Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
28 Novembre 2021

Cura della psoriasi, premio a una ricercatrice del Laboratorio di Dermatologia del Policlinico

Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena e UNIMORE in prima linea nella ricerca sulla psoriasi. La dottoressa Roberta Lotti, giovane ricercatrice del Laboratorio di Dermatologia del Policlinico è tra i vincitori del prestigioso bando Ricerca Finalizzata 2019, sezione Giovani Ricercatori. Il Bando del Ministero della Salute ha selezionato e premiato solo due progetti in tutta l’Emilia per la sezione Giovani Ricercatori-Theory enhancing cioè progetti finalizzati all’acquisizione di nuove conoscenze, volti a sviluppare procedure altamente innovative e nuove conoscenze utili al miglioramento delle opportunità di trattamento attraverso studi e sperimentazioni di carattere clinico. Il progetto prevede lo sviluppo di nuove molecole per la cura della psoriasi e rientra nel filone di ricerca che da sempre anima l’attività del gruppo diretto dal prof. Carlo Pincelli di UNIMORE. Il Laboratorio di Biologia Cutanea di Modena, recentemente rinnovato dall’Università, rappresenta lo snodo fondamentale della ricerca di base e traslazionale della Struttura Complessa di Dermatologia, diretta dal prof. Giovanni Pellacani. Il progetto, della durata di 3 anni, ha ottenuto un finanziamento di 450 mila euro che consentirà di portare alla validazione pre-clinica di un rivoluzionario approccio per la cura della psoriasi, sia mediante la validazione in modelli in vitro, ex-vivo e in vivo di psoriasi che mediante metodiche di biologia molecolare molto avanzate.

La dott.ssa Lotti, ricercatrice Post-Doc UNIMORE presso il Laboratorio di Dermatologia, Policlinico di Modena ed è Principal Investigator dello studio e si avvale della collaborazione del dott. Marco Manfredini, assegnista di ricerca, presso la stessa struttura, e di due ricercatori esterni, rispettivamente il dott. Vito Giuseppe D’Agostino, del Dipartimento di Biologia Cellulare, Computazionale e Integrata – CIBIO – Università di Trento e del dott. Gianluca Nazzaro, dell’UOC Dermatologia, IRCCS Fondazione Cà Granda- Ospedale Maggiore Policlinico di Milano.

Sono sempre stata mossa da un forte interesse nelle patologie immuno-mediate della pelle – ha spiegato la dottoressa Roberta Lotti – e nella ricerca di una ricaduta pratica delle nostre indagini di laboratorio, alle quali ci dedichiamo ormai da molti anni presso il Laboratorio di Biologia Cutanea, sotto la guida del Prof. Pincelli. Trovo sia un grande privilegio aver la possibilità di portare avanti questo progetto come Principal Investigator, inoltre sono fermamente convinta che dalla collaborazione multidisciplinare con i ragazzi del team riusciremo a gettare le basi per una nuova terapia volta a rivoluzionare il trattamento di una patologia tanto diffusa quanto complessa, come la psoriasi”.

Il progetto premiato rientra tra quelli di validazione preclinica, che valuta l’efficacia di una nuova classe di piccole molecole di nuova sintesi che inibiscono potentemente la funzione della proteina HuR / ELAVL1, un’importante regolatore della traduzione di numerose altre molecole coinvolte soprattutto nel processo infiammatorio.

La psoriasi – commenta il prof. Giovanni Pellacani – è una patologia caratterizzata da una intricata interazione bidirezionale tra il sistema immunitario e la pelle, mediata da numerose citochine infiammatorie. Il ruolo delle proteine studiate nel progetto nella proliferazione delle cellule della cute e la produzione di citochine, in particolare la interleuchina 17, da parte dei linfociti T, sembrano essere gli aspetti chiave nella insorgenza della psoriasi. Perciò, lo sviluppo di piccoli inibitori si promette di rappresentare una strategia terapeutica rivoluzionaria in grado di arrestare la formazione di placche psoriasiche attraverso l’azione simultanea sia sul comparto cheratinocitario che immunitario”. L’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena è punto di riferimento provinciale per la psoriasi grazie all’ambulatorio – che si trova al Policlinico – che ne gestisce la manifestazione dermatologica che segue circa 1000 pazienti all’anno.

