Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
03 Luglio 2022

Il dolore è una malattia: l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena aderisce alla giornata del sollievo

L’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena aderisce alla XXI Giornata Nazionale del Sollievo che si celebra oggi, domenica 29 maggio, con lo scopo di promuovere la terapia del dolore e mettere al centro dell’attenzione la persona sofferente, informando i cittadini sui loro diritti, formalizzati dalla Legge 38 del 2010, che tutela e garantisce l’accesso alla terapia del dolore e alle cure palliative. Su canali social dell’Azienda, verranno pubblicate interviste ai professionisti degli ospedali modenesi sul tema del dolore in ospedale e delle cure palliative e informazioni sul tema.

La Giornata Nazionale del Sollievo è stata istituita nel 2001 per “promuovere e testimoniare, attraverso idonea informazione e tramite iniziative di sensibilizzazione e solidarietà, la cultura del sollievo dalla sofferenza fisica e morale” contro il dolore inutile in tutte le sue forme. Il dolore può essere considerato una malattia che peggiora la vita della persona ammalata, con effetti negativi sul piano fisico, psicologico, relazionale.

La Regione Emilia – Romagna è da tempo in prima linea sul tema del dolore. Il tema è seguito trasversalmente nei due ospedali dell’AOU di Modena, in stretto rapporto con la rete territoriale di terapia del dolore dell’Azienda USL. L’accesso all’ambulatorio di Terapia Antalgica avviene con l’impegnativa per una visita antalgica fatta dal Medico di medicina generale o dallo specialista ospedaliero.

Policlinico di Modena

L’Anestesia e Rianimazione I, diretta dal prof. Massimo Girardis e l’Anestesia e Rianimazione II, diretta dalla dottoressa Elisabetta Bertellinisi occupano sia del trattamento del dolore post-operatorio sia dei pazienti con dolore cronico oncologico e non oncologico.  Al Policlinico, la terapia del dolore è assicurata dall’Anestesia e Rianimazione I, tramite un Ambulatorio di Terapia del Dolore, di cui è referente la dottoressa Veronica Bonfreschi.

L’Ambulatorio di Terapia Antalgica valuta in media 1400 pazienti l’anno. Il 43% sono Visite Antalgiche ( I visite e visite di controllo), il 38% Attività infiltrativa ambulatoriale, il 14% Attività di consulenza per pazienti che afferiscono in modalità ambulatoriale, DH, oppure pazienti in carico presso le varie Unità Operative, il 5% Attività di consulenza telefonica per i pazienti in regime domiciliare.

L’Anestesia e Rianimazione I assicura anche l’assistenza alle procedure diagnostico-terapeutiche necessarie ai piccoli pazienti affetti patologie oncologiche che vengono effettuate sia in sala operatoria sotto sedazione che in Radiologia e Radioterapia, con grande sollievo bambini e delle loro famiglie. Assicura anche il servizio di Parto Analgesia gratuito per la gestione del dolore durante il travaglio di parto. Vengono effettuate mediamente 38 Parto Analgesie al mese. Le future mamme possono prendere visione del video informativo della durata di circa 20 minuti, al termine del quale qualora scelgano la procedura, procedono a scaricare e compilare la modulistica richiesta. Il video informativo è disponibile sul sito Internet del Policlinico, Struttura Complessa di Ostetricia – Attività di Parto Analgesia (https://www.aou.mo.it/ostetricia_parto_analgesia). È disponibile un numero di telefono per qualsiasi informazione in merito alla procedura.

Importante, poi è il tema delle cure palliative. Nell’ambito del Dipartimento di Oncologia ed Ematologia è attiva la Struttura di Cure Palliative-Hospice, di cui è responsabile la dottoressa Claudia Fiorani. L’obiettivo principale della Unità Operativa è il raggiungimento della miglior qualità di vita nei malati onco-ematologici nelle fasi avanzate di malattia.

“In particolare – spiega la dottoressa Fiorani – ci occupiamo della gestione efficace del dolore, non solo fisico ma globale e del sollievo dei sintomi propri del fine vita (dispnea, nausea, cachessia, ansia, depressione). Il malato e la famiglia sono al centro dell’attenzione, rispettando continuamente i loro bisogni e preferenze”.

Ospedale Civile di Baggiovara 

All’Ospedale Civile di Baggiovara, la terapia del dolore è assicurata dall’Anestesia e Rianimazione, diretta sempre dalla dottoressa Elisabetta Bertellini, tramite un ambulatorio di cui è referente il dottor Marco Degoli. In un anno vengono eseguite 600 prime visite antalgiche, 440 infiltrazioni per sciatica e mal di schiena, 320 infiltrazioni articolari a livello di anca e ginocchio.

