Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
28 Gennaio 2022

L’autore di Finale Emilia Carlo Tassini si racconta

FINALE EMILIA – Carlo Felice Tassini è nato a Finale Emilia dove vive. Biologo, insegna Scienze Naturali in un liceo, ed è uscito di recente col suo nuovo libro. La redazione di SulPanaro lo ha incontrato e gli ha fatto qualche domanda sulla scrittura e sulle nuove fatiche letterarie, nate durante il lockdown.

  • Come nasce la passione per la scrittura e il raccontare?

Da ragazzo mi fu prestata una vecchia lettera 22 della Olivetti con la quale avrei dovuto battere a macchina il testo di una ricerca scolastica. Ricordo che dopo aver terminato il lavoro per la scuola, vestendo per gioco i panni dello scrittore, scrissi di getto un breve racconto che molti anni più tardi feci leggere ad un’amica alla quale piacque a tal punto che decise di spedirlo, a mia insaputa, ad un concorso dove gli fu assegnata una menzione speciale. Per me fu una grande sorpresa, motivo per cui fui spinto a partecipare ad altri premi letterari per capire se si fosse trattato di un colpo di fortuna o se effettivamente avessi un po’ di talento. 

Il primo libro che scrissi – da tempo ormai fuori catalogo – conteneva tutti racconti vincitori o segnalati in vari concorsi. Ricordo che il mio editore di allora trovò il modo di farmelo presentare alla fiera del libro di Torino, esperienza che ricordo come davvero emozionante.

Con il passare del tempo la passione per la scrittura non è mai scomparsa ma ha dovuto fare i conti con altre mie passioni e il poco tempo lasciato dal lavoro. Ciò nonostante, ciclicamente, sento il bisogno di trasferire su carta le tante storie che mi si affastellano nella mente. Penso sia un esercizio utile per mettere in ordine i molti pensieri orfani di organizzazione e dispersi in chissà quale meandro del sistema nervoso, una sorta di deframmentazione di quel disco fisso biologico che è il mio cervello.

  • L’esperienza come insegnante ha formato in qualche modo la scrittura?

Qualche volta mi è capitato, al termine di una serata di presentazione di un libro, di essere avvicinato da alcuni lettori, a volte insegnanti di italiano, convinti che io fossi laureato in lettere e dunque a mia volta un docente di italiano. Ma il mio percorso di formazione culturale è passato attraverso una laurea in biologia e un dottorato di ricerca in entomologia applicata, ambienti di studio lontani dal mondo della scrittura creativa. Poi sono approdato all’insegnamento di materie scientifiche e ho quindi iniziato a confrontarmi con tematiche che mal si adattano a descrizioni letterarie. Certo è che un’insegnante, indipendentemente dalla materia di insegnamento, è per forza di cose costretto a leggere e scrivere molto e questo finisce per essere un allenamento che credo mi sia servito. Per lavoro ho scritto spesso relazioni tecniche e articoli scientifici, ho quindi imparato a fare uso di una tecnica di scrittura la cui caratteristica di fondo risiede nella semplicità sintattica, frasi brevi e termini e sinonimi specifici. Forse non è molto per definire uno stile di scrittura personale, ma è il mio modo di scrivere, almeno per ora. Più in generale direi che il mio approccio alla scrittura può essere ricondotto a due semplici precetti: scrivo cercando di seguire le regole grammaticali ed evitando i cliché.

Quindi, in sintesi, per tornare alla domanda iniziale, dirò che sì, credo che il lavoro d’insegnante abbia influenzato il mio modo di scrivere, anche se immagino che ulteriori influenze, assorbite in modo inconscio, siano venute dalla lettura di libri di grandi autori.

Legata allo stile di scrittura c’è poi l’esperienza di essere tradotto in un’altra lingua. A luglio di quest’anno ho letto la traduzione in spagnolo del mio libro Sono via con Jethro (Estoy lejos con Jetro) e, in questa occasione, ho avuto modo di verificare che nonostante la traduttrice che ha lavorato sul testo abbia tentato di rimanere il più possibile aderente al mio modo di scrivere, ha dovuto operare alcune scelte sintattiche (peraltro concordate con il sottoscritto) che seppure poco hanno contribuito a mutare l’impatto della narrazione. Ho sempre saputo che il ruolo del traduttore è molto importante, ma verificarlo in prima persona sul proprio lavoro mi ha fatto riflettere e ho finito con il chiedermi quanto questo meccanismo possa avere agito sui tanti romanzi tradotti che ho letto. Purtroppo, non credo che potrò mai rispondere a questa domanda e non mi resta che invidiare quei lettori che hanno competenze linguistiche tali da poter leggere i libri nelle lingue originali. 

