Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Modena a Tavola aderisce al movimento promosso dalle Associazioni  di Categoria e appoggiato da diverse associazioni di ristoratori nazionali

In una lettera il Consorzio riassume le proprie valutazioni e chiede alle organizzazioni di unire le forze e agire in modo rapido per tutelare un comparto che è ormai allo stremo

Mai come in questo momento è necessario unire le forze e le idee. Noi del Consorzio Modena a Tavola ne siamo fermamente convinti. Cerchiamo di costruire insieme un futuro possibile per il nostro settore e per quel mondo meraviglioso che ruota attorno ad esso. Sono queste le parole che chiudono la lettera che due giorni fa il Consorzio di Ristoratori Modena a Tavola ha indirizzato a tutte le Associazioni di Categoria Nazionali e ai Gruppi, Consorzi, Associazioni del settore Ristorazione per rimarcare che le azioni volte ad ottenere dalla politica provvedimenti necessari e non più procrastinabili a tutela e sostegno del settore della ristorazione che è ormai allo stremo siano ancora più incalzanti e incisive.

“Resistere, nel rispetto delle regole, è per noi un imperativo, ma occorre fare in fretta. Chiediamo a tutte le Associazioni di Categoria nazionali, unitamente ai Gruppi e Associazioni di settore con i quali siamo già in contatto, di formulare un documento di richieste da presentare agli organi di Governo e alle Amministrazioni Regionali” evidenzia il presidente del Consorzio Stefano Corghi.

L’obiettivo è di allargare il più possibile l’adesione ad unico movimento di pressione e al tempo stesso propositivo perché in questo modo aumenta in modo esponenziale il nostro “potere contrattuale” nell’ambito delle trattative con il Governo a livello nazionale e regionale per l’ottenimento di ristori adeguati, ma soprattutto per creare i presupposti per una sollecita riapertura regolamentata e sicura per operatori e clienti.

A tutte le Associazioni di Categoria Nazionali

 e ai Gruppi, Consorzi, Associazioni del settore Ristorazione 

Il Consorzio Modena a Tavola aderisce al movimento di protesta promosso dalle Associazioni di Categoria nazionali e appoggiato dalle varie Associazioni di Ristoratori operanti sul territorio nazionale. 

Consapevoli di rappresentare un settore fondamentale per l’economia italiana, espressione della intera filiera produttiva agro alimentare ed enologica del nostro paese, rivendichiamo il nostro diritto al lavoro, nella dignità e professionalità che sempre contraddistingue il nostro operato. Da circa un anno a questa parte, abbiamo rispettato le normative via via promosse dal Governo su indicazione del Comitato Tecnico Scientifico, per affrontare e contrastare la pandemia adottando tutte le misure cautelative imposte e necessarie a garantire la salute dei nostri collaboratori e dei nostri clienti. 

Abbiamo adeguato i nostri locali, investendo tempo, denaro ed energie per essere meritori della fiducia che i clienti ci hanno consapevolmente manifestato, continuando a frequentarci nei periodi e modalità concessi. Alcuni di noi hanno adeguato menu, servizi ed orari al sistema del delivery e dell’asporto (ruoli che non sono nel nostro DNA), mantenendo la qualità e la professionalità, unicamente per ribadire il nostro ruolo e una presenza, che nella maggior parte dei casi si è concretizzata con una maggiore fidelizzazione dei clienti. Alcuni di noi hanno fatto la scelta di chiudere per attendere tempi più consoni e per non incentivare maggiormente il danno economico che le condizioni pandemiche hanno creato. In ogni caso è stata dura, immensamente dura. Come sapere di potere rimanere aperti solo a mezzogiorno, ma non nei week end, o di poterlo fare due giorni su sette, e poi richiudere, per poi riaprire per altri tre giorni, ma solo a condizioni peggiori di quelle già imposte precedentemente. 

