Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
10 Agosto 2022

Coronavirus, la situazione all’AOU di Modena

MODENA- Continua l’appuntamento consueto con il bollettino settimanale contenente le principali attività organizzative e sanitarie dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena in riferimento alla gestione dell’emergenza COVID-19.

Situazione ricoveri in AOU di Modena

Sono 56 i pazienti con tampone positivo ricoverati oggi in Azienda Ospedaliero – Universitaria, tutti al Policlinico, 10 dei quali in terapia intensiva. 45 pazienti sono ricoverati per le conseguenze del Covid-19mentre i restanti 11 per altre patologie, con riscontro occasionale di tampone positivo. L’80% degli assistiti per COVID-19 presso l’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena non è vaccinatoIn Terapia Intensiva non sono vaccinati 8 ricoveri su 10. Interessante notare che dei 26 pazienti con meno di 65 anni, nessuno risulta aver completo il ciclo vaccinale, mentre solo uno ha effettuato solo una delle due dosi.

L’età media dei pazienti ricoverati attualmente per le conseguenze del Covid-19 è 61 anni, leggermente più bassa di quella della rilevazione di venerdì scorso (63). L’età dei pazienti ricoverati col ciclo vaccinale completo è 78 anni, decisamente più alta di quella rilevata venerdì scorso (68). La media di età dei non vaccinati è circa 56 anni (venerdì scorso erano 57).

In terapia intensiva, l’età media dei ricoverati non vaccinati è 61 anniI due pazienti vaccinati hanno rispettivamente 71 e 69 anni. Il primo ha una condizione preesistente di fragilità, il secondo è stato ricoverato pochi giorni dopo aver completato il ciclo vaccinale e quindi non aveva ancora raggiunto la piena risposta immunitaria.

Questi dati confermano l’efficacia del vaccino anche nei confronti della variante Delta, pur nella diversa risposta immunitaria tra persone con condizioni cliniche diverse.

La parola ai professionisti: dottor Davide Bocchi, responsabile della Sezione Covid della Medicina interna del Policlinico, diretta dal professore Antonello Pietrangelo

Quali sono i pazienti che trattate nella Medicina interna Covid?

“La tipologia di pazienti ricoverati nel nostro reparto è molto eterogenea: la maggior parte sono pazienti con COVID19 conclamata; quindi, con polmonite che determina insufficienza respiratoria di grado lieve-moderato che richiede ossigeno a flussi medio-bassi e non richiede ventilazione meccanica o intubazione, procedure che vengono effettuate nel setting della terapia intensiva e subintensiva.

Abbiamo anche pazienti con problemi medici internistici con infezione “incidentale” da Sars-CoV-2, ma che fortunatamente non presentano la malattia Covid-19 e non sviluppano insufficienza respiratoria: si tratta di pazienti complessi e cronici che per la presenza di acuzie mediche diverse dal Covid-19, spesso concomitanti, (problemi cardiologici, gastroenterologici, pneumologici, infettivologici) hanno bisogno del ricovero ospedaliero, ma in quanto positivi vanno ricoverati, isolati, e gestiti da specialisti internisti.

Della casistica dei nostri pazienti fanno parte anche i soggetti anziani non autosufficienti che richiedono assistenza continuativa al domicilio e che sfortunatamente si infettano per Covid, per cui risulta difficoltoso garantire tale assistenza nell’ambiente domiciliare, vista la positività per SARS-CoV-2″.

Che sintomatologia hanno e a quale livello di gravità si presentano i pazienti ospedalizzati. Si tratta di soggetti già ‘tracciati’ e che provengono e sono stati trattati al domicilio o di soggetti ‘sconosciuti’ che di fronte a sintomi preoccupanti vengono ospedalizzati?

“I pazienti ricoverati generalmente accedono al Pronto Soccorso per la comparsa di difficoltà respiratorie; di solito presentano un corteo sintomatologico (ad esempio con febbre, tosse, dolori ossei e muscolari, profonda stanchezza, nausea, vomito, diarrea) che precede di alcuni giorni la comparsa dell’affaticamento respiratorio. Alcuni vengono inviati in Pronto Soccorso dalle unità USCA (Unità Speciali di Continuità Assistenziale): sono i casi dei pazienti già positivi noti al domicilio, i quali vengono tenuti sotto controllo e inviati in ospedale in caso di comparsa di insufficienza respiratoria, la quale richiede sempre il ricovero”.