  • Ci parla dell’ultima fatica letteraria?

Durante il lockdown ho avuto molto tempo per scrivere e mi è venuto naturale rinforzare una sorta di sdoppiamento che avevo già attivato nel 2019. Ho scritto e pubblicato due libri in formato tascabile ed ebook. Lo sdoppiamento a cui mi riferisco non è legato al fatto che ho lavorato su due storie in contemporanea, ma all’uso di uno pseudonimo nello scrivere una delle due, quella che si potrebbe definire del mistero. Poiché sono state pubblicate a poche settimane di distanza l’una dall’altra le mie ultime fatiche letterarie sono dunque due.

Lo pseudonimo che ho utilizzato è Charlie Taxin. La traduzione “maccheronica” del mio nome e cognome in inglese dovrebbe evidenziare fin da subito che non c’è da parte mia la volontà di mantenere un vero anonimato ma, piuttosto, la ricerca della possibilità di esprimermi attraverso una sorta di alter ego che mi consenta di scrivere racconti con una connotazione di genere, nel caso specifico il poliziesco. 

Il libro in questione ha titolo “Quel bastardo del mio amico Alzhi”, ed è una storia che si sviluppa in un ipotetico paese della bassa modenese dal nome significativo di Malcantone. 

In questo territorio opera il maresciallo Pietro Tibuia (cognome mutuato dalla torta degli ebrei tipicamente finalese conosciuta anche come sfogliata), un carabiniere che ha rinunciato alla carriera nell’Arma per amore della tranquillità, motivo per cui ha scelto di comandare una piccola caserma sita in provincia. Tuttavia, anche nel tranquillo lavoro di un carabiniere di paese può capitare di scoprire storie interessanti come quella raccontata da un anziano signore trovato in apparente stato confusionale dalla pattuglia delle otto. L’uomo parlerà di un misterioso e lungo viaggio, bellissimo e terribile al contempo. Qualcuno lo prenderà per pazzo. L’esperienza di vita e la saggezza del maresciallo Tibuia saranno le vere e sole chiavi di lettura dell’intera storia.

Il libro che ho pubblicato come Carlo Felice Tassini ha titolo “Lo spettacolo di Jack Talento” ed è, a differenza del precedente, una raccolta di monologhi e racconti brevi molto differenti tra loro e non classificabili in un genere preciso ed unico. Nonostante le storie possano sembrare opera di pura fantasia, magari strane e singolari, nello scriverle ho attinto a piene mani da accadimenti reali. 

In questo libro racconto di un pianista che deve comunicare al suo vecchio pianoforte che hanno perso il lavoro, delle vicissitudini di un virtuoso della tromba, di una incredibile confessione fatta a un prete, della nascita di una vera principessa, di un uomo capace di ascoltare l’inascoltabile e di un pazzo dalla logica ferrea. 

Sui siti internet dove il libro è in vendita (amazon in primis) è presentato sinteticamente nel seguente modo: “Monologhi e storie brevi dal retrogusto intenso e persistente.
Molta musica, molti colori, qualche gioia e qualche dolore”.

Dove trovare tutte le info: Carlo Felice Tassini – Official Website

LEGGI ANCHE:
“Cinquanta & cinquanta”, i racconti di Tassini e Terzi a Mirandola

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere della birra
La rubrica "Appunti di gusto", a cura di Francesca Monarileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Impianti dentali: i vantaggi
Vuoi tornare ad avere un sorriso splendente in maniera rapida e senza problemi? L’impianto dentale potrebbe essere la soluzione ai tuoi problemi.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere del latte
La rubrica "Appunti di gusto", a cura di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Perché esiste il fenomeno dei no-vax?
Grazie ad un’attenta e pianificata campagna vaccinale il morbillo è praticamente sparito nei Paesi a capitalismo avanzato. Purtroppo ancor oggi esistono focolai di morbillo nei Paesi in via di sviluppo.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere della cannella
La rubrica "Appunti di gusto", a cura di Francesca Monarileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFesta della Polizia Locale Area Nord a San Felice
    • WatchPresidio degli agenti della Polizia Locale davanti alla Prefettura di Modena
    • WatchEcco il primo nato del 2022 a Modena: si chiama Leonardo

