Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
25 Settembre 2022

Studio su artrite reumatoide, a Salvarani dedicato editoriale su Lancet

Da uno studio multicentrico che ha coinvolto diverse strutture cliniche reumatologiche europee, tra cui quelle dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena e dell’Azienda USL-IRCCS di Reggio Emilia, dirette dal Professor Carlo Salvarani, arrivano importanti conferme sulla cura della artrite reumatoide: la terapia a base dosi di steroide (cortisone) impiegata in combinazione con un altro farmaco e somministrata in maniera continuativa è efficace e sicura. Lo studio per la sua rilevanza scientifica ha ricevuto l’attenzione della prestigiosa ed autorevole rivista scientifica medica Lancet che vi ha dedicato anche un editoriale.

La terapia a basse dosi di steroide (cortisone) comunemente impiegata in combinazione nella cura della artrite reumatoide è efficace, ma anche sicura, quando è somministrata in maniera continuativa.

Lo dimostra un importante studio pubblicato sull’ultimo numero di Lancet, la più autorevole rivista scientifica di medicina, che a questo studio ha dedicato non solo una presentazione dei risultati e della ricerca, ma anche un Editoriale. Il titolo dello studio è “Continuing versus tapering glucocorticoids after achievement of low disease activity or remission in rheumatoid arthritis (SEMIRA): a double-blind, multicentre, randomised controlled trial” (“Terapia steroidea continuativa verso riduzione dello steroide dopo il raggiungimento di una bassa attività di malattia o remissione nella artrite reumatoide (SEMIRA): un trial doppio cieco, randomizzato e controllato”.).

Tale studio, un trial doppio cieco (né il paziente né il medico conoscono la natura del farmaco effettivamente somministrato), randomizzato, controllato, per la prima volta ha valutato un problema clinico di grande rilievo della pratica reumatologica, riguardante – appunto – l’efficacia e sicurezza della terapia continuativa con basse dosi di steroide nella artrite reumatoide.

Il risultato è stato di grande importanza poiché lo studio ha potuto chiaramente accertare l’efficacia e sicurezza della terapia continuativa con basse dosi di steroide (prednisone 5 mg/dì) nella artrite reumatoide. “Tale dosaggio di steroide – spiega il Prof. Carlo Salvarani di Unimore, Direttore della Struttura Complessa di Reumatologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena e della Clinica Reumatologica della Azienda USL-IRCCS di Reggio Emilia, unico italiano tra gli autori dello studio – dato continuativamente (per almeno 6 mesi) nei pazienti con artrite reumatoide con bassa attività di malattia e in terapia con tocilizumab (farmaco biologico che blocca l’IL-6) ha determinato un miglior controllo dell’attività di malattia in termini di miglioramento del DAS28 ESR (indice composito di attività di malattia) e di assenza di riacutizzazioni di malattia a 6 mesi rispetto ai pazienti che riducevano/sospendevano lo steroide”.

Inoltre, tale terapia steroidea continuativa si è dimostrata sicura, cioè tra i pazienti che sospendevano lo steroide e quelli che lo continuavano per 6 mesi non si sono rilevate differenze di effetti collaterali severi (5% verso 3%).

Tale studio – afferma il Prof. Carlo Salvarani – ha/avrà importantissimi risvolti nella pratica clinica corrente poiché cambierà lo “standard of care” dei pazienti con artrite reumatoide favorendo l’utilizzo cronico nei pazienti con bassa attività di malattia delle basse dosi di steroide in associazione alla terapia di fondo con farmaco biotecnologico”.

L’utilizzo della terapia steroidea nella artrite reumatoide rappresenta un problema di grande rilevanza clinica tanto che al Dr. Philip Hench, reumatologo della Mayo Clinic, venne dato nel 1950 il premio Nobel per la medicina e Fisiologia per l’utilizzo del cortisone nella artrite reumatoide.  La artrite reumatoide rappresenta la più frequente e devastante artrite infiammatoria che se non trattata adeguatamente determina deformazioni articolari irreversibili e invalidità permanente.

Lo studio nasce da una collaborazione con le più prestigiose Cliniche Reumatologiche e Università Europee (Berlino, Parigi, Madrid, Ginevra, Basilea, Utrecht). Le Unità di Trials Clinici della Reumatologia dell’AOU di Modena e della Azienda USL-IRCCS di Reggio Emilia hanno “fortemente” partecipato a questo studio, nella sua ideazione, scrittura del protocollo, raccolta di casi, interpretazione della valutazione statistica e scrittura del manoscritto.

Vorrei ringraziare – conclude il Prof. Carlo Salvarani – il mio bravissimo gruppo delle due Unità di Trials Clinici di Modena e Reggio Emilia con cui collaboro strettamente e che con grandissima competenza, come sempre, hanno condotto questo studio. Un particolare ringraziamento per Modena va alla Dr.ssa Gilda Sandri, alla Prof.ssa Maria Teresa Mascia e alle Dr.sse Andreina ManfrediFederica LumettiCaterina Vacchi e Amelia Spinella e al Dr. Marco Sebastiani che, oltre che ad occuparsi della ricerca clinica, portano avanti quotidianamente i nostri ambulatori sulle artriti infiammatorie, in particolare gli ambulatori dedicati ai pazienti in terapia con farmaci biotecnologici”.

Lo studio multicentrico europeo cui ha partecipato il Prof. Salvarani – commenta il Rettore Unimore Prof. Carlo Adolfo Porro – ha rilevanti ricadute terapeutiche per una patologia potenzialmente invalidante come l’artrite reumatoide. Complimenti a tutto il gruppo per questo risultato, che conferma l’importanza di essere parte di reti internazionali di alto livello per assicurare elevati standard di ricerca e di assistenza delle nostre strutture sanitarie”.