Il progetto nasce dalla stretta collaborazione della dottoressa Lotti, da anni impegnata nello studio dei patomeccanismi di malattie immuno-mediate della pelle, con il dottor Vito D’Agostino esperto conoscitore di HuR e uno degli ideatori dell’innovativo approccio terapeutico, insieme al prof Alessandro Provenzani (CIBIO, UNITN) e altri collaboratori. “Dalla interazione delle rispettive competenze – ha aggiunto il prof. Pincelli – è nato un disegno sperimentale che mira ad andare ad investigare la biologia delle cellule coinvolte nella psoriasi (principalmente cheratinociti e linfociti) mediante innovative tecniche di biologia molecolare (UNITN) e di biologia cellulare (UNIMORE) sia in vitro che mediante l’utilizzo di modelli ex-vivo e in vivo di patologia. Il progetto si avvale dell’importante collaborazione con i dermatologi del gruppo, Dr. Marco Manfredini e Dr Gianluca Nazzaro, afferenti alle rispettive Cliniche Dermatologiche del Policlinico di Modena e di Milano, per l’analisi degli esiti terapeutici nei diversi modelli di psoriasi.

Breve CV Roberta Lotti

Di origine mantovana. residente a Roncoferraro (MN), ha conseguito la laurea magistrale in Biotecnologie indirizzo medico nel 2004, il Dottorato in Medicina Molecolare e Rigenerativa nel 2011 e la Specializzazione in Patologia Clinica nel 2013. Tutti i titoli conseguiti presso UNIMORE, summa cum laude.

Più di 15 anni di esperienza, sotto la guida del prof Carlo Pincelli e la supervisione della Dott.ssa Alessandra Marconi, presso il Laboratorio di Biologia Cutanea della Clinica Dermatologica di Modena. Aree di interesse: studio dei pato-meccanismi di malattie cutanee immuno-mediate, soprattutto inerenti pemfigo e psoriasi, sia mediante l’utilizzo di modelli cellulari 2D e 3D che modelli animali. A questo si aggiunge lo studio della pelle sia in condizioni fisiologiche che neoplastiche, mediante l’intrinseco legame con la Clinica Dermatologica (direttore Prof. Giovanni Pellacani). Nel 2018-2019 infatti la dott.ssa Lotti era già stata Principal Investigator del progetto FAR2018 Junior di UNIMORE, dell’importo di €35.000,00, per approfondire studi sul melanoma.

Breve Cv Marco Manfredini

Di origine mantovana, residente a Suzzara (MN)  si è Laureato in Medicina e Chirurgia nel e specializzato in Dermatologia e Venereologia con voto finale 110/110 L. È stato assegnista di ricerca per i progetti di ricerca nazionali ed internazionali, tra cui il progetto europeo SKINSPECTION. È stato Visiting student presso la Thomas Jefferson University (Philadelphia, Pennsylvania, USA), il St. John’s Institute of Dermatology (London, UK) e la University of California San Diego (San Diego, California USA). Ha ricoperto incarichi assistenziali presso la clinica Dermatologica dell’Università di Modena e Reggio Emilia. I suoi principali campi di interesse sono rappresentati dalle malattie infiammatorie cutanee, sia nella loro modalità di presentazione clinica sia negli aspetti di biologia molecolare. L’esperienza nell’impiego di strumentazione diagnostica avanzata di tipo non invasivo, gli ha permesso di lavorare sulle teorie patogenetiche di alcune importanti patologie dermatologiche infiammatorie, tra cui l’acne. Inoltre, nel curriculum vanta pubblicazioni su riviste internazionali sulla diagnosi precoce del melanoma, mediante dermoscopia, microscopia confocale e tomografia a coerenza ottica che hanno avuto importanti ricadute sulla gestione clinica dei pazienti.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere della nocciola
La rubrica "Appunti di gusto", a cura di Francesca Monarileggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c’è da sapere della mela
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Economia circolare: l’innovazione fa bene all’ambiente
Venerdì 29 ottobre si sono chiusi con risultati ben oltre le più rosee aspettative, Ecomondo e Key Energy, i due saloni dedicati all´economia circolare e alle energie rinnovabili di Italian Exhibition Group.leggi tutto
"Il caffè della domenica" di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Appunti di gusto, tutto quello che c'è da sapere del tè
La rubrica "Appunti di gusto" a cura di Francesca Monarileggi tutto
"E adesso un libro: rubrica di libri". Parla come ami di Maria Giovanna Luini
La rubrica “E adesso un libro” a cura di Francesca Monari.leggi tutto
Glocal
Ecomondo: a Rimini la fiera sull'economia circolare
Dal 26 al 29 ottobre, dalle 9.00 alle 18.30, il quartiere fieristico di Rimini ospita due importanti manifestazioni sull’economia circolare e le energie rinnovabili: Ecomondo e Key Energy 2021.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchTir in fiamme in autostrada
    • WatchEcco il Bosco Martino a Medolla, la nuova area attrezzata grazie a Eurosets
    • WatchInaugurazione nuova sede Oli spa a Medolla