    La buona notizia

    Nuovo numero di telefono Ausl Modena per chi ha problemi con l'isolamento Covid
    Si ricorda ai cittadini che in caso di sintomi non bisogna recarsi né in farmacia né in ospedale, ma contattare immediatamente il medico di medicina generale o il pediatra.[...]
    Mirandola, alla Medtronic nuovo impianto per ridurre le emissioni di Co2
    L'azienda, inoltre, continua ad espandersi: è stata siglata, infatti, l’acquisizione per 925 milioni di dollari di Affera Inc[...]
    Trapianti di fegato, Modena al top nazionale
    Un anno da record quello appena trascorso, nonostante le criticità per il mondo della sanità, specie per i trapianti da donatore vivente[...]

    Curiosità

    "Il cacciatore di anatre" sbarca su Prime: è il film collettivo della Bassa Modenese
    "Il cacciatore di anatre" sbarca su Prime: è il film collettivo della Bassa Modenese
    Il film racconta un pezzo della nostra storia, e più di 500 persone tra Mirandola, Finale Emilia e San Felice vi hanno partecipato[...]
    Elisabetta Belloni, chi è la "modenese" di cui si parla per la presidenza della Repubblica
    Elisabetta Belloni, chi è la "modenese" di cui si parla per la presidenza della Repubblica
    Sessantaquattro anni, madre di Sestola e casa di famiglia sull'Appennino Modenese, è attualmente direttrice generale del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza[...]
    Anziani cardiopatici, imparare a usare Internet per essere curati meglio
    Anziani cardiopatici, imparare a usare Internet per essere curati meglio
     Solo il 25% dei pazienti cardiologici dai 75 anni in su utilizza mezzi digitali convenzionali come motori di ricerca, mail, smartphone e app, secondo uno studio della Cardiologia del Policlinico di Modena[...]
    San Sebastiano, consegnati gli encomi agli agenti di Polizia Locale Mirandola
    San Sebastiano, consegnati gli encomi agli agenti di Polizia Locale Mirandola
    Sono andati al commissario Emanuela Ragazzi, all'assistente capo Valerio Zoni all'agente Danilo Cardella e all'agente Di Canosa[...]
    Covid, faceva tamponi abusivi nel suo negozio di scarpe a Mirandola
    Covid, faceva tamponi abusivi nel suo negozio di scarpe a Mirandola
    Il commerciante non solo effettuava direttamente i prelievi dai nasi delle persone con sospetto di contagio, ma poi effettuava anche il controllo e l'analisi.[...]
    Si dimette il sindaco di Bomporto Angelo Giovannini
    Si dimette il sindaco di Bomporto Angelo Giovannini
    Scrive: "Ci ho provato, mi arrendo e cedo il posto, magari a qualcuno tra i tanti sempre pronti a insegnare come fare o a dirci che ci teniamo strette le poltrone"[...]
    Attacco hacker durante convegno in Senato: video porno durante l'intervento della senatrice Mantovani
    Attacco hacker durante convegno in Senato: video porno durante l'intervento della senatrice Mantovani
    Momenti di imbarazzo nel corso di un incontro, trasmesso in streaming, sulla "Pubblica amministrazione trasparente"[...]
    La sulada, una torta squisita da salvare
    La sulada, una torta squisita da salvare
    L'appello del giornalista dendrogastronomico Carlo Mantovani[...]
    In aeroplano per 22 mila km per per raggiungere la Kamchatka
    In aeroplano per 22 mila km per per raggiungere la Kamchatka
    Ad affrontare questa avventura a tappe 35 piloti, tra uomini e donne, provenienti dall'Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Puglia, Veneto e Sicilia.[...]
    Finale Emilia a "C'è posta per te", la commovente storia di Salvatore Loverso
    Finale Emilia a "C'è posta per te", la commovente storia di Salvatore Loverso
    Domenica da Maria De Filippi in scena è stato chiamato Salvatore, invitato da un "postino" del programma che era arrivato nei giorni scorsi a Finale Emilia.[...]