Quale è l’età media dei pazienti seguiti dalla sezione Covid della medicina interna?

Nel nostro reparto, l’età media dei pazienti è 61 anni. Quella dei vaccinati con ciclo completo è 81,6 anni. Quella dei non vaccinati è 54,5 anni. In realtà l’età dei pazienti ricoverati è molto eterogenea: abbiamo vari pazienti giovani (il 20% dei pazienti ha meno di 35 anni, il 32% dei pazienti ha meno di 50 anni). Tutti i pazienti con età maggiore di 50 anni risultano essere non vaccinati. Gran parte dei pazienti giovani (sotto i 65 anni) presenta quadri clinicamente seri, non sempre in presenza di importanti patologie concomitanti”.

Quanti dei vostri pazienti non è vaccinata? Come stanno quelli vaccinati?

Nel nostro reparto, la maggior parte dei pazienti ricoverati non è vaccinata (76%). I pochi pazienti vaccinati (attualmente il 24%), quando sviluppano la malattia da COVID19 conclamata, hanno quadri molto lievi che si risolvono rapidamente in alcuni giorni; abbiamo anche pazienti vaccinati, ricoverati per altri motivi medici rispetto al COVID19, che presentano una transitoria positività al tampone molecolare ma non sviluppano la malattia conclamata, e come dicevo vengono seguiti per i problemi internistici nel nostro reparto, in quanto positivi”.

Come giudica l’apporto dei vaccini in questa fase della pandemia?

I dati nazionali e internazionali ce lo dimostrano e personalmente, avendo vissuto tutte le fasi della pandemia nel mio reparto, che si è occupato dei pazienti Covid fin dalla prima ondata, c’è una forte evidenza che i vaccini proteggano dal contagio, dai ricoveri, dalle forme gravi e dalla morte per COVID19. Non posso fare a meno di notare che i pochi casi di pazienti anziani o fragili che vengono ricoverati nel nostro reparto nonostante siano stati vaccinati, ora presentano quadri COVID19 generalmente lievi, mentre la stessa tipologia di pazienti che venivano ricoverati nelle ondate precedenti quando non c’era ancora il vaccino avevano un andamento clinico drammatico, spesso infausto.

Quindi mi sento di fare un appello a diffidare da notizie false e informazioni provenienti da fonti non sicure riguardo alla pandemia da SARS-CoV-2 e in particolare ai vaccini. È fondamentale attenersi alle raccomandazioni delle autorità sanitarie e della comunità scientifica internazionale, che si fondano su evidenze scientifiche solide. La scienza e le evidenze epidemiologiche indicano chiaramente che i vaccini al momento sono lo strumento più efficace per ridurre la circolazione di SARS-CoV-2, prevenire i contagi, i ricoveri, la malattia grave e la morte. Quindi esorto tutti a vaccinarsi”.

Rispetto alle precedenti ondate vedete quadri clinici diversi?

“La clinica della polmonite da Covid-19 è totalmente invariata sia come caratteristiche di presentazione sia come gravità; l’impatto della vaccinazione sulle categorie di pazienti fragili e anziani è tangibile e si traduce in casi con minor gravità e a risoluzione più rapida”.

https://www.youtube.com/watch?v=UJBB3NnaJvE

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

“E adesso un libro: rubrica di libri”. Sei titoli che profumano di estate
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monari.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere della tabacchiera
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
La situazione dell'economia italiana oggi
Il rapporto di Confindustria evidenzia una forte capacità delle imprese italiane a fronteggiare l’attuale situazione di incertezza, nonché la capacità di “un popolo di risparmiatori” a supportare la propensione al consumo di keynesiana memoria.leggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Isola di Diego Passoni
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monari.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere della cheesecake
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
Dente dolorante: ecco cosa fare
Non tutti i dolori ai denti sono uguali: esistono, infatti, tanti tipi differenti di mal di denti e per questo è molto importante rivolgersi tempestivamente al proprio dentista di fiducia non appena il dolore si presenta.leggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Lezioni di chimica di Bonnie Garmus
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monari.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere sul ghiacciolo
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchIl Tecnopolo di Mirandola disegna la sanità del futuro. Ne parla la direttrice Barbara Bulgarelli
    • WatchTrovato il corpo di Luigi Salsi, il 78enne di Cavezzo disperso sul Cimoncino
    • Watch10 consigli per evitare i furti in casa mentre siete in vacanza

