Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
27 Settembre 2021

Geriatria, a Baggiovara l’assistenza al paziente affetto da demenza diventa olistica

BAGGIOVARA – Una “snoezelen room” o “stanza multisensoriale” per la cura dei pazienti affetti da demenza e delirium che prevede un’assistenza olistica e centrata sulla persona. L’approccio, che stimola il paziente attraverso i cinque sensi a fianco della terapia farmacologica, viene utilizzato, si legge nel comunicato stampa diffuso dall’Aou di Modena, ormai dal 2015 all’Ospedale Civile di Baggiovara nella Struttura Complessa di Geriatria, ove è presente una stanza con strumentazione dedicata, che accoglie in modo continuativo un paziente ricoverato.

“Il trattamento di stimolazione multisensoriale è un approccio basato sulla stimolazione dei 5 sensi da utilizzare nell’ambito di un’assistenza centrata sul paziente”, precisa Francesca Neviani, dirigente medico della Struttura Complessa di Geriatria di Baggiovara diretta dal professor Marco Bertolotti. “Senza bisogno di coinvolgere processi cognitivi superiori del paziente, il trattamento è finalizzato a migliorare l’interazione con l’operatore, a ridurre l’agitazione e a favorire il recupero di abilità residue. Lo applichiamo anzitutto ai pazienti affetti da “delirium”, sindrome caratterizzata da deficit di attenzione e disturbi del comportamento che registra una prevalenza tra il 14 e il 24% all’ingresso del ricovero e un’incidenza tra il 6 e i 56% durante la permanenza nei reparti a seconda dell’ambito di ricovero. Ma lo applichiamo anche ai pazienti afflitti da demenza, patologia che affligge circa il 20% della popolazione anziana ricoverata in ospedale”.

È del 2019 lo studio promosso dall’AOU di Modena “Descrizione dell’efficacia degli interventi psicosociali (approccio snoezelen) sui disturbi comportamentali dei pazienti affetti da demenza o delirium ricoverati in reparto per acuti” che riguardava due gruppi di pazienti. L’uno era stato sottoposto a combinazione di terapia farmacologica e intervento di stimolazione sensoriale + educazione al caregiver, l’altro era stato trattato con la sola terapia farmacologica. Alla dimissione i disturbi del comportamento miglioravano in entrambi i casi, ma nel primo gruppo il miglioramento era in media di 10 punti maggiore rispetto al secondo. Inoltre, dopo un mese il gruppo trattato con farmaco e intervento non farmacologico continuava a migliorare rispetto al gruppo “solo farmaco” che, raggiunto un plateau dovuto all’effetto del farmaco, si manteneva stabile nel tempo.

“Nella nostra struttura la “Snoezelen Room” è presente da sette anni”, prosegue Neviani. “L’intervento viene somministrato da personale formato tre volte alla settimana per 40 minuti e consiste nella la stimolazione del paziente attraverso attività semplici, che coinvolgono sempre i cinque sensi. Ad esempio, guardare filmati, ascoltare musica, annusare aromi, avvolgere gomitoli, toccare un peluche, piegare pezze di stoffa e così via”.

Prosegue ancora Neviani: “I nostri pazienti hanno spesso bisogno di cure speciali che vanno ben oltre quella del corpo e che riguardano anzitutto i loro bisogni. Che sono, ad esempio, l’essere rassicurati, occupati, riorientati, avere i familiari vicino, ricevere attenzione, non provare dolore, potersi muovere liberamente. Rispondere a questi bisogni significa dar loro benessere. La snoezelen room non è dunque solo una stanza, ma un vero e proprio modo di lavorare e di assistere”.

Obiettivi di questa metodica sono la riduzione dell’uso di farmaci sedativi, il miglioramento del ritmo sonno-veglia, lo sviluppo di competenze assistenziali nei familiari attraverso percorsi formativi. “Potrà quindi capitare – prosegue Neviani – di vedere Luigi che, mentre riceve la terapia antibiotica per via endovenosa, ascolta la sua canzone preferita e ne scrive a macchina il testo, di vedere Carla impegnata a stirare delle stoffe o di trovare Gianna che accudisce una bambola per tenere la maschera a ossigeno. Creme per massaggi, aromi e profumi, video, immagini, luci, musica, ma anche gomitoli, carte da gioco, giornali e libri diventano alleati degli operatori nella cura dei pazienti ricoverati”.

