Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Studio di Unimore evidenzia le alterazioni delle cellule che producono anticorpi nei pazienti COVID-19

Una nuova scoperta scientifica firmata dal gruppo di lavoro del prof. Andrea Cossarizza, con la dott.ssa Sara De Biasi e il dott. Domenico Lo Tartaro di Unimore, fa emergere un ulteriore effetto dell’infezione da SARS-CoV-2, questa volta sulle cellule che producono anticorpi quali i “linfociti B”. Le osservazioni fatte sono di grande aiuto per elaborare nuove strategie terapeutiche e per capire come creare dei vaccini che abbiano una grande efficacia. L’European Journal of Immunology, una delle principali riviste internazionali del settore, ne ha pubblicato oggi lo studio.

Il gruppo di ricerca di Unimore ha scoperto che nel sangue periferico dei pazienti con polmonite COVID-19 diminuiscono in maniera significativa i linfociti B, sia “vergini”, ovvero che non hanno ancora incontrato il loro antigene, sia le cellule di memoria. Al contrario, nel sangue si trovano in quantità anomala i plasmablasti, cellule immature che dovrebbero invece trovarsi nel midollo osseo e vengono liberati in circolo a seguito della marcata attivazione immunitaria.

E’ un dato nuovo, ma non del tutto inatteso – commenta Andrea Cossarizza di Unimore – che evidenzia ulteriormente il ruolo della tempesta citochinica, e in particolare della interleuchina-6, dal momento che le cellule che abbiamo studiato sono estremamente sensibili ad alcune delle citochine che abbiamo descritto pochi giorni fa nel lavoro uscito su Nature Communications”.

La ricerca è stata eseguita su diversi pazienti ricoverati nei mesi scorsi nella Clinica delle Malattie Infettive diretta dalla prof.ssa Cristina Mussini e nel reparto di Terapia Intensiva del prof. Massimo Girardis, co-autori dello studio.

 “I pazienti – continua il prof. Andrea Cossarizza – hanno mostrato di possedere un buon assetto anticorpale pregresso all’infezione, ovvero avevano nel plasma una quantità normale di anticorpi diretti contro i patogeni da cui le vaccinazioni ci proteggono. Questo ci ha detto che i pazienti avevano in generale una buona capacità di produrre anticorpi prima di ammalarsi. Quello che ci ha un po’ sorpreso è stato vedere che qualche paziente ricoverato per la forma acuta polmonare del COVID-19 aveva anticorpi di tipo IgG contro il virus, ma non IgM. Come dimostrato molto recentemente da colleghi negli Stati Uniti, il virus può mettere in moto una risposta secondaria da parte di cellule di memoria cross-reattive, che sono quelle prodotte contro un precedente Coronavirus. In altre parole, se una persona ha contratto un raffreddore (causato da un Coronavirus diverso dal SARS-CoV-2) qualche anno fa, ha prodotto un primo tipo di anticorpi, di classe IgM, contro questo primo virus. Se poi viene infettata dal SARS-CoV-2, il suo sistema immunitario reagisce come se avesse a che fare di nuovo con il virus precedente, e produce gli stessi anticorpi, questa volta di tipo IgG, che però sono scarsamente efficaci contro il secondo virus”.

Una possibile spiegazione, che necessita ulteriori studi, ma che viene indicata dai ricercatori di Unimore, è che questi anticorpi poco efficienti vengano prodotti anche perché diminuiscono le cellule di memoria e aumentano quelle immature, i plasmablasti. Utilizzando sofisticate tecniche sia di analisi molecolare delle cellule di interesse, sia di bioinformatica, è stato infine dimostrato che la presenza di anticorpi di tipo IgM e l’assetto dei linfociti B possono essere considerati marcatori predittivi di sopravvivenza nei pazienti con la polmonite. Questo potrebbe essere molto utile nel malaugurato caso di una seconda ondata della pandemia.

Non sappiamo ancora moltissime cose, per esempio quanto durino in circolo queste cellule immature, ma ci stiamo ovviamente lavorando. Le nostre osservazioni – conclude il prof. Andrea Cossarizza di Unimore, – non solo spiegano alcuni degli effetti della ormai ben nota tempesta citochinica, ma anche suggeriscono che queste popolazioni di linfociti B vengano tenute in considerazione non solo nel monitoraggio delle persone guarite dall’infezione, ma anche nelle analisi sulla efficacia dei vaccini, che è già in corso con altre metodiche presso diversi centri.

Sono lieto della pubblicazione di questo studio, che conferma il rilievo internazionale della ricerca biomedica Unimore e aggiunge nuove informazioni sulla risposta immunologica al SARS-CoV-2 – dichiara il Rettore Prof. Carlo Adolfo Porro. Nel congratularmi con il gruppo del Prof. Cossarizza auspico che lo sforzo congiunto di tanti eccellenti ricercatori in tutto il mondo ci permetta di avere presto a disposizione nuove armi di difesa contro questo insidioso avversario“.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    La maestosità e il pregio delle piante richiede di intervenire in arrampicata, così si può intervenire esclusivamente sui rami con problematiche mantenendo la naturale conformazione della chioma.[...]
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Da qualche giorno gli abitanti di Medolla, genitori e bambini soprattutto, si trovano riuniti con il naso all’insù a scrutare tra le chiome di alcuni alberi del centro. La biologa finalese Eleonora Tomasini ci spiega che cosa sta accadendo[...]
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    Sono oltre 60 gli eventi e le attività proposti da Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi presentati in 31 Paesi di tutti i continenti[...]
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]