Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
29 Maggio 2022

Geriatria, a Baggiovara l’assistenza al paziente affetto da demenza diventa olistica

BAGGIOVARA – Una “snoezelen room” o “stanza multisensoriale” per la cura dei pazienti affetti da demenza e delirium che prevede un’assistenza olistica e centrata sulla persona. L’approccio, che stimola il paziente attraverso i cinque sensi a fianco della terapia farmacologica, viene utilizzato, si legge nel comunicato stampa diffuso dall’Aou di Modena, ormai dal 2015 all’Ospedale Civile di Baggiovara nella Struttura Complessa di Geriatria, ove è presente una stanza con strumentazione dedicata, che accoglie in modo continuativo un paziente ricoverato.

“Il trattamento di stimolazione multisensoriale è un approccio basato sulla stimolazione dei 5 sensi da utilizzare nell’ambito di un’assistenza centrata sul paziente”, precisa Francesca Neviani, dirigente medico della Struttura Complessa di Geriatria di Baggiovara diretta dal professor Marco Bertolotti. “Senza bisogno di coinvolgere processi cognitivi superiori del paziente, il trattamento è finalizzato a migliorare l’interazione con l’operatore, a ridurre l’agitazione e a favorire il recupero di abilità residue. Lo applichiamo anzitutto ai pazienti affetti da “delirium”, sindrome caratterizzata da deficit di attenzione e disturbi del comportamento che registra una prevalenza tra il 14 e il 24% all’ingresso del ricovero e un’incidenza tra il 6 e i 56% durante la permanenza nei reparti a seconda dell’ambito di ricovero. Ma lo applichiamo anche ai pazienti afflitti da demenza, patologia che affligge circa il 20% della popolazione anziana ricoverata in ospedale”.

È del 2019 lo studio promosso dall’AOU di Modena “Descrizione dell’efficacia degli interventi psicosociali (approccio snoezelen) sui disturbi comportamentali dei pazienti affetti da demenza o delirium ricoverati in reparto per acuti” che riguardava due gruppi di pazienti. L’uno era stato sottoposto a combinazione di terapia farmacologica e intervento di stimolazione sensoriale + educazione al caregiver, l’altro era stato trattato con la sola terapia farmacologica. Alla dimissione i disturbi del comportamento miglioravano in entrambi i casi, ma nel primo gruppo il miglioramento era in media di 10 punti maggiore rispetto al secondo. Inoltre, dopo un mese il gruppo trattato con farmaco e intervento non farmacologico continuava a migliorare rispetto al gruppo “solo farmaco” che, raggiunto un plateau dovuto all’effetto del farmaco, si manteneva stabile nel tempo.

“Nella nostra struttura la “Snoezelen Room” è presente da sette anni”, prosegue Neviani. “L’intervento viene somministrato da personale formato tre volte alla settimana per 40 minuti e consiste nella la stimolazione del paziente attraverso attività semplici, che coinvolgono sempre i cinque sensi. Ad esempio, guardare filmati, ascoltare musica, annusare aromi, avvolgere gomitoli, toccare un peluche, piegare pezze di stoffa e così via”.

Prosegue ancora Neviani: “I nostri pazienti hanno spesso bisogno di cure speciali che vanno ben oltre quella del corpo e che riguardano anzitutto i loro bisogni. Che sono, ad esempio, l’essere rassicurati, occupati, riorientati, avere i familiari vicino, ricevere attenzione, non provare dolore, potersi muovere liberamente. Rispondere a questi bisogni significa dar loro benessere. La snoezelen room non è dunque solo una stanza, ma un vero e proprio modo di lavorare e di assistere”.

Obiettivi di questa metodica sono la riduzione dell’uso di farmaci sedativi, il miglioramento del ritmo sonno-veglia, lo sviluppo di competenze assistenziali nei familiari attraverso percorsi formativi. “Potrà quindi capitare – prosegue Neviani – di vedere Luigi che, mentre riceve la terapia antibiotica per via endovenosa, ascolta la sua canzone preferita e ne scrive a macchina il testo, di vedere Carla impegnata a stirare delle stoffe o di trovare Gianna che accudisce una bambola per tenere la maschera a ossigeno. Creme per massaggi, aromi e profumi, video, immagini, luci, musica, ma anche gomitoli, carte da gioco, giornali e libri diventano alleati degli operatori nella cura dei pazienti ricoverati”.

Tutti gli interventi effettuati hanno un tempo di somministrazione e vengono monitorati nei loro effetti, valutando il benessere provocato e la riduzione dei disturbi del comportamento.

