Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
29 Maggio 2022

Agricoltura, l’Emilia-Romagna investe su bio e tradizione

L’assessore Mammi: “Opportunità strategiche per il nostro territorio dal biologico e dalla valorizzazione dei prodotti locali. Ci aspettiamo il giusto sostegno alla buona agricoltura della nostra terra da prossimi documenti di Politica agricola comune e Programma di sviluppo rurale”. Inaugurato oggi il Sana Restart presso BolognaFiere. Nello stand della Regione siglata la nuova intesa con il presidente regionale di Slow Food Italia, Antonio Cherchi

Emilia-Romagna sempre più bio. Negli ultimi sette anni, da quando è attivo il Programma di sviluppo rurale 2014-2020, sono cresciute del 71% le imprese biologiche di produzione e di trasformazione certificate raggiungendo, da Piacenza a Rimini, la cifra di 6.100 unità, di cui 5150 (l’85%) vere e proprie imprese agricole.

Nello stesso tempo lo scorso anno la nostra regione contava 165mila ettari di superficie agricola utilizzata a bio, che nel corso del 2020 è aumentata fino a superare i 172mila ettari.

Numeri che fanno dell’Emilia-Romagna la prima regione in Italia per le imprese di trasformazione agroindustriale e commercializzazione/importazione di prodotti biologici (1.270 nel 2019) e per impiego di prodotti biologici nelle mense regionali, in particolare in quelle scolastiche.

Con questo biglietto da visita è stato inaugurato questa mattina Sana Restart – il Salone internazionale del biologico e del naturale in programma dal 9 all’11 ottobre presso BolognaFiere – cui la Regione Emilia-Romagna ha confermato anche quest’anno la propria partecipazione con uno stand nel quale, proprio oggi, l’assessore regionale all’Agricoltura, Alessio Mammi, ha firmato il nuovo protocollo insieme al presidente regionale dell’associazione Slow Food Italia, Antonio Cherchi, con l’obiettivo prioritario di sostenere le piccole produzioni tradizionali.

E che la Regione guardi al biologico come buona pratica di coltivazione in grado di nutrire la terra in modo sostenibile – per il ruolo di rilievo nella difesa del clima e della biodiversità -, lo dimostra l’impegno di questi ultimi sette anni.

Nel corso dell’ultimo Programma di sviluppo rurale quasi il 30% delle risorse sono state destinate, infatti, alle aziende biologiche.

Complessivamente 125milioni di euro sono stati immessi nel bio attraverso il Psr per la copertura dei costi di certificazione, la promozione dei prodotti, gli investimenti aziendali e di filiera, l’insediamento dei giovani agricoltori, garantendo le indennità compensative per le aree svantaggiate, promuovendo gli interventi di cooperazione per innovazione (come i Goi). E nel corso degli ultimi mesi, anche per sostenere le aziende alle prese con gli effetti della pandemia, si sono aggiunti ulteriori 7,3 milioni di euro che hanno permesso di approvare nuovi progetti grazie allo scorrimento delle graduatorie dei bandi.

“Il biologico è un’opportunità strategica per i nostri agricoltori- spiega l’assessore Mammi– che unisce crescita professionale e competenze al giusto reddito, oltre ad essere una scelta sostenibile per il suolo come forma di nutrimento e rotazione che viene sempre più premiata dai consumatori. La tragica vicenda del Covid ci ha restituito una consapevolezza: la salute e il cibo sono tornati infatti a essere centrali nella vita delle persone. Investire nel biologico diventa pertanto una grande opportunità, soprattutto per un territorio come il nostro, che ha il maggior numero in Europa di prodotti Dop e Igp, in grado quindi di garantire la produzione di prodotti agricoli di qualità, controllati, tutelati”.

“La sfida- chiude l’assessore- è continuare questo percorso, anche grazie al sostegno che ci aspettiamo possa arrivare dal combinato disposto Pac-Psr a garanzia dell’endorsement fatto dalla Commissione europea all’agricoltura durante i mesi del lockdown e da cui ci aspettiamo atti concreti e conseguenti nei prossimi mesi”.

 

Il protocollo Slow Food: buono e locale, quando il cibo si lega al territorio

E nella cornice del Sana, presso il proprio stand, la Regione ha rinnovato oggi l’intesa con l’associazione Slow Food Italia, firmando un nuovo protocollo che impegna entrambi, e fino al 2022, alla promozione dei prodotti agricoli e alimentari che rappresentano l’identità culturale ed economica del territorio regionale e costituiscono un patrimonio di biodiversità e sostenibilità. Tra le finalità del protocollo, lo sviluppo di un programma di iniziative comuni per lo studio e la realizzazione di progetti volti a sostenere le piccole produzioni tradizionali rappresentative del territorio e della sua ricchezza in biodiversità, la promozione delle caratteristiche di sostenibilità e di qualità delle piccole produzioni (compresi i Presidi su mercati locali, nazionali e internazionali) e l’individuazione di percorsi di formazione dei produttori per accrescerne la professionalità, la conoscenza delle produzioni locali e la consapevolezza del proprio ruolo rispetto alla valorizzazione dell’identità del territorio.

“Abbiamo bisogno sempre più di promuovere l’agroalimentare anche come testimonianza della sapienza antichissima dell’uomo, tramandata di generazione in generazione- sottolinea Mammi-. È nostro dovere quindi promuovere e valorizzare tutte quelle produzioni locali che costituiscono il tessuto socio-culturale delle nostre comunità. E in questa cornice, il rinnovo dell’intesa con Slow Food, dopo la proficua collaborazione che ci ha legato dal 2018 ad oggi, rappresenta un fondamentale tassello per proseguire nel percorso virtuoso di un’agricoltura in grado di innovarsi nel pieno rispetto della tradizione”.