È stata dura anche per i mancati “ristori”, annunciati e in diversi casi mai arrivati. È stata dura, ma cosciente, assumerci da imprenditori il ruolo di sostegno per i nostri collaboratori, a cui la cassa integrazione non è mai arrivata, o garantire loro un posto di lavoro a “singhiozzo” da spartire con gli altri colleghi. È stata dura stabilire con i fornitori consegne e pagamenti calibrati alle necessità del periodo. È stata dura essere considerati come categoria a Bar e Mense, che sono tutt’altra cosa ed essere tacciati di attività “cause d’assembramento” Abbiamo resistito e siamo andati avanti. Offrendo la nostra disponibilità, sedendoci al tavolo delle Amministrazioni locali e regionali, per studiare insieme a loro opportunità di lavoro condivise e sicure. Garantendo e offrendo l’assoluto rispetto delle normative sanitarie all’interno dei nostri locali in qualsiasi modalità di lavoro. Mediando e sedando i comprensibili e giustificabili “moti insurrezionali” di colleghi esasperati e delusi. Abbiamo resistito e stiamo resistendo. 

Ma ora diciamo basta! Non è un moto di ribellione teso a infrangere la legge, ma un atto per riaffermare la nostra dignità al lavoro, per sottolineare l’importanza del valore culturale della nostra professione, per riaffermare la sicurezza della frequentazione dei nostri locali, per sostenere insieme a noi la vasta e importantissima filiera produttiva alimentare che è un cardine del nostro patrimonio culturale, storico e soprattutto economico. 

Il Consorzio Modena a Tavola è contrario a qualsiasi azione che possa mettere a rischio la salute dei clienti, dei propri collaboratori e, naturalmente, dei ristoratori. Con la stessa fermezza rifiuta categoricamente forme di protesta che violino le norme nazionale e locali vigenti. 

Resistere, nel rispetto delle regole, è per noi un imperativo, ma fate presto. Chiediamo a tutte le Associazioni di Categoria nazionali, unitamente ai Gruppi e Associazioni di settore, di formulare un documento di richieste da presentare agli organi di Governo e alle Amministrazioni Regionali. Un documento firmato da tutti, che non definisca unicamente tempi celeri per “ristori” adeguati alla categoria, ma soprattutto per individuare tempi e modalità per assicurare le condizioni necessarie alla ripresa immediata del lavoro, adottando tutte le misure sanitarie per garantire sicurezza al personale e ai clienti. Mai come in questo momento è necessario unire le forze e le idee. Noi del Consorzio Modena a Tavola ne siamo fermamente convinti. Cerchiamo di costruire insieme un futuro possibile per il nostro settore e per quel mondo meraviglioso che ruota attorno ad esso.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    E' il messaggio lanciato con un video pubblicato su Facebook ad un anno dallo stop alla musica dal vivo con il pubblico.[...]
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le indossano, tra gli altri, quelli de La strana coppia di Radio Bruno. Sono prodotte da Renometal e commercializzate dalla mirandolese Encaplast [...]
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Una grossa branca della chioma si è troncata, probabilmente a seguito del peso della neve caduta durante l’inverno [...]
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    L'emergenza sanitaria mette in crisi Aquaragia, storica realtà associativa mirandolese. Quale futuro per il circolo? Ne discutiamo con Roberto Ganzerli. [...]
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Nota di Irene Salvaterra sul progetto “A scuola in natura” a cura del CEAS La Raganella[...]
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    "Body painting significa essenzialmente vestirsi di emozioni diverse, le quali, trasposte cromaticamente sul corpo dell'interprete, si trasformano in arte": è così che Letizia Borella, mirandolese classe 1985, ci introduce ai segreti di quella che lei definisce "un'arte effimera".[...]
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Sui loro social hanno mostrato in una gallery i travestimenti dei cittadini[...]
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie viene nominata Property n.1 al Mondo del mercato del giocattolo per il 2020 [...]
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Il Pool Comitati, che raggruppa diverse organizzazioni attente alle tematiche legate all'ambiente e in particolare, relative al fiume Secchia ha diffuso un nuovo episodio di Good Morning Secchia[...]
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    "Factory MAT75 è un progetto che coinvolge giovani artisti che vogliono rappresentare la storia di questo mondo", spiega Alessandro Bonacorsi[...]