“I disturbi della sfera cognitiva – conclude il prof. Bertolotti – rappresentano attualmente una sfida per il benessere sanitario e sociale della nostra popolazione; l’aumento dell’età media e dall’aspettativa di vita porta ad un continuo aumento della loro prevalenza, nonostante il miglioramento delle strategie di prevenzione dei fattori di rischio. Di fronte a questa vera e propria emergenza la struttura Ospedaliera deve mostrarsi preparata a fornire ai nostri anziani la miglior assistenza possibile, in caso di necessità di ricovero. Avere a disposizione degli strumenti che sfruttano in modo non invasivo la stimolazione sensoriale può rivelarsi una risorsa importantissima per gestire i nostri Pazienti in caso di disturbi del comportamento, limitando al massimo il ricorso a trattamenti di contenzione, sia fisica che farmacologica; confidiamo quindi di poter implementare con continuità queste strategie nel prossimo futuro”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Devitalizzare un dente fa male?
Devitalizzare un dente fa male? E' la domanda che ci si pone quando ci si prospetta una estrazioneleggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri” De culpabili amore dell’esordiente mirandolese Filippo Reggiani
La mirandolese Francesca Monari ci porta in viaggio tra le pagine dei suoi libri preferitileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Due parole sull'economia italiana
L’aumento dei prezzi dei beni energetici e di quelli alimentari stanno gravando molto su imprese e famiglie.leggi tutto
Consigli di salute
Come raddrizzare i denti storti senza apparecchio
Sono uno dei problemi odontoiatrici più diffusi tra persone di ogni età. E non è solo una questione esteticaleggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Le perfezioni di Vincenzo Latronico
La mirandolese Francesca Monari ci porta in viaggio tra le pagine dei suoi libri preferitileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Per i diversamente abili dai 15 anni in su, ecco le iniziative estive di Anffass Mirandola
    Previsti sport, balli, canti e giochi: la sede principale delle attività sarà a Cavezzo. Sono previste uscite sul territorio e giornate in piscina.[...]
    Donne straniere a scuola di italiano a Medolla grazie alla Zerla
    Dal novembre 2021 a maggio 2022 ben 40 donne straniere hanno frequentato i quattro corsi proposti e gestiti dalla cooperativa sociale[...]
    A Cavezzo al posto dell'ex magazzino comunale nuovi spazi per lo sport
    Ci sarà la palestra della Boxe Cavezzo e qui la Polisportiva ha aperto la nuova sede.[...]

    Curiosità

    A Mirandola tour su bus a due piani. E le guide sono gli studenti delle medie
    A Mirandola tour su bus a due piani. E le guide sono gli studenti delle medie
    Si ripercorre la storia di Mirandola, attraverso i suoi luoghi più simbolici e conosciuti[...]
    La visita di Mattarella e il ritorno dei sorrisi dei bambini - LA CRONACA
    La visita di Mattarella e il ritorno dei sorrisi dei bambini - LA CRONACA
    Il presidente della Repubblica è stato accolto con calore nel decimo anniversario del terremoto a Medolla e a Finale Emilia. Commosso l'ex presidente Errani. [...]
    A Finale Emilia torna a zampillare la fontana
    A Finale Emilia torna a zampillare la fontana
    Un simbolo di rinascita che accompagna il ricco programma di iniziative per celebrare il Decennale: a Finale Emilia e in tutta la Bassa.[...]
    Da aspirante medico a Chef: Carlotta Lolli la cuoca cresciuta tra mattarelli e frutteti
    Da aspirante medico a Chef: Carlotta Lolli la cuoca cresciuta tra mattarelli e frutteti
    Una bella storia di imprenditoria giovanile quella della ventottenne modenese che poche ore dopo aver accantonato la lettera di ammissione alla Facoltà di Medicina, si è ritrovata Allieva della Scuola Internazionale di Cucina Italiana a Colorno[...]
    Ligabue, Pavarotti e quella volta a Rovereto sul Secchia
    Ligabue, Pavarotti e quella volta a Rovereto sul Secchia
    Il Tropical di Rovereto è stata negli anni '70 una delle balere più atpiche della Bassa dove al posto del liscio, si ballava la disco music.[...]
    Mirandola, incidente tra due auto e una bici in via Libertà
    Mirandola, incidente tra due auto e una bici in via Libertà
    Gli agenti della polizia locale di Mirandola sono ancora sul posto per i rilievi.[...]
    I bassorilievi dell'istituto Corni rimessi a nuovi coi pedaggi di Autobrennero
    I bassorilievi dell'istituto Corni rimessi a nuovi coi pedaggi di Autobrennero
    I lavori di restauro delle ceramiche sulla facciata della scuola di viale Tassoni, realizzate dallo scultore friulano Luciano Ceschia, dureranno per un mese[...]
    Emilia-Romagna prima regione in Italia per uso del Fascicolo Sanitario Elettronico (Fse)
    Emilia-Romagna prima regione in Italia per uso del Fascicolo Sanitario Elettronico (Fse)
    È quanto emerge dalla rilevazione effettuata dal Ministero della Sanità e da quello dell’Innovazione tecnologica [...]
    Stupido Hotel Show Rimini: ecco l'elenco ufficiale dei concorrenti
    Stupido Hotel Show Rimini: ecco l'elenco ufficiale dei concorrenti
    Lo Stupido Hotel show è una vacanza-show in stile 'Grande fratello': dove non paghi l'albergo ma rinunci alla privacy.[...]
    • malaguti