    La buona notizia

    In Emilia-Romagna il 90% dei cittadini oggi è vaccinato contro il Covid
    Per le prime dosi, mentre va avanti la campagna per il terzo richiamo. Lo rende noto il presidente della Regione Stefano Bonaccini[...]
    Tanti bambini per la festa dell'albero a San Prospero
    Durante lo spettacolo ai bimbi viene chiesto di abbracciare un albero. Ma che emozioni percepiscono da questo gesto? C'è chi dice che abbracciare un albero è come abbracciare la mamma o chi sostiene addirittura che durante l'abbraccio l'albero gli abbia detto: "Sei tu il più bello".[...]

    Curiosità

    Venti piscine olimpioniche di foglie cadute: operatori Hera al lavoro per la raccolta
    Venti piscine olimpioniche di foglie cadute: operatori Hera al lavoro per la raccolta
    15 squadre di operatori sono già al lavoro per un’operazione che durerà ancora per tutto il mese di dicembre[...]
    Poste Italiane: 15 francobolli per celebrare i prodotti agroalimentari italiani
    Poste Italiane: 15 francobolli per celebrare i prodotti agroalimentari italiani
    I francobolli e i prodotti filatelici correlati, cartoline, tessere e bollettini illustrativi saranno disponibili presso gli Uffici Postali con sportello filatelico, gli Spazio Filatelia di Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Roma1, Torino, Trieste, Venezia Verona e sul sito poste.it.[...]
    Cavezzo, a villa Giardino il corso gratuito di arabo
    Cavezzo, a villa Giardino il corso gratuito di arabo
    Il corso è in special modo rivolto ai bambini e alle bambine della Comunità tunisina, ma è comunque aperto a tutti coloro che desiderino conoscere la lingua araba.[...]
    La Bassa modenese come la Gran Bretagna: anche Bomporto ha i suoi crop circles
    La Bassa modenese come la Gran Bretagna: anche Bomporto ha i suoi crop circles
    Strane forme geometriche sono state immortalate qualche giorno fa da un bomportese e le fotografie degli strani cerchi nei campi della Bassa sono state poi postate sui social.[...]
    Camposanto, calendario "a quattro zampe": si può partecipare con i propri cani e gatti
    Camposanto, calendario "a quattro zampe": si può partecipare con i propri cani e gatti
    L'appuntamento è per domenica 14 novembre, al parco "Daolio", oppure su appuntamento in studio[...]
    Mortizzuolo, alla scuola dell'infanzia "Budri" San Martino arriva a cavallo
    Mortizzuolo, alla scuola dell'infanzia "Budri" San Martino arriva a cavallo
    Proprio come nella celebre leggenda, San Martino è giunto a cavallo per incontrare i bambini della scuola[...]
    Da Bomporto a Modena, ecco le tre sorelle (due gemelle) insegnanti nella stessa scuola
    Da Bomporto a Modena, ecco le tre sorelle (due gemelle) insegnanti nella stessa scuola
    Fanno stampare il proprio nome sulla maglietta per farsi riconoscere[...]
    La Lamborghini mette i baffi per sensibilizzare sulle malattie maschili
    La Lamborghini mette i baffi per sensibilizzare sulle malattie maschili
    In occasione delle Bull Run in moltissime città vogliamo sensibilizzare l'opinione pubblica per la prevenzione e la ricerca scientifica raccogliendo fondi da destinare a questa organizzazione.[...]