“Siamo contenti di proseguire questa collaborazione con la Regione Emilia-Romagna sulla valorizzazione del territorio e sulla biodiversità biologica e culturale- aggiunge il presidente regionale di Slow Food, Antonio Cherchi-. È importante continuare a riflettere sul futuro del cibo, un argomento in forte connessione con il futuro del nostro Pianeta. È importante promuovere il cibo, rispettoso verso la salute individuale, sostenibile dal punto di vista ambientale, ed etico rispetto alla società. La sfida per il futuro è continuare il confronto su queste tematiche in un territorio complesso e ricco di peculiarità locali come quello regionale”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Devitalizzare un dente fa male?
Devitalizzare un dente fa male? E' la domanda che ci si pone quando ci si prospetta una estrazioneleggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri” De culpabili amore dell’esordiente mirandolese Filippo Reggiani
La mirandolese Francesca Monari ci porta in viaggio tra le pagine dei suoi libri preferitileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Due parole sull'economia italiana
L’aumento dei prezzi dei beni energetici e di quelli alimentari stanno gravando molto su imprese e famiglie.leggi tutto
Consigli di salute
Come raddrizzare i denti storti senza apparecchio
Sono uno dei problemi odontoiatrici più diffusi tra persone di ogni età. E non è solo una questione esteticaleggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Le perfezioni di Vincenzo Latronico
La mirandolese Francesca Monari ci porta in viaggio tra le pagine dei suoi libri preferitileggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    Per i diversamente abili dai 15 anni in su, ecco le iniziative estive di Anffass Mirandola
    Previsti sport, balli, canti e giochi: la sede principale delle attività sarà a Cavezzo. Sono previste uscite sul territorio e giornate in piscina.[...]
    Donne straniere a scuola di italiano a Medolla grazie alla Zerla
    Dal novembre 2021 a maggio 2022 ben 40 donne straniere hanno frequentato i quattro corsi proposti e gestiti dalla cooperativa sociale[...]
    A Cavezzo al posto dell'ex magazzino comunale nuovi spazi per lo sport
    Ci sarà la palestra della Boxe Cavezzo e qui la Polisportiva ha aperto la nuova sede.[...]

    Curiosità

    A Mirandola tour su bus a due piani. E le guide sono gli studenti delle medie
    A Mirandola tour su bus a due piani. E le guide sono gli studenti delle medie
    Si ripercorre la storia di Mirandola, attraverso i suoi luoghi più simbolici e conosciuti[...]
    La visita di Mattarella e il ritorno dei sorrisi dei bambini - LA CRONACA
    La visita di Mattarella e il ritorno dei sorrisi dei bambini - LA CRONACA
    Il presidente della Repubblica è stato accolto con calore nel decimo anniversario del terremoto a Medolla e a Finale Emilia. Commosso l'ex presidente Errani. [...]
    A Finale Emilia torna a zampillare la fontana
    A Finale Emilia torna a zampillare la fontana
    Un simbolo di rinascita che accompagna il ricco programma di iniziative per celebrare il Decennale: a Finale Emilia e in tutta la Bassa.[...]
    Da aspirante medico a Chef: Carlotta Lolli la cuoca cresciuta tra mattarelli e frutteti
    Da aspirante medico a Chef: Carlotta Lolli la cuoca cresciuta tra mattarelli e frutteti
    Una bella storia di imprenditoria giovanile quella della ventottenne modenese che poche ore dopo aver accantonato la lettera di ammissione alla Facoltà di Medicina, si è ritrovata Allieva della Scuola Internazionale di Cucina Italiana a Colorno[...]
    Ligabue, Pavarotti e quella volta a Rovereto sul Secchia
    Ligabue, Pavarotti e quella volta a Rovereto sul Secchia
    Il Tropical di Rovereto è stata negli anni '70 una delle balere più atpiche della Bassa dove al posto del liscio, si ballava la disco music.[...]
    Mirandola, incidente tra due auto e una bici in via Libertà
    Mirandola, incidente tra due auto e una bici in via Libertà
    Gli agenti della polizia locale di Mirandola sono ancora sul posto per i rilievi.[...]
    I bassorilievi dell'istituto Corni rimessi a nuovi coi pedaggi di Autobrennero
    I bassorilievi dell'istituto Corni rimessi a nuovi coi pedaggi di Autobrennero
    I lavori di restauro delle ceramiche sulla facciata della scuola di viale Tassoni, realizzate dallo scultore friulano Luciano Ceschia, dureranno per un mese[...]
    Emilia-Romagna prima regione in Italia per uso del Fascicolo Sanitario Elettronico (Fse)
    Emilia-Romagna prima regione in Italia per uso del Fascicolo Sanitario Elettronico (Fse)
    È quanto emerge dalla rilevazione effettuata dal Ministero della Sanità e da quello dell’Innovazione tecnologica [...]
    Stupido Hotel Show Rimini: ecco l'elenco ufficiale dei concorrenti
    Stupido Hotel Show Rimini: ecco l'elenco ufficiale dei concorrenti
    Lo Stupido Hotel show è una vacanza-show in stile 'Grande fratello': dove non paghi l'albergo ma rinunci alla privacy.[...]
    • malaguti