Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
16 Ottobre 2021

Combattere il Covid in un videogame, Oscar del web al gruppo del prof. Cossarizza di Unimore

Se si fosse a Los Angeles alla notte degli Oscar si sentirebbe dire “And the winner is…”, così anche nel mondo del web, senza lo stesso clamore e senza il red carpet, si assegnano le statuette.

Come risultato della votazione online che ha coinvolto un totale di quasi due milioni di persone, l’Oscar del Web, il Webby Award, nella categoria People’s choice – “Best Public Service, Activism and Social Impact”, si legge nel comunicato stampa diffuso da Unimore, è stato vinto dal videogame EVE Online – Project Discovery, della casa islandese CCP Games, alla cui ideazione e realizzazione ha partecipato il prof. Andrea Cossarizza di Unimore.

Come può uno scienziato di fama internazionale, pioniere negli studi sul Covid-19, conquistare questo premio? Diventando l’avatar di se stesso che guida milioni di giocatori nel videogame Eve Online – Project Discovery, dedicato alla risposta immunitaria contro il virus Sars-Cov-2, dove ogni partecipante può combattere come un guerriero contro il Coronavirus. Questo gioco di ruoli è il più longevo del web e uno dei più importanti: si svolge all’interno di una galassia che contiene 7.800 stelle, e nel 2021 conta 8,5 milioni di abbonati, con 323 mila giocatori al giorno. Il prof. Andrea Cossarizza, tramite il suo avatar che vive in un lontanissimo futuro nella galassia di Caille, fornisce le indicazioni per svolgere le analisi sui linfociti, ed introduce i partecipanti al riconoscimento delle cellule coinvolte durante il processo di difesa dal SARS-CoV-2. Ogni giocatore effettua le sue analisi e se sbaglia ricomincia da capo.

“E più volte sbaglia – dice Cossarizza – meglio è!” Sembra fantascienza, ma tutto è reale. Tutti i dati scientifici e i files che riguardano le cellule umane da valutare sono veri e sono stati messi a disposizione del gioco dalle banche dati dell’International Society for the Advancement of Cytometry (ISAC) di cui il prof. Andrea Cossarizza è recentemente stato Presidente, dall’International Clinical Cytometry Society e dalla European Society for Clinical Cell Analysis. Negli ultimi mesi, i partecipanti al Project Discovery che hanno completato tutte le complesse fasi del gioco, guidati dall’avatar del prof. Cossarizza, sono stati oltre 327.000 in tutto il mondo e hanno analizzato oltre 115 milioni di files, per un totale di 330 anni/uomo di lavoro. Il gioco fornisce ai partecipanti le indicazioni per utilizzare uno strumento scientifico, il citofluorimetro (sofisticato strumento presente nei laboratori più avanzati), che serve a identificare i diversi gruppi di cellule presenti nel sangue. Attraverso le loro mosse i giocatori analizzano migliaia di linfociti, li devono riconoscere e raggruppare, e così facendo aiutano gli scienziati a capire come le differenti popolazioni e tipi di cellule vengano alterate a causa del coronavirus.

“Chi gioca, in realtà fa sul serio, combatte il virus, e non solo quello – afferma il prof. Andrea Cossarizza di Unimore, che è stato invitato a presentare questo progetto in un “TEDx talk” tenutosi a Modena a settembre 2020 – perché contribuisce a generare un algoritmo che a sua volta istruisce un software “nascosto” nel gioco. Questo software permetterà di eseguire analisi e identificare automaticamente le popolazioni cellulari di interesse. In pratica il mio avatar fa creare agli umani e poi fa crescere un sistema intelligente che istruisce gli strumenti scientifici, in modo tale che possano gestire in tempo reale un patrimonio di informazioni sempre più dettagliate, numerose e complesse, fondamentali al progresso della ricerca. Questo algoritmo, basato appunto sulle analisi dei giocatori e sui loro errori, ora sta per diventare un software aperto a tutti i ricercatori e i laboratoristi, che sarà utile non solo per la attuale pandemia, ma potrà essere usato nei laboratori per valutare decine di altre patologie, dalle leucemie alla risposta immunitaria ai tumori e ad altre infezioni”.

Per il secondo anno di fila, il premio arriva a Modena, dopo la vittoria nel 2020 di Massimo Bottura per “Kitchen Quarantine”. Come personaggio web dell’anno, i votanti hanno scelto il dott. Anthony Fauci.

