Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Dissesto idrogeologico e lotta all’emergenza climatica, Europa Verde chiede stop al taglio sistematico di alberi

Silvia Zamboni, Capogruppo Europa Verde nell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna: Contro la pratica diffusa in regione del taglio massiccio di decide di migliaia di alberi sugli argini dei fiumi chiediamo alla giunta regionale di adottare misure per la tutela dei boschi ripariali e spontanei. Lungo il Savena sono stati eliminati 50 mila alberi, e interventi simili ci sono stati su Senio (RA), Lamone (RA), Reno (BO), Secchia (MO), Tiepido (MO), Enza (RE e PR), Parma (PR), Baganza (PR). È importante piantare nuovi alberi, come ha chiesto Europa Verde, ma sono le piante di più di 20 anni a sequestrare i maggiori quantitativi di CO2. E sugli argini dei corsi d’acqua contribuiscono a contrastare il dissesto idrogeologico.

Il Gruppo Europa Verde dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna ha depositato oggi un’interrogazione per chiedere alla Giunta regionale se sia mai stata realizzata una mappatura cartografica dei boschi spontanei; se nel taglio dei boschi ripariali cresciuti lungo gli argini dei fiumi siano rispettate le norme a loro tutela, e se siano stati monitorati gli effetti post-taglio delle alberature in termini, ad esempio, di aumentata erosione delle sponde; se la giunta intenda prevedere incentivi per la massima tutela degli alberi cresciuti spontaneamente e di quelli di maggiore età in grado per questo di assicurare un maggior grado di fissazione della CO2.

L’interrogazione della capogruppo di Europa Verde Silvia Zamboni origina da un dossier redatto dal WWF di Bologna, “Stato di fatto dopo 5 anni dall’intervento di eliminazione della vegetazione spondale per 12 Km lungo il torrente Savena (Pianoro, BO)”, riguardante il taglio di alberi e la completa eliminazione di boschi nel territorio della provincia di Bologna. Quello lungo il fiume Savena è stato l’intervento di taglio di foresta ripariale più imponente negli ultimi anni: si sono persi circa 50 mila alberi di alto fusto lungo 12 chilometri del corso del fiume, per una superficie interessata di 50 ettari. Interventi simili sono abitualmente praticati anche lungo molti altri corsi d’acqua della regione, tra questi Senio (RA), Lamone (RA), Reno (BO), Secchia (MO), Tiepido (MO), Enza (RE e PR), Parma (PR), Baganza (PR). Il WWF stima che solo con la pratica della cosiddetta “pulizia” delle sponde dei corsi d’acqua vengano eliminati, in Emilia-Romagna, non meno di 100.000 alberi di alto fusto ogni anno, senza effettivi benefici ambientali per le comunità e i territori. La “pulizia” delle sponde dei fiumi non è il solo motivo della perdita di aree boschive. Interventi discutibili di taglio di alberi avvengono anche in collina e montagna e nelle città. A Bologna, in particolare, sono a rischio l’area boscata dei Prati di Caprara (oltre 40 ha), l’area del Lazzaretto (circa 10 ha), mentre nell’area ex Enea a Casalecchio di Reno (BO) anni fa sono stati abbattuti 5 ha di bosco.

“Tagliare alberi, quando non strettamente necessario per motivi acclarati di sicurezza, è controproducente sotto ogni punto di vista. La massima efficienza nell’assorbimento di CO2 avviene da parte di alberi con più di 20 anni, inoltre conferire in discarica o negli impianti a biomasse i fusti tagliati equivale a reimmettere in atmosfera tutta la CO2 sequestrata negli anni – dichiara Silvia Zamboni, Capogruppo di Europa Verde e Vice Presidente dell’Assemblea legislativa –. Gli interventi di taglio delle aree boschive ripariali, inoltre, non generano mai i benefici attesi, come dimostra il caso del Savena. I boschi cresciuti lungo gli argini dei corsi d’acqua e sulle sponde dei laghi sono infatti uno strumento naturale di contrasto al dissesto idrogeologico in quanto combattono l’erosione degli argini, riducono la velocità dell’acqua e il trasporto di materiale solido in caso di alluvioni. La Giunta dell’Emilia-Romagna, facendo propria una proposta di Europa Verde, è impegnata nella piantumazione di 4,5 milioni di nuovi alberi.  A fianco di questa importante azione è necessario però assicurare la massima tutela delle aree boschive esistenti – in particolare di quelle cresciute spontaneamente che sono più resilienti – anche per i maggiori effetti di mitigazione climatica che producono le piante ad alto fusto. Per queste ragioni chiediamo alla giunta regionale se queste aree siano state censite e cartografate, se sia monitorata l’efficacia o meno degli interventi di taglio e se siano previsti incentivi sia per la conservazione delle vecchie alberature urbane che garantiscono i migliori servizi ecosistemici, sia a sostegno della conservazione delle aree boscate spontanee o che stanno evolvendo verso il bosco in pianura”. 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Era stato messo in vendita sul web, sul mercato antiquario. Il 22 gennaio, venerdì, si terrà una cerimonia pubblica per la riconsegna del manoscritto recuperato.[...]
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Ripartono le attività di TiPì – Stagione di Teatro Partecipato, il progetto che dal 2016 anima la vita culturale dell'Area Nord della provincia di Modena, con l'iniziativa TPCM – Storie a domicilio.[...]
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Inaugurata l’innovativa sala Obeya, di tradizione nipponica, per migliorare i processi decisionali, la creatività e il lavoro di squadra[...]
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]