    La buona notizia

    La fondazione Golinelli forma gli ambasciatori delle discipline Steam
    I docenti hanno lavorato su intelligenza artificiale e rapporto uomo macchina, sostenibilità e open schooling, inclusione e personalizzazione, dati e visualizzazione.[...]
    "Un poquito Reggaeton", disponibile il nuovo singolo della mirandolese Raffy
    Si tratta di un brano dal sound internazionale prodotto da Costi Ionita e scritto dall'artista sudamericano Randy[...]
    Calcio, la finalese Eleonora Goldoni si trasferisce al Sassuolo
    Ex Napoli e Inter, la calciatrice Eleonora Goldoni disputerà la prossima stagione con la maglia neroverde del Sassuolo[...]

    Curiosità

    San Prospero firma il gemellaggio con Castelfranco Piandiscò
    San Prospero firma il gemellaggio con Castelfranco Piandiscò
    Si tratta del primo passo verso la nascita di una rete nazionale dei Comuni che ospitano i giochi senza frontiere, una realtà già legata a livello nazionale dal network “Italia Gioca senza frontiere”.[...]
    Viva le macchine da scrivere: a Staggia visitabile una collezione unica
    Viva le macchine da scrivere: a Staggia visitabile una collezione unica
    La collezione appartiene a Renato Zavatti, ex dipendente della Olivetti da sempre affascinato da questi strumenti di cui conosce la storia nei minimi particolari. [...]
    Resort di lusso alle Maldive cerca "libraio a piedi nudi"
    Resort di lusso alle Maldive cerca "libraio a piedi nudi"
    Un'offerta di lavoro da sogno in un paradisiaco atollo delle Maldive: riconosciuto dall'Unesco come "Riserva della Biosfera".[...]
    Sapori in valigia: la prima voglia di cucina etnica nasce in vacanza
    Sapori in valigia: la prima voglia di cucina etnica nasce in vacanza
    I gusti sperimentati in viaggio ispirano a provare la cucina etnica una volta rientrati in Italia. In estate il 60% consuma cibo etnico con la stessa frequenza di altre stagioni.[...]
    In bicicletta con Nicoletta Vecchi Arbizzi alla scoperta di Mirandola
    In bicicletta con Nicoletta Vecchi Arbizzi alla scoperta di Mirandola
    L'iniziativa nell'ambito di Educational – Ciclovia del Sole, il tour dedicato ai Comuni sottoscrittori dell’accordo sulla Ciclovia del Sole[...]
    L'umarell ora è digitale: si possono seguire i cantieri modenesi on line
    L'umarell ora è digitale: si possono seguire i cantieri modenesi on line
    la piattaforma on-line “In Cantiere – Agenda delle opere pubbliche” nata dalla collaborazione tra la Provincia di Modena e la società Poleis[...]
    Dopo l'esame di maturità, il tatuaggio. E lo fa anche la mamma
    Dopo l'esame di maturità, il tatuaggio. E lo fa anche la mamma
    Martina ha 33 anni ed è mamma di due bimbi: è riuscita a prendere il diploma e immortala sulle pelle il suo successo[...]
    Gli automobilisti scorretti pagano i lavori stradali: accade a Nonantola sulla Sp 255
    Gli automobilisti scorretti pagano i lavori stradali: accade a Nonantola sulla Sp 255
    I cantieri sono finanziati coi proventi delle sanzioni amministrative per la violazione dei limiti di velocità previsti dal codice della strada riscossi nel 2021[...]
    "Nino Borsari eroe dei due mondi - Da Cavezzo a Melbourne in bicicletta"
    "Nino Borsari eroe dei due mondi - Da Cavezzo a Melbourne in bicicletta"
    Il docufilm racconta la storia del grande campione di ciclismo nato a Cavezzo e olimpionico a Los Angeles nel 1932[...]
    Le zduare prendono il titolo: la sfoglina diventa qualifica professionale
    Le zduare prendono il titolo: la sfoglina diventa qualifica professionale
    È quanto ha proposto il consigliere emiliano romagnolo del Pd, Antonio Mumolo, con una risoluzione approvata dalla commissione Cultura della Regione[...]
    • malaguti