“A parte la soddisfazione per un premio francamente inaspettato e per il bis fatto a Modena – conclude il prof. Cossarizza – sono molto felice perché il gioco ha permesso di avvicinare al mondo della scienza, e in particolare all’immunologia, un grandissimo numero di persone di ogni età che forse mai lo avrebbero fatto, e che si sono pure divertite, facendo, però, progredire la ricerca”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere del cacao
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri". Memorie di un libraio di George Orwell
La rubrica “E adesso un libro” a cura di Francesca Monari.leggi tutto
Consigli di salute
Dentista e bambini: i consigli a prova di sorriso
Come educare i bambini alla figura del dentista e alcune indicazioni dell'ambulatorio dentistico Bolognadent leggi tutto
Glocal
Emiliani: popolo di nuotatori
In Italia oltre 20 milioni di persone praticano uno sport. Un quinto pratica il nuoto. In Emilia-Romagna è presente la più grande concentrazione di piscine pubbliche di tutta Italia.leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere del cappuccino
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto: tutto quello che c'è da sapere del gelato
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchDeleted video
    • WatchNon aveva nessun sintomo ma grazie allo screening ha scoperto il suo cancro e l'ha curato in tempo
    • WatchAutobus in fiamme a Novi

    La buona notizia

    Non aveva nessun sintomo ma grazie allo screening ha scoperto il suo cancro e l'ha curato in tempo
    E' la testimonianza di Imogene Minelli, 76 anni, che racconta come ha scoperto il tumore grazie allo screening che viene offerto gratuitamente da Azienda USL di Modena, con invito, a tutte le donne da 45 a 74 anni [...]
    Marino Golinelli compie 101 anni: tanti auguri all'imprenditore filantropo di San Felice
    Ai giovani l'augurio è di trovare in sogno in cui credere e al quale dedicare la propria esistenza", afferma lui in un video augurale pubblicato dalla Fondazione che porta il suo nome.[...]
    Cavezzo, dopo due anni di stop forzato torna il "Giro dell'Argine PMPA"
    Nata nel lontano 2005 è oramai diventata un appuntamento fisso per ii veterani e per tutti  i nuovi amici che, ogni anno, si uniscono alla "combriccola".[...]

    Curiosità

    Da Mirandola la Pimpa (e Davide Gaddi) fanno scuola. Alla ricerca del meteorite tra Prato e Pistoia citati anche loro
    Da Mirandola la Pimpa (e Davide Gaddi) fanno scuola. Alla ricerca del meteorite tra Prato e Pistoia citati anche loro
    E' infatti una storia di successo quella del mirandolese che un paio d'anni fa andando a spasso con la sua cagnolina sull'argine del Secchia trovò i frammenti della meteora che venne poi chiamata, appunto, "Cavezzo".[...]
    La Nasa sceglie lo scatto del modenese Luca Fornaciari: è la galassia M33
    La Nasa sceglie lo scatto del modenese Luca Fornaciari: è la galassia M33
    Luca Fornaciari, fotografo di professione, da quasi 10 anni si occupa di fotografia astronomica.[...]
    Il Duomo di Mirandola mai così bello, con le installazioni del Paradiso di Dante
    Il Duomo di Mirandola mai così bello, con le installazioni del Paradiso di Dante
    Grande il consenso tra i mirandolesi. Mentre qualche perplessità ha suscitato il Diavolo dell'Inferno dantesco in piazza[...]
    Cinema, sport e inclusione: presentato il docufilm "Tanta Strada"
    Cinema, sport e inclusione: presentato il docufilm "Tanta Strada"
    Il lungometraggio, girato in Emilia-Romagna, lancia un messaggio chiaro: si può essere felici con lo sport, la natura e la compagnia. A prescindere dalle proprie capacità.[...]
    L'astrofisica sbarca su Youtube con la mirandolese Andrealuna Pizzetti
    L'astrofisica sbarca su Youtube con la mirandolese Andrealuna Pizzetti
    "On Planet 9" è il progetto creato dalla Pizzetti e altre quattro dottorande: le cinque giovani studiano astrofisica alla Clemson University, nella Carolina del sud.[...]
    Distrutta la panchina della gentilezza a Camposanto
    Distrutta la panchina della gentilezza a Camposanto
    Era il simbolo del voler perseverare con le buone pratiche e le maniere gentili, col rispetto per l’altro e la cura del bene comune[...]
    "Emilia Milleuno", la nuova canzone di Marcello Belloni dedicata all'Emilia
    "Emilia Milleuno", la nuova canzone di Marcello Belloni dedicata all'Emilia
    Il videoclip del brano, disponibile su Youtube, è stato realizzato con gli scatti del fotografo sanfeliciano Roberto Gatti.[...]
    Spariscono i giochi dal parchetto di Dogaro, ecco cosa è successo
    Spariscono i giochi dal parchetto di Dogaro, ecco cosa è successo
    Girava voce che il Comune volesse asfaltare l'area per farci un parcheggio[...]