Negli ambulatori di Reumatologia del Policlinico di Modena sono seguiti più di 1.000 pazienti, provenienti non solo dalla provincia di Modena, ma da tutta Italia, trattati con i farmaci citati e più innovativi. Tra l’altro la Reumatologia dell’AOU di Modena ha partecipato al gruppo regionale per la stesura delle “Raccomandazioni terapeutiche dei pazienti con artriti infiammatorie (artrite reumatoide, artrite psoriasica e spondiloartriti)”, che rappresentano un “faro” in tutta Italia per l’utilizzo di tali terapie.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

“Il caffè della domenica” di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
“E adesso un libro:rubrica di libri” Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell’autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto | Tutto quello che c’è da sapere della giuggiola
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Il paradosso energetico. E non solo
Da giorni assistiamo ad un vero e proprio assalto mediatico sull’ingiustificato ed indiscriminato aumento del costo dei beni energetici, che metterà in ginocchio imprese e famiglie.leggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri” Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria a cura dell'autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere della piadina
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri” Sei titoli che dicono leggimi!
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monarileggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto. Tutto quello che c’è da sapere dell’anguria
La rubrica Appunti di gusto, a cura di Francesca Monarileggi tutto
“E adesso un libro: rubrica di libri”. Sei titoli che profumano di estate
La rubrica letteraria della nostra autrice mirandolese Francesca Monari.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchIncendio a Dogaro. Nella frazione di San Felice è andata a fuoco una roulotte
    • WatchIts Biomedicale Mirandola, la cerimonia di consegna dei diplomi
    • WatchUn cimitero medievale, in ottime condizioni, scoperto a Mirandola

    La buona notizia

    Pork Factor Concordia, 25 mila euro donati a cinque realtà dedicate ai bambini
    Oltre ai I fiol d’la schifosa altre associazioni hanno contribuito: Musicanima; Ciclisti amatoriali di Concordia; Tennis Club Concordia; Avis Concordia; Allenatori giovanili Pol Possidiesi[...]
    A Mirandola ripartono i corsi dell’Università della Libera Età “Bruno Andreolli”
    I corsi sono completamente gratuiti. Gli incontri si svolgeranno presso la “Sala Trionfini” in piazza Ceretti[...]
    A Nonantola si asfaltano le ciclabili di via Vittorio Veneto e Provinciale Ovest
    Non si tratta di un semplice ripristino della pavimentazione, oggi sconnessa per la presenza di radici affioranti e tagli per la posa di sottoservizi, ma di una riqualificazione complessiva[...]

    Curiosità

    Omar Ahmed, il giovane talento modenese che ha incantato la giuria di X-Factor
    Omar Ahmed, il giovane talento modenese che ha incantato la giuria di X-Factor
    Il giovane ha superato il primo turno di audizioni e continua il processo di selezione del talent.[...]
    Scappa da casa a Reggio Emilia, cagnolina ritrovata a Modena
    Scappa da casa a Reggio Emilia, cagnolina ritrovata a Modena
    Aveva vagato per strada per 11 giorni. Dimagrita e spaesata, è stata riabbracciata dalla sua anziana padrona che la stava cercando incessantemente[...]
    Alcol test volontario al Pattaya, ragazzi e ragazzi hanno a cuore la sicurezza stradale
    Alcol test volontario al Pattaya, ragazzi e ragazzi hanno a cuore la sicurezza stradale
    La campagna della Polizia Locale Area Nord ha coinvolto più di 250 persone[...]
    Il sexting? "Non è tradimento"
    Il sexting? "Non è tradimento"
    A tradire online sarebbe secondo un sondaggio il 75% degli italiani fidanzati o sposati[...]
    A Cavezzo arrivano i sassi portafortuna di Ester Fulloni
    A Cavezzo arrivano i sassi portafortuna di Ester Fulloni
    Data del rilascio: domenica 18 settembre. Chi li trova può tenerseli o farli ancora girare[...]
    Regina Elisabetta, quando Buckingham Palace rispose alla lettera di un bambino di Mirandola
    Regina Elisabetta, quando Buckingham Palace rispose alla lettera di un bambino di Mirandola
    Quattro anni fa, un bambino di Mirandola scrisse una lettera indirizzata alla regina e ricevette risposta da Buckingham Palace[...]
    In vacanza perde un dispositivo collegato al telefono della figlia disabile: lo rintraccia a Cavezzo
    In vacanza perde un dispositivo collegato al telefono della figlia disabile: lo rintraccia a Cavezzo
    E' quanto è accaduto quest'estate, a Cattolica, ad una famiglia di Rovigo: la donna ha scritto un post in un gruppo Facebook cittadino, nella speranza che il dispositivo possa essere restituito[...]
    EmiliaFoodFest, a Carpi andrà in scena il "processo al gnocco fritto"
    EmiliaFoodFest, a Carpi andrà in scena il "processo al gnocco fritto"
    Domenica 25 settembre, alle 16, presso il Cortile d’onore di Palazzo dei Pio, avrà luogo “Gnocco e i suoi fratelli”, titolo scelto per questo originale talk show-spettacolo[...]
    Mirandola. Quando Sergio Poletti dipinse l'effigie di Elisabetta II
    Mirandola. Quando Sergio Poletti dipinse l'effigie di Elisabetta II
    Un omaggio evidentemente gradito alla Corona poiché l'opera fa attualmente parte della "Royal Collection": suddivisa tra il Castello di Windsor, l'Hampton Curt Palace e, appunto, Buckingham Palace.[...]
    • malaguti