Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Le valli dell’Himalaya “fabbrica” di aereosol

La “fabbrica Himalayana di aerosol” può influenzare il clima. E’ la conclusione cui è giunto un gruppo di ricerca internazionale, coordinato dal Prof. Federico Bianchi dell’Institute for Atmospheric and Earth System Research (INAR) dell’Università di Helsinki, a cui ha collaborato anche una unità Unimore, rappresentata dal Prof. Alessandro Bigi del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari”. In una remota valle dell’Himalaya, infatti, gli scienziati hanno potuto accertare per la prima volta che la frequente formazione di numerose nuove particelle atmosferiche, che avviene lì, è dovuta a gas emessi dalla vegetazione a quote più basse, e che un processo simile con grande probabilità si ha in altre valli della stessa catena montuosa, facendo dell’Himalaya una “fabbrica di aerosol”. Lo studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature Geoscience.

Lo studio mira alla comprensione dei cambiamenti climatici degli ultimi 100 anni, basandosi su una conoscenza il più accurata possibile delle condizioni atmosferiche precedenti il grande processo di industrializzazione del ‘800. E per questo il gruppo internazionale di ricerca, coordinato dal Prof. Federico Bianchi dell’Institute for Atmospheric and Earth System Research (INAR) dell’Università di Helsinki, e di cui ha fatto parte anche il Prof. Alessandro Bigi del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” dell’Università di Modena e Reggio Emilia, ha cercato un luogo incontaminato nel mondo, dove l’influenza umana fosse minima.

alla Piramide dell’Osservatorio Climatico del Nepal, situata in prossimità del campo base dell’Everest a 5050 m. sul livello del mare, il gruppo internazionale di ricercatori ha appena completato un ampio studio pubblicato il 7 dicembre sulla prestigiosa rivista scientifica Nature Geoscience dal titolo “Biogenic particles formed in the Himalaya as an important source of free tropospheric aerosols” (Le particelle di origine naturale formatesi sull’Himalaya sono un’importante fonte dell’aerosol presente in troposfera libera).

Qui, nelle valli dell’Himalaya sono stati in grado di studiare la formazione del particolato atmosferico a grande distanza da attività umane.

La formazione di nuove particelle è un fenomeno abbastanza comune, ma il suo processo è ancora in parte inspiegato. Per la prima volta siamo riusciti a provare che con molta probabilità in questa valle i gas che danno origine a nuove e numerose particelle sono composti organici emessi dalla vegetazione a quote più basse  spiega il Professore Alessandro Bigi di Unimore -. Queste sono poi trasportate in troposfera libera, una regione dell’atmosfera con pochissima influenza antropica diretta”.

Le particelle appena formate hanno un’origine naturale con poche evidenze di coinvolgimento di inquinanti antropici. Questo processo è quindi probabilmente immutato dal periodo pre-industriale, e può rappresentare una delle principali fonti che hanno contribuito all’aerosol in alta atmosfera in quel periodo. Queste nuove osservazioni sono quindi importanti per stimare meglio la concentrazione di base in periodo pre-industriale per gli aerosol in questa ampia regione.

Inoltre le particelle prodotte, una volta in alta atmosfera, possono influenzare il clima agendo come nuclei per la condensazione delle nubi. Queste nuove scoperte riguardo alla formazione e alle sorgenti di particolato sono importanti e la loro inclusione in modelli climatici può migliorare la comprensione del clima passato e la previsione del clima futuro.

Lo studio descrive, dunque, la catena Himalayana come una “fabbrica di aerosol” che produce continuamente una grande quantità di particelle, inviate direttamente nell’atmosfera sopra l’Everest. Da queste misure è stato possibile stimare che il trasporto di particelle può aumentare la concentrazione attuale di particolato sopra l’Himalaya del doppio o più.

E’ la prima volta che gli scienziati considerano la circolazione di venti montani come una possibile fonte di particolato atmosferico in troposfera libera.

Ulteriori ricerche dovranno essere condotte per quantificare meglio questo fenomeno e per indagarlo anche in altre regioni di alta montagna.

Il contributo modenese viene dal gruppo di ricercatori e ricercatrici raccolti attorno al laboratorio LARMA (www.larma.unimore.it), impegnato da tempo su tematiche ambientali, i quali avevano l’incarico di analizzare e interpretare i livelli di nanoparticolato misurati dai vari strumenti in relazione alla meteorologia locale lungo tutta la valle, per capire quando e in quali condizioni meteorologiche avviene la formazione di nuove particelle.

Lo studio, che porta la firma di F. Bianchi, H. Junninen, A. Bigi, V. A. Sinclair, L. Dada, C. R. Hoyle, Q. Zha, L. Yao, L. R. Ahonen, P. Bonasoni, S. Buenrostro Mazon, M. Hutterli, P. Laj, K. Lehtipalo, J. Kangasluoma, V.-M., Kerminen, J. Kontkanen, A. Marinoni, S. Mirme, U. Molteni, T. Petäjä, M. Riva, C. Rose, K. Sellegri, C. Yan, D. R. Worsnop, M. Kulmala, U. Baltensperger and J. Dommen, è disponibile all’indirizzo https://www.nature.com/articles/s41561-020-00661-5

Alessandro Bigi

E’ Professore Associato di Ingegneria Sanitaria e Ambientale all’Università di Modena e Reggio Emilia dove è giunto nel 2007 dopo aver conseguito la laurea in Ingegneria per l’Ambiente e Il Territorio (2002) e il Dottorato in Modellistica Fisica per la Protezione dell’Ambiente (2007) all’Università di Bologna. E’ stato visting scientist presso vari centri di ricerca di eccellenza internazionale (es. Paul Scherrer Institute, Svizzera) che si occupano di studi ambientali legati all’atmosfera e al clima, e ha ottenuto numerosi riconoscimenti, tra cui la firma di uno dei 50 articoli più citati nel 2010-2011 nell’importante rivista di settore “Atmospheric Environment”. Autore di 41 pubblicazioni scientifiche si occupa principalmente di misure sperimentali e modelli per lo studio dell’aerosol e dell’inquinamento atmosferico in ambiente urbano e remoto, oltre a tenere gli insegnamenti di Qualità dell’aria alla Laurea Magistrale in Ingegneria Civile-Ambientale e di Inquinamento atmosferico da emissioni veicolari alla Laurea Magistrale in Ingegneria del Veicolo.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca, nell'immaginario, è il posto che i libri li salva, non che li dà via. Abbiamo voluto capire di più su questa scelta intervistando Luca Verri, responsabile della biblioteca di Bomporto.[...]
    Giorgia Lupi, da Finale Emilia agli Stati Uniti per trasformare Dati in Opere d'Arte.
    Giorgia Lupi, da Finale Emilia agli Stati Uniti per trasformare Dati in Opere d'Arte.
    Espone al Museo di Arte Moderna di New York, ed è sua una delle più belle copertine del New York Times. La "designer dell'informazione" si racconta a Francesca Monari[...]
    Prepara per scherzo una torta alla marijuana, in 3 finiscono in ospedale
    Prepara per scherzo una torta alla marijuana, in 3 finiscono in ospedale
    Era una "tenerina" portata a casa di amici per festeggiare il Capodanno[...]