Le cure palliative hanno una loro specifica sezione all’interno della Unità Operativa di Geriatria, diretta dal prof. Marco Bertolotti, che garantisce anche l’attività di consulenza nei confronti dei pazienti ricoverati

“La nostra UO è molto sensibile al tema delle Cure Palliative, in un contesto di “umanizzazione” delle cure – ha spiegato il prof. Marco Bertolotti – all’interno della nostra Struttura è presente un nucleo di Cure Palliative Geriatriche, composto da tre stanze singole, che accoglie pazienti da tutte le strutture aziendali”. L’anno scorso (2021) sono stati accolti 121 pazienti, 53 in più rispetto al 2020. “È un’attività che ci dà molte soddisfazioni, con un ritorno decisamente positivo da parte delle famiglie dei Pazienti accolti, e cerchiamo di darle un contenuto altamente multidisciplinare e multiprofessionale per quanto possibile. A questo si aggiunge l’attività di consulenza per pazienti ricoverati nelle unità di degenza, che, considerando il numero limitato di posti letto a nostra disposizione, fornisce un contributo importantissimo alla gestione del paziente nelle altre UO, e a diffondere la cultura sulle cure palliative all’interno dei nostri Ospedali”. Nel 2021 sono state erogate 111 consulenze (rispetto alle 85 dell’anno precedente).

La parola ai professionisti

“La Terapia del Dolore – il dottor Marco Degoli, che si occupa dell’Ambulatorio di Terapia del Dolore dell’Ospedale Civile – è chiamata anche Terapia Antalgica ed è una specializzazione medica che si occupa della valutazione e cura dei pazienti affetti da dolore. La visita antalgica richiede tempo ed attenzione ed è fondamentale per identificare la causa del dolore ed iniziare un trattamento personalizzato. In Terapia Antalgica vengono eseguiti trattamenti conservativi cioè non chirurgici. Tra questi spesso si eseguono infiltrazioni che consistono nella somministrazione di farmaci in alta concentrazione nella sede da cui nasce il dolore”.

“La visita antalgica – aggiunge la dottoressa Veronica Bonfreschi, che si occupa dell’Ambulatorio del Policlinico – si distingue in prima visita, cioè primo accesso del paziente, e visita di controllo in pazienti già presi in carico. La prima visita è un momento complesso di valutazione del paziente nella sua totalità, non solo per quanto riguarda il dolore e le sue caratteristiche specifiche ma anche per quanto riguarda eventuali comorbilità spesso associate, nonché gli aspetti psicologici e sociali correlati. Il paziente preso in carico viene rivalutato periodicamente, durante le visite di controllo, per garantire un’adeguata continuità delle cure”.

Lo specialista in Terapia Antalgica è un medico chirurgo specializzato in Anestesia con una formazione specifica nella cura delle persone affette da dolore. Gli Anestesisti che si specializzano in Terapia Antalgica, oltre ad avere esperienza specifica in questo ambito hanno svolto un Master in Terapia del dolore.

“Le finalità della Terapia Antalgica – proseguono Bonfreschi e Degoli – sono migliorare la qualità della vita delle persone affette da dolore e dei loro care giver, ridurre o eliminare il dolore, aumentare la mobilità dei pazienti”.

La Terapia Antalgica è un lavoro di squadra che vede l’anestesista collaborare con le altre strutture dell’Azienda, con i medici di medicina generale e con la Psicologia Ospedaliera.

“Lo scambio di informazione tra i medici – concludono Bonfreschi e Degoli – permette di ottimizzare la cura soprattutto nei casi più complessi. Spesso valutiamo pazienti inviati dai medici di famiglia. Altre volte i Neurochirurghi e gli Ortopedici inviano pazienti per valutare l’eventuale indicazione alle infiltrazioni. Questo permette, anche di selezionare con maggior cura i pazienti a cui proporre un eventuale intervento chirurgico. Infatti, quando il paziente ha beneficio in seguito all’esecuzione delle infiltrazioni per la sciatica o per i dolori all’anca e al ginocchio l’intervento chirurgico può essere procrastinato e, in alcuni casi, escluso”.

“Nel nostro ambulatorio – prosegue il dottor Degoli – ci occupiamo soprattutto di mal di schiena, sciatica, dolore all’anca e dolore al ginocchio”.