Tutti gli interventi effettuati hanno un tempo di somministrazione e vengono monitorati nei loro effetti, valutando il benessere provocato e la riduzione dei disturbi del comportamento.

“I disturbi della sfera cognitiva – conclude il prof. Bertolotti – rappresentano attualmente una sfida per il benessere sanitario e sociale della nostra popolazione; l’aumento dell’età media e dall’aspettativa di vita porta ad un continuo aumento della loro prevalenza, nonostante il miglioramento delle strategie di prevenzione dei fattori di rischio. Di fronte a questa vera e propria emergenza la struttura Ospedaliera deve mostrarsi preparata a fornire ai nostri anziani la miglior assistenza possibile, in caso di necessità di ricovero. Avere a disposizione degli strumenti che sfruttano in modo non invasivo la stimolazione sensoriale può rivelarsi una risorsa importantissima per gestire i nostri Pazienti in caso di disturbi del comportamento, limitando al massimo il ricorso a trattamenti di contenzione, sia fisica che farmacologica; confidiamo quindi di poter implementare con continuità queste strategie nel prossimo futuro”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Dente del giudizio: cos'è e cosa fare
Hai male al dente del giudizio e vuoi saperne di più prima di estrarlo? Questo post fa al caso tuo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere sul pomodoro
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Dopo 12 anni di studi trovata la causa più frequente di infezione da Streptococco B sui bambini appena nati
    Lo studio dell'Università di Modena ha coinvolto 30 centri ed una popolazione di oltre 400.000 neonati. [...]
    Imbrattano i muri e poi se ne vergognano: a Ravarino i ragazzi rimettono a posto i loro danni
    La rabbia dei cittadini per questi atti di vandalismo si era diffusa rimbalzando sui social[...]
    Mirandola, il nido di via Poma selezionato per un progetto regionale
    Il progetto è destinato ai bimbi da zero a sei anni per l’apprendimento della lingua inglese.[...]

    Curiosità

    Nonantola, ecco i vincitori della rassegna degli Aceti Balsamici Tradizionali di Modena
    Nonantola, ecco i vincitori della rassegna degli Aceti Balsamici Tradizionali di Modena
    Sono stati premiati all’interno di “Sóghi, Saba e Savór”[...]
    A Finale Emilia un monumento per ricordare Libero Borsari
    A Finale Emilia un monumento per ricordare Libero Borsari
    Il pilota motociclistico finalese è scomparso nel 1952[...]
    Cercare una baby sitter online: lo studio della piattaforma Sitly
    Cercare una baby sitter online: lo studio della piattaforma Sitly
    Sitty, gruppo internazionale che opera in Italia attraverso la piattaforma www.sitly.it , ha voluto delineare il profilo del genitore tipo che ogni giorno seleziona le babysitter online.[...]
    Tra clima e immaginazione: il meteorologo Luca Lombroso tra analisi e nuove visioni
    Tra clima e immaginazione: il meteorologo Luca Lombroso tra analisi e nuove visioni
    Lunedì 27 settembre, alle ore 10, incontro live streaming con il metereologo[...]
    Bomporto, Aipo cambia le guarnizioni ai portoni Vinciani
    Bomporto, Aipo cambia le guarnizioni ai portoni Vinciani
    Nuovo intervento di manutenzione straordinaria interamente finanziato da Aipo [...]
    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    Cavallo scavalca la recinzione e se ne va a spasso
    La sua presenza, però, non è passata inosservata[...]
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Fa un bonifico ma arriva a un truffatore: imbroglio sventato dai Carabinieri
    Vittima un imprenditore che voleva spostare 15 mila euro[...]
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    Animali, dopo il lockdown più rinunce di cani e gatti
    In aumento il numero degli animali affidati alle strutture intercomunali: quest’anno già oltre 50, mentre continuano i controlli sulle staffette illegali dal sud Italia[...]
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Massa Finalese, l'incredibile storia di Giulia e Leda: si sposano grazie all'incontro col "bambino zero" di "Veleno"
    Grazie alla conoscenza comune del "bambino zero" e del giornalista Pablo Trincia, Giulia e Leda si sono conosciute e sposate nel giro di pochi mesi[...]