, anche l’opposizione più convinta rischia di diventare velleitaria ed inefficace. A fronte di ciò tuttavia il Pd si impegna, in vista della discussione regionale del Piano di Gestione dei Rifiuti, ovvero la nuova programmazione regionale, a chiedere il ritiro del progetto di Feronia; ad indurre, attraverso i propri rappresentanti in Consiglio regionale a sostenere il Comune di Finale Emilia in questa interlocuzione con Feronia/Hera; a lavorare affinché i Comuni soci di Sorgea, siano alleati di Finale Emilia in questo dialogo tra istituzioni e soggetti gestori dei rifiuti. Se vogliamo risolvere le questioni della bonifica e dell’ampliamento le dobbiamo governare con forza, non subire limitandosi a strumentalizzare le paure dell’opinione pubblica”.

Sul tema della discarica di Finale Emilia intervengono con una nota stampa anche Stefano Lugli, di Sinistra Civica per Finale Emilia, ed Elena Terzi e Pierpaolo Salino, di Lista Civica:

“Il deposito da parte del Pubblico Ministero di una relazione che ipotizza un inquinamento doloso dell’area che ospita la discarica di Finale Emilia pone il consiglio comunale di fronte ad un nuovo scenario. Non sta a noi stabilire se c’è del dolo, ma riteniamo che di fronte a questo scenario sia necessario che la Regione sospenda l’autorizzazione all’ampliamento della discarica rilasciata nel marzo 2019 a conclusione della procedura di Valutazione di Impatto Ambientale. Riteniamo la sospensione dell’autorizzazione fino alla conclusione del processo un passaggio necessario per affrontare, anche in collaborazione con la Regione, lo stato di inquinamento del suolo e delle falde acquifere dell’area. Questo aspetto non è mai stato affrontato dall’Amministrazione, eppure la Conferenza dei Servizi ha discusso anche dell’inquinamento dell’area, e il sindaco Palazzi e l’assessore Ferrarini si sono sempre fregiati di aver partecipato a tutte le sedute. Riteniamo dunque grave e sbagliata la decisione della maggioranza, svelata dalla capogruppo Zaghi, di attendere l’evoluzione delle indagini per effettuare uno studio sull’inquinamento del suolo e attivare la procedura di bonifica, dal momento che bonifica e indagini non sono legate fra di loro. Bonifica che riteniamo essere, invece, una precondizione fondamentale per assumere consapevolmente ogni iniziativa utile per la salvaguardia ambientale di Finale Emilia. Palazzi ha attivato burocraticamente la procedura di ‘bonifica pubblica’ di Feronia 0 dopo aver ignorato questo aspetto per l’intero mandato. Noi crediamo sia giunto il momento di affrontare questo problema, la cui soluzione non può essere vincolata alla realizzazione di una nuova discarica. Siamo contrari ad ogni ipotesi di ampliamento della discarica e non abbiamo mai smesso di occuparci di questo tema, e se il M5S e la maggioranza condividono la nostra richiesta alla Regione di sospensione dell’autorizzazione all’ampliamento, siamo disponibili a confrontarci immediatamente per avanzare alla giunta regionale una proposta unitaria e autorevole che ridiscuta il ruolo del sito finalese all’interno del nuovo piano regionale dei rifiuti”.

Interviene sul tema anche il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Michele Barcaiuolo:

Con un’interrogazione chiede al governo regionale “se intenda ritirare l’autorizzazione per l’ampliamento della discarica Feronia 2”. Vuole poi sapere dallo stesso esecutivo “se intenda sollecitare la società Feronia, soggetta alla direzione e al coordinamento di Herambiente, affinché venga strutturato un progetto di bonifica delle aree Feronia 1 e Feronia 0”.

Nel 2019, si legge nell’atto, è stato approvato l’ampliamento della volumetria della discarica modenese di Finale Emilia. Sono insorti, poi, si specifica, problemi di carattere giudiziario: parte della discarica (Feronia 1) è stata sequestrata, i lavori per l’ampliamento (Feronia 2) sono quindi stati posticipati.

“L’ampliamento della discarica (Feronia 2)- rimarca il consigliere di Fdi- appare sovradimensionato rispetto al fabbisogno del territorio, inoltre, secondo l’ultima perizia svolta sull’area, sarebbe a rischio inquinamento elevato, peraltro è vicina all’area le Meleghine (zona naturale protetta classificata come zona di protezione speciale della Rete Natura 2000)”. In più, prosegue, “l’area dell’ampliamento sarebbe a rischio idrogeologico e alluvionale per la vicinanza al canale Diversivo”. Infine, conclude Barcaiuolo, “manca ancora un progetto di bonifica per Feronia 1, sequestrata dalla procura nel 2019, e addirittura per la prima discarica, Feronia 0”.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    L'animale è stato preso e curato dai volontari de Il Pettirosso[...]
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    Pare ce ne siano in circolazione soltanto due esemplari.[...]
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    Coinvolge 4 palazzine , 30 famiglie,4 scaffali e 156 libri divisi in 4 gruppi (39 libri per palazzina).[...]
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    E' l’opera in vetro di Murano installata nell’anello centrale verde della rotatoria tra via Nuova Estense e via Vignolese.[...]
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Il sito che verrà aggiornato periodicamente, è ricco di immagini suggestive e si sviluppa in cinque aree tematiche - conosci, esplora, gusto, shopping e agenda - che rendono intuitiva la ricerca dei contenuti.[...]
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    A sostegno di tutti i bambini cardiopatici congeniti e del personale medico ospedaliero che sta lottando contro il Covid.[...]
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Si guarda alla bella stagione nella città dei Pico con la tracciatura ed installazione delle indicazioni, avvenuta nei giorni scorsi di tre percorsi ciclabili di varia lunghezza, per appassionati, ma pure per semplici cicloamatori e per le famiglie.[...]
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    L’audiolibro ha scalato le classifiche nazionali di podcast di racconti per bambini contando 30mila riproduzioni su Youtube e altre sette piattaforme streaming[...]
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    L'associazione si è presentata pubblicamente con un evento online sabato 20 marzo[...]