“Trattiamo prevalentemente il dolore oncologico, sia cronico sia procedurale, cioè quello legato ad alcune specifiche procedure radioterapiche – conclude la dottoressa Bonfreschi – ci occupiamo anche del dolore neuropatico, dolore cronico non-oncologico, dolore cronico post-operatorio cronico. A questo si aggiunge la gestione di patologie dolorose croniche nelle pazienti, durante la gravidanza”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere sul ghiacciolo
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Tutta la stanchezza del mondo di Enrica Tesio
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere dell'albicocca
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere del miele
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Consigli di salute
Devitalizzare un dente fa male?
Devitalizzare un dente fa male? E' la domanda che ci si pone quando ci si prospetta una estrazioneleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchDa Novi al Sudafrica: le macchine agricole di Andreoli Engineering fanno il giro del mondo
    • WatchTante e belle motociclette domenica a Mirandola.
    • WatchA spasso nel bosco di San Felice sul Panaro

    La buona notizia

    Rimosse auto abbandonate a Bomporto e Nonantola
    Gli agenti di Polizia Locale Unione del Sorbara sabato hanno restituito decoro a due aree pubbliche[...]
    Tiroide ed eventuali nodi ora si vedono in 3 dimensioni in ospedale a Carpi
    Il software ad elevata tecnologia è stato donato dall’Associazione Pazienti Tiroidei Onlus [...]
    Scompare in Calabria, il liceo di Ancona inonda di cartoline il suo paese per rompere l'omertà
    I ragazzi e le ragazze anconetane avevano partecipato a un campo di Libera a Crotone e hanno conosciuto la mamma del giovane 19enne di cui non si hanno notizie da 9 anni: lupara bianca[...]

    Curiosità

    I cani poliziotto Arek e Folk in visita a Cavezzo dai bimbi del centro estivo
    I cani poliziotto Arek e Folk in visita a Cavezzo dai bimbi del centro estivo
    Su invito della sindaca il Nucleo Cinofili Carabinieri di Bologna ha effettuato una dimostrazione pratica che ha suscitato tanto entusiasmo e curiosità[...]
    Al Tecnopolo di Mirandola successo per lo speed dating
    Al Tecnopolo di Mirandola successo per lo speed dating
    Dottorandi ed aziende del biomedicale cercano il loro matching professionale[...]
    Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere sul ghiacciolo
    Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere sul ghiacciolo
    La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monari[...]
    TedEx Mirandola chiude i battenti e dà appuntamento all'anno prossimo
    TedEx Mirandola chiude i battenti e dà appuntamento all'anno prossimo
    Il tema del 2023 sarà "Il tempo di prenderci cura"[...]
    Finalestense a trent'anni: la voglia di vestirsi non ha età - IL RACCONTO
    Finalestense a trent'anni: la voglia di vestirsi non ha età - IL RACCONTO
    Finalestense torna in centro storico dopo due anni di pandemia. L'allegria e l'entusiasmo dei ragazzi sfilano in corteo insieme alle cerchie[...]
    Un autobus giallo sulla Provinciale: è il Duroni Bus, temporary shop per le ciliegie a San Felice
    Un autobus giallo sulla Provinciale: è il Duroni Bus, temporary shop per le ciliegie a San Felice
    Eugenio Gagliardelli, a.d. della ceramica Opera di Camposanto, porta nella Bassa la frutta della sua azienda agricola di Maranello. Il ricavato va in beneficienza[...]
    Centenario della nascita di Margherita Hack, ecco il francobollo commemorativo
    Centenario della nascita di Margherita Hack, ecco il francobollo commemorativo
    Il francobollo è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in rotocalcografia, su carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente.[...]
    A spasso nel bosco Tomasini a San Felice - VIDEO
    A spasso nel bosco Tomasini a San Felice - VIDEO
    Almeno per un pomeriggio, un centinaio di sanfeliciani di tutte le età ha potuto riscoprilo: grazie all'accordo tra azienda agricola Mediplants e Comune, è stato reso di nuovo accessibile. [...]
    Doppio cognome, ecco il primo bimbo registrato così all'anagrafe nel Modenese
    Doppio cognome, ecco il primo bimbo registrato così all'anagrafe nel Modenese
    Prima il padre poi la madre oppure viceversa, lo decidono i genitori[...]
    Arrivano i sassi della fortuna dell'artista Ester Fulloni a San Felice
    Arrivano i sassi della fortuna dell'artista Ester Fulloni a San Felice
    Dal 2 giugno saranno sparsi nei luoghi più frequentati del paese[...]
    • malaguti